studi clinici

Cessione di dati nella ricerca scientifica non-profit, se la legge non risolve i problemi: le possibili soluzioni

Con l’avvento del D.M. 30 novembre 2021 su “Sperimentazioni cliniche senza scopo di lucro e studi osservazionali” riaffiorano tutte le problematiche privacy ancora irrisolte in materia di ricerca scientifica. Qualche indicazione su come superarle

25 Lug 2022
Alessio Briganti

Studio Legalitax

Maddalena Valli

Studio Legalitax

linee guida cookie garante privacy

Dopo una lunga gestazione, è stato infine pubblicato nella G.U. n. 42 del 19 febbraio 2022, il D.M. 30 novembre 2021 (rubricato “Misure volte a facilitare e sostenere la realizzazione degli studi clinici di medicinali senza scopo di lucro e degli studi osservazionali e a disciplinare la cessione di dati e risultati di sperimentazioni senza scopo di lucro a fini registrativi”), il quale ha interamente abrogato il risalente D.M. 17 dicembre 2004, recante “Prescrizioni e condizioni di carattere generale, relative all’esecuzione delle sperimentazioni cliniche dei medicinali, con particolare riferimento a quelle ai fini del miglioramento della pratica clinica, quale parte integrante dell’assistenza sanitaria”.

L’avvento del citato provvedimento era stato lungamente atteso dagli operatori del settore, dal momento che la precedente normativa, già da anni, risultava ormai obsoleta e del tutto inadatta a soddisfare le necessità e le esigenze dei soggetti, sia pubblici che privati, quotidianamente impegnati nel campo della ricerca medico-scientifica.

Dati sanitari per ricerca scientifica, tra Gdpr e decreto: che c’è da sapere

In particolare, tra i tanti obiettivi ambiziosi che il Ministero della Salute si era posto, vi era sicuramente quello di costruire una proficua collaborazione tra tutti i protagonisti che, a vario titolo e con differenti apporti, si trovano ad operare in ambito medico-scientifico, per dare nuova linfa e vitalità agli studi senza scopo di lucro, una volta riconosciuta la loro imprescindibile importanza sociale e ai fini dell’interesse generale della popolazione.

Infatti, il D.M. del 2004 impediva ai promotori di ricerche non profit non solo di utilizzare a scopo registrativo e/o commerciale i dati e i risultati[1] conseguiti, ma anche di fornire siffatti dati e risultati a soggetti privati, quali società farmaceutiche o elettromedicali, neanche qualora le stesse avessero, con diverse forme, finanziato la ricerca stessa (ad esempio, erogando fondi, fornendo farmaci o apparecchiature mediche, ecc.).

Ovviamente, questo divieto – di fatto – limitava gli apporti agli studi senza scopo di lucro da parte dell’industria farmaceutica ed elettromedicale, la quale non considerava particolarmente conveniente e strategico investire in progetti non sfruttabili commercialmente o, comunque, per i quali non era possibile venire a conoscenza dei dati e risultati finali.

L’ambito di applicazione del decreto

Ciò detto, evidenziamo che il D.M. del 2021 limita il proprio ambito di applicazione, testualmente:

  • alle sperimentazioni cliniche senza scopo di lucro;
  • alle cosiddette sperimentazioni cliniche “a basso livello di intervento” (con o senza scopo di lucro);
  • agli studi osservazionali aventi a oggetto i farmaci (con o senza scopo di lucro); tuttavia, l’impostazione adottata dal Ministero della Salute in questo provvedimento può costituire un buon parametro per disciplinare, in via analogica, anche studi non profit di altre tipologie diverse da quelle espressamente normate.

Alla luce di quanto premesso, senza dubbio la disposizione più dirompente del D.M. del 2021 è l’art. 3, il quale ha reso legittima, disciplinandola, la cessione di dati e risultati di sperimentazioni senza scopo di lucro a fini registrativi di uno o più medicinali; nello specifico, i passaggi di detta cessione sono descritti e illustrati in cinque commi, ma quello che riguarda i profili privacy è l’ultimo, e si contraddistingue, purtroppo, per la sua laconicità: “per effetto della cessione, il cessionario subentra a tutti gli effetti nella titolarità del trattamento dei dati personali correlati alla sperimentazione”.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

Le lacune del decreto in tema di trattamento

In altre parole, il nuovo provvedimento si limita a certificare una circostanza piuttosto ovvia, ovvero che la cessione di dati e risultati di uno studio non profit, da un promotore anch’esso non profit a un soggetto profit, ai fini privacy comporta il trasferimento a quest’ultimo della titolarità del trattamento sul database ceduto; ma non affronta minimamente una serie di problematiche molto più significative esistenti a monte del trattamento, come quelle legate al ruolo, al coinvolgimento e all’informazione dei pazienti che precedentemente hanno aderito allo studio, usualmente previo specifico e apposito consenso.

Infatti, premesso che la questione del consenso come valida base giuridica del trattamento di dati personali comuni e particolari [ex art. 9 del Regolamento Europeo n. 679 del 2016 (di seguito, il “GDPR”)] ai fini di ricerca medico-scientifica è attualmente molto dibattuta, non solo in Italia ma anche a livello europeo, nel caso di specie occorre domandarsi se il singolo consenso originariamente raccolto dai partecipanti a una sperimentazione senza scopo di lucro, condotta da un Promotore non profit, sia di per se idoneo a legittimare la successiva cessione dei loro dati personali (anche particolari) ad un soggetto profit, per finalità registrative di medicinali e, dunque, per uno scopo commerciale.

Sotto il profilo del rispetto del singolo paziente che aderisce allo studio ab origine non profit, nel suo ruolo di Interessato al trattamento, non sembrerebbe corretto canalizzare in un singolo consenso sia l’autorizzazione alla ricerca scientifica senza scopo di lucro che l’eventuale successiva cessione dei dati e risultati a soggetti terzi profit per utilizzi commerciali, magari limitandosi ad una mera comunicazione formale dell’avvenuto trasferimento del database. Così facendo, infatti, di fatto si considererebbe legittimo che un paziente, il quale ha prestato il proprio consenso solo per aderire allo studio senza scopo di lucro “x” condotto dal Promotore non profit “y”, si veda cedere – senza alcuna voce in capitolo – i propri dati personali (comuni e particolari) alla società farmaceutica “z” per un impiego commerciale.

Una possibile soluzione e le relative criticità

Per evitare anticipatamente una simile situazione, si potrebbe prevedere – nell’informativa ex art. 13 del GDPR rilasciata al partecipante alla ricerca – un’ulteriore finalità costituita dal possibile utilizzo dei dati per scopi commerciali, mediante la loro cessione a soggetti terzi diversi dal Promotore, interessati ad impiegarli a fini registrativi; naturalmente, detta finalità dovrebbe essere correlata ad un separato e dedicato consenso, diverso da quello – principale – a voler partecipare ad un determinato studio scientifico.

Tuttavia, anche l’impostazione appena descritta non risulta priva di criticità, posto che il consenso – come stabilito dall’art. 4, n. 11) del GDPR e più volte ribadito dal Garante privacy – dovrebbe essere specifico, ossia non potrebbe essere rilasciato anticipatamente per eventuali future cessioni di dati e risultati, non ben identificate, a soggetti profit anch’essi non ancora individuati, per trattamenti con modalità e termini ancora sconosciuti; in altri termini, non dovrebbe essere un c.d. “consenso in bianco”.

Ricerca scientifica italiana danneggiata dalle norme privacy? Il problema

La necessità di un compromesso

Risulta di tutta evidenza, dunque, la necessità di trovare un compromesso che permetta, da un lato di rispettare la normativa privacy, europea e domestica, sul consenso dell’interessato, dall’altro di consentire al promotore di una ricerca senza scopo di lucro di raccogliere dai partecipanti alla medesima un consenso che sia valido per una futura eventuale cessione dei loro dati a soggetti terzi profit, a scopo di lucro, laddove non siano ancora conosciuti (né conoscibili) i termini di tale eventuale cessione.

Difatti, immaginare che il soggetto profit, cessionario del database della ricerca non profit già condotta, debba ricontattare nuovamente tutti i pazienti aderenti per ottenere da loro un nuovo consenso non sembra un’ipotesi percorribile:

  • sotto l’aspetto pratico, specialmente laddove le persone arruolate siano di rilevante ammontare (ad esempio, centinaia se non migliaia);
  • sotto l’aspetto giuridico, poiché il cessionario, in mancanza di previo consenso del paziente, non dovrebbe proprio entrare in possesso dei suoi dati, ossia non potrebbe nemmeno acquisirli per il ricontatto sopra descritto;
  • dal punto di vista economico, posto che sarebbe difficile articolare un contratto di cessione di un database la cui esatta determinazione del corrispettivo sia subordinata alla successiva ricognizione della quantità di dati legittimamente utilizzabili a seguito e per effetto del positivo feedback dei partecipanti alla ricerca originaria dopo il loro ricontatto.

Una volta che la problematica privacy connessa alla successiva cessione di dati e risultati è stata delineata, di seguito si proverà a vagliare la maggiore o minore percorribilità di alcune possibili soluzioni, anche tenendo conto dell’esperienza di alcuni paesi europei sulla medesima tematica.

Esperienze di altri paesi Ue da considerare

In primo luogo, seguendo l’orientamento fornito dal parere[2] dello European Data Protection Board (di seguito, l’“EDPB”), si potrebbe provare a utilizzare una base giuridica diversa dal consenso, sostenendo che il trattamento dei dati particolari dei partecipanti a uno studio scientifico potrebbe essere necessario o per motivi di interesse pubblico per assicurare l’elevata qualità e sicurezza dei prodotti e dei dispositivi medici (art. 9, paragrafo 2, lettera i) del GDPR) ovvero allo svolgimento della ricerca scientifica sulla base di disposizioni di legge europee o nazionali (art. 9, paragrafo 2, lettera j) del GDPR).

A tal proposito, si registrano casi di paesi europei (ad esempio, la Spagna[3]) che hanno recentemente abbandonato il consenso quale base giuridica del trattamento per finalità di ricerca scientifica, preferendo, in relazione al trattamento dei dati con finalità di sperimentazione clinica: i) per i dati comuni, l’adempimento degli obblighi di legge (art. 6, paragrafo 1, lettera c) del GDPR): ii) per i dati particolari, i motivi di pubblico interesse (art. 9, paragrafo 2, lettera i) del GDPR) ovvero lo svolgimento della ricerca scientifica in base al diritto dell’Unione o nazionale (art. 9, paragrafo 2, lettera j) del GDPR). Tuttavia, se si tentasse di seguire questa impostazione, occorrerebbe trovare un’adeguata giustificazione che faccia rientrare anche la cessione di dati e risultati a soggetti profit per scopi commerciali (come i fini registrativi) nell’alveo di una delle due basi giuridiche appena citate, cosa non facile e, probabilmente, non generalizzabile a tutti gli studi scientifici tout court, bensì solo a quelli giudicati da un’Autorità Pubblica di particolare rilievo e interesse nazionale per le loro intrinseche caratteristiche.

Un’altra possibile alternativa dal Codice privacy

Un’altra possibile soluzione, alternativa allo specifico consenso del paziente alla cessione dei suoi dati per fini commerciali, potrebbe essere quella di tentare di applicare al caso di specie, per analogia, la disciplina sul “riutilizzo” dei dati personali a fini di ricerca scientifica o statistici da parte di soggetti terzi che svolgano principalmente tali attività, introdotta dall’art. 110-bis (rubricato “Trattamento ulteriore da parte di terzi dei dati personali a fini di ricerca scientifica o a fini statistici”) del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, come modificato dal D.Lgs. 10 agosto 2018, n. 110 (di seguito, il “Codice privacy”); difatti, entrambe le situazioni sarebbero accomunate dalla necessità di trattare i dati personali dei partecipanti ad un determinato studio per finalità scientifiche ulteriori e cronologicamente successive allo svolgimento dello studio stesso.

Nello specifico, il comma 1 dell’art. 110-bis del Codice privacy stabilisce che “Il Garante può autorizzare il trattamento ulteriore di dati personali, compresi quelli dei trattamenti speciali di cui all’articolo 9 del Regolamento, a fini di ricerca scientifica o a fini statistici da parte di soggetti terzi che svolgano principalmente tali attività quando, a causa di particolari ragioni, informare gli interessati risulta impossibile o implica uno sforzo sproporzionato, oppure rischia di rendere impossibile o di pregiudicare gravemente il conseguimento delle finalità della ricerca, a condizione che siano adottate misure appropriate per tutelare i diritti, le libertà e i legittimi interessi dell’interessato, in conformità all’articolo 89 del Regolamento, comprese forme preventive di minimizzazione e di anonimizzazione dei dati”; inoltre, il comma 2 della citata disposizione prevede che “Il Garante comunica la decisione adottata sulla richiesta di autorizzazione entro quarantacinque giorni, decorsi i quali la mancata pronuncia equivale a rigetto. Con il provvedimento di autorizzazione o anche successivamente, sulla base di eventuali verifiche, il Garante stabilisce le condizioni e le misure necessarie ad assicurare adeguate garanzie a tutela degli interessati nell’ambito del trattamento ulteriore dei dati personali da parte di terzi, anche sotto il profilo della loro sicurezza”; infine, il comma 3 aggiunge che “Il trattamento ulteriore di dati personali da parte di terzi per le finalità di cui al presente articolo può essere autorizzato dal Garante anche mediante provvedimenti generali, adottati d’ufficio e anche in relazione a determinate categorie di titolari e di trattamenti, con i quali sono stabilite le condizioni dell’ulteriore trattamento e prescritte le misure necessarie per assicurare adeguate garanzie a tutela degli interessati. I provvedimenti adottati a norma del presente comma sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana”.

Seguendo questa impostazione, la cessione di dati e risultati di uno studio senza scopo di lucro a soggetti terzi profit per finalità commerciali, senza previo apposito consenso dei pazienti, potrebbe avvenire chiedendo un’autorizzazione al Garante privacy e dimostrandogli di aver adottato misure appropriate per tutelare i diritti, le libertà e i legittimi interessi dei pazienti stessi; cionondimeno, a sfavore della concreta applicabilità di tale ipotesi operativa, vi sarebbe la circostanza che la mancata pronuncia del Garante entro quarantacinque giorni dalla domanda costituisce – stante il tenore letterale della norma – un vero e proprio “silenzio rifiuto”, cosicché il diniego dell’autorizzazione in parola potrebbe essere imputabile non al fatto che la cessione di dati e risultati proposta sia priva dei requisiti e delle condizioni privacy richiesti, bensì, ad esempio, alla materiale impossibilità degli uffici del Garante di esaminarla nei tempi imposti dalla legge per carenza di personale o situazioni strutturali contingenti.

Alla luce di ciò, si potrebbe allora ricorrere alla soluzione operativa delineata dal comma 3 dell’art. 110-bis del Codice privacy, in base alla quale, nel caso di specie, il Garante potrebbe autorizzare la cessione a soggetti terzi profit di dati e risultati di una ricerca non profit, mediante un provvedimento generale (contenente altresì le condizioni di detto trattamento unitamente alle misure necessarie per assicurare adeguate garanzie a tutela degli Interessati, ossia degli aderenti allo studio originario). Questa soluzione avrebbe l’evidente pregio di introdurre, una volta per tutte, prescrizioni generalizzate sulla questione in parola, senza dover ricorrere, ogni volta, all’impulso del singolo soggetto.

Conclusioni

A ben vedere, le possibili alternative al consenso del paziente, al fine di tentare di individuare una base giuridica diversa per la cessione di dati e risultati disciplinata dal D.M. del 2021, sono tutte caratterizzate dalla necessità di un intervento proattivo del Governo, del Garante privacy o di un’altra Pubblica Autorità, e ciò non risponde, inevitabilmente, all’esigenza attuale e immediata di far partire degli studi senza scopo di lucro, condotti da Promotori non profit, che prevedano la possibilità di un successivo utilizzo dei loro dati e risultati per finalità registrative profit.

Pertanto, nelle more del predetto intervento pubblico (a qualsiasi livello), per evitare che la neo introdotta normativa – volta proprio a facilitare e sostenere la ricerca scientifica nonché la cessione dei database ad essa correlata – rimanga impantanata e inapplicata per questioni di privacy, l’unica soluzione praticabile sin da subito potrebbe essere quella di richiedere agli aderenti a studi senza scopo di lucro un loro separato consenso all’eventuale futura cessione dei propri dati personali a soggetti terzi profit, cercando, se non si è già in grado di individuare il cessionario, di determinarne almeno alcuni requisiti minimi o caratteristiche essenziali, con l’unico intento di rendere il citato consenso meno generico e indefinito possibile.

Naturalmente, ciò non toglie che gli operatori del settore, pubblici e privati, non profit e profit, dovrebbero agire congiuntamente per chiedere al Garante privacy di esprimersi finalmente in maniera organica e articolata su un ambito, come quello della ricerca medico-scientifica, che in Italia è e continuerà ad essere in futuro particolarmente strategico, magari seguendo l’esempio dell’emanazione del recente “Codice di condotta per il trattamento dei dati personali nel campo della sperimentazione clinica e di altre ricerche cliniche e della farmacovigilanza”, promosso dall’associazione imprenditoriale nazionale dell’industria farmaceutica spagnola, ma approvato in toto dalla Agencia Española de Protección de Datos (Aepd), ossia il Garante privacy iberico.

Note

  1. Per “risultati” non si intendono aggregati di dati puramente statistici o assolutamente anonimi (posto che in detti casi non si pone alcun problema privacy), bensì dati ancora definibili come “personali”, in quanto, ad esempio, essendo trattati in forma pseudonimizzata, sono comunque ancora riferibili, mediante un processo a ritroso, a persone fisiche identificabili.
  2. Confronta il “Parere n. 3/2019 relativo alle domande e risposte sull’interazione tra il regolamento sulla sperimentazione clinica e il regolamento generale sulla protezione dei dati”, adottato dal Comitato europeo per la protezione dei dati il 23 gennaio 2019, nonché il “Documento del Comitato europeo per la protezione dei dati sulla risposta alla domanda di chiarimenti della Commissione europea in merito all’applicazione coerente del GDPR, con un’attenzione particolare alla ricerca in campo sanitario”, adottato dal Comitato europeo per la protezione dei dati il 2 febbraio 2021.
  3. A tal proposito, si veda il paragrafo 3.3. del Protocolo de actuación en ensayos clínicos y otras investigaciones clínicas, contenuto nel “Código de Conducta regulador del tratamiento de datos personales en el ámbito de los ensayos clínicos y otras investigaciones clínicas y de la farmacovigilancia”, promosso dalla Asociación Nacional Empresarial de la Industria Farmacéutica establecida en España (ossia, dall’associazione imprenditoriale nazionale dell’industria farmaceutica spagnola), ma approvato in toto dalla Agencia Española de Protección de Datos (Aepd) (ossia il Garante privacy iberico).
WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2