cyber security

Direttiva NIS in Europa, lo stato nei diversi Paesi UE

Ecco il quadro completo di come si stanno muovendo gli altri stati europei con la direttiva Nis, recepita in Italia e ora in via di implementazione

06 Set 2018
Alessandro Fasani

Università Internazionale degli Studi Sociali "Guido Carli"

Dopo il recepimento della direttiva NIS in Italia e in attesa della sua piena attuazione, è interessante vedere come si stanno comportando gli altri paesi europei.

La situazione nella Ue

In Francia lo status di implementazione è ben altra cosa rispetto all’Italia. La strategia nazionale è completata ed è disponibile online, il punto di contatto unico è già stato assegnato all’ANSSI, l’agenzia nazionale per la sicurezza dei sistemi di informazione la quale funge anche da autorità nazionale competente per i fornitori di servizi digitali. L’autorità per gli operatori di servizi essenziali non è ancora stata comunicata mentre lo CSIRT nazionale è il CERT-FR.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

In Spagna la situazione è ancora migliore, vi è una strategia nazionale, un punto di contatto unico, addirittura due autorità competenti per i fornitori di servizi digitali, sia per il settore privato – in questo caso il segretario di Stato per la Società dell’Informazione e l’Agenda Digitale – che per il settore pubblico, incarnato dal Ministero della Presidenza e dell’Amministrazione Territoriale il quale opera attraverso il Centro Crittologico Nazionale. Per quanto riguarda l’autorità nazionale competente per gli operatori dei servizi essenziali, il ruolo è affidato al Segretario di Stato per la Sicurezza all’interno del Ministro dell’Interno, il quale opera attraverso il Centro Nazionale per la Protezione delle Infrastrutture e della Cybersecurity (CNPIC). Lo CSIRT nazionale spagnolo è diviso in due, per il pubblico con il CCN-CERT e per il privato con l’INCIBE-CERT.

In Portogallo la situazione è simile a quella francese. Vi è una strategia nazionale, c’è un punto di contatto unico che è il Centro per la Cybersecurity Nazionale Portoghese, il quale funge anche da autorità competente per i fornitori di servizi digitali e anche da autorità nazionale competente per gli operatori dei servizi essenziali. Lo CSIRT nazionale portoghese è il CERT.PT.

Status analogo per il Belgio, il quale possiede una strategia nazionale, e il Centro per la Cybersecurity belga riveste i ruoli di punto di contatto unico, che di autorità nazionale competente sia per i fornitori dei servizi digitali che per gli operatori dei servizi essenziali. Il CERT.be svolge ovviamente il ruolo di CSIRT.

Tra i paesi che hanno adottato un approccio “accentratore” vi è la Germania, la quale ha finito la trasposizione della NIS, ha una strategia nazionale e i ruoli di punto di contatto unico, autorità nazionale competente per i fornitori di servizi digitali, quella per gli operatori dei servizi essenziali, e lo CSIRT nazionale sono tutti svolti dall’Ufficio Federale per la Sicurezza delle Informazioni.

L’Irlanda possiede una strategia nazionale e lo CSIRT-IE riveste i ruoli di punto di contatto unico, da autorità nazionale competente per i fornitori di servizi digitali, da autorità nazionale competente per gli operatori dei servizi essenziali che, ovviamente, da CSIRT nazionale.

Il Regno Unito è l’unico paese che al momento può fregiarsi di avere ultimato la trasposizione della direttiva NIS e, probabilmente, nel modo più completo. C’è una strategia nazionale, il National Cyber Security Centre (NCSC) riveste il ruolo sia di punto di contatto unico che di CSIRT nazionale, l’Information Commissioner’s Office (ICO) funge da autorità nazionale competente per i fornitori di servizi digitali, mentre per quanto riguarda gli operatori dei servizi essenziali abbiamo divere autorità competenti in base al settore. Il Regno Unito ha un’autorità per tutti i servizi essenziali: energia, trasporti (diviso in aerei, terrestri gommati, terrestri ferrati, e marini), infrastruttura bancaria e finanziaria, sanità, fornitura e distribuzione di acqua potabile, e infrastruttura digitale. È interessante notare come oltre a questa suddivisione, le autorità competenti siano divise anche in zone geografiche (Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord) per la maggior parte dei settori. Una decisione del genere non può che tradursi in una migliore organizzazione ed efficienza per la cybersecurity britannica.

Nei Paesi Bassi la trasposizione della direttiva è in corso: Vi è una strategia nazionale, un punto di contatto unico, e diverse autorità per quanto riguarda gli operatori di servizi essenziali. Non hanno ancora designato un’autorità per il settore dei trasporti e non hanno ancora comunicato uno CSIRT nazionale.

La Danimarca ha parzialmente trasposto la direttiva ma si può ritenere a buon punto, dato che possiede una strategia nazionale, un punto di contatto unico incarnato nel Centro Danese per la Cybersecurity, un’autorità nazionale competente per i fornitori di servizi essenziali, ovvero la Danish Business Authority la quale ricopre anche il ruolo di CSIRT nazionale. Per quanto riguarda l’autorità nazionale competente per gli operatori di servizi essenziali, anche in questo caso i danesi hanno diverse autorità in base ai settori selezionati, ovvero energia, trasporti, infrastruttura bancaria e finanziaria, e sanità, manca quindi l’autorità per l’infrastruttura digitale.

Anche la Svezia non ha ancora terminato la trasposizione della NIS, è però dotata di una strategia nazionale, di un punto di contatto unico – ruolo ricoperto dall’equivalente svedese della Protezione Civile -, di un’autorità nazionale competente per i fornitori dei servizi digitali, ovvero l’Autorità per le Poste e le Telecomunicazioni, e di diverse autorità competenti per gli operatori di servizi essenziali. I settori attualmente coperti dalla Svezia sono: energia, trasporti, infrastruttura bancaria e finanziaria, sanità, e fornitura e distribuzione di acqua potabile. Lo CSIRT nazionale è l’MSB/CERT-SE.

La Finlandia ha ultimato la trasposizione della NIS. Ha una strategia nazionale, mentre il punto di contatto unico, l’autorità nazionale competente per i fornitori di servizi digitali e lo CSIRT nazionale sono tutti all’interno dell’Ente Regolatore per le Comunicazioni Finlandese. Per quanto riguarda le autorità competenti per gli operatori di servizi essenziali, anche la Finlandia ha già provveduto a dividere le autorità per tutti i settori previsti dalla direttiva.

La Slovenia ha trasposto la direttiva, ha una strategia nazionale, un punto di contatto unico all’interno dell’Ufficio Governativo per la Protezione delle Informazioni Riservate, e il CERT.SI riveste i ruoli di entrambe le autorità nazionali competenti che, ovviamente, di CSIRT.

La Lettonia sta ancora trasportando la NIS nella propria legislazione nazionale, ma anch’essa è molto avanti avendo strategia, punto di contatto unico nel Ministero della Difesa, autorità nazionale competente per i fornitori di servizi digitali nel Ministero dei Trasporti, e diverse autorità per quanto riguarda gli operatori dei servizi essenziali. In particolare, per quanto riguarda il settore energetico, la Lettonia ha designato tre diverse autorità competenti per elettricità, petrolio, e gas. Lo CSIRT nazionale è il CERT.LV.

Situazione molto simile per quanto riguarda la Croazia, dove la trasposizione della direttiva è segnalata come ancora in corso. Nonostante ciò, vi è una strategia nazionale, vi è un punto di contatto unico, ovvero l’Ufficio del Consiglio di Sicurezza Nazionale, vi è un’autorità nazionale competente per i fornitori di servizi digitali all’interno del Ministero dell’Economia, e diverse autorità per gli operatori dei servizi essenziali. In questo caso la Croazia ha diversi uffici per quanto riguarda il settore dei trasporti– divisi in aerei, marittimi, gommati, e ferrati –, e ha separato le autorità per l’infrastruttura bancaria e quella finanziaria. Anche lo CSIRT nazionale è sdoppiato, in quanto c’è il CERT nazionale che si occupa del settore bancario, dell’infrastruttura finanziaria, dell’infrastruttura digitale e dei fornitori dei servizi digitali, mentre l’Ufficio Sicurezza è il riferimento per energia, trasporti, sanità e fornitura e distribuzione di acqua potabile.

La Lituania ha parzialmente trasposto la direttiva, ha una bozza di strategia nazionale e il CERT.LT raccoglie tutte le funzioni richieste dalla NIS, quindi punto di contatto unico, la totalità delle autorità nazionali competenti sia per fornitori di servizi digitali che per gli operatori essenziali e, ovviamente, lo CSIRT nazionale.

