diritti degli utenti

Telemarketing, così cambierà nel 2019 con le nuove regole

Anni di telefonate moleste e azioni borderline hanno portato alla demonizzazione del telemarketing. Tre nuovi provvedimenti potrebbero però consentire una svolta a vantaggio di tutti (aziende, call center e consumatori) e farlo diventare veicolo per l’acquisizione di nuovi clienti nel rispetto delle regole

05 Feb 2019
Luca Scarabosio

Partner presso OmniConsulting IT

telemarketing - registro pubblico opposizioni

Il 2018 può essere considerato l’anno della svolta per il settore del telemarketing, con un nuovo sistema di regole a vantaggio di tutti, di cui godremo i vantaggi nel corso di questo 2019.

Sono stati infatti messi in campo tre provvedimenti molto importanti:

  • La Legge 5/2018 contro il “telemarketing selvaggio” (gennaio 2018)
  • Il nuovo regolamento europeo sulla privacy (GDPR) (maggio 2018) e il codice privacy novellato dal decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101
  • Il codice deontologico sottoscritto dalle associazioni di categoria e dai consumatori per iniziativa di OIC (Osservatorio Imprese e Consumatori), a novembre 2018

L’effetto combinato di questi nuove disposizioni è quella di avere definito un quadro di tutele a vantaggio di tutti.

La nuova legge sul telemarketing in sintesi

In estrema sintesi, la nuova legge sul telemarketing prevede che:

  • si possano iscrivere al Registro Pubblico delle Opposizioni anche i numeri di telefonia mobile;
  • al medesimo Registro siano ammessi (in pratica, d’ufficio) tutti i numeri di telefonia fissa, anche quelli assenti dagli elenchi pubblici;
  • una volta iscritti al Registro sia possibile, nel tempo, revocare l’iscrizione oppure limitarla: ad esempio, si potrà ritirare l’opposizione solo in relazione ad alcuni specifici soggetti consentendo loro il contatto di direct marketing;
  • una volta iscritti al Registro, tutti i consensi resi in passato (sia online che offline) siano cancellati, fatta eccezione per quelli precedentemente rilasciati “nell’ambito di specifici rapporti contrattuali in essere, ovvero cessati da non più di trenta giorni, aventi ad oggetto la fornitura di beni o servizi”;
  • gli operatori dei call center indichino all’utente come hanno ottenuto i suoi dati personali (da elenchi pubblici o dall’acquisto di banche dati);
  • la linea chiamante sia identificata con prefisso unico per le telefonate di direct marketing e con un altro prefisso unico per le ricerche di mercato;
  • si osservi l’obbligo per i call center di verificare presso il Registro Pubblico delle Opposizioni, almeno una volta al mese, che i numeri che intendono chiamare per fini pubblicitari non siano iscritti nel Registro;
  • sia vietato l’utilizzo dei compositori automatici per la ricerca dei numeri telefonici;
  • sia vietata la cessione a terzi di liste di iscritti al Registro per finalità di direct marketing;
  • In caso di cessione a terzi di dati relativi alle numerazioni telefoniche, il titolare del trattamento sia tenuto a comunicare agli interessati gli estremi identificativi del soggetto a cui i medesimi dati sono trasferiti;
  • siano potenziate le sanzioni, che arriveranno fino alla sospensione dell’attività e alla revoca della licenza in caso di mancato rispetto delle legge da parte di singoli call center;
  • il titolare risponda in solido delle violazioni commesse da call center cui ha affidato il servizio.

Le nuove tutele del GDPR

Il GDPR e la nuova legge sulla privacy italiana aumenta la possibilità sanzionatoria, non solo amministrativa ma anche penale, con la reclusione da sei mesi fino a sei anni:

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy
  • Trattamento illecito di dati. “Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarre per sé o per altri profitto ovvero di arrecare danno all’interessato, operando in violazione del Regolamento arreca un danno all’interessato, è punito con la reclusione da sei mesi fino a un anno e sei mesi. E nei casi più gravi fino a tre anni”.
  • L’acquisizione fraudolenta di dati personali oggetto di trattamento su larga scala è punita con la reclusione da uno a quattro anni.
  • Comunicazione e diffusione illecita di dati personali oggetto di trattamento su larga scala è punita con la reclusione da uno a sei anni.
  • L’inosservanza dei provvedimenti del Garante è punita con la reclusione da tre mesi a due anni.

Il codice deontologico delle associazioni

Infine, Assocontact, l’associazione datoriale delle società che gestiscono i servizi di Contact Center in outsourcing, ha avviato una collaborazione con l’Osservatorio Imprese e Consumatori, la realtà di cui fanno parte undici associazioni di Consumatori a livello nazionale, al fine d’identificare delle nuove procedure atte a regolamentare l’attività del Telemarketing garantendo e tutelando il rispetto dei diritti dei consumatori. Il lavoro di confronto, analisi e studio tra le associazioni dei consumatori ed Assocontact, ha prodotto la redazione di un nuovo “Codice procedurale in materia di telemarketing e tutela del trattamento dei dati personali dei clienti”, il cui scopo sarà quello d’indicare in maniera compiuta e organica le attività condotte e di disciplinare il settore.

In particolare, il Codice Procedurale abbraccia i seguenti principi cardine:

  • La formazione continua, professionale e certificata degli operatori;
  • Il dialogo tra i rappresentanti delle diverse parti coinvolte Utenti /Ass. Consumatori –Istituzioni, con l’idea di creare un Organismo Pluralistico di Controllo, che vigili sull’applicazione delle “best practice” in materia;
  • Coadiuvare il consumatore nel percorso migliore per offrire un servizio in linea con le migliori “best practice” del settore.

Gli obiettivi

L’insieme di questi provvedimenti (Legge 5/2018, D.L. 101/18, Codice deontologico) va in tre direzioni ben precise:

  • La prima è relativa alla possibilità da parte degli utenti di fare una sorta di “punto zero” sui consensi spesso rilasciati in modo inconsapevole con l’iscrizione al registro dell’opposizione, e di poter verificare in ogni momento la provenienza dei dati che sono stati utilizzati per effettuare la chiamate.
  • La seconda è relativa una maggiore attenzione alla cessione delle liste a soggetti terzi, con l’obbligo di informare l’interessato in relazione al soggetto che riceve i dati, in modo da limitare la vendita incontrollata dei dati.
  • La terza relativa ad una responsabilità solidale tra committenti e call center.

Un nuovo impulso alla regolamentazione del telemarketing sarà anche dato dalla approvazione definitiva del cosiddetto Regolamento ePrivacy che riguarda specificatamente la tutela dei dati personali nelle comunicazioni elettroniche e che abroga la direttiva 2002/58/CE che potrebbe obbligare ad avere un consenso specifico da parte dell’interessato per finalità di marketing al telefono.

Perché si è arrivati a questo punto

Alzi la mano chi non si è sentito infastidito dalle chiamate dei call center che effettuano attività di telemarketing.  Comportamenti spregiudicati e spesso borderline hanno portato nel tempo a una sorta di demonizzazione per cui le “telefonate moleste”, dopo il terrorismo islamico e l’immigrazione clandestina, sono diventate il male assoluto.

Tale situazione è sicuramente giustificata dal fatto che negli ultimi anni ci sono stati abusi nell’utilizzo di questo strumento per vendere soprattutto servizi di telecomunicazione ed energia che hanno creato una situazione di “rigetto” a qualsiasi proposta ricevuta al telefono.

Per raggiungere gli obiettivi commerciali, i grandi player del mondo della telefonia e dell’energia negli anni passati hanno infatti chiuso uno se non due occhi, ricorrendo spesso a partner commerciali non del tutto qualificati, obbligandoli per sopravvivere ad azioni molto spesso “border line”.

Una nuova fase per il telemarketing: 2019

La speranza è quindi quella di aprire una nuova fase in cui il telemarketing è uno strumento utilizzabile dalle aziende in modo regolato al servizio e vantaggio dei consumatori, in grado di aprire nuovi mercati, oltre a quelli tradizionali, quali quelli assicurativi e finanziari, dove la concorrenza è ancora in fase iniziale.

Sarà necessario però un percorso di crescita culturale da parte dei consumatori che devono diventare più attenti nel rilascio dei consensi ed esigenti il rispetto delle regole e sarà necessario da parte dell’aziende una maggiore responsabilizzazione nella scelta di partner commerciali in grado di garantire requisiti di professionalità e qualità, riconoscendo in modo equo e sostenibile il valore delle attività svolte.

Viene dunque finalmente tracciata una strada che permette di operare nel mercato con una cultura di rispetto non solo della normativa vigente, specie per quanto attiene la privacy, ma nella estrema tutela di tutte le parti coinvolte, nel desiderio di garantire sviluppo e sostenibilità ad un settore che dà lavoro a più di 40.000 addetti, per lo più giovani e donne in aree depresse.

In questo nuovo contesto di regole, il telemarketing potrà essere un elemento fondamentale nel processo di acquisizione e gestione di nuovi clienti, anche grazie all’integrazione con le nuove tecnologie di intelligenza artificiale, utilizzate da una parte per prevedere ed anticipare le esigenze dei clienti e dall’altra per organizzare al meglio il nostro tempo e le nostre spese.

Si aprono quindi scenari molto interessanti per le attività di telemarketing future, ma sarà necessario anche e soprattutto un cambio di mentalità da parte degli operatori telefonici, non più semplice interlocutori obbligati a ripetere infinite volte sempre il medesimo script, ma veri e propri professionisti in grado di capire, non solo cosa proporre ai clienti, ma anche quando proporglielo, e soprattutto di ascoltare e valorizzare il contenuto della telefonata, a prescindere dall’esito definitivo della chiamata, nel rispetto pieno delle regole stabilite tra le parti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link