Infrastrutture essenziali

La Russia minaccia i cavi sottomarini: una strategia europea a difesa di internet

Le reti in fibra ottica sottomarine sono infrastrutture essenziali la cui sicurezza, nell’attuale contesto geopolitico, è un compito cruciale degli Stati e richiede investimenti coordinati e rapidi. Uno studio del Centres for European Policy Network segnala ritardi e insufficienze negli sforzi comuni per proteggerle

15 Nov 2022
Anselm Küsters

Centres for European Policy Network (CEP)

cavi sottomarini

I recenti attacchi ai gasdotti Nord Stream che documentano la fragilità di infrastrutture essenziali, anche quando queste si sviluppano sotto la superficie marina hanno recentemente spinto il Centres for European Policy Network (CEP) a contribuire con una propria riflessione sullo stato di vulnerabilità della rete dei cavi in fibra ottica oceanica, che costituisce il fondamento del traffico globale di dati digitali e dalla quale dipende anche in modo rilevante il buon funzionamento dell’economia dell’Unione europea.

Sweden PM: Nord Stream Attack Is Probably A Deliberate Act

Dall’analisi di quella che viene definita la “spina dorsale digitale europea”, esce un’immagine piuttosto problematica, dove gli sforzi comuni necessari per proteggere tali installazioni risultano fortemente in ritardo ed insufficienti.

Riprendiamo ampie parti di questo studio, compresi alcuni suggerimenti che il CEP ritiene dovrebbero essere rapidamente valutati dalle istituzioni UE e dagli Stati membri.

I danni ai cavi sottomarini

Nelle ultime settimane le segnalazioni di cavi interrotti sono apparse con maggiore frequenza ed hanno suscitato una maggiore sensibilità a causa delle tensioni geopolitiche con la Russia. Ad esempio, la notte del 19 ottobre, i cavi in fibra ottica francesi sono stati deliberatamente tagliati in almeno tre punti vicino a Marsiglia.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

Questo ha interrotto il flusso internazionale di informazioni, essendo Marsiglia un importante centro di smistamento dati. Il giorno successivo si è saputo che due cavi sottomarini a nord della Scozia erano stati danneggiati contemporaneamente. In linea di principio, la rottura di cavi sottomarini e soprattutto anche di cavi posati sulla terraferma non è affatto rara, senza che vi siano scenari geopolitici o gravi conseguenze da tirare in ballo.

L’Agenzia per la sicurezza informatica dell’Unione europea (UE), che pubblica un rapporto annuale sui principali incidenti di sicurezza delle telecomunicazioni, per lo scorso anno elenca 168 incidenti presentati dalle autorità nazionali di 26 Stati membri dell’UE e 2 di Paesi EFTA. La maggior parte di queste rotture nell’infrastruttura digitale sono dovute a incidenti per ragioni diverse quali; lavori di costruzione, fenomeni naturali come incendi o altre esternalità casuali ed hanno solo un impatto locale, cioè riguardano solo poche migliaia di utenti internet. Solo il 5% degli incidenti è stato classificato come doloso, pari a 73 incidenti nel corso di oltre 11 anni. Tuttavia, è anche dimostrato che i dati sono incompleti e il contesto geopolitico in rapida evoluzione porteranno a una nuova valutazione della sicurezza dei cavi più strategici.

I cavi sottomarini nuova frontiera di sicurezza: tutti i rischi e le lacune del diritto internazionale

Negli ultimi giorni il dibattito ha raggiunto, ad esempio, con veemenza il livello politico tedesco ed europeo.

I timori degli Stati e della Ue per possibili attacchi alle infrastrutture essenziali

I membri del Bundestag temono che la Russia stia pianificando anche attacchi alle infrastrutture essenziali tedesche. Già nella riunione informale del Consiglio europeo del 7 ottobre 2022, i leader dell’UE hanno discusso della protezione delle infrastrutture essenziali, accanto alle questioni urgenti della crisi dei prezzi dell’energia e del sostegno all’Ucraina. Il presidente francese Macron ha chiesto una strategia europea comune. Secondo Macron, anche la lotta contro gli attacchi informatici russi o iraniani rende indispensabile un adeguato approccio europeo. Tre giorni dopo, la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato al Digital Summit di Tallinn che l’UE vuole investire di più nella connettività affidabile. Queste parole saranno seguite da azioni per proteggere il traffico di dati digitali nel continente? E se così fosse, arriveranno in tempo?

Poiché oltre il 95% del traffico dati mondiale passa attraverso gli oceani, la minaccia più grave per l’infrastruttura digitale europea è probabilmente rappresentata dal sabotaggio di alcuni cavi di profondità.

La strategia Ue Global Gateway

È qui che l’ampia dipendenza dell’Europa da fornitori stranieri si sta prendendo la sua rivincita. Nel suo discorso di Tallinn, la Presidente von der Leyen ha menzionato il cavo transatlantico EllaLink che collega l’Europa all’America Latina ed ha elogiato il nuovo cavo in fibra ottica che sta per essere posato sotto il Mar Nero come parte della strategia dell’UE Global Gateway.

Questa è la risposta europea alla Belt and Road Initiative cinese, proclamata circa un anno fa, e promette investimenti fino a 300 miliardi di euro per rendere l’Europa più resistente alle crisi, anche attraverso una connettività digitale più forte e diversificata. Inoltre, vi sono prime indiscrezioni non ufficiali rispetto alla volontà della Commissione di cofinanziare un cavo in fibra ottica di 14.000 chilometri che collegherebbe la Scandinavia e l’Irlanda al Giappone attraverso l’Artico.

Gli investimenti previsti sono ben visti perché riducono la dipendenza dai cavi terrestri che attraversano la Russia. Inoltre, rappresentano un’alternativa alla Repubblica Popolare Cinese che, con il suo cavo sottomarino Peace di 12.000 chilometri, collega l’Europa all’Asia ed insieme alla sua tecnologia 5G, è ora fortemente coinvolta nell’espansione dell’infrastruttura digitale europea – dato di fatto che si teme possa anche permettere di intercettare i dati dei cittadini europei e guadagnare così potere contrattuale.

Standard tecnici internazionali: il nuovo fronte di scontro tra Europa, Usa e Cina

I cavi europei aggiuntivi non solo proteggerebbero dalle dipendenze e dal furto di dati, ma aumenterebbero anche la resilienza della rete infrastrutturale digitale essenziale europea grazie alla diversificazione.

Tuttavia, finora solo una piccola parte della Global Gateway Strategy è stata destinata al miglioramento di questa situazione: l’invito della Commissione a presentare proposte nell’ambito del meccanismo per collegare l’Europa, pubblicato lo scorso 12 ottobre, indica una cifra di 277 milioni di euro per reti sicure, ad alta velocità e ad alta capacità, infrastrutture dorsali e cavi sottomarini.[1]

Questo è troppo poco. Inoltre, il termine per la presentazione delle domande si protrae fino al 23 febbraio 2023. Nel complesso, una revisione delle strategie dell’UE commissionata dalla sottocommissione per la sicurezza e la difesa del Parlamento europeo mostra che i cavi e le altre infrastrutture marittime sono menzionati più spesso, ma non esistono quasi misure concrete per generare una protezione effettiva in modo tempestivo.

Il coinvolgimento delle Big Tech e le lungaggini dei meccanismi Ue

Appare quindi necessario un potente insieme di strumenti analoghi al 5G Cybersecurity Toolbox della Commissione, che ha sviluppato misure strategiche e tecniche chiave per la Commissione e/o gli Stati membri sulla base di una valutazione del rischio coordinata a livello europeo.

A livello dell’Unione, queste misure concrete includono, ad esempio, un maggiore controllo degli investimenti diretti esteri, strumenti di protezione della politica commerciale, un’applicazione rigorosa del diritto della concorrenza e il coordinamento della standardizzazione, degli obiettivi della politica di sicurezza e dei certificati. Tuttavia, la lentezza con cui è stato attuato finora questo toolbox dimostra quanto possa essere lunga la trasformazione delle infrastrutture digitali nonostante i piani dettagliati ed i quadri giuridici.[2]

In teoria sarebbero disponibili più fondi e spazio di manovra se le piattaforme ad alta intensità di dati fossero anche obbligate a finanziare le reti digitali, come è stato proposto nell’attuale dibattito sul futuro modello di fatturazione dell’infrastruttura di telecomunicazione dell’UE. Anche se dal punto di vista normativo vi sono problemi fondamentali con questo modello “Sender Party Pays“, è già un dato di fatto che un numero crescente dei circa 500 cavi di profondità situati in tutto il mondo sono finanziati da società Big Tech, mentre le partecipazioni più importanti di società tradizionali di telecomunicazione, quali ad esempio la Deutsche Telekom, risalgono all’inizio del millennio. L’esempio dell’Africa dimostra che il coinvolgimento di attori potenti sul mercato come Google o Microsoft porta a rapidi miglioramenti nelle infrastrutture, ma anche a minacciose dipendenze.

In ogni caso, la corrispondente proposta della Commissione sul modello di fatturazione dell’infrastruttura di telecomunicazione dell’UE non figura nel recente programma di lavoro per il 2023; ma all’inizio del prossimo anno è prevista solo una consultazione sul tema. In questo caso, non andrebbero studiati solo i possibili effetti sull’innovazione e sulla concorrenza, come attualmente previsto, ma soprattutto pure gli aspetti legati alla politica di sicurezza.

La strategia Ue per ridurre la vulnerabilità delle reti essenziali

Oltre alla Global Gateway Strategy, il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo di principio su una Direttiva sulla resilienza delle strutture essenziali, basata su un progetto della Commissione già proposto nel 2020[3]. Questo mira a ridurre la vulnerabilità delle strutture essenziali, anche nei settori della tecnologia dell’informazione e delle telecomunicazioni. Questa proposta integra le proposte della Commissione per la rinnovata Direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi (NIS 2), che elenca esplicitamente gli operatori dei nodi internet e il Regolamento sulla resilienza operativa digitale (DORA), che mira a rafforzare la sicurezza informatica delle imprese finanziarie in caso di crisi. Tutti e tre i nuovi atti giuridici devono ancora essere attuati in modo coordinato dagli Stati membri. Come richiesto dalla Commissaria europea per gli Affari interni Ylva Johansson il 18 ottobre, il lavoro di preparazione, anche da parte degli Stati membri, deve essere accelerato al fine di applicare queste nuove regole il più rapidamente possibile.

Va poi ricordato che le competenze dell’UE in materia di politica di sicurezza sono definite in modo piuttosto restrittivo e che il principio di sussidiarietà ha un valore anche in questo caso. Ad esempio, uno Stato membro può sapere meglio della Commissione quali cavi è meglio proteggere e come.

Allo stesso tempo però, le infrastrutture digitali essenziali in Europa sono spesso strettamente interconnesse, per cui l’interdipendenza giustifica un ruolo speciale dell’UE nelle strutture transfrontaliere e nella loro protezione. Nel complesso, la panoramica evidenzia che le iniziative dell’UE sono comunque chiaramente troppo tardive e suggerisce che per lungo tempo ci si è dimostrati troppo ingenui.

Il problema della protezione fisica dei cavi

Anche se l’UE riuscirà a posare rapidamente un numero sufficiente di cavi e altre infrastrutture digitali essenziali per creare “ridondanza” e quindi maggiore resilienza, la loro protezione rimane una questione difficile. Gli operatori di rete stiano già compiendo enormi sforzi per rendere più resilienti le loro linee in fibra ottica e le stazioni dei cavi attraverso una progettazione specifica dei cavi e dei relativi condotti con l’uso di una tecnologia di sensori e di monitoraggio specializzata. Tuttavia, secondo gli esperti, una protezione completa dei cavi di profondità richiederebbe enormi investimenti in sorveglianza, sottomarini e imbarcazioni militari. Mentre il Regno Unito ha nel frattempo commissionato una seconda nave da guerra per proteggere i cavi sottomarini, gli Stati membri dell’UE non dispongono di tali tipi imbarcazioni.

A giugno, uno studio interno per il Parlamento europeo ha identificato numerosi punti “altamente vulnerabili” sui cavi sottomarini in fibra ottica dell’Europa ed ha chiesto un’adeguata protezione militare.

Oltre alla protezione fisica dei cavi, la loro sicurezza informatica risulta pure una questione sempre più importante. Degli atti dolosi contro la sicurezza delle telecomunicazioni europee di cui si è venuti a conoscenza nel periodo tra il 2012 e il 2021, solo circa un terzo riguardava danni fisici, come quelli generati da incendi dolosi o dal taglio deliberato dei cavi, mentre il 64% di queste interruzioni poteva essere attribuito ai cosiddetti attacchi denial-of-service (DoS).[4]

L’alternativa delle connessioni satellitari

Per i dati particolarmente sensibili nel settore militare, la comunicazione satellitare è generalmente preferibile al trasferimento via cavo via terra o via mare, ma anche in questo caso è possibile individuare una forte vulnerabilità potenziale. Pochi giorni fa, il capo del dipartimento di sicurezza della Federazione delle industrie tedesche ha riferito che la comunicazione satellitare europea è ancora più vulnerabile agli attacchi rispetto ai cavi sottomarini. È quindi positivo che il Parlamento europeo abbia recentemente approvato il piano della Commissione per le comunicazioni satellitari sicure e si sta avviando il relativo trilogo Inoltre, è poco noto che non tutti i flussi di dati rilevanti dal punto di vista militare possono essere spostati dai cavi sottomarini alla trasmissione satellitare, poiché, ad esempio, il controllo dei droni richiede una trasmissione in tempo reale ed un’elevata larghezza di banda. Questo non è garantito dalla trasmissione satellitare, che ha una latenza ancora troppo elevata.

Conclusioni

Nel complesso, questi esempi dimostrano che la protezione dei cavi essenziali non può essere gestita solo dagli operatori privati, ma deve essere considerata, nell’attuale contesto geopolitico, un compito cruciale degli Stati membri europei che richiede investimenti coordinati e rapidi. Anche se l’UE ha competenze limitate in questo settore, deve inviare un segnale forte svolgendo un ruolo di coordinamento e fornendo sufficienti capitali di investimento, poiché la protezione delle infrastrutture digitali essenziali può avere successo solo per l’UE nel suo complesso. La catena digitale è infatti forte quanto il suo anello più debole. Anche per questo motivo, sarebbe urgente una maggiore sintonia con le iniziative statunitensi degli ultimi anni. Infine, poiché è difficile garantire una protezione fisica e digitale assoluta dell’infrastruttura dei dati, è essenziale una crittografia adeguata di tutte le informazioni rilevanti.

Anche se le attuali iniziative dell’UE riconoscono sempre più l’importanza della sicurezza delle infrastrutture digitali, mancano misure concrete varate in tempo per garantire la protezione. I fondi stanziati per la Global Gateway Strategy, che oltre al digitale mira a finanziare progetti nel settore del clima e dell’energia, dei trasporti, della salute, dell’istruzione e della ricerca, devono quindi concentrarsi con urgenza sulla protezione delle infrastrutture digitali essenziali. In seguito all’azione del governo statunitense “Clean Cable” lanciata nel 2020, un programma europeo di investimenti in Clean Cable ed una protezione militare immediata garantirebbero che i cavi sottomarini essenziali che collegano il continente a Internet non possano essere intercettati o sabotati.

Inoltre, occorre accelerare drasticamente l’adozione e l’attuazione degli attuali piani della Commissione per le infrastrutture essenziali e le comunicazioni satellitari sicure, e applicare una crittografia adeguata di tutti i dati pertinenti per proteggere meglio i dati particolarmente sensibili. Per questo, il ruolo di coordinamento rivendicato dalla Commissione il 18 ottobre risulta indispensabile.

Note

  1. https://digital-strategy.ec.europa.eu/de/news/launch-new-calls-proposals-budget-eu277-million-support-investments-digital-connectivity .
  2. NIS Cooperation Group (2020), Report on Member States’ Progress in Implementing the EU Toolbox on 5G Cybersecurity, https://digital-strategy.ec.europa.eu/en/policies/nis-cooperation-group
  3. Commissione (2020), Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla resilienza die soggetti critici, COM(2020) 829 final, Bruxelles, del 16.12.2020.
  4. ENISA (2022), Telecom Security Incidents 2021. Annual Report, https://www.enisa.europa.eu/publications/telecom-security-incidents-2021, pag. 22.

e-book
Smart Manufacturing e Industry 4.0: come “iniettare” intelligenza nei processi
ERP
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4