#cosedagarante

Scorza: “Via dai social le immagini in chiaro di minori e persone disagiate”

Scorza: "Il fine di denunciare situazioni di degrado non deve ledere il diritto alla privacy"

Per denunciare situazioni di degrado nel suo Comune, un sindaco ha pubblicato sulla sua pagina Facebook immagini e video in cui persone in stato di disagio erano perfettamente riconoscibili, in contrasto col Gdpr. Numerose le violazioni riscontrate dal Garante che ha ordinato la rimozione del materiale e comminato una multa

13 Mag 2022
Guido Scorza

Autorità Garante Privacy

Anche se il fine è quello di denunciare situazioni di degrado presenti nel Comune, un sindaco non può pubblicare sui propri profili social video e immagini in chiaro di minori disabili, persone in situazione di disagio o soggetti descritti quali autori o presunti autori di infrazioni, esponendoli così a commenti lesivi della loro dignità formulati da utenti dei social network.

Lo ha deciso il Garante per la protezione dei dati personali in un provvedimento con il quale ha ordinato a un sindaco di rimuovere dalla sua pagina Facebook le immagini pubblicate, sanzionandolo per 50mila euro.

Numerose le violazioni riscontrate: la pubblicazione di foto di minori e di persone con problemi di salute è sempre vietata in quanto in contrasto con il principio di essenzialità dell’informazione e con le disposizioni poste a tutela delle categorie più vulnerabili.

Il fine di denunciare situazioni di degrado non fa venir meno il necessario rispetto della privacy e della dignità delle persone.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4