La Slovacchia ha ultimato la trasposizione della direttiva, ha comunicato una strategia nazionale, un “cyber security concept of the slovak republic” e anche un “action plan for the implementation of the cyber security concept of the Slovak Republic 2015-2020”. Il punto di contatto unico è l’ente di sicurezza nazionale, che ricopre anche i ruoli di entrambe le autorità nazionali. Lo CSIRT nazionale è l’SK-CERT.

L’Ungheria ha trasposto parzialmente la direttiva, non avendo ancora adottato una strategia nazionale ma avendo un punto di contatto unico nel Centro di Cybersecurity Nazionale, che funge anche da CSIRT. L’autorità nazionale competente sia per i fornitori di servizi digitali che per gli operatori essenziali è la Direzione Generale Nazionale per la Gestione delle Catastrofi.

In Grecia la trasposizione della NIS è ancora in corso. La strategia nazionale è disponibile per consultazione online, il punto di contatto unico è l’Autorità Nazionale per la Cybersicurezza all’interno del Ministero delle Politiche Digitali, Telecomunicazioni e Media, il quale riveste anche i ruoli di entrambe le autorità nazionali. Lo CSIRT nazionale è il CERT greco, ovvero l’Autorità Nazionale per il Contrasto di Attacchi Elettronici.

A Cipro la NIS è stata trasposta completamente, nonostante i dettagli sulla strategia nazionale e sulle autorità nazionali competenti debbano ancora essere comunicati. Il punto di contatto unico è la Digital Security Authority (DSA) e lo CSIRT nazionale è lo CSIRT-CY.

In Polonia, in Bulgaria, in Romania, in Austria e a Malta la trasposizione della direttiva è in corso ma i dettagli devono ancora essere determinati.

L’Estonia e la Repubblica Ceca hanno trasposto la direttiva NIS ma i dettagli devono essere ancora comunicati.

Il Lussemburgo ha nominato unicamente il punto di contatto unico ovvero l’Institut Luxembourgeois de Régulation, il resto rimane da determinare.

Un elemento interessante che emerge da questa analisi, visibile in particolar modo dalla tabella qui riportata, è come vi sia una divisione tra stati accentratori e stati decentratori, ovvero tra quegli stati che hanno indicato un’autorità singola per coprire tutta la cybersecurity nazionale e quelli che invece hanno un’autorità specifica per ogni elemento indicato dalla NIS. Dato che gli stati europei hanno ancora tempo – fino al 9 novembre 2018- per trasportare totalmente la direttiva per quanto riguarda l’identificazione degli operatori dei servizi essenziali è ancora presto per trarre delle conclusioni sull’efficienza di tali misure.

Status trasposizioneStrategia NazionalePunto di contatto unicoAutorità nazionale competente per i fornitori di servizi digitaliAutorità nazionale competente per gli operatori di servizi essenzialiCSIRT
EnergiaTrasportiInfrastruttura bancaria e finanziariaSanitàFornitura e distribuzione acqua potabileInfrastruttura digitale
AustriaIn corsoDa determinareDa determinareDa determinareDa determinareDa determinare
BelgioIn corsoCentro per la Cybersecurity in BelgioCentro per la Cybersecurity in BelgioCentro per la Cybersecurity in BelgioCERT.be
BulgariaIn corsoDa determinareDa determinareDa determinareDa determinareDa determinare
CroaziaIn corsol’Ufficio del Consiglio di Sicurezza NazionaleMinistero dell’EconomiaMinistero dell’ambiente e dell’energiaMinistero del Mare, dei Trasporti e delle InfrastruttureBanca Nazionale Croata (settore bancario) / Agenzia di Supervisione per i Servizi Finanziari Croati (settore finanziario)Ministero della SaluteMinistero dell’Ambiente e dell’EnergiaUfficio Centrale di Stato per lo Sviluppo della Società DigitaleCERT nazionale (per settore bancario, infrastruttura finanziaria, infrastruttura digitale e FSD); Ufficio sicurezza (per energia, trasporti, sanità e acqua potabile)
CiproCompletaDa comunicareDigital Security Authority (DSA)Da comunicareDa comunicareCSIRT-CY
DanimarcaParzialeDanish Centre for Cybersecurity (Centro Danese per la Cybersecurity)Erhvervsstyrelsen (Ente Danese per l’Impresa e il Commercio)Energistyrelsen (Ente Danese per l’Energia)Trafik-, Bygge- og Boligstyrelsen (Ente Danese per i Trasporti, l’Impresa e l’Edilizia)Finanstilsynet (Ente Danese per la Supervisione Finanziaria)Sundhedsdatastyrelsen (Ente Danese per la Protezione dei Dati Relativi alla Sanità)//Danish Centre for Cybersecurity
EstoniaCompletaDa comunicareDa comunicareDa comunicareDa comunicareDa comunicare
FinlandiaCompletaViestintävirasto – Finnish Communications Regulatory Authority (FICORA)Viestintävirasto -Finnish Communications Regulatory Authority (FICORA)Energiavirasto (Ente Finlandese per l’Energia)Liikenteen turvallisuusvirasto (Ente Finlandese per la Sicurezza dei Trasporti)Finanssivalvonta (Ente Finlandese per la Supervisione Finanziaria)Valvira (Ente Finlandese per la Supervisione della Sanità e del Welfare)Elinkeino-, Liikenne ja Ympäristökeskus (Centro Finlandese per lo Sviluppo Economico, Trasporti e Ambiente)Viestintävirasto – Finnish Communications Regulatory Authority (FICORA)Viestintävirasto – Finnish Communications Regulatory Authority (FICORA) / National Cyber Security Centre Finland (NCSC-FI)
FranciaParzialeAgence nationale de la sécurité des systèmes d’information (ANSSI)Agence nationale de la sécurité des systèmes d’information (ANSSI)Da comunicareCERT-FR
GermaniaCompletaUfficio Federale per la Sicurezza delle Informazioni / Bundesamt für Sicherheit in der InformationstechnikUfficio Federale per la Sicurezza delle Informazioni / Bundesamt für Sicherheit in der InformationstechnikUfficio Federale per la Sicurezza delle Informazioni / Bundesamt für Sicherheit in der InformationstechnikUfficio Federale per la Sicurezza delle Informazioni / Bundesamt für Sicherheit in der Informationstechnik
GreciaIn corsoNational Cyber Security Authority (General Secretariat of Digital Policy – Ministry of Digital Policy, Telecommunications and Media)National Cyber Security Authority (General Secretariat of Digital Policy – Ministry of Digital Policy, Telecommunications and Media)National Cyber Security Authority (General Secretariat of Digital Policy – Ministry of Digital Policy, Telecommunications and Media)National Authority Against Electronic Attacks – National Cert
IrlandaIn corsoCSIRT-IECSIRT-IECSIRT-IECSIRT-IE
ItaliaCompletaDa determinare (in fase di aggiornamento)Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza (DIS)Ministero dello Sviluppo EconomicoMinistero dello Sviluppo EconomicoMinistero delle Infrastrutture e dei TrasportiMinistero dell’Economia e delle Finanze (Con Banca d’Italia e Consob)Ministero della Salute + Regioni e Province Autonome di Trento e BolzanoMinistero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare + Regioni e Province Autonome di Trento e BolzanoMinistero dello Sviluppo EconomicoCSIRT ITA (CERT-N + CERT-PA)
LettoniaIn corsoMinistero della DifesaMinistero dei TrasportiMinistero dell’Economia (diversi uffici per elettricità, petrolio, e gas)Ministero dei TrasportiCommissione per i mercati finanziari e dei capitali (Finanšu un kapitāla tirgus komisija)Ministero della SaluteMinistero della Salute + Ministero dell’AgricolturaMinistero dei TrasportiCERT.LV
LituaniaParzialeBozzaCERT-LTCERT-LTCERT-LTCERT-LT
LussemburgoIn corsoDa determinareInstitut Luxembourgeois de RégulationDa determinareDa determinareDa determinare
MaltaIn corsoDa determinareDa determinareDa determinareDa determinareDa determinare
Paesi BassiIn corsoNational Cyber Security Centre (NCSC)Ministry of Economic Affairs and Climate Policy + Agentschap TelecomAgentschap Telecom/De Nederlandsche Bank (DNB)Inspectorate Healthcare and YouthMinistry of Infrastructure and Water Management, Directorate-General Water and SoilAgentschap TelecomDa comunicare
PoloniaIn corsoDa determinareDa determinareDa determinareDa determinareDa determinare
PortogalloIn corsoCentro Nacional de Ciberseguaranca (Centro Nazionale di Cybersicurezza)Centro Nacional de CiberseguarancaCentro Nacional de CiberseguarancaCERT.PT
Regno UnitoCompletaNational Cyber Security Centre (NCSC)Information Commissioner’s Office (ICO)Department for Business, Energy & Industrial Strategy, and the Office of Gas and Electricity Markets (England, Scotland, Wales), Department of Finance (Northern Ireland)Trasporti Aerei: Civil Aviation Authority (CAA), and Department for Transport

Ferrovie: Department for Transport (England, Wales, Scotland), The Department of Finance (Northern Ireland)

Trasporti Marittimi: Department for Transport

Trasporti Gommati:
Department for Transport (England, Wales), Scottish Ministers (Scotland), The Department of Finance (Northern Ireland)

Bank of England Sector Resilience TeamDepartment of Health (England), The Welsh Ministers (Wales), The Scottish Ministers (Scotland), Department of Finance (Northern Ireland)Department for Environment, Food & Rural Affairs (England), The Welsh Ministers (Wales), The Drinking Water Quality Regulator for Scotland (Scotland), The Department of Finance (Northern Ireland)Office of Communications (OFCOM)National Cyber Security Centre (NCSC)
Repubblica CecaCompletaDa determinareDa determinareDa determinareDa determinareDa determinare
RomaniaIn corsoDa determinareDa determinareDa determinareDa determinareDa determinare
SlovacchiaCompletaNárodný Bezpečnostný Úrad (Autorità di Sicurezza Centrale)Národný Bezpečnostný Úrad (Autorità di Sicurezza Centrale)Národný Bezpečnostný Úrad (Autorità di Sicurezza Centrale)SK-CERT
SloveniaCompletaUrada Vlade RS za varovanje tajnih podatkov (Ufficio Governativo per la Protezione delle Informazioni Classificate)SI-CERTSI-CERTSI-CERT
SpagnaIn corsoConsejo de Seguridad Nacional – Departamento de Seguridad Nacional (Consiglio di Sicurezza Nazionale – Dipartimento di Sicurezza Nazionale)Secretaría de Estado para la Sociedad de la Información y la Agenda Digital (per il PRIVATO) Ministerio de la Presidencia y para las Administraciones Territoriales (per il PUBBLICO)Secretaría de Estado de Seguridad – Centro Nacional de Protección de Infraestructuras Críticas (CNPIC)INCIBE-CERT (per il privato) / CCN-CERT (per il pubblico)
SveziaIn corsoMyndigheten för samhällsskydd och beredskap – MSB (Protezione Civile)Post- och telestyrelsen (Poste e Telecomunicazioni)Energimyndigheten (Agenzia per l’Energia)Transportstyrelsen (Agenzia per i Trasporti)Finansinspektionen (Autorità di Supervisione Finanziaria)Inspektionen för vård och omsorg (Ispettorato per la Sanità e l’Assistenza Sociale)Livsmedelsverket (Istituto per la Sicurezza Alimentare)/CERT-SE
UngheriaParzialeNon ancora adottataNational Cyber Security CentreNational Directorate General for Disaster ManagementNational Directorate General for Disaster ManagementNational Cyber Security Centre

Un giudizio sull’Italia

Per quanto riguarda l’Italia, nonostante i ritardi nel recepimento, è opportuno considerare il lato positivo, ovvero che nonostante la situazione politica non favorevole, la NIS sia stata valutata come una priorità dal governo e nonostante la direttiva sia stata trasposta nell’ordinamento nazionale con qualche giorno di ritardo, i lavori per essere in pari con la direttiva stanno procedendo ottimamente.

Il Dipartimento Informazioni per la Sicurezza (DIS) è stato designato come punto di contatto unico, mentre il Ministero per lo Sviluppo Economico è l’autorità competente per i fornitori di servizi digitali. Per quanto riguarda le autorità competenti per gli operatori dei servizi essenziali l’Italia ha scelto un approccio decentralizzato, ovvero ha un’autorità per ogni settore coperto dal decreto di recepimento della NIS ovvero energia, trasporti, infrastruttura bancaria e finanziaria, sanità, fornitura e distribuzione di acqua potabile e infrastruttura digitale. Lo CSIRT nazionale nascerà dalla fusione del CERT-N e dal CERT-PA. L’unica cosa che manca al nostro Paese è in realtà una strategia nazionale conforme ai dettami comunitari in modo da affrontare efficacemente tutti i punti dell’art.7 della direttiva NIS. L’Italia però non è totalmente priva di una strategia nazionale, in quanto dispone del Quadro strategico nazionale per la sicurezza dello spazio cibernetico, il quale però è del 2013 e dovrà essere quindi aggiornato per rispettare la NIS.

Live streaming
Banda ultralarga, 5G e sfida energetica: tutti i temi al centro di Telco per L'Italia
Networking
Telco
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati