privacy

Gestione dei dati personali, ecco le novità della norma ISO/IEC 27552

Cosa c’è da sapere sulla norma ISO/IEC 27552 che sarà pubblicata quest’anno e prevede controlli aggiuntivi per la ISO/IEC 27001 e la ISO/IEC 27002

10 Giu 2019
Cesare Gallotti

Consulente su sicurezza delle informazioni, qualità e privacy

privacy

Nel 2019 sarà pubblicata la norma ISO/IEC 27552, dal titolo “Security techniques — Extension to ISO/IEC 27001 and ISO/IEC 27002 for privacy information management — Requirements and guidelines”.

In questo articolo fornirò alcuni elementi per comprendere quali saranno le novità previste dalla norma.

Struttura della ISO/IEC 27552

La ISO/IEC 27552 presenta controlli aggiuntivi per la ISO/IEC 27001 e la ISO/IEC 27002, va quindi letta insieme ad esse.

Per quanto riguarda la ISO/IEC 27001, la norma prevede:

  • la sua estensione alla “sicurezza delle informazioni e privacy”, dove i dati personali sono indicati come Personal identifiable information (PII);
  • l’analisi del contesto in quanto titolare o responsabile di trattamenti;
  • l’inclusione, tra le parti interessate, degli interessati ai trattamenti dei dati personali;
  • l’inclusione, tra i controlli da considerare per la Dichiarazione di applicabilità (Statement of applicability o SOA), di quelli proposti dalla stessa ISO/IEC 27552 nelle appendici A (per i titolari) e B (per i responsabili).

Per quanto riguarda la ISO/IEC 27002, la norma prevede l’estensione dei suoi controlli nel caso in cui l’organizzazione sia titolare o responsabile dei trattamenti. Ai titolari è dedicato il capitolo 7 e ai responsabili è dedicato il capitolo 8.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Ai controlli comuni e parzialmente già nella ISO/IEC 27002 è dedicato il capitolo 6. Dove opportuno, in questo capitolo sono riportate alcune considerazioni aggiuntive ai controlli già esistenti. Tra di esse, l’aggiunta:

  • tra le politiche, di impegni a soddisfare la legislazione vigente in materia di privacy;
  • tra i ruoli e le responsabilità, di persone di riferimento per quanto attiene alla privacy (alcuni punti riprendono quelli previsti per il DPO, nelle organizzazioni dove questa figura è presente; nelle altre è possibile prevedere un unico ruolo o ruoli distinti per il controllo e per la gestione);
  • tra la classificazione, di elementi relativi alle categorie di dati personali;
  • tra la gestione degli utenti, di considerazioni in merito ai servizi cloud in cui il cliente può autonomamente gestire i propri utenti; manca una relazione tra assegnazione delle autorizzazioni e istruzione e formazione, come invece previsto dal GDPR;
  • tra le misure relative al logging, di dettagli in merito agli accessi ai dati personali, alla messa a disposizione del titolare dei log da parte del responsabile e alla protezione dei log in quanto dati personali;
  • tra le misure relative allo sviluppo, di richiami all’importanza della privacy;
  • tra la gestione degli incidenti, della gestione delle violazioni dei dati personali (data breach).

Ulteriori misure sono incluse, ma si tratta principalmente di precisazioni in merito alle misure già presenti nella ISO/IEC 27002.

Il capitolo 7 presenta controlli aggiuntivi per i titolari del trattamento. Tra di essi, come è facile immaginare, ci sono controlli relativi a:

  • identificazione delle basi legali;
  • registro dei trattamenti;
  • PIA;
  • contratti con i responsabili;
  • informative;
  • gestione dei diritti degli interessati;
  • minimizzazione e limitazione dei trattamenti;
  • conclusione dei trattamenti;
  • tempi di conservazione;
  • trasferimenti in altri Paesi o organizzazioni internazionali.

Il capitolo 8 presenta controlli aggiuntivi per i responsabili del trattamento. Tra di essi, similmente a quelli per i responsabili, ci sono controlli relativi a:

  • registro dei trattamenti;
  • accordi con i clienti;
  • contratti con i sub-responsabili;
  • gestione dei diritti degli interessati;
  • conclusione dei trattamenti;
  • trasferimenti in altri Paesi o organizzazioni internazionali.

La certificazione rispetto alla ISO/IEC 27552

La ISO/IEC 27552 non è una norma che riporta solo controlli con cui estendere quelli della ISO/IEC 27001, ma requisiti relativi al sistema di gestione.

Questo ha come conseguenza che è possibile richiedere una certificazione direttamente rispetto alla ISO/IEC 27552 (che, a sua volta, implica anche la certificazione rispetto alla ISO/IEC 27001). Questo è diverso rispetto a norme come la ISO/IEC 27017 e ISO/IEC 27018, che invece non prevedono una certificazione a loro nome (è possibile “solo” avere una certificazione rispetto alla ISO/IEC 27001 con controlli estesi). La distinzione è sottile, ma importante.

L’impostazione della ISO/IEC 27552 prevede che la certificazione venga fatta come “sistema di gestione” e pertanto rispetto alla norma ISO/IEC 17021. E’ bene ricordare che il GDPR richiede certificazioni di “servizio”, rispetto alla norma ISO/IEC 17065.

Su questo elemento, il gruppo di lavoro responsabile della ISO/IEC 27552 (il ISO/IEC JTC 1 SC 27 WG 5) ha avviato una discussione, anche considerando che non esiste una norma specifica di collegamento tra la ISO/IEC 27552 e la ISO/IEC 17021 o la ISO/IEC 17065 (come, per esempio, la ISO/IEC 27006, che collega la ISO/IEC 17021 alla ISO/IEC 27001).

Una prima ipotesi, che intendo portare come contributo alla discussione, prevede la presenza di un sistema di gestione (certificato rispetto alla ISO/IEC 17021) che stabilisca i controlli per i trattamenti da certificare rispetto alla ISO/IEC 17065 come succede per la certificazione di alcuni prodotti. I controlli per i trattamenti da certificare, essendo derivati da uno standard internazionale, li renderebbe automaticamente significativi per tale certificazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati