compliance e sicurezza

Wi-Fi in azienda: guida pratica per renderlo più sicuro



Indirizzo copiato

L’utilizzo di una rete Wi-Fi è ormai comune in azienda, così come la condivisione della rete anche con soggetti esterni, quali clienti o visitatori. I rischi, tuttavia, sono molti e richiedono un’attenta valutazione al fine di garantire la sicurezza informatica aziendale e la compliance alla normativa

Pubblicato il 11 lug 2023

Lorenzo Giannini

Consulente legale privacy e DPO



wifi_379210036

Oggigiorno, la pressoché totalità delle aziende – così come anche ciascuno di noi nella propria abitazione – sfrutta i vantaggi di una (o, talvolta, più di una) rete locale senza fili (WLAN) per consentire la connessione in rete dei dispositivi o l’accesso al web.

Connessioni wi-fi, i vantaggi

Per quanto, sotto un profilo qualitativo, le soluzioni cablate risultino vantaggiose e meno influenzate da caratteristiche strutturali (muri, pavimenti, porte, etc.), sono innegabili i vantaggi offerti in termini di praticità da una connessione di tipo wireless, che grazie a standard di trasmissione e router sempre più performanti, nonché al proliferare di dispositivi portatili o indossabili per i quali l’online risulta indispensabile, ha visto sempre più crescere negli anni il suo impiego e migliorare le proprie performance.

Sono molti, inoltre, i dispositivi e i comandi che in passato venivano azionati via cavo o manualmente e che invece, attualmente, possono essere avviati da remoto o risultano automatizzati in quanto connessi alla rete wireless aziendale: pensiamo, ad esempio, all’illuminazione, alle serrature, all’impianto di videosorveglianza o di riscaldamento.

I rischi di una rete basata sul wi-fi

Una rete basata su tecnologia Wi-Fi, tuttavia, comporta anche dei rischi, finendo potenzialmente per rappresentare l’anello debole dell’integrità dei dati (anche personali) che transitano sulla rete stessa, nonché della sicurezza informatica aziendale, incidendo di riflesso sulla business continuity.

Risulta, pertanto, quanto mai opportuno per l’azienda prestare attenzione a implementare idonee procedure e strumenti di cybersecurity e, prima ancora, acquisire consapevolezza riguardo al giusto approccio da adottare, oltre a svolgere attività formativa interna riguardo ai pericoli connessi al tema in parola.

Wi-fi, regole e suggerimenti di sicurezza da tenere in considerazione

Per queste ragioni, pur senza addentrarci in questa sede nel dettaglio strettamente tecnico delle varie misure, possiamo stilare un elenco – non esaustivo – di regole e suggerimenti da tenere in considerazione:

  • In primo luogo, assicurarsi di mantenere costantemente aggiornato il firmware del router Wi-Fi (e di range extender e access point, laddove la grandezza dei locali aziendali ne abbia richiesto l’utilizzo, al fine di estendere lo spettro di copertura della rete wireless). Le vulnerabilità vengono infatti costantemente monitorate e risolte da parte dei produttori attraverso il rilascio di patch di sicurezza.
  • Impostare la potenza del segnale confinandola all’area di interesse, evitando che possa essere visibile al di fuori della struttura aziendale permettendo un’eventuale intromissione da parte di soggetti non autorizzati.
  • Non lasciare l’SSID (ossia il nome visibile della rete Wi-Fi) impostato di default (talvolta corrispondente al modello stesso del router), in quanto ciò potrebbe facilitare malintenzionati, dato che consentirebbe loro di agire sulla base delle vulnerabilità note del dispositivo. Inoltre, appare altresì opportuno disabilitare il broadcast dell’SSID, ossia evitare che il nome della rete sia individuabile dall’esterno attraverso una semplice scansione delle reti disponibili.
  • Monitorare le reti Wi-Fi disponibili in prossimità dell’azienda per individuare eventuali reti “civetta”. Spesso i criminali informatici creano reti con un nome uguale o molto simile a quello dell’azienda allo scopo di indurre in errore il dipendente, che proverà ad accedervi utilizzando la password aziendale. In tal caso, i soggetti malintenzionati avranno facilmente modo di intercettare le credenziali, potendo comodamente accedere alla rete dell’azienda.

Sotto questo profilo, appare fondamentale svolgere e aggiornare costantemente l’attività formativa del personale, in modo da accrescere la loro consapevolezza in un’ottica di prevenzione del rischio.

  • Al momento di installazione del router, prevedere una password di accesso robusta (ad esempio con lunghezza minima non inferiore a 8 caratteri, alfanumerica, con lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri speciali) e, eventualmente, a due fattori, in modo che la sua complessità renda più difficile un accesso non autorizzato. Ulteriori preziose indicazioni, in questa prospettiva, sono quelle fornite dall’Autorità Garante privacy, disponibili al seguente link.

La password dovrà essere cambiata periodicamente o, nel caso di attacco informatico o accesso non autorizzato, immediatamente dopo il verificarsi dell’evento. Per ulteriore sicurezza, appare corretto il cambio della password anche nel caso di dimissioni o licenziamento del dipendente, al fine di non lasciare nella sua disponibilità la chiave di accesso alla rete aziendale.

  • Utilizzare un firewall al fine di proteggere i dispositivi connessi alla rete, nonché prevedere un protocollo di sicurezza per evitare, anche laddove un cybercriminale dovesse riuscire ad accedere alla rete, che provochi danni importanti ai server aziendali.
  • Adottare specifiche policy aziendali che consentano di perimetrare le modalità di utilizzo della rete da parte del personale, nonché per stabilire ex ante regole per la gestione di eventuali ipotesi di violazione dei dati personali (c.d. data breach, articoli 33 e 34 GDPR[1]).
  • Nel caso in cui sia stato nominato, è quanto mai necessario che il DPO (Data Protection Officer) venga messo a conoscenza della configurazione della rete e dia eventuali ipotesi di violazione della stessa, al fine di consentirgli di adempiere agli obblighi di informazione, consulenza e sorveglianza che gli vengono attribuiti dall’articolo 39 GDPR.
  • Prevedere apposite nomine ex art. 28 GDPR nel caso in cui vi sia un’esternalizzazione di attività che consentano, ad esempio, al tecnico manutentore esterno, di svolgere attività di trattamento di dati personali per conto dell’azienda[2].
  • Creare e isolare una seconda rete per gli ospiti[3] (ad esempio, clienti, fornitori, visitatori) distinta da quella aziendale, alla quale hanno accesso le risorse interne. In questo modo, pur consentendo al soggetto esterno la fruizione di internet, si eviterà di mettere a rischio l’intera infrastruttura informatica aziendale, dato che sarà precluso a quest’ultimo l’accesso a risorse della rete principale, quali NAS o server ad esempio.

Reti wi-fi “guest”, a cosa prestare attenzione

Riferendoci proprio alla rete Wi-Fi “guest” è utile osservare come talvolta per l’azienda, soprattutto se ci collochiamo nell’ipotesi del contesto ricettivo-alberghiero, ciò rappresenti anche un canale utile per raccogliere dati di contatto dell’utente, anche al fine di compiere una successiva attività di marketing.

In questo caso, quanto considerato ai fini dell’integrità della rete in sé, assume ulteriore valenza anche come protezione da assicurare ai dati personali raccolti. Informazioni quali il nome, il cognome o l’indirizzo mail, ad esempio, sono a tutti gli effetti “dati personali” – così come definiti ex art. 4, comma 1, punto 1) GDPR – e, come tali, l’azienda (titolare del trattamento) dovrà attuare misure tecniche e organizzative volte a garantire un livello di sicurezza adeguato al rischio[4], consentendo così una protezione dei dati degli utenti fin dalla progettazione e per impostazione predefinita (c.d. privacy by design e by default, art. 25 GDPR).

Trattamenti dei dati personali per l’accesso alla rete ospiti

Pertanto, al di là del profilo tecnico di sicurezza fin qui esaminato, con riferimento al trattamento dei dati personali raccolti per permettere l’accesso alla rete ospiti, possiamo anche considerare come ulteriori misure quelle di:

  • Rispettare i principi di cui all’art. 5 GDPR, in particolar modo avendo riguardo di ridurre il quantitativo di dati raccolti (“minimizzazione dei dati”) e di limitare le finalità (“limitazione delle finalità”).
  • Rispettare gli obblighi di trasparenza e informazione, attraverso un’idonea informativa privacy che metta a conoscenza dell’utente quali tipologie di dati vengono raccolti, per quali finalità, i tempi di conservazione e tutti gli altri elementi previsti ex art. 13 GDPR. Consentire, inoltre, l’eventuale esercizio dei diritti da parte dell’interessato, riscontrando eventuali richieste nei termini di cui all’art. 12 GDPR.
  • Nel caso sia interesse del titolare sfruttare le informazioni raccolte anche per attività promozionali (ad esempio tramite la mail richiesta per la registrazione alla rete), ciò potrà avvenire dietro specifico e libero consenso dell’utente (cfr. art. 7 GDPR).
  • Astenersi dal compiere attività di tracciamento di prossimità attraverso tecniche di Wi-Fi location tracking, relative all’ubicazione o agli spostamenti degli utenti.
  • Ricomprendere tale attività all’interno del registro delle attività di trattamento, richiesto al titolare ex art. 30, comma 1, GDPR.

Conclusioni

Appare chiaro come a fronte dei notevoli vantaggi offerti dall’accesso a una rete wireless, si pone come fondamentale per qualsiasi azienda l’obiettivo di salvaguardare le esigenze connesse alla sicurezza aziendale e alla protezione dei dati personali, soprattutto in considerazione dei sempre crescenti attacchi informatici a cui le aziende sono esposte in questo periodo, soprattutto nel nostro Paese[5].

Note


[1] Regolamento generale sulla protezione dei dati (Regolamento (UE) 2016/679).

[2] Alla luce dell’ampia definizione offerta dal punto 2 del primo comma dell’art. 4 GDPR, anche la mera consultazione dei dati personali sarebbe da intendersi quale “trattamento”.

[3] La rete Wi-Fi “guest” è identica a quella aziendale principale, pur con differenti prestazioni, più ridotte, in modo da consentire la performance e la sicurezza della rete “primaria”, nonché lo svolgimento delle attività lavorative riducendo altresì il rischio di malfunzionamenti o rallentamenti.

[4] Secondo l’art. 32 GDPR, “tenendo conto dello stato dell’arte e dei costi di attuazione, nonché della natura, dell’oggetto, del contesto e delle finalità del trattamento, come anche del rischio di varia probabilità e gravità per i diritti e le libertà delle persone fisiche, il titolare del trattamento e il responsabile del trattamento mettono in atto misure tecniche e organizzative adeguate per garantire un livello di sicurezza adeguato al rischio”. Cfr. altresì art. 24 GDPR.

[5] Cfr. con la Relazione annuale al Parlamento 2022 circa l’attività svolta dall’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (ACN). www.acn.gov.it/agenzia/relazione-annuale.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3