privacy

Dati in cambio di soldi? Consenso al trattamento e scenari futuri

Può un diritto fondamentale quale quello alla protezione dei dati personali, essere barattato in cambio di soldi? Due orientamenti che si stanno delineando. Vediamo quali sono e le implicazioni

Pubblicato il 12 Feb 2020

Mauro Alovisio

avvocato e presidente centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea Torino (Csig Ivrea Torino)

Paolo Cucchi

socio Csig Ivrea Torino

dati data digital

Ad agosto scorso il Garante per la Privacy ha richiesto un parere all’EDPB riguardo a WePeople, un’app che permette all’interessato di creare una propria banca dati personali e guadagnare dalla condivisione delle proprie informazioni con altri titolari del trattamento. Al di là dei profili giuridici della delega dell’interessato a una società terza per ottenere e gestire i dati personali, il tema fondamentale che si pone è quello della “commerciabilità” dei dati personali.

La commerciabilità dei dati personali

L’app italiana non è la prima a proporre questo tipo di servizio: tra le altre, si possono citare People.io, Citizen.me, Digi.me e Wibson. Il tema non riguarda solo queste piattaforme ma anche la realtà quotidiana dell’online advertising: quante volte ci viene richiesto, prima di accedere a un sito di notizie, di disabilitare il nostro ad blocker o in alternativa di pagare un abbonamento e usufruire degli articoli senza pubblicità? Non “offriamo” i nostri dati solo in cambio di servizi: è anche già successo che grandi aziende quali Facebook e Amazon, offrissero una somma di denaro in cambio dell’installazione di un’app o un plugin che raccogliesse i dati della nostra navigazione.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity

Quelli sopra riportati sono solo alcuni esempi concreti rispetto al tema della commerciabilità dei dati personali, che è stato giustamente segnalato dall’Autorità di controllo italiana al Comitato Europeo, in modo che venga tracciata una linea comune europea rispetto alla questione.

Il punto è stato trattato dal Presidente dell’Autorità Garante nel discorso sulla relazione dell’attività svolta nel 2018, in cui ha evidenziato “l’ambiguità della proposta di attribuire un “dividendo dei dati” agli utenti della rete, per consentire loro di beneficiare almeno in parte della ricchezza prodotta, con i propri dati, dai big tech”. La questione non è solo circoscritta all’ambito della protezione dei dati e interessa anche le Autorità antitrust europee, nella prospettiva di analizzare e fronteggiare la posizione dominante di alcuni colossi tecnologici, il cui valore è rappresentato soprattutto dai dati che trattano. Da questo scenario emerge sia la tutela della persona in quanto consumatore che quella più generale dell’individuo, nei diritti inviolabili che gli sono riconosciuti.

Non bisogna dimenticare che in Europa, il diritto alla protezione dei dati è considerato un diritto fondamentale, riconosciuto dall’art. 8 della Carta dei diritti Fondamentali dell’UE (Carta di Nizza), dall’art. 16 del TFUE ed è parte del diritto al rispetto della vita privata e familiare in base all’art. 8 della CEDU.

Può quindi un diritto fondamentale essere barattato in cambio di soldi? L’evoluzione tecnologica e il mondo digitale nel quale viviamo, hanno cambiato la risposta a questa domanda, che fino a 5 anni fa sarebbe stata senza dubbio negativa?

La Direttiva dei contratti di fornitura digitale

Nel 2015 la Commissione Europea aveva emanato un Proposal per una nuova “Direttiva relativa a determinati aspetti dei contratti di fornitura di contenuto digitale e di servizi digitali”. Rispetto a questa normativa, l’EDPS aveva espresso preoccupazione in merito alla terminologia usata e al concetto che i dati potessero essere usati come contro prestazione, al pari dei soldi (“data as a counter-performance”). Il fulcro delle argomentazioni dell’Autorità di Bruxelles era il seguente: i dati personali, essendo considerati nel nostro ordinamento come diritti fondamentali, non possono essere trattati come una merce e quindi commercializzati come una valuta. Rispetto all’argomentazione secondo cui nella realtà in cui viviamo i dati personali sono già scambiati come controvalore, affermava che:

“Può ben esistere un mercato dei dati personali, così come, tragicamente esiste un mercato degli organi umani, ma questo non significa che possiamo o dovremmo dare a quel mercato una benedizione attraverso la legislazione. Non si può monetizzare e sottoporre un diritto fondamentale ad una semplice transazione commerciale, anche se è la persona interessata dai dati che è parte della transazione.” (Traduzione non ufficiale del testo).

Il tema continua ad essere molto attuale e ad interessare vari stakeholder, pubblici e privati.

Gli scenari futuri

Rispetto agli scenari futuri e all’utilizzo dei dati come moneta, è stato pubblicato recentemente su Privacy International – ONG che da anni si occupa di diritti digitali – un articolo che illustra i vari scenari futuri.

Senza soffermarsi nei dettagli sulle varie situazioni, l’autrice identifica 3 scenari principali:

  1. La proprietà del proprio dato personale: ogni individuo è proprietario dei suoi dati personali ed è libero di cederli in cambio di denaro, nella maniera che ritiene più opportuna, mettendoli all’asta o stipulando un abbonamento;
  2. L’attività di “produzione” di dati personali diventa un lavoro: l’individuo interagisce con la piattaforma, produce dati e viene retribuito per l’attività svolta (i dati vengono in questo caso considerati come un risultato della propria mansione). Questo scenario è in parte già attuale, basti pensare alle centinaia di persone che lavorano in progetti di “addestramento” dell’Intelligenza Artificiale;
  3. I dati sono gestiti da fondi pubblici e possono concedere l’accesso a società private in cambio di soldi. Ovviamente la pubblica amministrazione potrà decidere autonomamente le regole e quali dati concedere a soggetti terzi.

Il Parere dell’EDPB

Da ultimo, l’Edpb si è recentemente pronunciato in via incidentale sulla questione nelle Linee Guida 2/2019 sul trattamento dei dati personali sulla base dell’art. 6.1 lettera b) del GDPR, nel contesto della fornitura di servizi online agli interessati. Nel paragrafo relativo ai trattamenti effettuati per fini di pubblicità online comportamentale, ha precisato che:

“…considerando che uno degli scopi principali del GDPR è di fornire agli interessati il controllo delle loro informazioni, i dati personali non possono essere considerati come una merce di scambio. Gli interessati possono prestare il loro consenso al trattamento dei dati personali, ma non possono commerciare i loro diritti fondamentali.” (Traduzione non ufficiale del testo)

Proprio il consenso è la base di liceità più utilizzata nella realtà quotidiana online. L’esempio che solitamente viene proposto è il seguente: società X fornisce un servizio – spesso utile all’interessato – e quest’ultimo concede il consenso al trattamento dei suoi dati personali per finalità ulteriori, spesso non connesse al servizio offerto. Il quadro giuridico permette all’interessato di fornire il consenso, che sarà utilizzato come base per il trattamento ulteriore della società X.

Tale consenso è però spesso condizione obbligatoria per usufruire del servizio della società X: senza consenso, non viene fornito il servizio. Sotto questo profilo, emerge la commerciabilità del dato personale e l’aspetto della controprestazione dell’interessato. Una controprestazione – e quindi un contratto – di cui l’interessato è parte, pone notevoli problematiche da un punto di vista giuridico:

  • l’interessato fornisce i dati personali come “moneta”, il che implicherebbe un concetto di proprietà del dato che si scontra con le disposizioni civilistiche in materia di proprietà;
  • l’interessato si impegna a compiere un’obbligazione di fare, cioè a concedere il consenso, così entrando in contrasto con il concetto stesso del consenso che deve essere sempre revocabile.

Il punto attuale, che prescinde dalla configurazione della controprestazione, riguarda i requisiti che contraddistinguono il consenso e la sua adozione concreta come base di liceità.

Il consenso libero

L’art. 4 del GDPR nel dettare la definizione di “consenso”, prevede che esso sia libero, specifico, informato e inequivocabile.

Occorre concentrarsi proprio sul primo dei presupposti del consenso e sull’interpretazione che viene data dalla dottrina maggioritaria che sotto questo aspetto, si scontra con la giurisprudenza italiana della Cassazione:

L’orientamento del Garante

Il Garante sulla Protezione dei dati, in linea con l’orientamento espresso a livello europeo, ha affermato che l’interessato per poter esprimere un consenso libero, deve essere in grado di scegliere se prestare il proprio consenso o meno, senza che questo diventi un presupposto necessario per la fruizione del servizio. In un recente provvedimento del 12 giugno 2019, ha infatti stabilito che:

la capacità di autodeterminazione degli interessati non è assicurata né quando viene richiesto un unico consenso per più diverse finalità di trattamento, né quando si assoggetta la fruizione di un servizio […] alla previa autorizzazione a trattare i dati conferiti, ai fini di tale servizio, per finalità diverse qual è quella di promozione e quella statistica.

Il provvedimento riguardava una società che aveva predisposto i propri moduli online per il consenso in modo non specifico (in una casella erano ricompresi le seguenti finalità: promozionali, di invio di newsletter, analisi statistiche, sondaggi d’opinione) e vincolato (era necessario obbligatoriamente fornire il consenso per fini promozionali anche per altri marchi appartenenti alla società per partecipare al programma di raccolta punti).

Come detto, l’Edpb (già Gruppo di Lavoro Articolo 29) già nelle sue Linee Guida sul consenso si era pronunciato a favore di questa visione, ovvero che “sussiste una presunzione forte secondo cui il consenso a un trattamento di dati personali non necessario non può essere considerato un corrispettivo obbligatorio dell’esecuzione di un contratto o della prestazione di un servizio.”

Riassumendo, la visione è la seguente: se i dati sono necessari per l’esecuzione del contratto (valutazione da farsi in senso restrittivo, solo per i dati effettivamente necessari), allora sarà valida la base di liceità dell’art. 6.1 lettera b; in caso contrario, potrà essere chiesto il consenso per il loro trattamento, che dovrà però essere liberamente selezionabile.

L’orientamento della Suprema Corte

Di senso opposto è l’orientamento della Suprema Corte espresso nella sentenza n. 17278/2018. La pronuncia in questione – anche se il caso di specie riguardava la previgente normativa – analizza l’istituto del consenso al trattamento tenendo in considerazione le disposizioni del GDPR. Il caso concreto riguardava la fornitura di un servizio di newsletter, che era subordinato al rilascio di un ulteriore consenso a una differente mailing list “promozionale”. Se l’interessato non forniva il consenso anche per la seconda mailing list, non poteva iscriversi alla prima newsletter (di carattere informativo).

La visione della Cassazione sul “consenso” si discosta da quella del Garante proprio rispetto al requisito – o meglio, all’interpretazione – che dà al concetto di “consenso libero”. Sul punto, gli Ermellini affermano che il condizionamento del consenso deve essere valutato rispetto alla prestazione offerta, a seconda che essa sia infungibile ed irrinunciabile o meno per l’interessato. Nel caso in cui – come quello oggetto della decisione – il servizio offerto sia fungibile e rinunciabile, la relativa fruizione può essere subordinata alla prestazione del consenso. Infatti ad essere vietato sarebbe solo l’invio di informazioni pubblicitarie a chi non ha manifestato effettivamente la volontà di riceverle. Come enucleato espressamente dalla sentenza, “l’ordinamento non vieta lo scambio di dati personali, ma esige tuttavia che tale scambio sia frutto di un consenso pieno ed in nessun modo coartato”.

Nel ragionamento della Corte, il requisito della “libertà” nel concedere il consenso o meno, sarebbe anticipato a un momento precedente, ovvero alla scelta del servizio. Trattandosi di un servizio fungibile e rinunciabile, l’interessato potrebbe scegliere liberamente di non fruirne e scegliere un’alternativa a pagamento. Se l’individuo è stato correttamente informato e il consenso è sufficientemente specifico, il consenso è da considerare come lecito.

Emerge la differenza tra i due orientamenti che si stanno delineando: da una parte la libertà alla fruizione del servizio a prescindere dal consenso (si può chiedere un pagamento ma non il consenso che diventa uno strumento per il dato come controprestazione), dall’altra la libertà della fruizione o meno del servizio, considerando il consenso come parte integrante e necessaria del servizio che liberamente si decide di scegliere.

La questione continua ad essere oggetto di un vivace dibattito: probabilmente il parere dell’Edpb in risposta al quesito formulato dal Garante, fornirà un ulteriore tassello a una delle due prospettive sopra illustrate.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3