privacy

Trattamento indiretto di dati sensibili, che dicono giurisprudenza e Gdpr

Una sentenza della Cassazione obbliga alla cifratura anche per un trattamento indiretto dei dati, da un caso in cui il ricorrente riteneva che le proprie condizioni di salute si potevano evincere dall’estratto di conto corrente. Ma con il Gdpr la situazione potrebbe cambiare

Pubblicato il 28 Mar 2018

Maria Cristina Daga

avvocato, Senior Legal Consultant P4I

cyber_565329322

Le Sezioni Unite della Cassazione Civile, con sentenza del 27 settembre 2017, n. 30981, si sono pronunciate per dirimere un contrasto giurisprudenziale in ordine alla qualificazione di dato sensibile quando questo risulti da un’operazione indiretta di trattamento, alla differenza concettuale tra diffusione e comunicazione nonché all’applicazione delle misure tecniche di sicurezza.

Secondo la Cassazione, “i dati sensibili idonei a rivelare lo stato di salute possono essere trattati soltanto mediante modalità organizzative, quali tecniche di cifratura o criptatura che rendono non identificabile l’interessato. Di fatto, i soggetti pubblici o le persone giuridiche private, anche quando agiscano rispettivamente in funzione della realizzazione di una finalità di pubblico interesse o in adempimento di un obbligo contrattuale, sono tenuti all’osservanza delle predette cautele nel trattamento dei dati in questione”. Era un caso in cui il ricorrente riteneva che le proprie condizioni di salute erano deducibili da un estratto di conto corrente.

In primo luogo, la cifratura o la criptatura non è una modalità organizzativa, ma una misura tecnica di sicurezza. Inoltre, le Sezioni Unite fondano l’analisi e la risoluzione del contrasto interpretativo nell’ambito del sistema di previsioni contenute nel D. Lgs. 196/2003, senza soffermarsi sulle nuove previsioni normative contenute nel Regolamento europeo n. 679/2016. Si potrebbe quindi sostenere che una pronuncia nuova, da poco pubblica, diventerà inattuale tra circa quattro mesi se consideriamo che l’impianto normativo di riferimento su cui i giudici fondano l’analisi e la risoluzione del contrasto interpretativo è destinato ad essere modificato e, in parte, sostituito dalla suddetta normativa europea (applicabile, a partire dal 25 maggio 2018).

Tuttavia, una tale ipotesi andrebbe a limitare la portata e la validità di una pronuncia giurisprudenziale che, di fatto, non contrasta né diverge dai principi sostanziali posti alla base della normativa europea. La coerenza sostanziale tra la pronuncia odierna e le previsioni indicate in tema di misure di sicurezza nel GDPR potrebbe rendere la pronuncia estendibile e applicabile anche a partire dal 25 maggio 2018.

Che cambia per i titolari del trattamento

Tuttavia, cambiano i presupposti per i titolari del trattamento nell’adozione delle misure di sicurezza.

Come è noto, nel D. Lgs. 196/2003 sono indicate puntuali misure di sicurezza da adottare per garantire un livello minimo di protezione (si pensi all’elenco analitico contenuto nell’art. 33 e all’allegato B), sono previste le misure idonee di sicurezza (si pensi all’art. 31), nonché le tecniche di cifratura o criptatura prescritte dall’art. 22, 6° comma del D. Lgs. 196/2003 per il trattamento dei dati sensibili dei soggetti pubblici. Diversamente, nel GDPR la scelta delle misure di sicurezza tecniche ed organizzative adeguate, tra queste anche la cifratura, sarà oggetto di una preventiva valutazione dei rischi effettuata dai titolari del trattamento e dai responsabili del trattamento, tenuto conto dello stato dell’arte e dei costi di attuazione, nonché della natura, dell’oggetto, del contesto e delle finalità del trattamento, come anche del rischio di varia probabilità e gravità per i diritti e le libertà delle persone fisiche.

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity

Nel D. Lgs. 196/2003, il presupposto per l’adozione di misure di sicurezza è (o era) l’applicazione di una prescrizione normativa, mentre nel GDPR l’approccio è (e sarà) basato sul rischio del trattamento.

L’esame logico-giuridico realizzato dai giudicanti nel corpo della sentenza si fonda sull’analisi dell’art. 22, IV comma, per i soggetti pubblici e sull’estendibilità del precetto normativo anche ai soggetti privati, atteso che, precisa la Corte, l’autorizzazione del Garante n. 5/2009 prescrive che per tutti i trattamentiprima di iniziare o proseguire il trattamento i sistemi informativi e i programmi informatici sono configurati riducendo al minimo l’utilizzazione di dati personali e di dati identificativi, in modo da escluderne il trattamento quando le finalità perseguite nei singoli casi possono essere realizzate mediante, rispettivamente, dati anonimi od opportune modalità che permettano di identificare l’interessato solo in caso di necessità, in conformità all’art. 3 del Codice”. Sempre secondo i giudici, l’interpretazione sistematica delle norme di protezione dei dati sensibili, contenute nel d. lgs. 196/2003, porta ad escludere che le cautele poste a carico del soggetto pubblico non debbano essere applicate anche ai soggetti privati cui i dati siano trasmessi in virtù di un obbligo legale o di un vincolo contrattuale, al fine di completare il procedimento di riconoscimento ed erogazione dell’indennità. Diversamente ragionando, si determinerebbe un vulvus privo di ragionevolezza in ordine al trattamento dei dati nella fase successiva alla trasmissione di essi all’istituto bancario, caratterizzata dal potenziale aumento dei soggetti che ne possono venire a contatto.

A parere di chi scrive, il ragionamento seguito dagli Ermellini, sebbene astrattamente corretto, non considera che – nel caso di specie – il dato personale nel momento in cui entra nella sfera di controllo dell’istituto di credito ricade nella sfera di responsabilità giuridica dello stesso, in qualità di nuovo titolare del trattamento (o titolare autonomo) con poteri decisionali autonomi in ordine alle modalità e finalità del trattamento, incluso il profilo della sicurezza.

Che cambia con il GDPR

Di conseguenza, l’analogica applicazione delle misure di sicurezza a seguito di trasmissione non può trovare lo stesso fondamento giuridico (ovvero l’art. 22, IV comma del codice). Tuttalpiù sarebbe stato più opportuno individuare in tale fondamento giuridico le misure idonee di sicurezza per ridurre al minimo i rischi connessi al trattamento previste dall’art. 31 del Codice Privacy e dai punti 20 a 24 dell’Allegato B dello stesso Codice; misure, che tra l’altro, avrebbero garantito maggior coerenza e continuità con il GDPR che prescrive l’adozione di idonee misure in relazione al rischio individuato in relazione al trattamento specifico.

Di conseguenza, poiché la Corte individua nell’art. 22, IV comma e nell’autorizzazione generale per il trattamento dei dati sensibili, il presupposto per l’adozione della cifratura anche ai soggetti privati, ed essendo tali norme destinate, rispettivamente, ad essere modificate ed abrogate il 24 maggio 2018, la sentenza in esame, a parere di chi scrive, rischia di perdere la propria validità ed efficacia nel momento in cui il GDPR sarà pienamente applicabile e con esso i nuovi presupposti per l’adozione delle misure di sicurezza. In tal senso, con il GDPR, il titolare – su cui grava l’accountability – sarà tenuto ad individuare le misure di sicurezza idonee per proteggere i dati personali che, in astratto e salvo casi particolari, le misure di sicurezza idonee a proteggere i dati sensibili o le particolari categorie di dati saranno, in ogni caso, le tecniche di cifratura. Tuttavia, la scelta sarà il frutto di una valutazione dei rischi e non del recepimento di un precetto normativo (che nel caso di specie è stato applicato in via analogica).

È doveroso ricordare che il D. Lgs. 196/2003 non verrà abrogato, ma armonizzato alla normativa europea a seguito della delega conferita al nostro Governo che lo incarica di abrogare le disposizioni del D. Lgs. 196/2003 incompatibili con le disposizioni di cui al GDPR, modificare le norme del D. Lgs. 196/2003 al fine di dare puntuale attuazione alle disposizioni del Regolamento non direttamente applicabili, coordinare le disposizioni vigenti del D. Lgs. 196/2003 con le disposizioni di cui al Regolamento, prevedere, ove opportuno, il ricorso a provvedimenti attuativi e integrativi del Garante nell’ambito e per le finalità previste dal Regolamento; adeguare, nell’ambito delle modifiche al D. Lgs. 196/2003 l’attuale regime sanzionatorio penaleamministrativo, alle disposizioni del Regolamento, prevedendo   sanzioni penali e amministrative efficaci, dissuasive e proporzionate alla gravità della violazione delle disposizioni stesse.

Inoltre, nel caso in esame, il ricorrente ha dedotto l’illecito trattamento e diffusione (semmai comunicazione!) di dati sensibili relativi alla propria condizione di salute leggibili dalla dizione “pagamento rateo arretrati bimestrali e posticipati (…) L. n. 210 del 1992”  (indennizzo a favore delle vittime del sangue infetto) nella causale di accredito dell’indennità da parte della regione (quale ente pubblico erogatore dell’indennità), riportata nell’estratto conto inviato al cliente dalla banca, essendo i ratei bimestrali accreditati su un suo conto corrente acceso presso l’istituto. Tali dati non erano stati trattati secondo tecniche di cifratura che li avrebbero resi inintelligibili ai sensi dell’art. 22 comma 6 D. Lgs. n. 196 del 2003.

In merito al tema indicato, gli Ermellini si erano già pronunziati in modo antitetico e precisamente, il trattamento de quo per la Cassazione n. 1097/14 era illegittimo, mentre per la Cassazione. n. 10280/15 era legittimo; così la Sezione I, ravvisando un contrasto di giurisprudenza ha richiesto la rimessione alle Sezioni Unite con ordinanza n. 3455/17. Gli Ermellini hanno composto la discrasia in modo unanime stabilendo che – salvo deroghe ex lege – i dati relativi allo stato di salute possono essere trattati dalla banca solo previo consenso specifico scritto e solo mediante applicazione delle misure crittografiche necessarie. Inoltre, hanno chiarito la corretta qualificazione di comunicazione in relazione alla trasmissione dei dati, attraverso la dicitura nella causale di bonifico, dalla regione alla banca.

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati