social e reputation

Sovrapposizione di identità: cos’è e come danneggia la reputazione aziendale

Danneggiare la reputazione online aziendale tramite i social , con la sovrapposizione di identità

Cosa succede se è in corso una sovrapposizione d’identità e come avviene? Quello che c’è da sapere e come difendersi

19 Apr 2022
Gabriele Gobbo

Consulente e docente in digital marketing, divulgatore della cultura digitale

Oggi voglio parlarvi di un tema spinoso: il danneggiamento della reputazione online aziendale tramite i social media, con la sovrapposizione di identità e senza attacchi hacker o furti di credenziali. Ovviamente mi pongo dalla parte peggiore delle conseguenze possibili, perché ogni buon imprenditore sa che è bene lavorare per il meglio ma prepararsi per peggio.

Sappiamo ormai tutti che le nostre aziende non possono non essere presenti sui social media, ovviamente per ogni attività ci sono le piattaforme più adatte, ma la strategia di essere su più social contemporaneamente forse è quella migliore, perché dalle ultime statistiche pare che ogni persona utilizzi attivamente da 5 a 8 luoghi di socializzazione digitale contemporaneamente, dividendo il tempo in base al suo preferito.

Social zombing: cos’è e come mette KO i nostri profili social (anche aziendali)

Cosa succede quindi se è in corso una sovrapposizione e soprattutto come avviene?

Non è raro imbattersi in personaggi famosi che pubblicano post di dubbia utilità o sconvenienti, ma spesso, seppur identici agli originali, gli account in questione sono dei cloni, che purtroppo è semplicissimo fare. Ne abbiamo già parlato nell’ambito del Social Zombing e questa è una delle strategie per zombificare la presenza online di una persona o una azienda.

Come avviene la sovrapposizione di identità

Avviene questo: qualcuno prende tutti i nostri contenuti, crea una nuova pagina, crea un nuovo profilo e inizia col tempo a pubblicare esattamente quello che pubblichiamo noi. Contemporaneamente cerca di diffondere la pagina o l’account, andando a interagire e a commentare post dei nostri follower, dei nostri clienti e dei nostri utenti. Essendo la lista dei follower spesso in chiaro, i nomi dei like dei commenti pubblici, è facilissimo fare questa operazione seppur impegnando diverso tempo, ma questo tipo di attacchi alla reputazione avviene sempre in un medio/lungo periodo.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

È forse ancora peggio quando qualcuno mette in atto una sovrapposizione a una persona importante dell’azienda: il CEO, l’amministratore delegato o un manager in una posizione strategica che gestisce parti importanti delle attività perché diviene comunque una sovrapposizione correlata all’identità aziendale.

Perché viene fatto questo? Le motivazioni sono davvero molte e disparate, ma la reputazione aziendale è il “bene” che viene attaccato più spesso. Amo dire che la presenza online, la reputazione e l’identità digitali sono asset fondamentali da difendere e da tenere in altissima considerazione. Così come investiamo nella flotta di mezzi, in risorse umane e in macchinari, così dobbiamo fare con questi valori non tangibili.

Sappiamo bene quanto sia difficile costruire la propria reputazione, quanto tempo serva per costruirsi una credibilità elevata, ma è inversamente proporzionale al tempo che occorre per distruggerla; questo può avvenire in pochissimo tempo, anche se la sovrapposizione è una operazione lunga a un certo punto esplode l’attacco e così si può sgretolare tutto il nostro asset non tangibile.

Attacco alla credibilità tramite cloni online dei manager

Immaginiamo ora il profilo LinkedIn di un amministratore delegato, magari di una piccola azienda, che ha fra le sue amicizie il direttore di banca, qualche fornitore, alcuni clienti. Ora immaginiamo che pian piano venga costruito un secondo account fasullo, che inizialmente parla, scrive, pubblica come quello reale. Ma ad un certo punto contatta le persone più importanti del nostro network,  inizia a postare messaggi di lamentele sul lavoro che non ingrana, sui problemi economici, su un bilancio insoddisfacente, su clienti che non pagano le fatture o addirittura a lamentarsi di diversi clienti platealmente.

Pensiamo ora al direttore di banca che ci legge pensando sia il profilo vero, di sicuro andrà in allarme, soprattutto se abbiamo una linea di credito attiva, magari invece di chiamarci contatta i suoi superiori per riportare la cosa; questo potrebbe far iniziare addirittura dei problemi finanziari o comunque far crollare la fiducia in noi e nella nostra azienda.

Se d’altro canto la sovrapposizione avviene direttamente sui profili aziendali, con pagine che per mesi si comportano come l’originale e ingranano a livello di numeri raccogliendo migliaia di follower, comprandone qualcuno fake per sembrare più affidabili agli occhi degli utenti, la cosa si fa pericolosa: quando sarà sferrato l’attacco, la falsa identità inizierà a drenare clienti verso un concorrente, raccontare falsità su altre aziende, operando calunnie verso terzi, magari per drenare visite verso un ecommerce identico al nostro, ma falso. Quest’ultimo potrebbe essere un attacco solo per vendere i propri prodotti, ma alla peggio potrebbero essere perpetrate truffe con false vendite.

A questo punto i nostri clienti, che si sono fidati della falsa identità perché sovrapposta alla nostra, vengono truffati e passano alle azioni legali, alle lamentele sui social media, alle segnalazioni su grossi gruppi Facebook. Purtroppo, i giornali sono sempre alla ricerca di facili scoop e li cercano proprio sui social sperando di scoprire qualche magagna di marchi famosi e non. Così capita che si finisce prima sulle pagine dei giornali che in tribunale. Hai voglia poi di far partire la gestione della crisi, i comunicati stampa, le smentite… insomma se esplode lo shitstorm ne saremo investiti in modo spesso pesantissimo.

Come difenderci dalla sovrapposizione di identità aziendale online?

Monitoraggio e ascolto dei clienti sono alla base. Dobbiamo prestare attenzione ad ogni segnalazione, email, telefonata o tag che parli di noi e dei nostri prodotti, a maggior ragione se negativa. Mai prendere sottogamba una comunicazione di possibile truffa o consegna saltata. Dietro a ogni segnalazione ci potrebbe essere una attività di sovrapposizione e se tenute in giusta considerazione, ci aiuteranno a scovarla. Importante anche cercarci spesso sui motori di ricerca e sui social media, noi, i nostri collaboratori più importanti e la nostra azienda. Anche usare attivamente i social media è importante, controllando spesso i commenti per verificare se qualche pubblicazione ha il nostro nome ma non la abbiamo fatta noi. Ma è fondamentale tenere sempre le orecchie dritte e tenere aperti i canali di comunicazione con i nostri clienti, fornitori e  stakeholders.

Concludendo, e mi scuserete se sono stato troppo dalla parte dei cattivi nell’illustrarvi questa tecnica di attacco alla reputazione, il detto “a pensar male si fa peccato, ma…” è più che mai attuale, soprattutto sui canali digitali. Quindi occhi aperti, motori di ricerca sempre accesi e tool di monitoraggio ben impostati!

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4