Privacy, che ci insegna la Storia sulle differenze tra Usa ed Europa

Un excursus storico sul tema della privacy con un confronto tra gli Usa, dove il concetto originario di privacy è stato ideato nel 1890, e l’Ue dove la spinta a proteggere la riservatezza prende avvio nella seconda metà del secolo scorso

Pubblicato il 25 Mag 2017

privacy_629187329

Abbiamo vissuto gli ultimi decenni con la convinzione che l’Europa sia più rispettosa degli Stati Uniti d’America sulla privacy dei propri cittadini. Alcune vicende ci hanno portato a crederlo ed è difficile poterlo smentire. NSA, da un lato, ha accesso a tutte le comunicazioni elettroniche e aziende come Facebook, Google, Microsoft ed Apple, dall’altro, raccolgono ed elaborano una moltitudine di informazioni sulla quasi totalità della popolazione esistente al mondo.

Eppure, il concetto originario di privacy è stato ideato proprio negli USA nel 1890, esattamente quando due giuristi, Samuel Warren e Louis Brandeis, pubblicarono un approfondimento scientifico sulla Harvard Law Review intitolato “Right to Privacy”. In quell’articolo, per la prima volta, venne analizzato il bilanciamento tra il diritto all’informazione, cioè il diritto di informare ed essere informati, ed il diritto alla privacy, da intendersi come diritto individuale alla “riservatezza”. Warren e Brandeis furono i primi a chiedersi quale fosse il limite del primo (diritto all’informazione) a discapito dell’altro (diritto alla riservatezza), al fine di evitare che le informazioni afferenti ad un individuo potessero essere oggetto di diffusione inopportuna attraverso la stampa. I due giuristi americani utilizzarono quindi per la prima volta il termine privacy, e non “data protection” (protezione dei dati), perché, appunto, non si interrogarono sul “come” le informazioni degli individui dovessero essere utilizzate e protette ma solo sul “se”.

Il tema dell’informazione e della diffusione di notizie relative a persone individuate non era affatto nuovo al tempo di Warren e Brandeis, nemmeno in Europa. Così come non lo era quello della manifestazione del pensiero e del diritto di cronaca, quindi della trasmissione e conservazione del pensiero. La Dichiarazione dei diritti contenuta nella Costituzione federale degli Stati Uniti d’America del 1787 stabiliva infatti che il Congresso non potesse limitare la libertà di parola e di stampa. Parimenti in Francia e nel Regno Unito, dove la libertà di pensiero risale al Bill of Rights del 1689.

Ma allora perché nel 1890 ci si pose il problema del rapporto tra diritto all’informazione e tutela della sfera privata intesa come privacy e riservatezza? Perché in quegli anni, per la prima volta nella storia, l’innovazione tecnologica aveva aperto un varco enorme alla comunicazione. Nel 1875 Robert Barclay inventò la stampa in offset, utilizzata poi da quasi tutti i quotidiani negli anni a seguire; nel 1837 la tecnica fotografica di Louis Daguerre raggiunse piena maturità e consentì la possibilità di creare la prima vera foto della storia (“Natura morta”) e, parallelamente, esplose il mercato della diffusione delle informazioni su larga scala attraverso le testate giornalistiche ed i quotidiani nel 1851 fu fondato uno tra i più diffusi ed autorevoli ancor oggi, il “The New York Times”.

Le riflessioni e preoccupazioni di Warren e Brandeis non potevano essere più lungimiranti e fondate di come furono espresse nel citato “Right to Privacy”. Infatti, con l’avvento degli elaboratori elettronici si determinò una vera trasformazione degli effetti derivanti dalla raccolta delle informazioni. Negli anni Settanta del Novecento, quando iniziarono a costituirsi le prime grandi banche dati elettroniche, iniziò a sentirsi l’esigenza di norme che tutelassero la privacy e riservatezza dell’individuo ma in modo specifico nell’ambito della raccolta, elaborazione e diffusione elettronica dei dati personali, quindi al diritto alla privacy e riservatezza si aggiunse il diritto al trattamento dei dati personali. La tutela della privacy non poteva, e non può, infatti, consistere nel mero divieto della raccolta ed elaborazione dei dati personali senza consenso dell’interessato. Stefano Rodotà ci insegna che ciò sarebbe da considerare eccessivo e insufficiente. Eccessivo perché disconoscerebbe fenomeni irreversibili delle tecnologie dell’informazione e insufficiente perché vietare la raccolta di dati personali, se non con il consenso dell’interessato, significa considerare lecita la raccolta per qualsiasi tipo di informazione sui soggetti più deboli.

L’evoluzione tecnologica della stampa consentì quindi alla fine dell’Ottocento forme di diffusione prima sconosciute, di informazioni relative a persone senza il loro consenso. Fu la tecnologia (a quel tempo della stampa e della fotografia) che diede origine allo scritto di Warren e Brandeis perché si accorsero del rischio che migliaia e migliaia di copie di una notizia relativa ad un cittadino potevano essere agevolmente diffuse ledendo i suoi diritti.

Quanto detto sinora è fondamentale per comprendere il viaggio che occorre compiere per avvicinarsi con piena cognizione alla tematica della privacy. Occorre comprendere la stretta ed inscindibile connessione che la privacy ha con l’evoluzione tecnologica. Il diritto alla privacy e riservatezza è da sempre stato influenzato dalle tecnologie, dal sistema sociale e dall’epoca storica in cui ha preso forma ed ha iniziato a produrre effetti giuridici.

In questo excursus storico sulla privacy occorre precisare che, nonostante la profetica visione di Warren e Brandeis, questi non si posero il problema di collocarla e identificarla come diritto fondamentale in un apposito testo di legge. Al contrario, ciò è avvenuto in Europa qualche anno dopo. La Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) del 1950 prevedeva il diritto alla riservatezza per sé e per la propria famiglia come diritto fondamentale dell’uomo. Così come anche la Convenzione di Strasburgo del 1981, adottata in ambito CEDU, ricostruiva il diritto alla riservatezza ed il diritto alla protezione dei dati personali come un unico diritto fondamentale (la riservatezza) e condizione essenziale di libertà (la protezione dei dati personali). Queste scelte di fondo dell’UE sono state poi ribadite e rafforzate prima con la Direttiva 95/46/EC e poi con la Carta europea dei diritti fondamentali (Carta di Nizza).

In Europa la spinta a considerare riservatezza e protezione dei dati personali come diritti fondamentali specificamente espressi e costituzionalmente previsti è venuta man mano crescendo fin dalla seconda metà del secolo scorso, mentre nulla di tutto questo è avvenuto, né prima né dopo, nel mondo americano, nonostante il contributo fondamentale di Warren e Brandeis.

Veniamo ora ai giorni nostri.

La Direttiva 95/46/EC è senza dubbio la madre della privacy e della protezione dei dati in Europa (definita convenzionalmente anche “Direttiva Madre”) anche se, in realtà, Francia e Spagna erano già dotate di una legge sulla privacy. Si proponeva di armonizzare l’effettiva protezione dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone fisiche ma tale obiettivo non è mai stato realizzato. Si prenda ad esempio l’attività di un’azienda che opera contemporaneamente nei mercati e negli ordinamenti giuridici di USA da un lato ed Europa dall’altro, compresi tutti quelli di ogni singolo Stato membro dell’UE in cui un’azienda opera.

Nella pratica, negli ultimi venti anni le aziende hanno dovuto considerare tutte le differenze sulle norme da applicare, anche le più piccole ma significative, delle ventotto differenti leggi di ogni Stato membro dell’UE, con costi e oneri amministrativi che, di fatto, hanno disincentivato all’espansione delle attività imprenditoriali (immagine qui di seguito riassuntiva delle leggi in UE).

Questa evidente frammentazione di norme (oltre che l’evoluzione tecnologica intervenuta dal 1995 in avanti) ha portato la Commissione UE a proporre nel 2012 la sostituzione della Direttiva Madre con il Regolamento n. 679/2016 (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati – RGPD). Nella relazione accompagnatoria al testo proposto la Commissione scrisse chiaramente: “Aspre critiche ha suscitato l’attuale frammentazione della protezione dei dati personali nell’Unione, in particolare degli operatori economici che hanno chiesto una maggiore certezza giuridica e l’armonizzazione delle norme sulla protezione dei dati personali, sostenendo che la complessità delle norme sui trasferimenti internazionali dei dati personali sia un notevole ostacolo alle proprie attività che spesso presuppongono il trasferimento di dati personali dall’UE verso altre parti del mondo.”

La versione definitiva del Regolamento pubblicata poi in GUCE il 4 maggio del 2016 sembra tuttavia aver perso tale importante considerazione della Commissione e, anzi, a seguito della discussione tra Parlamento e Consiglio dell’UE sono comparse diverse disposizioni di ratio sostanzialmente opposta che hanno attribuito agli Stati membri la possibilità di legiferare in autonomia al fine di “precisare” le norme contenute nel RGPD (ciò si rinviene in particolare nel considerando n. 10 e negli artt. 9 e 23 del RGPD).

Questi spazi di intervento normativo lasciati agli Stati membri dal RGPD pone e porrà problemi non solo di coerenza con la visione iniziale dell’UE (di eliminare la disomogeneità normativa in materia) ma anche il rischio di contrasti tra il RGPD e le leggi nazionali scritte con non sufficiente attenzione.

PROSEGUE: LEGGI I DOSSIER ORA SUL TAVOLO PER IL FUTURO DELLA PRIVACY

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati