l'analisi

L’Italia sforna talenti della cybersecurity, ma non sa trattenerli: ecco perché

I motivi che portano gli esperti cyber italiani a emigrare sono molti e critici. Mancata allocazione, stipendi bassi, alto costo della vita nelle grandi città, tassazione onerosa, rigida burocrazia, normazione molto teorica e poco pratica, bassi compensi per i liberi professioni. Come invertire la tendenza?

Pubblicato il 21 Mar 2023

Valentina Grazia Sapuppo

Legal, Privacy & Cybersecurity Advisor

cyber decreto aiuti

Non è una novità che le eccellenze italiane si distinguano in ogni arte e contesto professionale e anche nel mondo cybersecurity. BlackHat o esperti del mondo ICT, però, prendono la loro valigia – e, in certi casi, la propria famiglia – e salutano il Bel Paese. Faranno mai ritorno?

Proviamo a comprendere i motivi della drastica scelta e quelli che, forse, hanno inciso in modo prepotente sulla decisione del non ritorno.

Enisa: “Nasce il quadro europeo delle competenze di cybersecurity, ecco perché è importante”

Cybersecurity: chi resta e chi se ne va

Il Security Summit 2023 organizzato dal Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza informatica in collaborazione con ASTREA tenutosi a Milano il 14, 15 e 16 marzo 2023 offre l’assist per parlare di un tema che vanta i tratti della melanconia strictu sensu intesa. Dalla fuga dei cervelli all’espressione “Italians do it better” è, infatti, un battito di ciglia.

Una tavola rotonda, svoltasi nel pomeriggio del 15 marzo, condotta da Gabriele Faggioli, Alessio Pennasilico e Alessandro Manfredini, ci ha resi partecipi di un racconto segnato da storie che hanno un sapore nostalgico, ma anche avvilente, e che non dà spazio alla speranza del ritorno ma che, piuttosto, apre il panorama a sogni dirompenti.

Gli ospiti della sessione plenaria “Cyber security: gli italiani nel mondo”, Monica Pellegrino, Tony Mobily, Corradino Corradi, Andrea Zapparoli Manzoni, Daniele Sangion, nonostante i fusi significativi e il collegamento da remoto, si sono uniti al grande evento da tutte le parti del mondo, anche quelle insospettabili, offrendo

importanti spunti di riflessione per analizzare la situazione del nostro Bel Paese.

Come emerge dal Rapporto Censis – DeepCyber 2022 “quasi 4 italiani su 10 sono indifferenti o non si tutelano dagli attacchi informatici […] e solo 1 su 4 ha un’idea chiara di cosa sia la cybersecurity”.

È facile giungere alla conclusione che quella parte di italiani virtuosi, che dominano la cybersecurity, ha un valore inestimabile. Pertanto, riteniamo condivisibile il messaggio veicolato da Roberto Baldoni, ex Direttore della Agenzia Cybersicurezza Nazionale – ACN, il quale ha affermato che “consapevolezza, formazione, sviluppo tecnologico, resilienza agli attacchi sono elementi fondamentali che devono essere un esercizio del sistema Paese, con pubblico e privato che devono collaborare per raggiungere questi obiettivi.”

Usando le stesse parole di Alessandro Manfredini, Presidente di AIPSA, “troviamo, anche nell’ambito della sicurezza fisica fiduciaria, esempi di colleghi italiani che sono andati a lavorare all’estero quando, per esempio, il TOP Management è stato espressione di nostri connazionali.” A parere di Manfredini “c’è un retaggio che si sta perdendo e che riguarda tutta la tematica relativa alla compliance di polizia locale […]. Il tema è: se uno ha la professionalità la può esprimere ovunque, visti i tanti colleghi che operano ormai all’estero”.

“L’Italia in base all’indice DESI (Digital Economy and Society Index) della Commissione Europea sui 27 Paesi membri dell’Unione Europea è ventesima per livello di digitalizzazione complessiva, è terzultima per popolazione con competenze digitali almeno di base (42%), contro una media UE del 56%, ed è quartultima per competenze digitali avanzate (22%), contro una media UE del 31%.” (Rapporto Clusit 2023)

L’ambizione nel mondo cybersecurity è, nonostante tutto, viva per l’Italia e tale vitalità la riscontriamo in diversi programmi volti a realizzare quella che molti chiamano transizione digitale. Tra questi, il progetto un’Alleanza per la cybersecurity che vanta lo scopo di creare awareness e formazione sia per gli studenti che per i cittadini italiani.

Ma cosa accade alle eccellenze italiane del mondo cyber? Seppur l’Italia dia spazio alla loro collocazione nel settore di riferimento, molti scelgono di trasferire la propria vita altrove.

Come ha affermato Roberto Setola, Ordinario di Automatica e Direttore del Master in Homeland Security UCBM, “solo in Italia soffriamo la carenza di circa 100mila esperti e, nel mondo, la domanda di lavoratori della cybersicurezza supera i 3,4 milioni di unità.”

In un pianeta sempre più interconnesso, esposto a grandi attacchi informatici – come dimostra per ultimo lo scenario bellico che coinvolge Ucraina e Russia – è di fondamentale importanza che gli Asset cybersecurity siano concretamente messi in campo, a tutela di tutti i cittadini del mondo.

Nel labirinto delle norme Ue sulla cybersicurezza: come districarsi nella Direttiva NIS2

È chiaro che facciamo riferimento ad una materia che solo adesso ha ottenuto il rispetto meritato o, almeno, così speriamo.

Negli anni 80’, primi anni dello sviluppo delle tecnologie ICT, gli esperti informatici rappresentavano il gradino più basso del mondo professionale classicamente inteso. Informatici, hacker, periti elettrotecnici & Co. erano, agli occhi dei più, meri sventurati dediti a saldature ed impulsi elettrici, rinchiusi nelle sale server a giocare con le reti cablate e i propri utensili di lavoro. Solo dopo pochi anni, quando si cominciò a toccare con mano la portata dirompente delle nuove tecnologie informatiche e della programmazione informatica, tutto cambiò forma.

Conclusioni

A voler prendere come esempio uno dei padri dei PC portatili, Gordon Clark, nemo propheta in patria.

Da qui proviamo a trarre le nostre conclusioni allo spontaneo quesito: perché i nostri eroi della cybersecurity sono volati all’estero come dei veri e propri pirati al timone della propria vita?

Nonostante tutte le difficoltà del caso, che vanno dal trasferimento di un giovane ventenne in Australia nei primi anni ’90 allo spostamento di interi nuclei familiari nei tempi moderni, tante sono le occasioni di crescita che i nostri protagonisti hanno colto atterrando verso nuovi luoghi sconosciuti, sia per essi sia per le proprie famiglie.

Lasciare tutto per abbandonare le terre europee per prestare la propria attività a multinazionali o Governi stranieri – come hanno fatto Tony Mobily, Corradino Corradi, Andrea Zapparoli Manzoni – o scegliere di salutare il proprio paese per rimanere comunque nel continente – questa la decisione di Monica Pellegrino e di Daniele Sangion – e offrire la propria professionalità alle Istituzioni Centrali europee o a gruppi bancari tutti italiani, certamente trova la sua prima giustificazione nella ricerca di un luogo che vanti un respiro internazionale e che garantisca servizi ai propri cittadini ma, soprattutto, un migliore work life balance coordinato ad una immensa soddisfazione professionale, anche economica. Ecco alcuni tra i vari motivi che hanno spinto i nostri eroi della cybersecurity a non lavorare più in Italia.

Ma come potremmo immaginare di frenare la fuga dei nostri connazionali all’estero? È necessario un riconoscimento economico maggiore a quello standard o basta semplicemente comprendere che l’unione fa la forza e che tutti si dovrebbe remare verso un fine comune?

È chiaro che, da sempre, i motivi che portano gli italiani a emigrare altrove possono facilmente identificarsi in diversi temi abbastanza critici.

Mancata allocazione, stipendi sottopagati, alto costo della vita nelle grandi metropoli, tassazione statale onerosa, rigida burocrazia, normazione molto teorica e poco pratica, bassi compensi per i liberi professionisti che si trovano a pagare – in regime ordinario – un tasso di IVA fin troppo alto, mancanza di fondi o allocazione errata dei fondi europei, infrastrutture inesistenti o obsolete, nonché – last but not least – infiniti e ingarbugliati percorsi di studio – universitario e non – che, però, non hanno programmi di formazione all’altezza del preteso livello tecnico di protezione cyber parametrato alle esigenze reali di sicurezza.

A conferma di tutto ciò, come riporta il Rapporto Clusit 2023 “l’Italia è ultima (!) nel continente per quota di laureati in ambito ICT sul totale della popolazione con una laurea (1,3% rispetto a un valore UE del 3,9%). […] A questa situazione già di per sé critica, che spiega la grandissima difficoltà di aziende, Pubbliche amministrazioni e Autorità nel trovare risorse da inserire nei propri staff, si aggiunge una cronica carenza di risorse economiche.”

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2