il provvedimento

Biobanca ogliastrina: i limiti del principio di accountability nel trattamento dei dati genetici



Indirizzo copiato

Il Provvedimento del Garante privacy n. 170 del 27 aprile 2023 non sarà, presumibilmente, l’ultimo tassello della vicenda della Biobanca Ogliastrina, ma ha offerto all’Autorità l’occasione di porre in luce la necessità per ogni Titolare di attualizzare e concretizzare il principio di accountability. Ricostruiamo la vicenda

Pubblicato il 26 lug 2023

Cesare Costi

Staff privacy

Daniela Guarenghi

Esperta privacy

Filomena Polito

Responsabile Protezione Dati in ambito sanitario – Valutatore Privacy



neuroscienze e sicurezza - biotecg

Con un importante Provvedimento, il n. 170 del 27 aprile 2023, l’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali è tornata recentemente ad occuparsi della Biobanca genetica Ogliastrina, nata nei primi anni 2000 da un’intesa tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche e la Società Shar.Dna S.p.A..

Il Provvedimento del 27 aprile è di estrema rilevanza perché va a ribadire quanto sia fondamentale per il Titolare del trattamento osservare il principio di accountability stabilito dal secondo paragrafo dell’articolo 5 del Regolamento UE 2016/679  (di seguito Regolamento) e ricorda che tale onere nasce già con la mera disponibilità dei dati personali.

La vicenda (e le vicende) della Biobanca ogliastrina

Le travagliate vicende che hanno interessato la Biobanca, che racchiude più di 230.000 campioni biologici riferiti a 11.700 abitanti dell’Ogliastra, sono tristemente note.

Scopo della Biobanca doveva essere quello di studiare il segreto della longevità dei tanti abitanti ultracentenari di quell’angolo di mondo e diffondere i risultati ottenuti, a beneficio della scienza e della collettività.

Nell’anno 2016, a seguito del fallimento della Società Shr.Dna, titolare del trattamento dei dati personali, il ramo d’Azienda che comprende la Biobanca viene ceduto alla società Tiziana Life Sciences PLC, con sede nel Regno Unito.

Il blocco del trattamento dei dati personali

L’Autorità Garante (di seguito Garante ), chiamata ad esprimersi a fronte delle preoccupazioni degli interessati e dei loro rappresentanti, dispone allora con il Provvedimento del 6 ottobre 2016 il blocco del trattamento dei dati personali e obbliga Tiziana Life Sciences PLC ( di seguito Tiziana) ad astenersi dallo svolgere attività di trattamento diversa dalla conservazione sicura dei campioni.

In capo alla stessa, oltre all’onere della conservazione viene imposto anche quello di informare ciascun interessato in merito al trattamento dei loro dati personali e di acquisire da questi una nuova manifestazione di consenso degli stessi, come previsto dall’articolo 9, paragrafo 2, lettera a) del Regolamento, necessaria anche per successive iniziative per finalità di ricerca scientifica.

Tali iniziative, come noto, potrebbero avviarsi, nei casi di impossibilità di acquisire lo specifico  consenso degli interessati, applicando le disposizioni di cui all’articolo 110 del Decreto Legislativo 196/2003 ( di seguito Codice), previa autorizzazione del Garante.

Il Provvedimento del Garante, avverso al quale Tiziana ricorre avanti al Tribunale Ordinario di Cagliari, è da questo prima annullato con la Sentenza 1569/2017 e successivamente confermato dalla Suprema Corte di Cassazione con la Ordinanza del 21 marzo 2021.

A distanza di più di due anni dall’ultimo capitolo di questa complessa vicenda, l’Associazione che supporta i centenari superstiti e i loro familiari (Associazione dell’Identità Ogliastrina e della Barbagia di Seulo) ha sporto un nuovo reclamo al Garante, lamentando l’inerzia di Tiziana nell’attuare le prescrizioni ricevute e, in particolare, nell’informare gli interessati ai sensi dell’articolo 14 del Regolamento e nel chiedere una nuova espressione del consenso al trattamento dei dati personali.

Le richieste del Garante e la risposta di Tiziana

Alle richieste di informazioni formulate dal Garante in sede istruttoria ai sensi dell’articolo 157 del Codice, Tiziana non ha negato la circostanza oggetto di reclamo, ma, al contrario, ha giustificato l’inadempimento alle prescrizioni del Provvedimento del 2016 con l’impossibilità di “…definire oggetto, ambito e finalità del trattamento, ossia le informazioni di base necessarie per redigere un’informativa sulla privacy completa e conforme alla normativa vigente”.

Causa principale di tale impossibilità risiederebbe, secondo Tiziana, nel fatto di non essere “…mai riuscita ad accertare compiutamente il contenuto della Biobanca (compresi i campioni e la relativa documentazione informatica e cartacea) di cui ha acquisito formalmente la proprietà”.

I pochi documenti informatici disponibili correlati alla Biobanca, sarebbero infatti accessibili solo ricorrendo a tecnici specializzati in un linguaggio di programmazione ormai obsoleto, posto che la gestione del database digitale richiede infatti competenze e procedure specifiche per tecnologie progettate negli anni ‘90.

Tiziana ha quindi rappresentato al Garante che le particolari vicende giudiziarie occorse e le caratteristiche stesse della Biobanca avrebbero impedito alla Società qualsiasi attività di trattamento dei dati personali diversa dalla conservazione dei materiali che non erano stati posti sotto sequestro e che l’effettivo controllo esercitato sugli stessi avrebbe avuto una durata di circa due mesi, intervallo tra l’effettiva cessione della Biobanca e i primi provvedimenti giudiziali.

La Società fa riferimento all’esistenza di procedimenti penali avviati negli anni 2017 e 2022, a fronte del presunto furto di 14000 campioni, e la vigenza di più Decreti di sequestro relativi sia a parte del contenuto della Biobanca sia ai consensi informati sottoscritti dagli interessati (ben 9376 moduli), sino al più recente provvedimento del GUP di Lanusei del 17/02/2022 con cui è stato addirittura nominato un custode provvisorio per la Biobanca.

L’obbligazione di trasparenza e informazione alla quale Tiziana sarebbe stata tenuta a adempiere, derivante non solo dalla Legge ma anche dai Provvedimenti del Garante e della Suprema Corte, sarebbe secondo la stessa resa impossibile dagli eventi sopravvenuti, così come si ricava dal combinato disposto degli artt. 1218 e 1256 del Codice Civile e pertanto dovrebbe ritenersi estinta.

In particolare secondo Tiziana, viste le circostanze concrete, qualsiasi “Informativa” (rectius informazioni) rilasciata agli interessati sarebbe stata relativa non tanto ad un effettivo trattamento di dati, ma piuttosto ad un’intenzione di trattamento per scopi scientifici, intenzione che non sarebbe idonea a consentire di garantire una piena trasparenza, necessaria alla possibile espressione del consenso.

I limiti del principio di accountability

Nonostante le potenzialità immense, in termini di ricerca, offerte dalla Biobanca Ogliastrina, l’interprete, di fronte al punto di vista di Tiziana e agli elementi addotti, è ben in grado di comprendere le criticità che rischiano di renderla un’occasione perduta, specie a fronte della concreta eventualità che le tecnologie e le metodiche di conservazione dei dati personali e genetici possano divenire obsolete, pregiudicandone l’utilizzo.

Andando al di là di una prima analisi della problematica, emerge però un problema che appare meramente teorico ma che in realtà presenta evidenti risvolti pratici: fino a che punto possono trovare applicazione i principi di liceità, correttezza e trasparenza, ma soprattutto di responsabilizzazione (accountability), individuati dall’articolo 5 del Regolamento?

Fino a che punto tali fondamentali principi essi devono rimanere negli angusti limiti della teoria e quale deve essere il livello di controllo effettivo (sostanziale e non meramente formale) che il Titolare deve esercitare sui dati personali per essere effettivamente chiamato a compiere e rendere conto degli adempimenti previsti dalla normativa (being accountable)?

Il parere dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali

La risposta dell’Autorità, al termine di un complesso procedimento istruttorio, ha portato alla definizione di un approccio univoco e ha fornito un’interpretazione di assoluto rilievo dottrinale.

Il mutamento soggettivo del titolare, nel caso di specie, comporta, così come evidenziato anche dalla Suprema Corte, l’inizio di un distinto e nuovo trattamento dei dati personali, che deve essere effettuato nel rispetto della disciplina vigente anche in tema di informazioni per l’interessato finalizzate all’acquisizione del consenso ad un loro successivo trattamento .

Ciò non significa che il complesso delle norme applicabili in materia di trasparenza e obblighi informativi verso gli interessati, come anche interpretate dallo European Data Protection Board (già WP art. 29) e dallo stesso Garante, impongano al Titolare di esporre nel dettaglio le singole operazioni che si intendono svolgere, ma piuttosto si intende affermare che deve essere garantita la conoscibilità di un contenuto informativo “necessario” in conformità a quanto prevedono, in particolare, i Considerando 61 e 62 del RGPD.

A ciò si aggiunga che non si può pensare all’informativa di cui agli articoli 13 o 14 del Regolamento come a un documento statico, ma piuttosto come un supporto i cui contenuti siano in divenire, modificabili e aggiornabili a seconda del tempo e delle esigenze correlate al caso concreto.

Le caratteristiche proprie delle informative sono dunque idonee a renderle dinamiche, purché siano sempre attinenti al concreto svolgersi del trattamento dei dati personali a cui si riferiscono.

Secondo il Garante, Tiziana avrebbe dovuto (e potuto) informare gli interessati, ai sensi dell’articolo  14 del Regolamento, in ordine alla circostanza che, a seguito del fallimento della Shar.Dna e dell’acquisto della banca dati, sotto il profilo della protezione dei dati personali era intervenuto un mutamento soggettivo della titolarità del trattamento, ciò in quanto, come affermato dalla citata Ordinanza della Corte di Cassazione “…la cessione dei dati ad un terzo, ed il conseguente mutamento soggettivo del titolare del trattamento determina l’avvio di un nuovo trattamento a sua volta soggetto alle disposizioni generali in tema di informativa […]”.

Sempre secondo il Garante, Tiziana avrebbe potuto fornire agli interessati ogni informazione in ordine agli eventi medio tempore intervenuti, anche al fine di rassicurarli sulle finalità del trattamento, allo stato limitate alla sola conservazione dei dati personali.

La mera conservazione delle informazioni di natura personale, come noto, è già infatti individuata quale attività di trattamento di dati personali dal punto 2) del paragrafo 1 dell’articolo 4 del Regolamento, assieme a “qualsiasi operazione o insieme di operazioni, compiute con o senza l’ausilio di processi automatizzati e applicate a dati personali o insiemi di dati personali, come la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la strutturazione,…….., l’adattamento o la modifica, l’estrazione, la consultazione, l’uso, la comunicazione mediante trasmissione, diffusione o qualsiasi altra forma di messa a disposizione, il raffronto o l’interconnessione, la limitazione, la cancellazione o la distruzione”.

Nel caso di specie, il Titolare, avrebbe dovuto attivare tutte le misure necessarie ad esercitare il proprio ruolo, pur tenendo conto delle peculiarità derivanti dal contesto specifico del trattamento.

Secondo la ricostruzione del Garante Tiziana ha “…scelto, ancorché in buona fede, un atteggiamento del tutto inerte, in particolare rispetto al principio di trasparenza; esso costituisce un atteggiamento diametralmente opposto a quello proattivo che il principio di responsabilizzazione introdotto dal Regolamento impone”.

Le succitate disposizioni codicistiche in materia di estinzione delle obbligazioni per impossibilità sopravvenuta non sono state infatti giudicate dal Garante idonee a limitare o derogare agli obblighi derivanti dalla normativa in materia di protezione dei dati personali, in quanto attengono all’ambito meramente privatistico.

Conclusioni

Come noto, il principio di responsabilizzazione introdotto dal Regolamento impone al Titolare del trattamento non solo di rispettare le disposizioni della normativa in materia di protezione dei dati personali ma anche di essere in grado di comprovare tale rispetto (art. 5, par. 2, del Regolamento).

Più specificatamente, il Titolare deve essere in grado di garantire e di comprovare che il trattamento, anche nel caso in cui lo stesso si concretizzi nella mera attività di conservazione dei dati personali, sia conforme durante tutta la sua durata al Regolamento, adottando delle specifiche misure tecniche e organizzative adeguate al contesto di riferimento.

Per questo motivo, il collegio ha ritenuto evidente che la Società avesse violato gli artt. 5, par. 1, lett. a) e 14 del Regolamento e ha sanzionato Tiziana per la somma di 30.000 euro.

A margine del Provvedimento l’Autorità si è riservata di svolgere autonome iniziative istruttorie (avviate con Prot. n. 33768 del 23/02/2023 – DSR/CdS/CL/219578) per verificare la conformità della condotta anche dell’Associazione reclamante, a seguito di notizie stampa in base ai quali la stessa avrebbe “annunciato di voler svolgere progetti di ricerca sui dati contenuti nella banca dati”.

Nonostante qualcuno avesse temuto che si aprisse una nuova pagina nella vicenda della Biobanca, si può già anticipare che, a breve distanza dall’emanazione del Provvedimento che qui si commenta, l’Autorità ha concluso l’istruttoria anche in merito a quest’ultimo profilo, chiudendo, senza addebiti, gli approfondimenti con nota del 22/05/2023, non ravvisando alcuna violazione della normativa da parte dell’Associazione dell’Identità Ogliastrina e della Barbagia di Seulo.

Il Provvedimento n. 170 del 27 aprile 2023 non sarà, presumibilmente, l’ultimo tassello della vicenda della Biobanca Ogliastrina, ma ha offerto all’Autorità l’occasione di porre in luce la necessità per ogni Titolare di attualizzare e concretizzare il principio di accountability, non limitandolo agli angusti spazi della law in books, ma riconoscendo allo stesso un rilievo in senso assoluto ai fini dell’attuazione della disciplina.

Quello che il Presidente del Collegio (in occasione dell’incontro con i Responsabili della Protezione dei Dati di tutta Italia, riunitisi a Bologna il 23 giugno scorso) ha definito “la scommessa dell’accountability”, non è infatti soltanto l’invito a considerare la data protection come un valore anziché un costo per i Titolari, ma anche uno stimolo a illuminare di una luce nuova i principi del Regolamento, allo scopo di innalzare il livello di effettività della tutela offerto ai diritti e alle libertà delle persone fisiche.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3