prodotti hardware e software

Cyber Resilience Act, nuove regole di sicurezza in vista: cosa cambierà per produttori e utenti

La proposta di Regolamento europeo sugli obblighi di cybersicurezza orizzontali per prodotti con elementi digitali, Cyber Resilience Act, introduce regole comuni per i produttori e gli sviluppatori di prodotti con elementi digitali. Come si inserisce nell’attuale quadro normativo, a quali prodotti si applica, gli effetti

20 Ott 2022
Gianluigi Marino

Partner, Head of Data Protection practice, Osborne Clarke

cyber resiliencew

I prodotti hardware e software sono sempre più soggetti ad attacchi informatici di successo, con un costo annuo stimato di 5,5 trilioni di euro entro il 2021. Partendo da questo dato di fatto il legislatore europeo ha deciso di intervenire.

Lo scorso 15 settembre 2022 è stata pubblicata la proposta di Regolamento europeo sugli obblighi di cybersicurezza orizzontali per prodotti con elementi digitali, meglio nota come Cyber Resilience Act.

EU Cyber Resilience Act

Perché un Cyber Resilience Act

Si tratta di una proposta che introduce regole comuni di cybersecurity per i produttori e gli sviluppatori di prodotti con elementi digitali, sia hardware che software. Garantirà che i prodotti (wireless o meno) connessi a Internet e i software immessi sul mercato dell’UE siano più sicuri e che i produttori rimangano responsabili della sicurezza informatica per tutto il ciclo di vita del prodotto. Inoltre, consentirà ai clienti di questi prodotti di essere adeguatamente informati sulla sicurezza informatica dei prodotti che acquistano e utilizzano.

WHITEPAPER
IoT Platform: trasforma le promesse del 4.0 in realtà
IoT
Integrazione applicativa

I rischi che la nuova proposta intende affrontare sono essenzialmente due:

  • il basso livello di sicurezza informatica di molti di questi prodotti con elementi digitali e, soprattutto, il fatto che molti produttori non forniscono aggiornamenti per risolvere le vulnerabilità
  • l’asimmetria informativa tra imprese e consumatori i quali spesso non dispongono di informazioni sufficienti e accurate quando si tratta di scegliere prodotti sicuri e spesso non sanno come assicurarsi che i prodotti che acquistano siano configurati in modo sicuro.

La proposta di Cyber Resilience Act prevede che i prodotti con elementi digitali debbano essere resi disponibili sul mercato solo ove soddisfino specifici requisiti essenziali di sicurezza informatica. Ai produttori verrà imposto di tenere conto della cybersicurezza nella progettazione e nello sviluppo dei prodotti con elementi digitali.

Per quanto riguarda le informazioni e le istruzioni fornite all’utente finale, la proposta di Cyber Resilience Act richiede ai produttori di essere trasparenti sugli aspetti di cybersecurity che devono essere resi noti ai clienti. Un elemento chiave della proposta è la copertura dell’intero ciclo di vita dei prodotti e, in particolare, la previsione dell’obbligo per i produttori e gli sviluppatori di fornire informazioni sulla fine del ciclo di vita dei prodotti e sul supporto di sicurezza fornito, nonché l’obbligo di fornire aggiornamenti di sicurezza e supporto per un periodo di tempo ragionevole.

Tali obblighi verrebbero stabiliti per gli operatori economici, a partire dai produttori, fino ai distributori e agli importatori, in relazione all’immissione sul mercato di prodotti con elementi digitali, in quanto adeguati al loro ruolo e alle loro responsabilità nella catena di fornitura. I produttori dovranno sottoporsi a un processo di valutazione della conformità per dimostrare se i requisiti specificati relativi a un prodotto sono stati soddisfatti. Ciò potrebbe avvenire attraverso un’autovalutazione o una valutazione di conformità da parte di terzi, a seconda della criticità del prodotto in questione. Una volta dimostrata la conformità del prodotto ai requisiti applicabili, i produttori e gli sviluppatori saranno chiamati a redigere una dichiarazione di conformità UE e potranno apporre la marcatura CE. Il marchio CE indicherà la conformità dei prodotti con elementi digitali al Cyber Resilience Act, in modo che possano circolare liberamente nel mercato interno.

Che effetti si intende ottenere con il Cyber Resilience Act

Nelle intenzioni del legislatore europeo, i benefici di questa normativa saranno in capo alle imprese poiché dovranno conformarsi a un unico insieme di norme di sicurezza informativa in tutta l’Unione Europea. Inoltre, tra gli effetti positivi sperati c’è la riduzione del numero di incidenti di cybersecurity e, di conseguenza, dei costi di gestione degli incidenti e dei danni alla reputazione delle aziende. Ci si attende anche un aumento della fiducia dei consumatori e dei clienti commerciali e, quindi, della domanda di prodotti con elementi digitali, sia all’interno che all’esterno dell’UE.

Inoltre, i consumatori e gli utenti potranno usufruire di maggiori informazioni quando scelgono un prodotto con elementi digitali e di istruzioni più chiare sul suo utilizzo. Grazie alla riduzione dei rischi e degli incidenti di sicurezza, i consumatori e i cittadini beneficeranno di una migliore protezione dei diritti fondamentali, come la protezione dei dati e della privacy.

Infine, e non è la prima volta che accade, il legislatore europeo spera che questa normativa sulla resilienza informatica abbia anche il potenziale per diventare un punto di riferimento internazionale, al di là del mercato interno dell’UE.

Quali rimedi e sanzioni prevede il Cyber Resilience Act

Secondo la proposta pubblicata il 15 settembre scorso, gli Stati membri dovranno nominare autorità di sorveglianza del mercato, che saranno responsabili dell’applicazione degli obblighi previsti dalla normativa in questione.

In caso di non conformità, le autorità di vigilanza del mercato potranno richiedere agli operatori di porre fine alla non conformità ed eliminare il rischio, di vietare o limitare la messa a disposizione di un prodotto sul mercato o di ordinare il ritiro o il richiamo del prodotto. Ciascuna di queste autorità potrà multare le aziende che non rispettano le regole. La proposta di Cyber Resilience Act stabilisce i livelli massimi delle sanzioni amministrative che dovrebbero essere previste dalle leggi nazionali in caso di non conformità (15 milioni di Euro o 2,5% del fatturato annuo dell’anno precedente, se maggiore).

Come si inserisce la proposta di Cyber Resilience Act nell’attuale quadro normativo

Da un punto di vista sistematico, scopo della proposta di regolamento in questione è creare una maggiore certezza giuridica per gli operatori e gli utenti in tutta l’Unione, nonché una migliore armonizzazione del mercato unico europeo, creando condizioni più vantaggiose per gli operatori che intendono entrare nel mercato dell’UE.

In particolare, la legge sulla resilienza informatica integrerà la direttiva NIS 2, recentemente approvata dal Parlamento europeo e dal Consiglio. La direttiva NIS2 prevede requisiti di sicurezza informatica, comprese misure di sicurezza della catena di approvvigionamento, e obblighi di segnalazione degli incidenti per gli enti essenziali e importanti, con l’obiettivo di aumentare la resilienza dei servizi che forniscono. Pertanto, il miglioramento del livello di cybersecurity dei prodotti con elementi digitali potrebbe facilitare la conformità da parte dei soggetti che rientrano nell’ambito di applicazione della Direttiva NIS2 e rafforzare la sicurezza dell’intera catena di fornitura.

A quali prodotti si applicherà il Cyber Resilience Act

Dal punto di vista oggettivo, il regolamento sulla resilienza informatica si applica ai prodotti con elementi digitali definiti come i prodotti software e hardware e le loro soluzioni di trattamento dati in remoto. In particolare, si applicherà alle apparecchiature radio che rientrano nell’ambito di applicazione del Regolamento delegato adottato ai sensi della direttiva sulle apparecchiature radio 2014/53/UE (Regolamento delegato RED). La proposta di Cyber Resilience Act è allineata ai requisiti del Regolamento delegato RED, compresi gli standard specifici richiesti da quest’ultimo. La nuova normativa andrebbe quindi a sostituire e abrogare il Regolamento delegato RED.

Il software fornito come parte di un servizio (as a service e non come prodotto) non rientra nella proposta di regolamento sulla resilienza informatica, in quanto questa riguarda solo i prodotti con elementi digitali venduti all’interno del mercato unico europeo e stabilisce requisiti e obblighi concreti di sicurezza informatica per i produttori di tali prodotti. Tuttavia, direttive come la NIS 2 e altre normative settoriali garantiscono che i sistemi forniti come servizio o sviluppati internamente, come potrebbe essere il caso, ad esempio, dei sistemi di cartelle cliniche elettroniche, soddisfino requisiti tecnici equivalenti per la cybersicurezza e forniscano lo stesso livello di protezione contro le minacce informatiche dei prodotti con elementi digitali coperti dal Cyber Resilience Act. Ai sensi della direttiva NIS 2, gli Stati membri sono tenuti a garantire che soggetti essenziali e importanti, come i fornitori di servizi sanitari o di cloud e gli enti della pubblica amministrazione, adottino misure di sicurezza informatica tecniche, operative e organizzative adeguate e proporzionate. Ciò include, tra l’altro, l’obbligo di garantire la sicurezza nell’acquisizione, nello sviluppo e nella manutenzione di reti e sistemi informativi, compresa la gestione e la divulgazione delle vulnerabilità. Inoltre, i requisiti tecnici e metodologici per alcuni tipi di soggetti, come i fornitori di servizi di cloud computing, nonché i requisiti settoriali, se necessario, saranno definiti attraverso decisioni di attuazione.

Quali sono i prossimi passi

Spetta ora al Parlamento europeo e al Consiglio esaminare la proposta di legge sulla resilienza informatica. Una volta che la proposta sarà adottata ed entrerà in vigore, gli operatori economici e gli Stati membri avranno due anni di tempo per adeguarsi ai nuovi obblighi. Un’eccezione a questa regola è rappresentata dall’obbligo di segnalazione da parte dei produttori di alcune vulnerabilità e incidenti (actively exploited), che si applicherà un anno dopo l’entrata in vigore del Regolamento, poiché richiede meno adeguamenti organizzativi rispetto agli altri nuovi obblighi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4