Dati ue-USA

Se l’Europa può oscurare Facebook e Instagram: l’estate calda della privacy

Meta nel mirino dei Garanti per la protezione dei dati personali in Irlanda – il che potrebbe scatenare un blocco europeo di Fb e Instagram – e in Germania, dove l’autorità sostiene la contitolarità del trattamento nelle pagine Facebook tra Meta e il titolare della pagina. Come andrà a finire? Qualche scenario

14 Lug 2022
Elio Franco

Avvocato, Founder presso Franco, Pirro & Partners

Mark Zuckerberg, fondatore del Metaverso

Dopo Google con il suo Analytics, è Meta a finire nel mirino dei Garanti per la protezione dei dati personali europei.

  • L’Autorità irlandese (scrive Politico) ha pronto un provvedimento di blocco del trasferimento dei dati extra SEE,
  • mentre quella tedesca ha rilevato che sussiste la contitolarità del trattamento dei dati personali raccolti tramite le pagine Facebook fra Meta e il titolare della pagina stessa.

Vediamo quali possono essere i probabili scenari, anche in assenza di un nuovo Privacy Shield.

Perché Facebook e Instagram rischiano il blocco in Europa

Il divieto del Garante irlandese a Meta

La Commissione Irlandese per la Protezione dei Dati avrebbe già pronto un provvedimento che impedirebbe a Meta Platforms Ireland Limited di trasferire fuori dallo spazio SEE i dati personali raccolti per il tramite delle sue piattaforme a causa della ormai famigerata disparità di tutela accordata agli interessati da parte dell’ordinamento europeo e di quello statunitense.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

La bozza dell’accennato provvedimento sarebbe stata inviata anche a tutte le altre Autorità Garanti del vecchio continente, di modo che il blocco possa essere concertato a livello europeo, seppur limitato solo a Facebook e Instagram, dato che WhatsApp e gli altri servizi non dovrebbero essere oggetto del divieto.

I perché del divieto

Come noto, l’ordinamento giuridico europeo ha elevato la tutela della riservatezza di ogni persona fisica ad un livello molto più alto rispetto a quello statunitense, dato che quest’ultimo, come già più volte chiarito in passato nell’analizzare il caso di Google Analytics, predilige la tutela degli interessi e della sicurezza nazionali. Infatti, la normativa americana consente alle agenzie di intelligence di accedere ai database delle aziende sottoposte alla loro giurisdizione ed acquisire tutti i dati personali che ritengono necessari alla propria attività. Tutto ciò era stato portato alla ribalta dalla sentenza Schrems II con la quale la Corte di Giustizia Europea ha invalidato il Privacy Shield, cioè il trattato internazionale fra UE e USA che consentiva il trasferimento dei dati personali oltreoceano. Venendo meno il Privacy Shield, si applicano le regole e i principi del GDPR che prevedono che il trasferimento dei dati al di fuori dello Spazio Economico Europeo possa essere fatto solo rispettando determinate condizioni.

Dunque, la Commissione per la Protezione dei Dati Irlandese, ove abbia accertato che il trasferimento dei dati verso gli USA avvenga senza le previste tutele, ben può imporre il blocco a Meta.

Meta e i guai in Germania

A Meta non va di certo meglio nel resto d’Europa. Infatti, l’Authority tedesca ha ritenuto che l’azienda fondata da Mark Zuckerberg sia contitolare dei dati personali raccolti tramite una pagina Facebook assieme all’intestatario della pagina stessa.

Il principio enunciato, ove dovesse essere mai condiviso a livello europeo, avrebbe una portata devastante: chiunque abbia una pagina Facebook dovrà predisporre un accordo con Meta sul trattamento dei dati personali, dalla loro raccolta alla loro distruzione, disciplinando i compiti di entrambi gli enti. Ovviamente, si porrebbe nuovamente l’annoso problema del trasferimento dei dati all’estero, senza che l’intestatario della pagina possa concordare con Meta le modalità per trattare i dati all’interno dello spazio SEE, impedendone il trasferimento all’estero.

Il primo scenario: l’approvazione di un Privacy Shield 2.0

Meta potrebbe avere la sua ancora di salvezza nell’accordo sul trattamento dei dati personali che è stato già annunciato qualche tempo fa da Ursula von der Leyen e da Joe Biden: a differenza del primo Privacy Shield, ci si augura che delimiti meglio il perimetro entro il quale le agenzie di intelligence possano accedere ai dati personali dei cittadini europei o, comunque, che imponga alle aziende americane di trattare detti dati all’interno dello spazio SEE. In questo caso, Meta (così come Google e le altre Big Tech) potranno continuare a offrire i propri servizi in Europa, senza contraccolpi per le imprese che hanno basato il loro business solo ed esclusivamente sui suoi servizi digitali.

Il secondo scenario: nessun trattato o una sentenza Schrems III

Anche se il trattato sembrerebbe essere in dirittura d’arrivo, v’è la possibilità che non si trovi un accordo su qualche tema o che, ancora, Max Schrems lo impugni nuovamente (come, del resto, ha già annunciato di fare) innanzi alla Corte di Giustizia Europea, ottenendo un terzo annullamento. In questo caso, non vi sarebbero che due possibili vie: Meta e le altre big tech d’oltreoceano, pur di non perdere quote di mercato, delocalizzeranno il trattamento dei dati personali dei cittadini europei all’interno dello spazio SEE, senza trasmetterli all’estero. Per quanto una simile soluzione sarebbe decisamente esosa in termini economici, permetterebbe ai colossi di sopravvivere all’interno del nostro mercato.

La seconda via, invece, è che Meta scelga di non offrire più i propri servizi in Europa, con particolari ricadute sul mercato interno: infatti, chi ha basato la propria professione o la propria attività di marketing sui social network, subirebbe un contraccolpo non indifferente, almeno fino a che il mercato non stesso non trovi altre piattaforme più rispettose del GDPR.

L’estate calda dei dati

Insomma, questa estate non sarà calda solo per le temperature record, ma anche perché pare che il provvedimento del Garante irlandese possa comportare un blocco parziale dei servizi offerti da Meta, quali Facebook ed Instagram.

Se, da un lato, fortunatamente il mercato interno dei dati sta cambiando in favore della riservatezza di ciascuno di noi, dall’altro non bisogna dimenticare che lo scopo del GDPR è quello di trovare un bilanciamento fra il diritto di impresa e la tutela dei dati personali e, quindi, i prossimi mesi saranno cruciali per definire nuove modalità di trattamento, magari più etiche e rispettose della persona, senza però pesanti conseguenze per le nostre imprese.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4