L'analisi

Dati personali, l’Europa punta alla “condivisione con tutele”

La Commissione Ue calcola che nell’area dell’UE a 27 Stati la condivisione dei dati personali possa generare un valore di circa 830 miliardi di euro nel 2025. E i suoi legislatori guardano a strumenti tecnologici per renderlo sempre più “protetto”

11 Nov 2022
Giuseppe D'Acquisto

Funzionario del Garante per la protezione dei dati personali, Titolare dell’insegnamento di intelligenza artificiale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università LUISS Guido Carli

Data Trust: opportunità e nodi da sciogliere nell'uso dei dati personali

C’è un enorme interesse dei legislatori europei circa la possibilità di estrarre valore economico dai dati (anche personali) attraverso la loro condivisione. La condivisione dei dati è infatti uno dei pilastri della strategia europea per i dati[1], sull’assunto che rendere disponibili più dati e facilitarne la condivisione tra settori diversi e in una scala sovranazionale è il passaggio chiave per sviluppare servizi innovativi a vantaggio dei cittadini e delle imprese europee.

The Future of Your Personal Data - Privacy vs Monetization | Stuart Lacey | TEDxBermuda

Condivisione e protezione dei dati personali nella strategia europea

Nelle previsioni della Commissione Europea, che di questa strategia è l’artefice, l’effetto della condivisione sarà quantificabile nell’area dell’UE a 27 Stati in un valore economico di circa 830 miliardi di euro nel 2025[2]. Si tratta di un valore ragguardevole, interamente fondato sul trattamento di dati (personali e non), pari a circa la metà del PIL di un paese come l’Italia e con tassi di crescita a due cifre, ed esistono già importanti iniziative legislative volte a regolamentare la condivisione dei dati sia nel settore pubblico che in quello privato.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Ad esempio, il Data Governance Act, entrato in vigore il 23 giugno 2022 e pienamente applicabile da settembre 2023[3], introduce e promuove meccanismi per aumentare la disponibilità dei dati del settore pubblico e superare gli ostacoli tecnici al riutilizzo dei dati nell’interesse generale.

Gli intermediari dei dati

Questo obiettivo è reso possibile attraverso una serie di misure concrete che facilitano la condivisione dei dati, che vanno dalla creazione di nuove figure che svolgano il ruolo di “intermediari dei dati”, in grado di creare ambienti di elaborazione (o data room) in cui i dati siano accessibili in modo sicuro, allo sviluppo di nuovi accordi contrattuali tra il settore pubblico e il (ri)utilizzatore dei dati per garantire che la privacy e la riservatezza dei dati siano pienamente rispettate nelle situazioni di riutilizzo.

Le regole dell’EU Data Act

Allo stesso modo, nel settore privato, l’EU Data Act, presentato dalla Commissione UE il 23 febbraio 2022[4], stabilirà le regole per creare nuovo valore dai dati che sono nella disponibilità dei singoli interessati (consumatori o utenti di servizi) e delle imprese, chiarendo chi può accedere a tali dati e a quali condizioni.

L’EU Data Act renderà disponibili più dati per la condivisione tra imprese, cittadini e pubbliche amministrazioni attraverso misure innovative, quali la promozione di formati interoperabili per lo scambio di dati, la rimozione di eventuali squilibri contrattuali che ostacolano la condivisione dei dati, la definizione dei casi in cui gli enti pubblici possono trattare questi dati per il raggiungimento di finalità di interesse generale.

Data Act: cosa prevede la norma europea su accesso e riuso dei dati “smart”

Possono coesistere privacy e condivisione dei dati?

Proviamo a osservare la questione dal punto di vista della protezione dei dati. È di tutta evidenza che quando due o più soggetti decidono di condividere i propri dati (personali e non), ciò che li muove è la considerazione che così facendo essi si mettono nella condizione di scoprire, attraverso l’effettuazione di trattamenti o calcoli matematici, nuovi fenomeni relativi agli individui o alla società nel suo insieme. Si tratta di una constatazione tanto evidente quanto banale.

È assai meno evidente e banale provare a ragionare su come sia possibile garantire che questa creazione di nuovo “valore” non avvenga a spese della riservatezza dovuta ai dati personali, e neppure a discapito del valore economico che le informazioni commerciali rivestono e che le imprese assai gelosamente custodiscono. A prima vista “protezione dei dati” (personali e non) e “condivisione dei dati” (personali e non) sembrano essere concetti del tutto opposti e obiettivi in conflitto.

Per provare ad avvicinare questi due concetti, senza che si respingano come farebbero i due poli dello stesso segno di due calamite, occorre creare un quadro concettuale che faccia da sfondo a ogni valutazione di natura tecnica, giuridica o economica, e che parta proprio dalla nozione di “condivisione”.

Il nodo inestricabile delle garanzie

In una visione naïve, una condivisione si realizza quando due parti che detengono separatamente alcuni insiemi di dati si scambiano direttamente quei dati. Se questo accade, è pacifico constatare che in effetti esiste un conflitto molto profondo tra “protezione dei dati” e “condivisione dei dati”.

Nel caso più generale, infatti, le due parti coinvolte nella condivisione saranno entità separate che risponderanno a obiettivi economici possibilmente divergenti ed è molto difficile, in termini concreti e su un piano di effettività dei risultati, pensare di realizzare una forma di protezione dei dati.

Come possiamo garantire che, una volta condivisi i dati, la parte ricevente non li utilizzerà per uno scopo diverso, o che non ne conserverà una copia per il raggiungimento di un proprio scopo?

La protezione dei dati “comportamentale”

Per scongiurare questi rischi si può solo contare su una forma di protezione dei dati “comportamentale”, basata sul rispetto di obblighi di legge o contrattuali, certamente molto importante da auspicare, ma anche molto difficile (o almeno molto lenta) da far rispettare su larga scala, in un quadro di condivisione così diffusa come è lecito aspettarsi dopo l’entrata in vigore di questi nuovi strumenti normativi.

In uno scenario di condivisione naïve di dati, ogni caso sarebbe un caso particolare e richiederebbe misure tecniche e organizzative di tutela diversificate, con il risultato di rendere quantomeno problematico l’enforcement dei principi e l’esercizio di diritti, che invece dovrebbero essere integralmente preservati (come peraltro dichiarano esplicitamente di voler fare questi regolamenti, che non nascono per annullare le tutele privacy, ma con l’obiettivo di conciliarle con questa idea di sviluppo).

La strada maestra è la condivisione “protetta”

Bisogna dunque abbandonare, piuttosto velocemente, questa interpretazione naïve del concetto di condivisione dei dati e muoversi verso una rappresentazione un po’ più evoluta, in cui la condivisione sia mediata attraverso l’applicazione di strumenti tecnologici che rendono la condivisione “protetta”.

In questa mediazione si concretizza la protezione dei dati. Non necessariamente si deve pensare alla creazione di ambienti fisici dedicati o a server gestiti da “terze parti fidate”.

La mediazione è piuttosto realizzata attraverso un insieme di regole di trasformazione dei dati, concordate dalle parti e mutuamente verificabili, in modo tale che se una delle parti sfugge a queste regole o tenta di fare qualcos’altro con i dati, la condivisione non può aver luogo e il risultato di un trattamento o di un calcolo matematico non può essere ottenuto.

Il valore economico associato alla condivisione del dato non può, cioè, essere estratto, a svantaggio della collettività.

Queste regole rispondono a due rilevantissime esigenze di “protezione” dei dati: da una parte la necessità di garantire la massima confidenzialità reciproca dei dati condivisi tra le parti coinvolte nella condivisione (c.d. input privacy problem), dall’altra la necessità di limitare il rischio che dalla conoscenza dei risultati del trattamento, o del calcolo matematico, sia possibile risalire o, più correttamente, ricostruire i dati condivisi (c.d. output privacy problem).

Obiettivo difficile ma possibile

Solo se queste esigenze saranno soddisfatte “protezione dei dati” e “condivisione dei dati” non saranno concetti contraddittori. Si tratta di un obiettivo estremamente complesso, ma possibile da raggiungere, che richiederà l’applicazione, anche congiunta, di tecniche crittografiche e di “disclosure control” ampiamente studiate da decenni e che adesso dovranno essere concretamente impiegate.

Oggi le tecniche di data protection engineering sono sufficientemente mature per guardare alla “condivisione con tutele”, ossia alla piena applicazione dei principi della protezione dei dati in uno scenario di ampia condivisione e riuso degli stessi, come a un obiettivo possibile, e questa prospettiva è in cima alle agende di molte istituzioni europee coinvolte nella realizzazione della strategia Europea per i dati.

Sicurezza come abilitatore di “condivisione con tutele”

L’agenzia Europea per la cybersecurity (ENISA), ad esempio, ha promosso una intera giornata di studi e di approfondimenti su questi temi[5], dalla quale è emerso che la sicurezza non è più soltanto uno strumento di protezione “difensiva” dei dati, ma un abilitatore di “condivisioni con tutele”, e dunque lo strumento tecnologico d’elezione per l’estrazione del valore economico dai dati.

Anche in ambito UNECE, la Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite, è attualmente in corso una consultazione pubblica[6] sull’impiego di tecniche di Secure Multiparty Computing che facilitino e incentivino la condivisione di dati tra differenti organizzazioni (anche nel caso in cui queste perseguano interessi economici divergenti!) in modo sicuro e con garanzia di confidenzialità reciproca in vista del raggiungimento di uno specifico obiettivo di interesse comune o collettivo. Tutti gli stakeholder possono partecipare alla consultazione, ed è bene che partecipino a questa raccolta di idee.

Sono movimenti molto interessanti e promettenti, che sarà il caso di guardare con attenzione nel prossimo futuro.

Garanti privacy UE, ecco le basi per una nuova “data economy” etica

La sfida che attende i Garanti della Privacy

Infine, e molto significativamente, anche le Autorità di protezione dei dati sono perfettamente consapevoli della sfida che le attende. Basti leggere la dichiarazione congiunta rilasciata a margine della riunione delle Autorità del G7 riunite a Bonn nel mese di settembre[7], dal titolo “Promoting Data Free Flow with Trust“. Un passaggio di questa dichiarazione, in particolare, ci testimonia il livello di attenzione su queste nuove opzioni tecnologiche:

Privacy-enhancing technologies (PETs) – such as trusted research environments, federated learning, differential privacy, zero knowledge proofs, secure multiparty computation and homomorphic encryption – help organizations implement or improve data protection by design through processes which mask or transform personal data to reduce its identifiability. The use of PETs can facilitate safe, lawful and economically valuable data sharing that may otherwise not be possible, unlocking significant benefits to innovators, governments and the wider public. In recognition of these benefits we, as the G7 data protection and privacy authorities, will seek to promote the responsible and innovative use of PETs to facilitate data sharing, supported by appropriate technical and organizational measures.”

Come si legge, federated learning, differential privacy, zero knowledge proofs, secure multiparty computation e homomorphic encryption, che sono le tecniche crittografiche e di disclosure control candidate a realizzare questo cambio di paradigma dalla “condivisione naive di dati” verso una “condivisione di dati con tutele”, sono ritenute elementi necessari per l’estrazione di valore economico dai dati, che altrimenti non sarebbe possibile (that may otherwise not be possible).

C’è dunque un elevatissimo livello di attenzione tra i policy maker europei sul tema della condivisione dei dati e sull’efficacia delle misure di tutela. La via maestra appare l’applicazione di rigorose misure tecnologiche capaci di integrare la tutela direttamente nei trattamenti (nel pieno spirito del concetto di data protection by design del GDPR).

Ogni scorciatoia semplicistica, che provi a sfuggire dalla complessità di questa sfida e che non contempli la responsabilità di affrontarla compiutamente con gli strumenti più avanzati dell’ingegneria, ci allontanerà dalla soluzione del problema.

Note

  1. Communication from the Commission to the European Parliament, the Council, the European Economic and Social Committee and the Committee of the Regions, “A European strategy for data”, COM/2020/66 final, Brussels, 19.2.2020. https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/HTML/?uri=CELEX:52020DC0066
  2. https://ec.europa.eu/info/strategy/priorities-2019-2024/europe-fit-digital-age/european-data-strategy_en
  3. Regulation (EU) 2022/868 of the European Parliament and of the Council of 30 May 2022 on European data governance and amending Regulation (EU) 2018/1724 (Data Governance Act), https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=CELEX%3A32022R0868
  4. Data Act: Proposal for a Regulation on harmonised rules on fair access to and use of data, Brussels, 23 February 2022, COM(2022) 68 final, https://ec.europa.eu/newsroom/dae/redirection/document/83521
  5. Personal Data Sharing – Emerging Technologies, ENISA, 7 October 2022, https://www.enisa.europa.eu/events/personal-data-sharing-workshop-2022/personal-data-sharing-emerging-technologies
  6. Open technical consultation on Towards a trustworthy Multi-Party Secure Private Computing-as-a-service infrastructure for official statistics, United Nations Economic Commission for Europe (UNECE), https://statswiki.unece.org/display/IPP/Input+Privacy-Preservation+for+Official+Statistics+Home
  7. Communiqué: Promoting Data Free Flow with Trust and knowledge sharing about the prospects for International Data Spaces, G7 Germany 2022, https://www.bfdi.bund.de/SharedDocs/Downloads/EN/G7/Communique-2022.pdf?__blob=publicationFile&v=1

WHITEPAPER
Migrare l'ERP nel cloud pubblico: scopri la strada verso una maggiore sicurezza
Cloud
ERP
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4