protezione dati

Cookie wall dei giornali, non è questione di “prendere o lasciare”: ecco perché

Il Garante privacy e il Codice del Consumo non pongono divieti o limitazioni all’utilizzo del cookie wall, fermo restando l’adozione di un sistema che rispetti le caratteristiche del consenso e la corretta ed esaustiva informazione al consumatore. Su un tema tanto dibattuto serve tuttavia una riflessione strutturata

27 Ott 2022
Fabiola Iraci Gambazza

Studio Legale E-Lex

Giovanni Maria Riccio

Professore di Diritto comparato nell'Università di Salerno e socio dello Studio Legale E-Lex (Roma)

linee guida cookie garante privacy

Nell’ultima settimana, alcune tra le più note testate giornalistiche hanno introdotto sui loro siti web un filtro che condiziona l’accesso ai contenuti. L’utente, alternativamente, può visualizzare il contenuto del sito scegliendo di sottoscrivere un abbonamento (paywall) o rilasciare il consenso all’installazione di cookie e/o strumenti di tracciamento di dati personali (cookie wall).

In particolare, l’iniziativa ha acceso un’ampia discussione con riguardo alla dubbia liceità dell’adozione dei cookie wall, tema ampiamente discusso – e frutto di già numerosi contrasti – in ambito europeo da parte delle Autorità garanti per la protezione dei dati personali. I maggiori critici dell’iniziativa sostengono che tale tecnica non consentirebbe di fornire una scelta libera all’utente, introducendo una sorta di politica del “prendere o lasciare?”, in contrasto con la normativa privacy vigente.

Cookie wall sui siti dei giornali, ecco il nodo privacy da chiarire

I cookie wall sono leciti o illeciti?

Ma è davvero così?

Per fornire una risposta al dibattuto quesito “i cookie wall sono leciti o illeciti?”, si ritengono necessari alcuni chiarimenti, sia con riguardo alla normativa vigente e alle relative posizioni dei Garanti europei, sia con riferimento all’attuale disciplina consumeristica, in seguito alla recentissima modifica dello scorso anno.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Che cos’è un cookie wall

Innanzitutto, giova ricordare che cosa si intende per cookie wall.

Semplificando, per cookie wall si intende qualsiasi tecnica, tra cui un blocco, un popup, che permette la visualizzazione del contenuto del sito web solo previo consenso all’uso dei cookie o altre tecnologie di tracciamento di dati personali. Il cookie wall, quindi, agirebbe come un vero e proprio muro, impedendo la fruibilità del sito, se non a valle di una prestazione del consenso al trattamento dei dati personali.

La condizione sarebbe quindi la seguente: o rilasci il consenso al trattamento dei dati per il tramite dei cookie o non accedi al sito.

Cosa prevede la normativa sulla protezione dei dati in materia di consenso

Sorge, pertanto, spontaneo domandarsi se il rilascio del consenso alle condizioni imposte dal cookie wall sia conforme alla normativa sul trattamento dei dati personali, di cui al Regolamento UE 679/2016 (GDPR).

Il consenso rappresenta una delle basi giuridiche di cui all’art. 6 del Regolamento, le cui caratteristiche sono precisate all’art. 7 e al considerando 32 dello stesso Regolamento, nonché nelle Linee guida sul consenso 5/2020 pubblicate dall’European Data Protection Board (“EDPB”) nel 2020. Quando un trattamento si fonda sul consenso, il titolare del trattamento deve essere capace di provare che l’interessato abbia prestato il proprio consenso, la cui validità è condizionata dall’aver reso un’informativa sul trattamento dei dati, ai sensi degli artt. 13 e 14 del GDPR, nonché dall’aver espresso la manifestazione della volontà in modo libero, specifico, informato e inequivocabile. L’EDPB chiarisce che l’interessato deve essere posto nella condizione di compiere una scelta effettiva, senza alcuna imposizione o obbligo, in modo libero, con la possibilità di rifiutarsi o revocare il consenso in un momento successivo.

Le finalità per le quali l’interessato rende il consenso devono essere precisate da parte del titolare e, inoltre, se ne sussiste più di una, il consenso deve essere reso distintamente per ognuna di esse. Non è tantomeno permesso un consenso tacito o presunto o implicito.

Pertanto, chiarite le caratteristiche essenziali del consenso, queste ultime sono rispettate nel modello di cookie wall adottato dalle testate giornalistiche?

Analizzando la tecnica di wall utilizzata, l’accesso al sito è subordinato alla scelta alternativa dell’utente di sottoscrivere un abbonamento o di prestare il consenso ai mezzi di tracciamento. L’utente è immediatamente informato sulle modalità di visualizzazione e fruibilità del sito ed è posto nella posizione di scegliere, selezionando consapevolmente una delle due modalità alternative proposte.

La soluzione, pertanto, consentirebbe di rispettare le caratteristiche del consenso di cui alla normativa sulla protezione dei dati. Il consenso può dirsi sia libero ed inequivocabile, in quanto l’interessato dispone di una scelta effettiva, garantita dal fatto che il sito fornisce alternativamente la possibilità di scegliere se prestare o meno il consenso oppure sottoscrivere un abbonamento, sia specifico, in quanto è espresso per una determinata finalità, ossia quella di accedere ai contenuti del sito. Inoltre, l’utente è altresì informato per il tramite della cookie policy caricata sul sito, con riguardo all’identità del titolare del trattamento, alle finalità del trattamento per il quale il consenso è richiesto, alle tipologie di dati e all’esistenza del diritto di revocare il consenso, nel rispetto del principio di trasparenza di cui all’art. 5 del GDPR.

Di là da tali puntualizzazioni, giova ricordare che la disciplina in materia di protezione dei dati personali, al pari della normativa consumeristica, poggia su di una scelta di policy, spesso dimenticata dal formalismo di taluni interpreti. Il legislatore comunitario, per mezzo dell’informativa privacy, così come per mezzo delle informazioni da fornire obbligatoriamente al consumatore, ha inteso riequilibrare (o, almeno, tentare di riequilibrare) le asimmetrie informative tra chi raccoglie dati (o, in ambito consumeristico) tra chi mette in commercio beni e servizi e gli utenti/consumatori.

La questione dei cookie wall, quindi, a parere di chi scrive, dovrebbe essere affrontata partendo da questo assunto, in particolare dalla completezza delle informazioni fornite all’utente in merito alle modalità e alle finalità del trattamento: è possibile che l’utente sia consapevole nel momento in cui concede il proprio consenso?

Al tempo stesso, appare utile – nel bailamme delle opinioni talora frettolose che si sono susseguite negli ultimi giorni – evidenziare altri due aspetti. Il primo: il dato personale, di per sé, non è un diritto fondamentale, ma è un bene giuridico, ai sensi dell’art. 810 del Codice civile. È, cioè, una cosa che può formare oggetto di diritti. Il diritto fondamentale, di cui alla Carta di Nizza, è la protezione dei dati personali, non i dati in quanto tali.

Da tale primo punto, ne discende anche un secondo. I dati personali sono sottratti a qualsivoglia atto di disposizione negoziale? La questione, che è strettamente tecnico-giuridica (dove spesso i giuristi che si occupano di data protection dimenticano spesso di esserlo) e non può essere rimessa a valutazione emozionali e all’idea che i dati personali non possano, né debbano essere in nessun caso oggetto di un rapporto contrattuale.

Del resto, è appena il caso di ricordare che Stefano Rodotà, sicuramente il più grande studioso della materia, non solo italiano, in epoche oramai lontane, all’indomani dell’approvazione della Legge 675/96, che introduceva nel nostro ordinamento giuridico la prima legge sulla protezione dei dati personali, rispondeva in senso affermativo a tale domanda (per chi volesse leggerlo o rileggerlo, è la prefazione al volume curato da Cuffaro, Ricciuto e Zeno-Zencovich). Nello stesso senso, in anni recenti, si è espressa anche autorevole dottrina civilistica, ammettendo che i dati personali possano trovare cittadinanza nell’ambito di una fattispecie negoziale.

Al più, e qui la questione diviene ancora più tecnica, si potrebbe discutere se i dati personali possano essere controprestazione, all’interno di un rapporto contrattuale, o, al più, possano essere un elemento accessorio: sul punto, del resto, l’art. 6 GDPR non appare del tutto chiaro e si presta ad interpretazioni contrastanti. È tema complesso, tuttavia, che mal si presta ad un articolo divulgativo, pensato per una rivista generalista e che, quindi, ci vediamo costretti a rinviare ad altra sede.

Cookie wall degli editori? Cataleta: “Pratica ambigua, ben venga il Garante”

La posizione delle Autorità garanti europee in materia di cookie wall

In materia di cookie wall, le Autorità garanti per la protezione dei dati non hanno assunto, dal 2019 fino ad oggi, una posizione univoca, adottando differenti Linee guida dal tenore diverso.

Nel marzo 2019, l’Autorità garante dei Paesi Bassi, in seguito a numerose denunce, ha assunto una posizione netta, dichiarando l’illiceità dell’approccio definito “take it or leave it” adottato dal cookie wall. L’Autorità ha chiarito che l’utente non è effettivamente libero di prestare il consenso al trattamento dei dati e, pertanto, il sistema non è conforme al GDPR [1]. Differentemente, l’Autorità garante per la protezione dei dati britannica (“ICO”), sempre nel 2019, ha sostenuto che, sulla base anche di quanto affermato dal Considerando 25 della Direttiva ePrivacy[2], non sempre il cookie wall può essere considerato “intrusive” o comportante un “high risk”. L’ICO ha sostenuto che la protezione dei dati personali deve pur sempre essere bilanciata con altri diritti fondamentali, inclusa la libertà di iniziativa economica[3].

La posizione dell’Autorità garante per la protezione dei dati spagnola (“AEPD”) si è conformata a quella adottata dall’Autorità olandese, ribadendo che – anche in seguito all’aggiornamento delle linee guida sui cookie alla luce delle sopracitate Linee guida sul consenso dell’EDPB – i muros de cookies sono da ritenere illeciti, nella misura in cui la mancata prestazione del consenso impedisce l’accesso al sito. L’AEPD ha aggiunto di prestare attenzione nei casi in cui l’impedimento potrebbe rappresentare altresì un ostacolo all’esercizio di un diritto da parte dell’interessato per il quale necessita utilizzare delle funzionalità del sito.

Per ultimo, in Francia, l’Autorità garante (“CNIL”) si è espressa negativamente circa l’utilizzo dei murs de traceurs. Tale posizione, tuttavia, è stata fortemente contestata dalle società di edizioni francesi, le quali hanno impugnato di fronte al Conseil d’État le decisioni della CNIL sul tema. Con la decisione del 19 giugno 2020, il Conseil d’État si è pronunciato affermando che, nonostante vi sia l’esigenza di un rilascio di un consenso libero, non può essere un’interdizione generale relativamente alla pratica dei cookie wall. I giudici francesi, difatti, hanno specificato che la libertà di prestare il consenso deve essere apprezzata caso per caso, tenendo conto dell’effettiva esistenza di un’alternativa reale e soddisfacente, proposta in caso di rifiuto all’uso dei cookie[4]. In seguito alla pronuncia da parte del Consiglio di Stato francese, la CNIL ha proceduto all’aggiornamento delle Linee guida sui cookie, precisando dei preliminari criteri di valutazione, quali ad esempio: i) nel caso di rifiuto, l’interessato deve avere un’alternativa reale ed equivalente all’utilizzo dei cookie; ii) un’alternativa consistente nel pagamento di una tariffa per un servizio è concessa, a patto che sia ragionevole il corrispettivo richiesto[5].

Cosa succede in Italia: l’intervento del Garante privacy

Anche l’Autorità italiana garante per la protezione dei dati è intervenuta sul tema cookie con le Linee guida aggiornate nel giugno 2021.

Con riguardo al cookie wall, il Garante italiano, in linea con il precedente provvedimento del maggio 2014, si è concentrato sulle caratteristiche del consenso, affermando che non è escluso che lo scrolling o il cookie wall possano rappresentare delle procedure di acquisizione del consenso lecite, se queste consistono in “una delle componenti di un più articolato processo” la quale permette al soggetto interessato di manifestare in modo inequivoco e consapevole, nonché registrabile, il proprio consenso. Rappresenta un’espressione della piena autonomia del titolare del trattamento, in conformità con il principio di accountability, l’individuazione di soluzioni adeguate e conformi alla disciplina sul trattamento dei dati. Con riferimento all’acquisizione del consenso online, i titolari del trattamento, pertanto, possono adottare delle modalità alternative ed equivalenti, tali da assicurare, in ogni caso, la non equivocabilità.

Alla luce dell’adozione del cookie wall da parte delle note testate giornalistiche, il Garante, con le relative comunicazioni del 18 e del 21 ottobre, ha avviato preliminarmente l’esame delle iniziative e, di seguito, una serie di istruttorie[6].

Sul punto, merita segnalare altresì che, in seguito alla modifica del Codice del Consumo, entrata in vigore con il Decreto legislativo del 29 ottobre 2021 e attuativo della Direttiva UE 2019/770 sui contratti di fornitura di contenuti digitali e di servizi digitali, è stata introdotta la possibilità di utilizzare i dati personali quali corrispettivo per i servizi digitali. L’art. 135 octies, commi 3 e 4 prevedono che la disciplina consumeristica si applica a qualsiasi contratto che ha ad oggetto un contenuto digitale o un servizio al consumatore e il relativo corrispettivo è costituito da dati personali dello stesso consumatore.

La disciplina consumeristica, pertanto, consentirebbe il pagamento di un determinato corrispettivo per il tramite di dati personali, così come proposto dalle stesse testate giornalistiche nel nuovo modello di cookie wall.

Peraltro, sorge spontaneo osservare, sia nell’ottica consumeristica e sia in quella di protezione dei dati, che per arginare l’asimmetria informativa intrinseca ed ineliminabile nei rapporti anzidetti è sufficiente informare in modo specifico il consumatore con riguardo alle attività svolte, garantendo la piena consapevolezza della parte debole.

Tenuto conto delle predette riflessioni, né la posizione del Garante né tantomeno la disciplina di cui al Codice del Consumo, porrebbero effettivi divieti o limitazioni all’utilizzo del cookie wall, fermo restando l’adozione di un sistema che consente al titolare del trattamento di rispettare quanto previsto sia con riguardo alle caratteristiche del consenso sia per quanto riguarda la corretta ed esaustiva informazione al consumatore.

Conclusioni

Alla luce delle considerazioni già emerse, sembrerebbe, quindi, che la risposta al quesito di cui al titolo del presente articolo non possa che essere negativa. Non si tratta di un prendere o lasciare, quanto, a ben vedere, di una vera e propria scelta consapevole.

Siano però consentite delle osservazioni conclusive, di sistema, in un “mondo”, quello della protezione dei dati, in cui gli interpreti si distinguono, troppo spesso, per un approccio squisitamente formalistico alla materia.

La prima è certamente l’assenza di un’armonizzazione nell’applicazione della disciplina applicabile, alla luce delle differenti posizioni assunte dalle Autorità garanti nazionali. Tale circostanza crea inevitabilmente una grossa problematica in tema di uniformità nell’applicazione del diritto e, di conseguenza, in termini di certezza del diritto. Questione che, tuttavia, per l’obbligatorietà e l’applicabilità di un Regolamento non dovrebbe prefigurarsi: il risultato potrebbe tradursi in un elevato rischio nella gestione dei flussi dei dati all’interno dell’Unione Europea.

Un secondo aspetto concerne il tema della “patrimonializzazione dei dati”, sorto, in seguito, alla nota vicenda che ha coinvolto Facebook dinanzi ai giudici amministrativi. Il Consiglio di Stato, in particolare con la sua pronuncia del 2021 n. 2631, ha ritenuto che non possa ritenersi allo stato lecito il meccanismo utilizzato da Facebook, a fronte del proprio modello di business, in quanto il trattamento dei dati rappresenterebbe solo indirettamente una controprestazione al servizio fornito. Difatti, Facebook informa che l’uso della piattaforma è gratuita, invero, sfrutta i dati degli utenti per finalità commerciali e, di conseguenza, remunerative. Appare, dunque, evidentemente dissimile l’uso dei dati nel caso che interessa il presente articolo, ove, invece, i dati stessi rappresentano un corrispettivo a tutti gli effetti e, soprattutto, gli utenti ne sono esaustivamente informati e consapevoli.

Probabilmente, se si riflette sulla differenza tra il caso Facebook e la vicenda attuale dei cookie wall, la risposta è da rinvenire nelle informazioni fornite all’utente, nella chiarezza e trasparenza con cui le stesse sono rappresentate e, di conseguenza, nella consapevolezza degli utenti. Un approccio dogmatico o sensazionalistico, come quello assunto da alcune associazioni a difesa dei consumatori, dovrebbe condurre esclusivamente alla negazione assoluta dell’utilizzo dei cookie, al loro aprioristico rigetto, per cui tanto varrebbe vietare aprioristicamente la possibilità di farvi ricorso.

Al contrario, a nostro avviso, serve una riflessione strutturata, scevra da contrapposizioni simili a Guelfi e Ghibellini, che conduca a ragionare se, nell’attuale assetto del diritto civile europeo, si possa ragionare o meno, come la direttiva del 2019 impone, sul rapporto tra dati personali e rapporti contrattuali.

  1. https://autoriteitpersoonsgegevens.nl/nl/nieuws/websites-moeten-toegankelijk-blijven-bij-weigeren-tracking-cookies
  2. https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32002L0058&from=IT
  3. https://ico.org.uk/for-organisations/guide-to-pecr/guidance-on-the-use-of-cookies-and-similar-technologies/how-do-we-comply-with-the-cookie-rules/#comply12
  4. https://www.cnil.fr/fr/cookies-et-autres-traceurs-le-conseil-detat-rend-sa-decision-sur-les-lignes-directrices-de-la-cnil
  5. https://www.cnil.fr/fr/cookies-et-autres-traceurs/regles/cookie-walls/la-cnil-publie-des-premiers-criteres-devaluation
  6. https://www.garanteprivacy.it/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9815415 ; https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9816536
WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4