norme e sicurezza

Nist cybersecurity framework, cosa cambia con la versione 2.0



Indirizzo copiato

La nuova versione del Nist cybersecurity framework pone l’accento sulla governance del rischio, ma sono priorità anche la formazione e la gestione efficace del rischio

Pubblicato il 28 giu 2024

Simone Bonavita

Executive Director, ISLC (UNIMI)

Alessandro Cortina

International Research Fellow, ISLC (UNIMI)



Cybersecurity,In,Digital,Tomorrow.,Computer,Of,Future,,Circuit,Board,And

Il National Institute of Standards and Technology (NIST) ha aggiornato il suo Cybersecurity Framework (CSF) dalla Versione 1.1 alla Versione 2.0, con lo scopo di migliorare la gestione dei rischi informatici in un contesto, quello del mondo digitale, sempre più complesso e dinamico.

Di seguito verranno evidenziate i cambiamenti e le integrazioni che il CSF ha subito nel processo di aggiornamento e le priorità da affrontare sul fronte cybersecurity.

Nist 2.0, novità a livello strutturale

Il NIST CSF è strutturato in tre componenti principali: il Framework Core, i Tiers di implementazione e i Profili. La Versione 2.0 mantiene questa struttura ma introduce modifiche chiave per migliorare la chiarezza e l’efficacia del Framework.

  • Framework Core. Il Framework Core è un insieme di attività organizzate per raggiungere specifici obiettivi di sicurezza. Queste attività sono suddivise in Funzioni, Categorie e Sottocategorie. Nella versione 1.1, il Core era composto da cinque Funzioni principali: Identify, Protect, Detect, Respond, e Recover. Nella nuova versione 2.0, è stata introdotta la funzione “Govern” che racchiude attività di natura organizzativa e gestione relativamente alla strategia di sicurezza perseguita dal CSF.
  • Tiers di implementazione. I Tiers di implementazione forniscono un contesto su come un’organizzazione gestisce il rischio di cybersecurity. La Versione 2.0 raffina ulteriormente questo concetto, descrivendo il livello di rigore delle pratiche di governance e gestione del rischio di cybersecurity.
  • Profili. Nella Versione 1.1 del CSF i Profili erano utilizzati per mappare lo stato attuale delle pratiche di cybersecurity di un’organizzazione (Profilo Corrente) rispetto agli obiettivi desiderati (Profilo Target). Questo permetteva alle organizzazioni di identificare le lacune e sviluppare piani di azione per colmare queste lacune, migliorando così la loro postura di cybersecurity. La versione 2.0 fornisce un approccio più strutturato per creare e utilizzare i Profili, inclusi passaggi dettagliati per la loro preparazione e utilizzo continuo. Vi è poi anche l’introduzione dei Community Profiles, una nuova caratteristica che offre un punto di partenza comune per organizzazioni con interessi e obiettivi condivisi. Questi profili sono tipicamente sviluppati per un particolare settore, sottosettore, tecnologia, tipo di minaccia o altro caso d’uso. Un’organizzazione può utilizzare un Community Profile come base per il proprio Profilo Target, adattandolo alle proprie esigenze specifiche.

Come cambiano le funzioni

Non solo l’aggiunta di una nuova funzione, quella di Govern, trasversale a tutto il ciclo di vita del Framework, ma il NIST ha operato anche degli aggiornamenti alle altre cinque funzioni classiche.

FunzioneDescrizioneCSF v.1.1CSF v.2.0
IdentifyLa funzione Identify aiuta le organizzazioni a comprendere e gestire i propri asset informatici per determinare e valutare i rischi. Comprende categorie come la gestione degli asset, la valutazione dei rischi e la gestione delle vulnerabilità.Focus su asset management, risk assessment, e business environment.Introduzione di nuove sottocategorie per migliorare l’identificazione e la gestione dei rischi, inclusa una maggiore attenzione alla supply chain e ai rischi associati ai fornitori.
ProtectLa funzione Protect sviluppa e implementa le salvaguardie necessarie per garantire la continuità dei servizi e la protezione degli asset. Le categorie includono identity management, awareness and training, e data security.Enfasi sulla protezione degli asset fisici e virtuali.Introduzione di nuove sottocategorie per affrontare le sfide emergenti, come la sicurezza dei dispositivi IoT e le pratiche di sviluppo software sicure.
DetectLa funzione Detect definisce le attività appropriate per identificare tempestivamente gli incidenti informatici. Le categorie includono continuous monitoring, detection processes e anomalia e evento avverso analysis.Focus su rilevazione di eventi e anomalie.Miglioramenti nei processi di monitoraggio continuo e nella capacità di analizzare eventi avversi.
RespondLa funzione Respond sviluppa e implementa le attività appropriate per rispondere a incidenti informatici. Le categorie includono response planning, communication, e analysis.Enfasi sulla risposta agli incidenti e sulla comunicazione.Maggiore attenzione alla pianificazione delle risposte e alla collaborazione con i fornitori e le parti esterne.
RecoverLa funzione Recover sviluppa e implementa attività di ripristino per ridurre l’impatto di incidenti di informatici. Le categorie includono recovery planning, improvements e communications.Focus sul recupero delle operazioni e delle capacità post-incidente.Rafforzamento delle pratiche di comunicazione e coordinamento durante il recupero.

La funzione Govern e l’importanza di un approccio organizzativo

La nuova funzione Govern è una delle integrazioni più significative della versione 2.0. Essa stabilisce, comunica e monitora la strategia di gestione del rischio di cybersecurity, le aspettative e le politiche dell’organizzazione. Le categorie in cui è divisa la funzione sono le seguenti:

  • Organizational Context (GV.OC): comprendere il contesto ambientale interno ed esterno relativo all’organizzazione e che influenzano il processo decisionale in relazione alla gestione dei rischi informatici.
  • Risk Management Strategy (GV.RM): stabilire strategie per la gestione del rischio di informatico.
  • Roles, Responsibilities, and Authorities (GV.RR): definire ruoli, responsabilità e autorità per la gestione del rischio informatico.
  • Policy (GV.PO): creare politiche per la gestione del rischio informatico.
  • Oversight (GV.OV): monitorare le attività di gestione del rischio informatico.
  • Cybersecurity Supply Chain Risk Management (GV.SC): gestire il rischio informatico nella catena di fornitura.

L’introduzione di questa nuova funzione da parte del NIST testimonia l’affermazione di un concetto, la necessità di adottare una strategia olistica al tema della sicurezza informatica, che risulta essere oramai imprescindibile per poter affrontare in maniera efficace i rischi informatici che pervadono il mondo digitale. Una strategia aziendale di sicurezza informatica efficace dovrebbe iniziare con una struttura organizzativa ben definita e un quadro di governance.

Nist 2.0, il ruolo del Ciso

Stabilire ruoli e responsabilità chiari all’interno di un’organizzazione garantisce che le iniziative di cybersecurity siano prioritarie e gestite in modo efficiente. La nomina di un Chief Information Security Officer (CISO) o di un ruolo equivalente è essenziale per fornire direzione strategica e supervisione, nonché per dar visione nelle società più strutturate al top management dei rischi e delle opportunità in tale ambito. Inoltre, la creazione di team dedicati alla gestione della sicurezza informatica consente un approccio focalizzato alla rilevazione delle minacce, alla risposta e al recupero. Questi team dovrebbero operare all’interno di un quadro di governance che includa politiche, procedure e standard allineati alle migliori pratiche del settore e ai requisiti normativi.

Nist 2.0, la formazione

Altro aspetto da considerare è poi la cultura organizzativa, anche dal punto di vista socio-tecnico. Promuovere una cultura di consapevolezza della sicurezza informatica è vitale per garantire che tutti i dipendenti comprendano il loro ruolo nella protezione delle risorse informative dell’organizzazione. Programmi regolari di formazione e sensibilizzazione possono dotare i dipendenti delle conoscenze per riconoscere e rispondere alle potenziali minacce. Inoltre, incoraggiare una cultura di responsabilità, dove i dipendenti sono incentivati a segnalare gli incidenti di sicurezza senza paura di ritorsioni, può migliorare significativamente la prontezza complessiva alla sicurezza dell’organizzazione. In tale ambito, in aggiunta, è importante responsabilizzare l’operatore umano attribuendogli un ruolo attivo all’interno della catena di sicurezza e non solamente relegandolo a “anello debole della catena” non riuscendo a vedere oltre a tale paradigma di concezione del fattore umano all’interno della sicurezza informatica.

Perché serve un approccio continuativo alla sicurezza

Ancora, un corretto quadro di governance, come trattato nella Funzione Govern deve occuparsi di comprendere e gestire i rischi di cybersecurity in maniera continuativa. Condurre valutazioni regolari del rischio consente alle organizzazioni di identificare le vulnerabilità e di prioritizzare efficacemente le risorse. Questo processo coinvolge la valutazione dell’impatto potenziale di diverse minacce e l’implementazione di controlli appropriati per mitigare i rischi.

Un approccio basato sui rischi garantisce che le misure di sicurezza siano allineate con la tolleranza al rischio e gli obiettivi strategici dell’organizzazione. Facilita anche la presa di decisioni informate fornendo un quadro chiaro del panorama delle minacce dell’organizzazione. Inoltre, gestire anticipatamente i rischi permette anche una miglior preparazione agli incidenti informatici.

Dopo aver mappato i potenziali rischi, infatti, è importante sviluppare e mantenere un piano di risposta agli incidenti. Tale piano, infatti, consente alle organizzazioni di rispondere prontamente ed efficacemente alle violazioni della sicurezza. Un piano di questo genere dovrebbe delineare le procedure per rilevare, analizzare e contenere gli incidenti, così come per comunicare con gli stakeholder e recuperare dalle interruzioni. Integrare la cybersecurity nella pianificazione della continuità operativa dell’organizzazione garantisce che le operazioni possano essere mantenute o ripristinate rapidamente in caso di attacco informatico. Questo approccio olistico minimizza i tempi di inattività e preserva la reputazione e la stabilità finanziaria dell’organizzazione.

Conclusioni

L’importanza degli aspetti organizzativi nella cybersecurity non può essere sopravvalutata. Mentre le minacce informatiche continuano a rappresentare sfide significative, le organizzazioni devono adottare un approccio olistico che integri difese tecniche con pratiche organizzative robuste. Stabilendo un solido quadro di governance, promuovendo una cultura di consapevolezza, gestendo i rischi in modo efficace, preparandosi agli incidenti e assicurando la conformità, le organizzazioni possono migliorare significativamente la loro postura di sicurezza. Facendo ciò, proteggono non solo le loro risorse informative, ma costruiscono anche resilienza contro il mondo delle minacce informatiche in continua evoluzione. In tal senso, il passaggio dalla versione 1.1 alla versione 2.0 del NIST CSF rappresenta un’evoluzione significativa nella gestione del rischio informatico.

L’introduzione della funzione “Govern” e l’enfasi sulla governance del rischio informatico rafforzano la capacità delle organizzazioni di gestire in modo più efficace i rischi legati alla cybersecurity. Inoltre, le risorse online aggiuntive e i miglioramenti nelle altre Funzioni e nei Tiers di implementazione rendono la versione 2.0 uno strumento più completo e flessibile per le organizzazioni di qualsiasi dimensione e settore.


Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4