Covid-19

La Dpia dell’app Immuni: ecco perché è così importante

La DPIA governativa (valutazione d’impatto privacy) dell’app Immuni anti covid dovrà contenere, ben argomentate, la visione, la progettualità, la problematizzazione e la razionalizzazione risolutiva della strategia di governo per il contrasto ai contagi COVID-19 in fase 2, Ecco perché è così importante

19 Apr 2020
Luca Bolognini

avvocato e Presidente dell’Istituto Italiano per la Privacy e la Valorizzazione dei dati

coronavirus2

Proliferano gli opinionisti “antichi” e, tra essi, purtroppo, anche politici ed esponenti della cosiddetta classe dirigente economica, scientifica, tecnologica, che sostengono, stolidamente, che la privacy sia una perdita di tempo, una fisima inutile, un peso nell’emergenza coronavirus.

Chi pensa che la privacy sia una perdita di tempo non ha capito niente

Non hanno capito niente, o quasi: hanno ragione solo quando pensano alla “privacy” vecchiamente intesa come burocrazia e riservatezza otto-novecentesche; quando pensano ai cavilli formalistici, alle capziosità strumentalizzate di giorno in giorno per impedire alle nostre imprese e ai nostri uffici pubblici di digitalizzarsi. Ma sul resto, sul grosso che conta, queste menti offuscate dichiarano mostruosità anacronistiche. Perché non hanno capito che la “privacy” è diventata da decenni, in Europa, protezione non già e non solo della riservatezza e della privata, quanto, piuttosto e soprattutto, degli individui rispetto ai possibili effetti negativi, materiali o immateriali, che possono derivare dal trattamento di informazioni che li riguardano.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Altro che mera riservatezza. La privacy e la protezione dei dati personali c’entrano ogni giorno di più con la possibilità di trovare o mantenere un lavoro, con il diritto di circolare e fare impresa, col poter votare liberamente alle elezioni, col non farsi cadere una tegola in testa per il fatto di avere certe idee o caratteristiche. Un politico, un cittadino, un imprenditore, uno scienziato che non lo capiscano, nell’aprile 2020, dovrebbero farsi un serio esame di coscienza allo specchio. Si sveglino, cortesemente, che è tardi. La protezione dei dati, cioè la protezione degli esseri umani in un mondo data-driven, è e sarà ingrediente essenziale di qualsiasi scelta politica d’ora in avanti.

Per meglio comprendere il concetto, “godetevi” adesso una noiosa, ma sintetica, parentesi tecnico-legale – apparentemente riservata agli addetti ai lavori ma anche no, se letta in una dimensione quasi “zen”.

Dpia (Valutazione d’impatto) e App Immuni

All’app di contact tracing anti-COVID19 Immuni servirà certamente una Valutazione d’Impatto sulla Protezione dei Dati ex art. 35 del Regolamento privacy UE/2016/679 (cosiddetta “DPIA”). Costituirà un obbligo di legge, non se ne potrà fare a meno, perché è prevista dal diritto dell’Unione Europea. Essa sarà indispensabile per analizzare i rischi per i diritti e le libertà delle persone e i rischi cybersecurity, verosimilmente comportati dai futuri monitoraggi massivi della popolazione, individuando i profili di compatibilità con i principi costituzionali e con quelli generali in materia di protezione dei dati, e identificando le misure di mitigazione tecniche, giuridiche e organizzative da adottare. La DPIA andrà, però, fatta in modi e tempi particolari.

La DPIA la dovrà effettuare il Titolare del trattamento, che sarà lo Stato verosimilmente. Tuttavia, prima di avviare questo sistema di tracing, il Governo dovrebbe essere tenuto ad approvare una norma ad hoc che ne costituirà la base giuridica ex artt. 2-ter/2-sexies Codice Privacy ed artt. 6.1.c)-e) e 9.2.g)-i) GDPR: proprio in quella fase, nell’ambito dell’adozione della base giuridica, si dovrebbe svolgere una DPIA generale (allegandola alla norma) ex art. 35.10 GDPR.

Il Titolare del trattamento non sarà ovviamente Bending Spoons (la quale agirà, presumibilmente, come mero Responsabile esterno ex art. 28 GDPR: interessante a tal proposito sarà leggere il testo del contratto di sua designazione, per evitare qualsiasi ipotesi di riuso dei dati per machine learning et similia).

Per fare una DPIA serve avere le idee chiare sul funzionamento della tecnologia, sulla motivazione e sugli scenari-obiettivi di suo utilizzo; dalla lettura delle carte finora disponibili, il Governo non sembrerebbe avere ancora raggiunto un tale grado di dettaglio e approfondimento. In questo senso, serve una classe politica che sappia dove vuole andare – in termini di obiettivi e di salvaguardie dei diritti – e che lo dimostri con trasparenza (pubblicando almeno estratti della DPIA come allegato alla normativa di copertura) e nel rispetto dello Stato di diritto, proprio al livello “alto” della scrittura delle norme di emergenza, e non al “piano terra” della technicality.

Dunque, è chiaro che la DPIA governativa dovrà contenere, ben argomentate, la visione, la progettualità, la problematizzazione e la razionalizzazione risolutiva della strategia di governo per il contrasto ai contagi COVID-19 in fase 2, da considerare anche off-app per giustificare la dimensione in-app (quindi con riferimento alla “ciambella” che starà intorno al “buco” dell’applicazione: i tamponi, le azioni di contenimento sui soggetti a rischio, i controlli su dipendenti e visitatori richiesti alle imprese e agli enti sul territorio, ecc.): la DPIA porterà con sé, auspicabilmente, la spiegazione ragionata delle azioni previste dallo Stato per vincere la “guerra pandemica” in corso, nel loro complesso. Caspita, mica poco. Riflettiamoci.

Tra qualche anno il termine “privacy” (in senso generale, sia di tutela della sfera privata sia di protezione delle informazioni personali) non vorrà dire ciò che significa per molti sepolcri imbiancati, e destinati ad estinguersi, ancora oggi. Perché la data protection sarà tutto, riguarderà la nostra intera vita di persone, di consumatori, di produttori e di cittadini. Il “privacyista”, l’esperto di diritto dei dati, diverrà lo “statesman”, lo statista inevitabile dei prossimi decenni. Con buona pace di chi non sarà stato in grado di comprendere, mentre esplodeva chiarissima nei decenni, la sostanziale “datificazione” del mondo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati