il commento

GDPR, caos ingiustificato: un altro esempio di adozione “all’italiana”

Abbiamo avuto due anni ma lo tsunami c’è stato lo stesso, dopo l’entrata in vigore GDPR. Dai 173 “considerando”, fino al bombardamento di newsletter dei colossi del web (e non solo) che cercano di ottenere consensi più o meno informati. E un consiglio: per saperne di più c’è il sito del Garante

12 Giu 2018
Giulio Carducci

consulente per la protezione dei beni materiali e immateriali delle aziende

gdpr_736866838

Il Regolamento Europeo UE 2016/679, noto come GDPR, fu emanato circa due anni or sono e, come ampiamente noto, il 25 maggio 2018 è diventato pienamente vigente e obbligatorio. Dopo circa 20 mesi di totale silenzio, negli ultimi quattro si è scatenato una sorta di tsunami – anche sull’onda dei fatti Facebook – con decine di soggetti (tra i quali molti nati recentissimamente “ad hoc”) scatenati a proporre soluzioni spesso miracolistiche e automatizzate, software applicativi “faccio-tutto-io”, pseudo-certificazioni a valle di corsi tipo “chef stellati in 10 lezioni per corrispondenza” e così via.

GDPR, colossi del web in cerca di consenso

Se si considera poi che tutti siamo bombardati dalle email dei colossi del web che, sempre alla loro maniera, cercano di ottenere consensi più o meno informati per ricostituire in qualche modo verginità perdute, si capisce il disorientamento delle piccole e medie entità professionali e imprenditoriali (le grandi la sanno molto più lunga al riguardo…) circa cosa fare e, soprattutto, con chi fare.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Ecco, pertanto, alcune considerazioni, scritte nella massima libertà di pensiero e buonafede

I 173 “considerando” del GDPR

Il GDPR (acronimo inglese, ma mi riferisco alla traduzione italiana, reperibile ampiamente sulla rete) è costituito da 99 articoli, ma preceduti da ben 173 “considerando”! Diversamente da quanto accade nella tecnica legislativa italiana i “considerando” non sono meri riferimenti burocratici a testi precedenti o riferimenti formali di abolizione e/o integrazione di norme precedenti), ma vere e proprie considerazioni concettuali ed etiche che aiutano a capire il senso del disposto degli articoli veri e propri. Se ne raccomanda, quindi, la lettura e l’approfondimento.

Il principio di “accountability”

Il GDPR è redatto in stile di common-law anglosassone. Mentre noi nelle disposizioni del nostro legislatore (e soprattutto delle famigerate norme attuative) siamo abituati a misurare di quanto l’insegna di un bar può sporgere in centimetri dalla facciata di un palazzo, lo stile anglosassone, sulla base del principio di accountability (leggi responsabilizzazione, al di là di una equivocabile interpretazione a orecchio di prima istanza) tende a fornire prescrizioni di tipo concettuale, lasciando al destinatario (in questo caso il “Titolare del trattamento”) la responsabilità di sviluppare, in termini attuativi e professionalmente creativi, la prescrizione stessa.

Le misure minime di protezione dei dati

Un esempio tipico di quanto espresso al punto precedente è il caso delle misure di protezione per i dati. Il GDPR, nell’arco dei suoi 99 articoli, ne parla “solo” all’art. 25. Le misure minime sono sparite. Questo è stato interpretato come una “minor attenzione” da parte del legislatore circa l’argomento, al punto che pochissimi ne parlano. In realtà il legislatore ha ribaltato sul Titolare (e i suoi collaboratori e consulenti) l’onere della progettazione e attuazione di un sistema di protezione continuamente in aggiornamento per fronteggiare la continua escalation degli attacchi e dei rischi esistenti. Cancellando le misure minime, si abolisce un paravento assolutorio che nel giro di un paio di mesi risulterebbe superato e inadeguato e si affida alla capacità e senso di responsabilità del Titolare il continuo adeguamento dello scudo protettivo in funzione di una dinamica (nel tempo) analisi dei rischi.

Indipendenza nella scelta del DPO

Di conseguenza a quanto sopra non si comprende bene l’occupazione massiccia che il contesto degli avvocati (tra i quali peraltro conto numerosi amici che stimo e apprezzo) sta effettuando proponendosi come formatore di esperti e di DPO. Dobbiamo onestamente riconoscere che la lettura e interpretazione del GDPR assomiglia molto allo studio di un linguaggio di programmazione, di un manuale di logica formale, in cui entità e relazioni sono esplorabili sulla base di tecniche analitiche comunemente in possesso di analisti di sistema, di responsabili di progetto, di analisti di processo ed esperti analoghi. Insomma il GDPR è ampiamente accessibile a chiunque, per esperienza, professione e cultura sia in possesso di una adeguata capacità analitica, essendo pochissimi i riferimenti a concetti tipicamente e accademicamente “giuridici”. Di converso non è così semplice per un avvocato impadronirsi di concetti tecnologici di rete, di protocolli TCP/IP, di algoritmi crittografici, di funzionalità di vulnerability scanning. Quindi lasciamo le porte aperte, dimentichiamo l’italica propensione alla creazione di corporazioni e circoli chiusi e lasciamo che le aziende si scelgano i propri consulenti e DPO, come d’altra parte il GDPR propone, con spirito d’indipendenza e capacità di valutazione del proprio compagno di viaggio.

Il sito del Garante fonte primaria di informazioni

Un’ultima nota circa il bombardamento delle newsletter di cui siamo soggetti. Ne siamo colpevoli anche noi, ma le riserviamo ai nostri clienti che ce le hanno esplicitamente richieste. Con l’occasione ricordiamo che per rimanere aggiornati sulla evoluzione, in questi tempi particolarmente dinamica e attesa, di informazioni riguardanti l’applicazione del GDPR, la fonte principe resta il sito del Garante italiano. Collegarsi al medesimo una volta al giorno non so se tolga il medico di torno, ma sicuramente insegna molte cose e sfata molti miti.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati