vademecum

Cyber resilience, come si fa: gli step per concretizzare la strategia in azienda

È fondamentale per le imprese strutturare un framework di cyber resilience, considerando il contesto globale di aumento degli attacchi cyber che possono avere impatti negativi sui sistemi aziendali e quelli loro associati: ecco come implementare in modo efficace un piano nella propria organizzazione

Pubblicato il 22 Mar 2023

Federica Maria Rita Livelli

Business Continuity & Risk Management Consultant, BCI Cyber Resilience Committee Member, CLUSIT Scientific Committee Member, FERMA Digital Committee, ENIA Scientific Committee Member

Cybersecurity,In,Digital,Tomorrow.,Computer,Of,Future,,Circuit,Board,And

Il contesto sempre più digitalizzato e caratterizzato da un continuo aumento di attacchi cyber implica necessariamente la capacità da parte delle organizzazioni di strutturare un framework di cyber resilience efficace ed efficiente, quale calibrata sintesi di business continuity, risk management e cyber security. Gli eventi informatici avversi sono quelli che influiscono negativamente sulla disponibilità, l’integrità o la riservatezza dei sistemi IT collegati in rete e delle informazioni e dei servizi associati. Si tratta di eventi di natura intenzionali (ad esempio, attacchi informatici) o non intenzionali (ad esempio, aggiornamento software non riuscito) oppure eventi causati da esseri umani, da eventi atmosferici estremi o da una loro combinazione.

Security operations center, quale SOC scegliere in azienda: ibrido, tiered o interno, come orientarsi

L’obiettivo della cyber resilience è garantire la capacità dell’organizzazione di conseguire i propri obiettivi – anche a fronte del verificarsi di una crisi o di una violazione della sicurezza – ed essere in grado di riprendersi, di ripristinare processi, servizi o attività dopo tali eventi. Si tratta, altresì, di aggiornare o modificare continuamente le proprie strategie di risk management, di business continuity e di cybersecurity a fronte dell’evoluzione della tecnologia e dello scenario dei rischi e delle minacce, in modo tale da garantire non solo la cyber resilience ma anche la organizational ed operational resilience.

In un mondo perfezionista e sempre più digitalizzato, i sistemi di un’organizzazione dovrebbero funzionare 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, 365 giorni all’anno. Purtroppo, dobbiamo prendere atto che, oggigiorno, il continuo aumento degli eventi informatici avversi (intenzionali o non intenzionali) può mettere a dura prova la resilienza degli asset hardware e software dell’organizzazione. Pertanto, diventa fondamentale strutturarsi anticipatamente.

Cyber resilience e cyber security, le differenze

La cyber resilience di un’organizzazione implica essere in grado di combattere le avversità e continuare a operare in modo tale da garantire il conseguimento degli obiettivi dell’organizzazione. Ma, prima di tutto, è importante che l’organizzazione abbia ben chiara la distinzione tra cyber security e cyber resilience. Ovvero:

  • La cyber security si concentra sulla protezione di un’organizzazione dagli attacchi informatici tramite firewall, VPN, software anti-malware e pratiche di igiene digitale quali l’applicazione di patch a software e firmware. Tutte pratiche queste, che rischiano di non poter essere avviate o non conseguire risultati se a monte si è trascurato di formare i dipendenti in termini di comportamento sicuro. Ma siamo ancora alla fase della difesa preziosa, che non rende mai invulnerabili.
  • La cyber resilience si concentra, invece, su ciò che accade quando le misure di cyber security falliscono, nonché quando i sistemi vengono interrotti a causa di errori umani, di interruzioni di corrente e di condizioni meteorologiche estreme e così via.

Come ridurre il profilo di rischio

È doveroso ricordare che la cyber resilience implica, da parte dell’organizzazione, la conoscenza del proprio contesto in termini di asset hardware e software, delle operazioni che dipendono dalla tecnologia e le loro varie interrelazioni e correlazioni, dei dati critici e dove essi sono archiviati in modo tale da comprenderne gli impatti e, di conseguenza, attuare tutte le misure necessarie per ridurli al minimo. Si tratta, insomma, di anticipare i rischi e le minacce e definire le necessarie strategie per essere in grado di resistere a crisi e ad incidenti che da essi scaturiscono, garantendo – anche ad un livello ridotto – la continuità di processi, di servizi e di attività considerati critici, dal momento che la loro indisponibilità prolungata potrebbe impedire il raggiungimento degli obiettivi e compromettere irreversibilmente l’organizzazione.

Attraverso una strategia strutturata di cyber resilience, l’organizzazione è in grado di ridurre sia la probabilità di successo di un attacco sia l’entità del danno qualora un attacco cyber avesse successo. Ovvero, la cyber resilience contribuisce a ridurre il profilo di rischio a lungo termine delle organizzazioni in modo tale da affrontare con successo le sfide sia contingenti sia quelle future che scaturiranno da un incremento inarrestabile dell’impiego delle tecnologie di Intelligenza artificiale, di Internet of Things (IoT) e di calcolo quantistico.

Cyber resilience, come attuare una strategia in azienda

La cyber resilience è un processo in continuo divenire e sine die all’interno del quale la business continuity e la cyber security devono integrarsi in modo da preparare/identificare, proteggere, rilevare, rispondere e ripristinare. Collettivamente, questi concetti e i piani d’azione risultanti contribuiscono a sviluppare una strategia per rispondere efficacemente a eventi imprevisti e riportare l’organizzazione a riprendere la propria operatività il più rapidamente possibile.

Pertanto, ogni organizzazione deve essere in grado di:

  • Garantire una gestione proattiva dei rischi – È sempre una questione di conoscenza del contesto interno ed esterno dell’organizzazione in termini di rischi e di minacce cyber in modo tale da identificare le misure di mitigazione degli stessi e progettare efficaci ed efficienti strategie. Si tratta di effettuare un censimento degli asset hardware e software, degli accessi, degli end-point e dei dati in modo tale da identificarne vulnerabilità e punti di cedimento ed il loro impatto sull’organizzazione.
  • Disporre di sistemi efficaci ed efficienti di rilevamento – Secondo le ultime statistiche di settore, ci vogliono mediamente 277 giorni prima di rilevare una violazione dei dati. Ne consegue che risulta quanto mai urgente e fondamentale un monitoraggio continuo da parte dell’organizzazione, mediante la dotazione di sistemi di rilevamento efficaci ed efficienti in grado di rilevare qualsiasi anomalia in termini di cyber security.
  • Disporre di piani di Risposta e Recovery – Quando si rileva una violazione o un attacco, l’organizzazione deve prontamente attivare un sistema di risposta. Pertanto, come si è soliti dire, bisogna prepararsi in tempo di pace per agire in tempo di guerra. Ovvero, l’organizzazione dovrebbe – ove possibile – dotarsi di Sistemi automatizzati di Risposta e Recovery oltre a definire un Piano di Risposta e Disaster Recovery, Crisis Management e Crisis Communication, identificando ruoli e responsabilità, oltre a redigere le varie procedure di attivazione dei piani stessi.
  • Implementare procedure di autovalutazione e miglioramento – Si tratta di sottoporre a valutazioni periodiche i vari piani ed aggiornare e/o modificare la strategia di cyber resilience a fronte delle variazioni del contesto interno ed interno, dell’evoluzione della tecnologia e della tipologia degli attacchi cyber, dei risultati di test e di esercitazioni, oltre a fare tesoro delle lesson learned.

Insomma, quanto sopra descritto presuppone la progettazione di un framework di cyber resilience strutturato che risulti efficace ed efficiente. È doveroso sottolineare l’importanza del coinvolgimento e del supporto del Top Management in termini sia di risorse economiche (per investire sempre più nei necessari sistemi di automazione di rilevamento e di risposta) e sia di personale con competenze tecniche di cybersecurity.

L’importanza della formazione

Molte aziende commettono l’errore di lasciare la cyber resilience esclusivamente nelle mani del team di cyber security o IT, dimenticando che la sicurezza è responsabilità di tutti. Di fatto, l’intera organizzazione dovrà incorporare la cultura della cyber security ed essere in grado di identificare e rilevare malware, minacce di phishing e comprendere quando ci si trova di fronte ad una violazione di dati. Il processo accelerato di digitalizzazione ed innovazione, a cui sono sottoposte le organizzazioni, presuppone necessari cambi di paradigmi atti a promuovere flessibilità, agilità, sinergie e dialettiche costruttive tra i vari team attraverso una comunicazione aperta. Inoltre, le organizzazioni devono predisporre programmi di formazione, esercitazioni e test, percorsi di carriere per i professionisti della cybersecurity in un’ottica di strategia di apprendimento continuo e di valorizzazione dei talenti.

Solo in questo modo l’organizzazione potrà incorporare la cultura incentrata sulla sicurezza che funge da solida base al framework di cyber resilience. Di fatto, si tratta di concepire la cyber resilience come la calibrata sintesi di persone, di processi e di tecnologia – i.e. le cosiddette organizzazioni bioniche – che si basano altresì su una strutturata governance e conformità normativa.

Conclusione

Siamo di fronte alle cosiddette organizzazioni bioniche – fatte di tecnologia e persone – in cui risulta fondamentale garantire la centralità ed il coinvolgimento del personale. L’organizzazione, anche se può attingere alla potenza dei dati e sfruttare la tecnologia più recente, deve essere in grado di stabilire una dialettica ed una sinergia costruttiva tra i vari team e le differenti funzioni. Un contesto sempre più caratterizzato da un approccio olistico in cui il top management agisce con il cuore e con la mente e, come un buon magister – nell’accezione dell’origine latina del termine, i.e. colui che indica la via – avvia l’implementazione di una cultura forte, agile, flessibile, promuovendo l’apprendimento tra pari, la discussione aperta e la formazione continua. Si tratta, di fatto, di strutturare un framework efficace ed efficiente per anticipare la cosiddetta imprevedibile certezza dei rischi cyber.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2