L'analisi

Coronavirus, la responsabilità aziendale per i contagi: ecco cosa dice la legge

Il ritorno in ufficio dopo il lockdown per l’emergenza sanitaria connessa all’epidemia di coronavirus porta a riflettere sull’eventuale responsabilità del datore di lavoro in caso di contagi e cosa bisogna fare per prevenirli pur garantendo la privacy

28 Mag 2020
Marta Cogode

Avvocato presso Studio Previti

Niccolò Olivetti

Praticante Avvocato presso Studio Previti

coronavirus-4817450_1920

Il rientro dei lavoratori in azienda a seguito del lockdown imposto dall’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del coronavirus, richiede di riflettere sulla possibilità di configurare ipotesi di responsabilità penale e civile, potenzialmente oggettiva, in capo al datore di lavoro in ipotesi di contagio.

Preliminarmente, ci si chiede quali siano gli strumenti di prevenzione e sorveglianza sanitaria che l’azienda può o deve adottare, per ridurre il rischio di contagio. Sul punto, il Garante della protezione dei dati personali con la pubblicazione di recenti FAQ esplicative ha fornito indicazioni per un corretto trattamento dei dati personali da parte delle imprese, chiarendo i presupposti per l’effettuazione dei test sierologici sul posto di lavoro

Il test sierologico

La particolare situazione emergenziale importa che la prosecuzione delle attività produttive possa avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino ai dipendenti adeguati livelli di protezione, pena la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza. In questo senso, il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dai rischi d’intesa con il medico competente. Quali sono, allora, i limiti del datore di lavoro e come si ripartiscono le competenze tra quest’ultimo e il medico competente? In prima battuta, nel caso in cui il datore di lavoro voglia richiedere ai propri dipendenti di sottoporsi a test sierologici, sarà compito del medico ponderare l’effettiva necessarietà degli stessi, partecipando in maniera proattiva nella valutazione del rischio.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Sul punto il Garante specifica che il datore di lavoro non può obbligare i propri dipendenti a sottoporsi ai test sierologici. Alla domanda “il datore di lavoro può richiedere l’effettuazione di test sierologici ai propri dipendenti?” il Garante risponde che “solo il medico competente, in quanto professionista sanitario, tenuto conto del rischio generico derivante dal coronavirus e delle specifiche condizioni di salute dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria, può stabilire la necessità di particolari esami clinici e biologici e suggerire l’adozione di mezzi diagnostici, qualora ritenuti utili al fine del contenimento della diffusione del virus e della salute dei lavoratori”.

Spetterà, quindi, al medico competente:

  • stabilire la necessità di eventuali esami clinici e biologici;
  • proporre i test sierologi e conoscerne gli esiti;
  • suggerire l’adozione di esami specifici, qualora siano ritenuti utili al fine del contenimento della diffusione del virus, nel rispetto delle indicazioni fornite dalle autorità sanitarie, anche con riguardo alla loro affidabilità.

In ogni caso il datore di lavoro potrà:

  • comunicare ai propri dipendenti l’esistenza di campagne di screening avviate dalle autorità sanitarie competenti a livello regionale relative ai test sierologici;
  • offrire agli stessi la possibilità di effettuare i test sierologici, presso strutture sanitarie pubbliche e private, il cui costo potrebbe esser a carico della stessa azienda.

A fronte di dette iniziative il dipendente è libero di aderire e sottoporsi volontariamente allo screening.

Trattamento dei dati del dipendente positivo

Nel caso in cui sia necessario trattare i dati di una persona risultata positiva al coronavirus, la tutela della riservatezza del contagiato assume primaria importanza, anche al fine di arginare possibili episodi di discriminazione perpetrati da altri dipendenti a danno dello stesso. Per tali ragioni, il datore di lavoro non potrà avere contezza e, dunque, trattare i dati relativi alla diagnosi (ad esempio, consultando il referto) ma dovrà limitarsi a comunicare all’autorità sanitaria il nominativo del contagiato, collaborando, altresì, alla ricostruzione della catena epidemiologica. Invero, potrà solamente trattare i dati relativi al giudizio di idoneità del prestatore, con specifica attenzione alla mansione svolta e alle eventuali prescrizioni e limitazioni che il solo medico competente avrà il compito di stabilire.

D’altra parte, il medico, consapevole dello stato clinico del singolo lavoratore contagiato, sarà competente a chiederne la ricollocazione in locali meno esposti al rischio infettivo pur senza indicare al datore la patologia. Occorre, con riguardo a questa problematica, per evitare interpretazioni possibilmente errate, segnalare l’antinomia -solo apparente- che potrebbe emerge dalla lettura sistematica delle disposizioni di cui al punto 11 del “Protocollo per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”, del 24 Aprile 2020 (di seguito “Protocollo”) e delle FAQ. Più specificamente, il richiamato punto 11 del Protocollo prevede che il lavoratore presente in azienda, nel caso in cui sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria, debba avvisare l’ufficio del personale che provvederà al preventivo isolamento del lavoratore e, di concerto con le autorità sanitarie competenti, alla relativa gestione del caso di contagio.

Di contro, le FAQ non parlano di ufficio del personale, facendo generico riferimento al datore di lavoro e al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Appare evidente che la lettura combinata delle previsioni e il necessario rispetto non solo delle norme relative alla tutela della sicurezza sul lavoro ma anche alla tutela dei dati personali, porta alla possibile creazione di diversi flussi di dati, che dovranno essere opportunamente gestiti. Di seguito una possibile esemplificazione:

  • il datore viene a conoscenza della sussistenza di un’ipotesi di contagio perché comunicata dal medico competente o dal lavoratore, per esempio anche attraverso autodichiarazione. In tale circostanza, secondo la FAQ n. 5, scatterà per il datore di lavoro l’obbligo “di comunicare i nominativi del personale contagiato alle autorità sanitarie competenti e collaborare con esse per l’individuazione dei contatti stretti”;
  • l’ufficio del personale viene a conoscenza dell’ipotesi di contagio in ottemperanza al punto 11 del Protocollo. In questa ipotesi, salva che non ci sia una delega, sarà l’ufficio del personale che ne darà comunicazione al datore di lavoro che procederà secondo quanto previsto dal punto precedente;
  • il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, pur trattando di regola i dati in forma aggregata, potrebbe venire a conoscenza di informazioni che permettano di indentificare taluni lavoratori contagiati. In questo caso, lo stesso dovrà continuare a svolgere i propri compiti consultivi, di verifica e di coordinamento, offrendo la propria collaborazione al medico competente e al datore di lavoro, non essendo però previsto né l’obbligo di comunicazione alle autorità sanitarie né l’adempimento dei compiti sopra descritti che rientrano, in base alle norme di settore, tra le specifiche attribuzioni del datore di lavoro.

Appare evidente che la ratio è quella di tutelare la riservatezza dei lavoratori: se si diffondesse la notizia del contagio tra gli altri dipendenti oltre a un trattamento illecito dei dati, irrispettoso dei principi di minimizzazione e di limitazione delle finalità, non potrebbero escludersi fenomeni di mobbing orizzontale e di discriminazione. Di contro, ci si chiede su chi gravi l’onere di informare gli altri dipendenti che abbiano avuto stretti contatti con il contagiato anche al fine di arginare i rischi collegati al diffondersi del virus. Alla questione risponde il Garante con la FAQ n. 6 a mente della quale: “al fine di tutelare la salute degli altri lavoratori, in base a quanto stabilito dalle misure emergenziali, spetta alle autorità sanitarie competenti informare i “contatti stretti” del contagiato, al fine di attivare le previste misure di profilassi”.

La responsabilità del datore

Il Decreto c.d. “Cura Italia” ha previsto la copertura Inail per gli assicurati che contraggono un’infezione da coronavirus in occasione dell’attività lavorativa e nei locali a ciò preposti. Copertura riconosciuta anche all’interno del Dossier redatto dal servizio studi parlamentare e dallo stesso ente assicurativo con la circolare n.13/2020, dove l’infezione viene pacificamente inquadrata a tutti gli effetti come un infortunio sul lavoro. La qualificazione della fattispecie in questi termini ha causato una fortissima preoccupazione, anche da parte dei consulenti del lavoro. È stato rilevato, infatti, che il datore di lavoro, anche ottemperando alle prescrizioni, possa venire coinvolto sul piano penale per i reati di lesioni o di omicidio colposo.

Come noto, l’art. 42 c.p. dispone che “la legge determina i casi nei quali l’evento è posto altrimenti a carico dell’agente come conseguenza della sua azione o omissione”. Secondo l’opinione dominante, il comma fa riferimento ai casi di responsabilità oggettiva che deriva la sua radice storica dal noto brocardo “qui in re illicta versatur, tenetur etiam pro casu”. In altri termini, quando non c’è la possibilità di configurare un rimprovero per dolo o colpa in relazione al fatto antigiuridico commesso, l’illecito verrà imputato all’agente in base al solo rapporto di causalità materiale. In materia penale, i tentativi di giustificare le ipotesi di responsabilità oggettiva come eccezioni al principio di colpevolezza sono stati osteggiati perché confliggenti con i principi di garanzia. Si potrebbe ritenere responsabile il datore di lavoro che ha disposto il rientro in ufficio dei propri dipendenti e, uno di questi, recandosi sul posto di lavoro mediante l’utilizzo di mezzi pubblici, abbia contratto il virus?

Si evidenziano numerose criticità, soprattutto con riguardo all’accertamento del nesso eziologico. A meno che il datore non si palesi manifestatamente inerte nel dare impulso ai moniti legislativi, si tratterebbe piuttosto di una probatio diabolica, considerato che anche la comunità scientifica non sembra aver ancora sciolto le proprie riserve sulle modalità di contagio, ed i sistemi di contact tracing, allo stato dell’arte, non permettono di ricostruire con sufficiente certezza le linee di diffusione del virus. Anche l’INAIL ha infatti precisato che affinché possa essere accertata la responsabilità del datore di lavoro è sempre necessaria la sussistenza della colpa o del dolo nella determinazione della fattispecie.

Conclusione

In una situazione di emergenza complessa come quella in cui ci troviamo si ritiene che, l’azienda abbia anzitutto il dovere giuridico, oltre che morale, di salvaguardare la salute dei propri lavoratori e di trattare con accortezza i dati relativi ad essi. In quest’ottica, si renderà obbligatoria l’applicazione di protocolli di sicurezza e l’istituzione di un comitato ad hoc per la verifica, l’attuazione ed implementazione degli stessi in conformità con le disposizioni privacy vigenti, fondamentali per una rapida ripresa del tessuto economico e sociale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4