il chiarimento

GDPR e trattamento automatizzato dei dati, le definizioni da chiarire

Il Gdpr si applica al trattamento interamente o parzialmente automatizzato di dati personali e al trattamento non automatizzato di dati personali contenuti in un archivio o destinati a figurarvi. Ma cosa s’intende per trattamento automatizzato e non e perché e necessario che i dati siano archiviati?

16 Set 2019
Antonino Polimeni

Avvocato, Polimeni.Legal

Angela Lo Giudice

Avvocato, Polimeni.Legal

Data-retention-e-gdpr

A oltre un anno dalla prima applicazione del GDPR, permangono dubbi sulla portata di alcune definizioni da cui, però, dipende l’operatività o meno dell’intero impianto normativo.

L’art. 2 del GDPR, nel suo primo paragrafo, (ambito di applicazione materiale) chiarisce, ad esempio, che il regolamento si applica al trattamento interamente o parzialmente automatizzato di dati personali e al trattamento non automatizzato di dati personali contenuti in un archivio o destinati a figurarvi.

Ma cosa s’intende per trattamento automatizzato/non automatizzato di dati personali e perché e necessario che i dati (nel trattamento manuale) siano archiviati ai fini dell’applicabilità del regolamento?

Il miglior modo per fare chiarezza è di partire, come sempre, dal dato normativo e nel caso di GDPR dai considerando.

Come noto, infatti, i “considerando” sono costituiti da una parte discorsiva, divisa in punti, che ha l’intento di spiegare compiutamente il senso dell’intero regolamento e di aiutare l’interprete nell’applicazione dei singoli articoli.

Ecco, il considerando 15 afferma che: “La protezione delle persone fisiche dovrebbe applicarsi sia al trattamento automatizzato che al trattamento manuale dei dati personali, se i dati personali sono contenuti o destinati a essere contenuti in un archivio.”

Aggiunge poi che “Non dovrebbero rientrare nell’ambito di applicazione del presente regolamento i fascicoli o le serie di fascicoli non strutturati secondo criteri specifici, così come le rispettive copertine.”

L’art. 2 del GDPR nel suo primo paragrafo, riproduce quanto affermato nella prima parte del considerando, imponendogli di conseguenza forza cogente.

In definitiva, pertanto, il GDPR si applica ai trattamenti interamente o parzialmente automatizzati e semplicemente per il fatto di avere questa caratteristica, oppure, al trattamento manuale sempre che i dati siano successivamente archiviati.

La definizione acquisisce ulteriore significato se posta in correlazione all’art. 4 par. 1 n.6, ai termini del quale per “archivio” debba intendersi “qualsiasi insieme strutturato di dati personali accessibili secondo criteri determinati, indipendentemente dal fatto che tale insieme sia centralizzato, decentralizzato o ripartito in modo funzionale o geografico”.

Trattamento automatizzato

In caso di trattamento automatizzato, come già detto, il GDPR troverà sempre applicazione. Ma quando un trattamento può dirsi interamente o parzialmente automatizzato?

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Il regolamento europeo offre degli spunti interpretativi, soprattutto all’interno del considerando 71 e dell’art. 4 par. 4, ma lo fa in modo indiretto, parlando di profilazione che, in realtà, ha una portata diversa.

Una definizione degna di questo termine, ci è invece fornita dagli interpreti per eccellenza del GDPR e cioè dal WP29 che, nelle linee guida sul processo decisionale automatizzato e profilazione (WP251) hanno ben chiarito cosa s’intenda per trattamento automatizzato affermando che:

“Il processo decisionale esclusivamente automatizzato consiste nella capacità di prendere decisioni impiegando mezzi tecnologici senza coinvolgimento umano. Le decisioni automatizzate possono essere basate su qualsiasi tipo di dati, ad esempio:

dati forniti direttamente dall’interessato (come le risposte a un questionario);

• dati osservati riguardo a una persona (come i dati relativi all’ubicazione raccolti tramite un’applicazione);

• dati derivati o desunti, come un profilo della persona che è già stato creato (ad esempio un punteggio sull’affidabilità creditizia).”

Conseguentemente, un trattamento parzialmente automatizzato è un trattamento automatizzato che prevede in qualche misura l’intervento umano.

In tutti questi casi, i rischi per le persone fisiche che potrebbero subire un pregiudizio concreto, sono molto elevati e in ciò trova giustificazione l’applicazione delle regole del GDPR.

Trattamento manuale

Una volta chiarito cosa sia il trattamento automatizzato, si comprende per converso in cosa consista il trattamento manuale dei dati. Un trattamento manuale è una qualsiasi operazione di trattamento (come la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la strutturazione, la conservazione, l’adattamento o la modifica, l’estrazione, la consultazione, l’uso, la comunicazione mediante trasmissione, diffusione o qualsiasi altra forma di messa a disposizione, il raffronto o l’interconnessione, la limitazione, la cancellazione o la distruzione) effettuato esclusivamente attraverso l’agere umano. Si ricorda inoltre che tale trattamento può essere effettuato sia in formato sia cartaceo che digitale.

In questo caso, perché i dati personali degli interessati trovino tutela occorre un quid pluris, ossia che i dati siano archiviati.

Ed infatti, tutto ciò che non è archivi(at)o, non soggiace alle regole del GDPR.

Una zona franca di informative, atti di nomina, registro dei trattamenti, senza obblighi in caso di data breach; un’isola felice che, ovviamente, fa gola a molti. La distinzione tra archivio e non archivio non è immediata né di facile interpretazione, soprattutto agli occhi di soggetti inesperti di GDPR e di chi si pone difronte a questa scelta in modo non equidistante.

Già Galileo Galilei nel 1623 teorizzava che l’archivio fosse composto da una pluralità di elementi materiali coordinati tra loro in modo da formare un complesso organico soggetto a date regole.

La questione, non di poco conto, ha interessato anche il Giudice comunitario che si è trovato a dover decidere, preliminarmente, proprio sulla definizione di archivio ai fini dell’applicabilità della normativa comunitaria.

Definizione di archivio

Un archivio è pertanto un sistema che consente a tutti i soggetti che siano stati messi a conoscenza delle regole a cui quel dato archivio risponde, di reperire facilmente i documenti; da ciò discende anche che la cosiddetta “miscellanea” intesa nella sua accezione di insieme di cose eterogenee riposte senza alcun criterio, esula dall’applicabilità del GDPR.

Vi è di più. A parte il requisito della strutturazione secondo criteri determinati, non sembra che il regolamento imponga altre condizioni, non prescrivendo né le modalità secondo cui l’archivio debba essere strutturato, né la forma che deve presentare; è pertanto evidente, come afferma anche la citata sentenza, che il requisito della strutturazione miri unicamente a consentire che i dati relativi ad una persona siano individuati facilmente e ciò a prescindere, addirittura, dall’esistenza di schedari o elenchi.

La nozione così data finisce per essere molto ampia e potenzialmente in grado di comprendere ogni tipologia di conservazione dei dati. Ogni volta che riponiamo un fascicolo in un luogo dove possiamo ritrovarlo con facilità, all’apparenza, lo stiamo archiviando.

Cloud, posta elettronica e protocollo

La questione si fa ancora più complicata nel caso di cloud, posta elettronica e protocollo.

Cercando su internet la definizione di cloud, quella maggiormente diffusa è: “spazio di archiviazione” nel caso di cloud storage; “paradigma di erogazione di servizi offerti on demand da un fornitore ad un cliente finale attraverso la rete Internet (come l’archiviazione, l’elaborazione o la trasmissione dati), a partire da un insieme di risorse preesistenti, configurabili e disponibili in remoto sotto forma di architettura distribuita” nel caso di cloud computing.

In entrambe le definizioni, è presente il termine archiviazione.

Anche le email in entrata e in uscita sono facilmente “individuabili” attraverso una semplice ricerca per parole chiave, al pari del protocollo che individua inequivocabilmente un dato documento.

A tutte le affermazioni sopra riportate è possibile replicare nello stesso modo e cioè sostenendo che, in realtà, si tratta di miscellanee.

Il cloud consente la conservazione dei documenti ma se nessuno ne stabilisce un’ordine, questi saranno archiviati in modo “confusionario” in base al momento in cui sono stati uplodati o modificati, allo stesso modo delle email e del protocollo.

A ciò si potrà ancora replicare che l’organizzazione in base ad una data, consiste già in una strutturazione del dato, che ne consente la sua reperibilità in modo “facile” e cioè senza troppi sforzi.

Non c’è una vera risposta. Gli interpreti siamo noi e, applicando nel miglio modo possibile il principio di accountability, dovremo determinarci al riguardo.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati