trattamento dati personali

Violazioni GDPR: gli effetti delle sanzioni CGUE sulle aziende



Indirizzo copiato

In due recenti sentenze la Corte di Giustizia Ue ha chiarito alcuni interessanti profili circa l’applicazione delle sanzioni derivanti dalla violazione del GDPR. In particolare, le indicazioni fornite dalla Corte contribuiscono a stabilire linee guida fondamentali nel contesto della protezione dei dati personali e della responsabilità dei soggetti coinvolti nei trattamenti

Pubblicato il 20 feb 2024

Rossella Bucca

avvocato, Studio Previti associazione professionale

Valentina Prando

praticante avvocato presso Studio Previti Associazione Professionale



Linee Guida del Garante Privacy: è utile il legittimo interesse del titolare del trattamento

In due sentenze del dicembre 2023, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea (di seguito anche “CGUE”) ha avuto modo di esaminare il tema delle sanzioni amministrative pecuniarie, correlate alla corretta applicazione dell’art. 83 GDPR.

Il caso della società immobiliare tedesca ‘Deutsche Wohnen’

La prima sentenza riguardava una controversia tra la società immobiliare tedescaDeutsche Wohnen” e la Procura di Berlino; mentre la seconda vedeva coinvolti il Centro nazionale per la sanità pubblica lituano e l’Ispettorato nazionale per la protezione dei dati.

In entrambe le circostanze, erano state irrogate delle sanzioni amministrative pecuniarie da parte delle rispettive autorità nazionali di controllo. Nello specifico, in Germania, la società aveva subìto una sanzione da oltre 14 milioni di euro per aver tenuto i dati personali dei soggetti a cui aveva prestato consulenza per un periodo di tempo superiore a quello necessario, in violazione del principio di limitazione della conservazione; in Lituania, invece, il Centro Nazionale di sanità pubblica contestava una sanzione pecuniaria di importo pari a 12 mila euro, inflittagli con riferimento alla creazione di un’applicazione mobile, realizzata grazie all’assistenza di un’azienda privata,  ai fini della registrazione e del controllo dei dati delle persone esposte al virus Covid-19.

La Corte di Giustizia ha stabilito le condizioni in presenza delle quali le autorità nazionali di controllo possono esplicare il loro potere sanzionatorio nei riguardi di uno o più titolari del trattamento per violazione del GDPR. Nello specifico, essa ha ribadito che presupposto necessario perché sia inflitta tale sanzione è un comportamento illecito, per tale intendendosi un’azione o un’omissione commesse commessa con dolo o colpa.

La Corte ha, in particolar modo, dichiarato che qualora il titolare del trattamento sia una persona giuridica, non è necessario che la violazione sia stata commessa da un suo organo amministrativo o che quest’organo ne abbia avuto conoscenza. Inoltre, il titolare potrà subire una sanzione amministrativa anche se ad effettuare le operazioni di trattamento dei dati sia stato un responsabile di cui si è avvalso e che ha agito per conto dello stesso titolare. Quest’ultimo, per converso, non risulterà responsabile della violazione se la figura designata abbia trattato i dati personali difformemente alle modalità del trattamento stabilite, contravvenendo alle istruzioni impartite, o senza il consenso del titolare.

La controversia tra il Centro nazionale per la sanità pubblica lituano e l’Ispettorato nazionale per la protezione dei dati

Nel caso lituano, la CGUE ha affermato che può essere considerato titolare del trattamento, ai sensi dell’art. 4, par. 1, n. 7 del GDPR, un ente che ha incaricato un’impresa di sviluppare un’applicazione informatica mobile e che, in tale contesto, ha partecipato alla determinazione delle finalità e dei mezzi del trattamento dei dati personali effettuato mediante tale applicazione, “anche se tale ente non ha proceduto, esso stesso, a operazioni di trattamento di tali dati, non ha dato esplicitamente il proprio consenso alla realizzazione delle operazioni concrete di un siffatto trattamento o alla messa a disposizione del pubblico di detta applicazione mobile e non ha acquisito quella stessa applicazione mobile, salvo che, prima di tale messa a disposizione nei confronti del pubblico, il suddetto ente si sia espressamente opposto ad essa e al trattamento dei dati personali che ne è derivato”.

Difatti, secondo l’impostazione adottata dalla Corte nella definizione del titolare del trattamento ai fini dell’irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria, deve tenersi in conto di qualsiasi persona fisica o giuridica che influisca sul trattamento dei dati personali e partecipi alla determinazione delle finalità e dei mezzi di tale trattamento, in conformità alla nozione “funzionale” della definizione indicata nel GDPR e sostenuta anche dall’European Data Protection Board nelle linee guida 07/2020 sui concetti di titolare e responsabile.

La Corte si spinge ancora oltre, affermando che non è necessario che le finalità e i mezzi del trattamento siano determinati mediante orientamenti scritti o istruzioni da parte del titolare del trattamento né che quest’ultimo sia stato formalmente designato come tale. Pertanto, per stabilire se un ente possa essere considerato titolare del trattamento, ai sensi dell’articolo 4, par. 1, n. 7 del GDPR sarà necessario valutare attentamente se e come esso abbia effettivamente influito sulla determinazione delle finalità e dei mezzi di tale trattamento, per fini che siano allo stesso direttamente riferibili.

Valutazione delle misure di sicurezza adottate e risarcibilità del danno

Con la sentenza del 14 dicembre 2023, nella causa C-340/21, invece, la Corte di giustizia ha emesso chiare direttive sulla protezione dei dati personali e la libera circolazione degli stessi. La decisione riguardava la controversia tra un interessato e l’Agenzia Nazionale Bulgara per le entrate pubbliche (“NAP”) per un presunto danno immateriale derivante dalla violazione di dati personali in seguito ad un attacco hacker del 2019, con conseguente pubblicazione online di dati personali di oltre sei milioni di utenti della NAP. Il ricorso presentato dal soggetto leso è stato accolto dalla Corte di Giustizia che si è ritrovata a dover affrontare diverse questioni chiave nel contesto della protezione dei dati.

La Corte ha in particolar modo chiarito che gli articoli 24 e 32 del GDPR impongono al titolare del trattamento l’adozione di misure tecniche e organizzative idonee a prevenire violazioni dei dati personali.

L’adeguatezza di tali misure deve essere valutata dai giudici nazionali in concreto, pertanto, la divulgazione non autorizzata o l’accesso da parte di terzi non costituiscono automaticamente prova di inadeguatezza delle misure adottate dal titolare. Inoltre, nel contesto di un’azione risarcitoria avviata in conformità all’art.82 del GDPR, il titolare del trattamento ha l’onere di dimostrare l’adeguatezza delle misure di sicurezza adottate ai sensi dell’art. 32.

In seconda battuta, la Corte ha sottolineato che, con riferimento alla normativa nazionale venuta in rilievo per il caso di specie, una perizia giudiziaria non è sistematicamente necessaria e sufficiente per valutare l’adeguatezza delle misure di sicurezza, respingendo un’interpretazione che avrebbe potuto minare il principio di effettività del diritto dell’Unione.

Responsabilità del titolare del trattamento e risarcibilità del danno secondo la CGUE

Circa la responsabilità del titolare del trattamento per l’obbligo di risarcimento del danno, la Corte, ha rammentato che: a) in linea di principio, il titolare del trattamento è tenuto a risarcire un danno causato da una violazione del GDPR connessa a tale trattamento; b) può essere esonerato da responsabilità solo se fornisce la prova che il fatto lesivo non gli è in alcun modo imputabile, come nel caso di specie, in cui la violazione è stata perpetrata da criminali informatici.

Perciò, innanzi ad una violazione di dati personali perpetrata da un terzo, il titolare del trattamento può liberarsi dalla propria responsabilità, in conformità all’art. 82, par. 3 del GDPR, dimostrando l’assenza di un nesso causale tra la sua potenziale violazione dell’obbligo di protezione dei dati e il danno subito dalla persona fisica.

L’interpretazione del “danno immateriale” secondo la CGUE

Infine, pronunciandosi in tema di “danno immateriale”, la Corte ha interpretato la disposizione di cui all’art. 82, paragrafo 1 del GDPR stabilendo che il timore di un potenziale utilizzo abusivo dei propri dati personali da parte di terzi, che un interessato nutre a seguito di una violazione della normativa in esame, può di per sé, costituire un danno immateriale. La disposizione pertanto, così formulata, non esclude che la nozione di “danno immateriale” comprenda un caso come quello preso a riferimento, in cui, l’interessato al fine di ottenere un risarcimento, invoca il timore che i suoi dati personali siano oggetto di un futuro utilizzo abusivo da parte di terzi, a causa del verificarsi della violazione di tale regolamento.

La Corte ha chiarito che, per l’ammissibilità del risarcimento del danno, è necessario soddisfare determinati requisiti, tra cui l’esistenza del danno, l’accertamento della violazione ed il nesso di causalità diretto tra la violazione e il danno subito. I tre parametri sono indispensabili e devono coesistere affinché sia possibile avanzare una richiesta di risarcimento valida.

Conclusioni

Alla luce di quanto illustrato, seppure la Corte ripercorra il dettato normativo ormai noto, fornisce significativi spunti di riflessione in tema di responsabilità per il trattamento dei dati personali e risarcibilità del danno. Si ribadisce, difatti, che l’imposizione di una sanzione presuppone un comportamento illecito posto in essere con dolo o colpa, specie quando non siano state adottate, consapevolmente misure tecniche e organizzative adeguate a prevenire le violazioni dei dati personali. La Corte, inoltre, nel fornire la propria interpretazione circa alcune delle norme salienti del GDPR ha per la prima volta qualificato il concetto di “danno immateriale”, riconoscendo il timore di un potenziale utilizzo abusivo come potenziale elemento alla base del risarcimento (previa dimostrabilità del nesso causale).

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4