il commento

Scorza: “Ecco perché l’alleanza tra privacy e creative commons guarda al futuro della tutela dati personali”

Obiettivo, rendere il diritto alla protezione dei dati personali più vivo, più moderno, più concreto, semplificando la lettura, la creazione e i confini delle informative privacy, grazie alle soluzioni creative commons, abbracciato ora dal nostro Garante Privacy

06 Ago 2021
Guido Scorza

Autorità Garante Privacy

chat studente preside privacy

Gli obblighi di informazione a carico della parte forte di un rapporto rappresentano, non da ieri, uno dei principali strumenti attraverso il quale gli Ordinamenti, più o meno in tutto il mondo, provano a riequilibrare le forze in campo e a garantire alla parte debole il diritto, almeno, di assumere decisioni consapevoli o più consapevoli.

È cosi nella disciplina sui contratti con i consumatori, specie quelli a distanza, è così nella disciplina sui contratti bancari, è così nel caso del consenso informato in ambito sanitario ed è così, naturalmente, anche nella disciplina europea in materia di protezione dei dati personali.

E sarà così – almeno a leggere la proposta di regolamento della Commissione europea in materia di intelligenza artificiale – anche nella disciplina che verrà sulla trasparenza degli algoritmi.

Garante Privacy e Creative Commons: semplificare le informative per “umanizzare” il digitale

La sfida di rendere gli utenti bene informati

Bisogna, tuttavia, riconoscere con grande franchezza e senza ipocrisia che questi obblighi di informazione, purtroppo, hanno fatto il loro tempo e che, specie nell’ecosistema digitale travolto dalla rumorosità dell’eccesso di contenuti e governato dai black/dark pattern delle interfacce capaci di guidare utenti e consumatori verso le scelte migliori per i fornitori dei servizi, ormai, con poche eccezioni, il rispetto – almeno formale – di questi obblighi di informazione sta producendo l’effetto paradossale di rendere più forti i forti e più deboli i deboli.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

Gli utenti, i consumatori, i correntisti bancari, i pazienti e gli interessati che leggono le lenzuolate di informative loro somministrate dai soggetti obbligati, infatti, sono sempre di meno – in alcuni contesti, probabilmente, una cifra prossima allo zero – e, quindi, il risultato è che la parte forte del rapporto si ritrova nella condizione di poter sempre dire di aver rispettato la legge senza, tuttavia, che la parte debole arrivi al momento della decisione, più consapevole e meglio informata.

Obblighi nati per essere garanzia di libertà attraverso la conoscenza e consapevolezza sono, purtroppo, divenuti adempimenti poco più che formali.

Così, naturalmente, non va e andrà sempre peggio perché spiegare la logica di funzionamento di un algoritmo è enormemente più complicato di quanto non sia spiegare chi farà cosa con i nostri dati personali e per quali finalità e, quindi, è facile prevedere che se già oggi tutti aderiamo ai termini di uso di un social network – solo per fare un esempio – senza leggere l’informativa sulla privacy, domani tutti – e più di tutti – useremo robot e intelligenze artificiali nei contesti più diversi senza aver letto le nuove informative.

In questo contesto, sfortunatamente difficilmente interpretabile in modo diverso, abbiamo tutti il dovere – ciascuno nel proprio ruolo – di esplorare ogni possibile soluzione capace di garantire che utenti, consumatori e interessati arrivino al momento delle scelte che contano con una consapevolezza reale, effettiva, utile a consegnare loro più libertà – sebbene nei limiti di mercati nei quali la concorrenza è, purtroppo, una merce rara – di valutare e decidere come disporre dei loro diritti, spesso – come è il caso del diritto alla privacy – addirittura diritti fondamentali.

Ecco perché Creative Commons per semplificare le informative

Sono queste le considerazioni all’origine della decisione del Garante per la protezione dei dati personali di firmare un protocollo d’intesa con il capitolo italiano di Creative Commons per esplorare insieme se l’esperienza ormai ventennale dell’organizzazione fondata da Lawrence Lessig, professore di diritto all’Harvard University possa essere esportata, con analogo successo, anche nell’universo del diritto alla privacy.

Nessuna certezza, naturalmente, sul risultato, nessuna garanzia che il percorso conduca alla meta sperata ma, al tempo stesso, la consapevolezza che tra tante differenze e tanti elementi di distanza tra la funzione di una licenza Creative Commons e un’informativa sulla privacy vi siano anche molti punti di contatto da provare a valorizzare e sui quali provare a lavorare.

Diritto d’autore e privacy, tanto per cominciare, sono due diritti fondamentali.

E, poi, una licenza per la circolazione dei diritti d’autore è un documento legale normalmente complesso, strutturato, articolato non immediatamente accessibile al non addetto ai lavori proprio come un’informativa per la privacy.

E, ancora, tanto le licenze creative commons che le informative per la privacy si rivolgono a una pluralità di persone anche e, anzi, soprattutto nella dimensione digitale.

Le idee sul tavolo, quelle da esplorare in attuazione del protocollo d’intesa, sono tante con livelli di complessità diversi.

Gli obiettivi

Una delle ambizioni, ad esempio, è quella di sviluppare un sistema che, proprio come accade per le licenze creative commons, consenta a un titolare del trattamento, magari una piccola-media impresa, di “compilare”, in maniera automatica o quasi, un’informativa sul trattamento dei dati personali che risponda a tutti i requisiti dell’articolo 12 del GDPR e che sia facilmente accessibile agli interessati anche attraverso una serie di icone standard di facile e immediata comprensione per chiunque.

In questa direzione l’esperienza di Creative Commons ma anche la sua presenza nella dimensione globale potrebbe risultare preziosa.

Ma, probabilmente, c’è spazio per provare a andare anche oltre immaginando, dopo aver identificato una codifica standard per le informative almeno per le tipologie di trattamento di dati personali più ricorrenti, di identificare anche soluzioni automatiche capaci di “leggere” l’informativa e “spiegarla” all’interessato magari in lingue diverse o con le modalità multimediali preferite da ciascuno.

E poi c’è ancora un’altra possibile linea di sviluppo del lavoro che si potrebbe fare assieme a Creative Commons: spesso quando si diffonde un contenuto digitale protetto da diritto d’autore, il contenuto medesimo contiene anche dati personali ma, naturalmente, non è detto che il regime giuridico dei dati in questione sotto il profilo della protezione dei dati personali sia il medesimo dei diritti d’autore che insistono sull’opera.

Facciamo l’esempio di un ritratto fotografico: il fotografo, naturalmente, può disporre dei diritti d’autore sulla sua fotografia e può farlo anche attraverso una licenza creative commons ma quando questi scelga di rendere disponibile l’opera in questione perché chiunque, a determinate condizioni, possa riutilizzarla, magari anche a scopo commerciale, ciò non significa che chiunque possa anche sfruttare, ad esempio, i dati biometrici contenuti nel ritratto in questione per addestrare un sistema di intelligenza artificiale applicato al riconoscimento facciale.

Vale, quindi, la pena verificare se il modello di licenza Creative Commons possa essere arricchito con un “modulo privacy” che consenta, dato un contenuto, di chiarire a tutti i suoi potenziali utilizzatori non solo cosa possono fare del contenuto lato diritto d’autore ma anche cosa possono fare con i dati personali in esso contenuti.

Ma siamo, davvero, al giorno zero di una riflessione che vale la pena fare per esplorare ogni possibile soluzione capace di rendere il diritto alla protezione dei dati personali più vivo, più moderno, più concreto ma che non è, allo stato, possibile dire dove condurrà.

Quel che è certo è che ogni stimolo, ogni commento, ogni critica è prezioso per impostare al meglio il lavoro.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2