la roadmap

GDPR nella PA, la lezione del MEF per adeguarsi

Per rispettare il GDPR le PA dovranno adottare un nuovo modo di pensare e organizzare la data protection al proprio interno, privilegiando i concetti di valutazione del rischio e responsabilità. Il MEF ha stilato una roadmap che potrà essere un riferimento anche per altre PA alle prese con l’adeguamento alla nuova normativa

17 Mag 2018
Luca Del Pizzo

Ministero dell’Economia e delle Finanze

Pasquale Lo Bello

Ministero dell’Economia e delle Finanze

gdpr

Il 25 maggio 2018 sancirà l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (GDPR – General Data Protection Regulation) [1].

Tale norma è stata pensata per offrire un riferimento unico a livello comunitario in merito al corretto trattamento dei dati personali, ponendo l’attenzione su una figura chiave, l’interessato.

GDPR e gestione della Privacy, un cambio di prospettiva

La norma indirizza la tutela dei dati personali da parte di organizzazioni pubbliche e private, cambiando il punto di vista tradizionale: la gestione della privacy non è più un adempimento di tutela dell’organizzazione in relazione a una norma, ma è funzionale alla tutela di diritti individuali di ciascun interessato.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

Gli utenti interessati dal trattamento dati della PA

In particolare, una Pubblica Amministrazione, offrendo servizi a cittadini e imprese, pone in essere numerosi trattamenti riconducibili principalmente a due categorie di interessati:

  • Utenti interni (personale interno, collaboratori) che operano al fine dell’erogazione dei servizi;
  • Utenti esterni, che fruiscono dei servizi.

PA e GDPR, necessaria pianificazione a lungo termine

Per rispettare il GDPR le Pubbliche Amministrazioni dovranno adottare un nuovo modo di pensare e organizzare la data protection al proprio interno, che differisce rispetto all’approccio classico basato sull’adozione di un set di misure minime di sicurezza [2], privilegiando invece il concetto di valutazione del rischio (art. 35 – GDPR) associato ai trattamenti e il concetto di responsabilità (art. 5 – GDPR) in capo a varie figure strategiche dell’organizzazione (Responsabile della protezione dei dati, Titolare del trattamento, Responsabili del trattamento, Incaricati, ecc).

Le Pubbliche Amministrazioni, in accordo a quanto detto, subiscono un notevole impatto dal regolamento, e pertanto necessitano di strutturare un piano di adeguamento che abbia come leva strategica la pianificazione a lungo termine, tenendo in considerazione le azioni per il corretto mantenimento di un sistema di gestione della privacy (SGP).

In pratica, le Pubbliche Amministrazioni non dovrebbero limitare l’adeguamento alla sola creazione della documentazione utile a dimostrare di essere in linea con la normativa, ma essere in grado di dimostrare l’adozione di un approccio organizzativo e implementativo concreto, anche attraverso l’introduzione di strutture dedicate alla gestione e al monitoraggio dei flussi di dati personali trattati.

GDPR, la roadmap del Ministero delle Finanze

La Direzione dei Sistemi Informativi e dell’Innovazione (DSII) del Dipartimento dell’Amministrazione Generale del Personale e dei Servizi (DAG) del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) ha delineato una roadmap per l’adeguamento al GDPR. Tale roadmap può essere considerata come riferimento anche per altre Pubbliche Amministrazione, a prescindere dalle dimensioni, e prevede la creazione e il mantenimento di un SGP sul quale sia attivo un processo ciclico che, a partire dalla comprensione dei requisiti del GDPR, copra le fasi seguenti:

  • Identificazione e comprensione di eventuali nuove disposizioni e linee guida delle competenti autorità nazionali ed europee;
  • Individuazione o aggiornamento degli attori, sia interni che esterni, e dei relativi ruoli associati alle fasi di pianificazione, esecuzione e monitoraggio dell’SGP;
  • Analisi delle attuali modalità di compliance alla normativa di riferimento (es. politiche e linee guida emanate, nomina dei responsabili, ecc.);
  • Creazione e aggiornamento dei registri delle attività di trattamento (art. 30 – GDPR) con la relativa classificazione dei dati trattati;
  • Valutazione dei rischi associati ai trattamenti ed eventuale valutazione dell’impatto (“Privacy Impact Assessment” cosddetto PIA, artt. 35, 36 – GDPR) comprendente la valutazione dei rischi di non conformità che possono portare a sanzioni, perdite finanziarie o danni di immagine;
  • Valutazione del gap da colmare per essere conforme alla normativa di riferimento;
  • Definizione e implementazione del piano di adeguamento inteso come elenco di azioni tecniche e organizzative da adottare (art. 32 – GDPR), prendendo come riferimento standard e best practices (ad es. ISO/IEC 27001 [3]);
  • Definizione o aggiornamento degli indicatori per il monitoraggio continuo dell’SGP.

L’importanza del monitoraggio

In tale processo, assume particolare rilevo il concetto di monitoraggio, il quale implica la definizione di indicatori adeguati che permettano di misurare in modo concreto l’efficacia delle misure messe in campo per la protezione dei dati. Le strutture organizzative preposte al mantenimento dell’SGP devono essere in grado di valutare in tempo reale lo stato di tali indicatori, anche attraverso cruscotti di monitoraggio predisposti allo scopo.

Le azioni tecniche ed organizzative da implementare

Tra le varie azioni tecniche ed organizzative da implementare si riporta un elenco esemplificativo e non esaustivo:

  • introduzione del responsabile della protezione dei dati (DPO – Data Protection Officer);
  • definizione o revisione della metodologia di analisi del rischio e del relativo processo da attuare;
  • revisione e implementazione delle misure di sicurezza per la protezione dei dati personali, in linea con gli obiettivi strategici dell’organizzazione;
  • stesura o aggiornamento delle informative privacy;
  • pianificazione e attuazione di iniziative per la sensibilizzazione e la formazione di dipendenti e collaboratori che trattano o potrebbero trattare dati personali;
  • predisposizione (o l’aggiornamento) ed attuazione di politiche, linee guida, processi e procedure per l’intera organizzazione (ad esempio le procedure per la gestione dei diritti degli interessati oppure le linee guida per garantire l’applicazione dei principi di privacy by design e privacy by default).

La valutazione dei rischi associati ai singoli trattamenti

Allo stato attuale, la DSII è impegnata nella valutazione dei rischi associati ai singoli trattamenti censiti tramite un registro dei trattamenti elettronico. Il completamento di questa fase permetterà di definire un piano di adeguamento da implementare in vista dell’entrata in vigore del regolamento (25 maggio 2018).

Necessario adeguamento sull’analisi dei rischi

In conclusione, è importante sottolineare come la norma enfatizzi l’onere, da parte delle organizzazioni, di dimostrare che ogni trattamento di dati personali presenti un adeguato livello di sicurezza con controlli attivi sia in ottica preventiva, sia adottati in seguito ad un eventuale data breach. Anche su tale aspetto, sarà compito delle Pubbliche Amministrazioni rendere disponibile, anche attraverso piattaforme tecnologiche create per lo scopo, le evidenze che dimostrino l’adeguata “attenzione” rivolta ciascun trattamento effettuato.

Quest’ultimo tema è di grossa complessità in quanto la decisione sulle misure e sui controlli da associare ai trattamenti deriva dall’analisi dei rischi, le cui evidenze portano con sé informazioni “strategiche” sulla capacità dei sistemi e dei processi di raggiungere determinati livelli di sicurezza. Questo sarà uno degli aspetti al contempo più rilevanti e più “spinosi” e per il quale è auspicabile un allineamento dei comportamenti delle varie organizzazioni del nostro Paese.

  1. Regolamento europeo UE 2016/679
  2. Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e succ. modifiche – Garante Privacy
  3. Standard ISO/IEC 27001 (Tecnologia delle informazioni – Tecniche di sicurezza – Sistemi di gestione della sicurezza delle informazioni – Requisiti)

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati