L'analisi

Portabilità dei dati, gli impatti dell’istruttoria antitrust verso Google: ecco lo scenario

Per presunto abuso di posizione dominante, in relazione alla portabilità dei dati l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha avviato un’istruttoria verso Google LLC, Google Italy S.r.l., Google Ireland Limited e Alphabet Inc: una situazione sulle cui conseguenze è utile riflettere

15 Lug 2022
Lorenzo Cristofaro

Partner, Panetta Studio Legale

Rocco Panetta

anaging Partner Panetta Studio Legale e IAPP Country Leader per l’Italia

Requirements-for-GDPR-Data-Processing-Agreement-700x500

Molte sono le reazioni suscitate dalla decisione con cui l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha avviato un’istruttoria nei confronti di Google LLC, Google Italy S.r.l., Google Ireland Limited e la mother company Alphabet Inc., per presunto abuso di posizione dominante, in relazione alla portabilità dei dati, ai sensi dell’articolo 102 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea.

Tralasciando in questo caso i profili antitrust, pur preminenti e centrali, relativi al principio di leale concorrenza nel mercato dei Big Data, si vogliono avanzare alcune riflessioni su alcuni impatti, meno evidenti ma non per questo meno importanti, più strettamente collegati alla normativa sulla protezione dei dati personali, derivanti dal provvedimento dell’AGCM.

Digital Markets Act, così l’Europa limita il potere delle big tech

Portabilità dei dati, cosa dice la normativa

L’istituto della portabilità nasce nel mercato delle telecomunicazioni, per consentire all’utente di variare operatore in ogni momento, senza ostacoli e potendo – appunto – ‘portarsi dietro’ tutti i propri dati rilevanti, per garantire piena continuità dei servizi. Il legislatore europeo l’ha mutuato tale e quale, in sostanza, nel GDPR (Regolamento (UE) 2016/679). Nella versione finale delle ‘Linee guida sul diritto alla portabilità dei dati’, adottata il 5 aprile 2017 dall’Article 29 Working Party (cioè la ‘vecchia’ veste dell’attuale European Data Protection Board), si evidenzia come il diritto alla portabilità, oltre ad ampliare il margine di controllo dei consumatori impedendo forme di ‘lock-in’ tecnologico, sia anche volto a promuovere l’innovazione e la condivisione di dati personali fra titolari del trattamento in piena sicurezza e sotto il controllo dell’interessato.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

A questo proposito, il Considerando 68 del GDPR chiarisce, così come le citate Linee Guida, che l’obbligo per i titolari di fornire – corrispondente al diritto per gli interessati di ricevere – i dati in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivi automatici si esplica operativamente, alla fine dei conti, nell’esigenza per le aziende di “sviluppare formati interoperabili che consentano la portabilità dei dati”. I requisiti identificati dal primo comma dell’Art. 20 del GDPR, quindi, costituiscono specificazioni dello strumento che i titolari sono tenuti ad utilizzare, mentre l’interoperabilità rappresenta l’obiettivo finale.

Ora, se è vero che il titolare che ‘cede’ e quello che ‘riceve’, nell’ipotesi di trasmissione diretta, non devono di certo necessariamente operare nello stesso mercato, è altrettanto vero che, nella maggior parte – se non nella quasi totalità – dei casi, ‘portare’ i dati tra operatori attivi in settori non analoghi, o quantomeno collegati o complementari, non avrebbe particolare senso, creando seri e legittimi problemi di interoperabilità tra i players coinvolti (pensiamo alla richiesta fatta da un interessato ad una GDO di trasmettere ad un operatore telefonico tutti i dati raccolti tramite carta fedeltà, oppure quella avanzata nei confronti di un fornitore di servizi di musica in streaming di trasferire i dati ad una piattaforma di recruitment).

Non bisogna scordare, sotto questo punto di vista, che il comma 2 dell’Art. 20 identifica un limite molto importante alla trasmissione diretta, vale a dire la realizzabilità di sistemi interoperabili dal punto di vista tecn(olog)ico. Il che rende evidente l’assenza di un obbligo generale di mezzi, a favore di uno di risultato, a garanzia del buon esito della procedura di trasmissione anche a prescindere dalla piena adattabilità dei sistemi del titolare ricevente. Si dovrà dunque procedere, come sempre sotto il cappello del GDPR, ad una valutazione ad hoc, vale a dire caso per caso, richiesta per richiesta, dovendosi escludere automatismi del tenore “a domanda – rispondo” senza valutazione o scrutinio di legittimità e liceità da parte del titolare cedente. D’altra parte, è lo stesso Considerando 68 del GDPR a sottolineare che “Il diritto dell’interessato di trasmettere o ricevere dati personali che lo riguardano non dovrebbe comportare l’obbligo per i titolari del trattamento di adottare o mantenere sistemi di trattamento tecnicamente compatibili”.

I punti critici della decisione dell’AGCM

Tutte queste fondamentali premesse servono quali chiavi interpretative di quello che, a parere di chi scrive, è il punto più critico, in ottica data protection, della decisione in esame dell’AGCM sul merito della portabilità. In più passaggi della decisione, infatti, si assume che i flussi tra titolari, derivanti dalle richieste di esercizio di questo specifico diritto, possano anche essere automatici, massivi, incondizionati e soprattutto continuativi. Come se stessimo parlando di sistemi integrati da clienti e fornitori di servizi.

Solo che qui non c’è alcun outsourcer affidatario di specifiche attività, quanto piuttosto un soggetto terzo che agisce parallelamente, in veste di intermediario, sia nell’interesse dei propri utenti, consentendo l’esercizio della data portability, sia del proprio, monetizzando i dati a fronte dei servizi offerti – altro tema di capitale importanza nel settore della c.d. data economy ed ancora lungi dall’essere adeguatamente messo a fuoco in Italia e all’estero. Inquadrare i processi relativi alla portabilità nel senso di richiedere l’implementazione di “un protocollo tecnologico che consenta un dialogo e un aggiornamento continuo del flusso dei dati” significherebbe sdoganare illimitate condotte ‘parassitarie’ ad opera dei soggetti intermediari. Tanto da poterli inquadrare, in simili circostanze, come una nuova categoria non di veri e propri nuovi ‘Over The Top’, quanto piuttosto di “Side The Top”, operante in un parallelo dark world ai fini della raccolta e dello sfruttamento di Big Data.

Pretendere un’interoperabilità senza soluzione di continuità, equivarrebbe, d’altra parte, a legittimare operazioni di svuotamento del valore di sistemi tecnologici, programmi di compliance, investimenti tecnologici e, più in generale, sforzi economici da parte dei titolari di volta in volta targettizzati. Viene in mente la favola della cicala e della formica, se non fosse che nel caso in esame quest’ultima rischia di ritrovarsi senza provviste, dovendole cedere per intero, dopo tanta fatica, alla cicala.

Libera iniziativa e concorrenza

Così qualcosa non quadra, sia in punto di equità, se volessimo dare una lettura etica a dinamiche economiche, sia dal punto di vista dell’equilibrio tra diritti – quello alla libera iniziativa economica e quello alla concorrenza – forzatamente contrapposti. La portabilità non serve a questo, ma a promuovere e rafforzare il controllo degli interessati sui propri dati personali, facilitandone la circolazione, da non confondere con la asportazione, peraltro a fini di remunerazione diretta di un diritto personalissimo quale quello alla portabilità riconosciuto dalla normativa sulla libera circolazione e protezione dei dati personali.

È la persona fisica l’unico e solo pivot della normativa privacy, sebbene questi possa farsi aiutare da intermediari all’uopo costituiti e ben venga il mercato di tali intermediari, ma non a spese di quegli operatori che da anni investono nella c.d. privacy costruendo infrastrutture sicure e segregate, come richiesto dal Garante sin dal suo provvedimento sulle carte fedeltà del 2005 ed imposto dal GDPR. Ed è dunque esclusivamente l’interessato a poter beneficiare degli effetti diretti della portabilità. A scanso di equivoci: chi scrive non solo ritiene ammissibili i servizi di intermediazione per l’esercizio dei diritti, ma addirittura auspicati. A condizione però che l’esercizio dei diritti ‘per conto’ degli interessati non diventi la scusa per duplicare abusivamente e furbescamente elenchi e database creati con enormi sforzi da parte dei legittimi titolari.

L’impatto delle regole europee

Non pare assolutamente causale, sotto questo profilo, che l’Art. 11 del Data Governance Act (Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo alla governance europea dei dati) imponga ai fornitori di servizi di condivisione dei dati – descritti all’Art. 9, par.1 – di non utilizzare i dati per i quali fornisce detti servizi per scopi diversi dalla loro mera messa a disposizione nei confronti degli utenti dei dati (cioè le persone sia fisiche che giuridiche che hanno legittimo accesso a determinati dati per fini commerciali o non commerciali). Nell’ottica del legislatore europeo, dunque, il ruolo di chiunque agisca come ‘intermediario’ deve essere neutro. Scelta che appare non solo ragionevole, ma in qualche modo obbligata, per evitare che chi assuma tale funzione non abusi della stessa per incamerare surrettiziamente una quantità imparagonabile di dati, in spregio di ogni più basilare principio di concorrenza.

Alla luce di queste brevi considerazioni ‘a caldo’ sul provvedimento dell’AGCM, si conferma la complessità operativa e la delicatezza degli effetti pratici della portabilità. In quest’ottica, si auspica che le valutazioni che l’Autorità opererà nei prossimi mesi tengano debitamente conto degli effetti fortemente distorsivi che un utilizzo eccessivo e massivo di questo diritto da parte degli intermediari è in grado di produrre sul mercato dei dati, in ragione di un uso alterato ed ambiguo della propria posizione e dello sfruttamento abusivo di investimenti altrui.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4