normativa

Bonus colonnine elettriche, tutte le regole: ecco i fondi e come ottenerli



Indirizzo copiato

Il bonus colonnine elettriche consiste in due misure per incentivare privati e imprese: per queste ultime, si può fare domanda dal 10 al 30 novembre per ottenere il beneficio

Pubblicato il 3 nov 2023

Chiara Ponti

Avvocato, Privacy Specialist & Legal Compliance e nuove tecnologie – Baccalaureata



auto elettriche(1)

Un’agevolazione volta a supportare la mobilità sostenibile e smart: è il cosiddetto bonus colonnine. Si tratta di un’iniziativa del ministero delle Imprese e del Made in Italy – MIMIT che prevede incentivi finalizzati all’acquisto e all’installazione di colonnine elettriche per la ricarica di veicoli green.

I due contributi sono volti a coprire il prezzo di acquisto e posa delle colonnine all’80% per i privati, al 40% per imprese e professionisti.

Bonus colonnine, come funzionano

Sono due i bonus colonnine elettriche messi a disposizione dal Governo, grazie alla politica di incentivazione che ormai da anni il nostro Paese continua a perseguire.

Si tratta di una misura posta in essere dal MIMIT con il DPCM del 4 agosto 2022 e consiste in un’agevolazione che comprende due diversi contributi:

  • uno per le utenze domestiche;
  • uno per le utenze business (imprese e professionisti).

Entrambe le misure sono gestite da Invitalia.

L’intento è chiaro: incentivare la mobilità elettrica sostenendo privati/persone fisiche/condomini/imprese/professionisti, con un “gettone”, il famoso bonus, da spendere al momento dell’acquisto e posa delle infrastrutture (colonnine) che tipicamente ricaricano i veicoli elettrici (EVs che si muovono con un motore elettrico, la cui batteria viene ricaricata con una presa alla rete elettrica).

L’incentivo per i privati

Il “bonus colonnine domestiche” è, per definizione, quel “contributo per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di potenza standard per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, effettuati da utenti domestici”.

Si tratta di un incentivo che viene erogato in “conto capitale” e quindi a fondo perduto; concesso dal MIMIT, e in particolare dalla “Direzione generale per la politica industriale, l’innovazione e le PMI”, con le modalità di cui al decreto direttoriale del 14 marzo 2023 a definizione della procedura per la concessione/erogazione dei bonus sottesi.

L’incentivo per imprese e partite Iva

Il “bonus colonnine per imprese e professionisti” è un contributo per acquisto e installazione delle colonnine che ricaricano i veicoli full electric, ma per utenti business.

In pratica, quest’altro bonus sostiene, come da fonte ministeriale, “l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici da parte di imprese e professionisti, per un importo pari al 40% delle spese ammissibili”.

Anche questo tipo incentivo è a fondo perduto, tuttavia concesso ed erogato dal ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica – MASE come previsto dal DM 25 agosto 2021.

Bonus colonnine per privati: tutti i dettagli

Vediamo ora più nel dettaglio i singoli bonus in disamina, iniziando da quello “domestico”.

A chi si rivolge

Sul piano soggettivo, possono beneficiare di questo contributo tutti privati/condomini residenti in Italia.

In altri termini, il Governo nel stanziare un contributo di questo tipo, intende spingere verso la mobilità totalmente elettrica e meno inquinante che richiede di poter ricaricare il veicolo elettrico per un tot di ore alla corrente. Da qui la necessità di avere in garage o in cortile una colonnina ad hoc.

Per quali installazioni, ed entro quando

Sul piano oggettivo, rientrano tutti quegli interventi effettuati “dal 4 ottobre 2022 al 31 dicembre 2022”.

Il termine ultimo per presentare la domanda è fino alle ore 12 del 2 novembre 2023 accedendo alla piattaforma informatica.

Mentre per le installazioni fatte nell’anno 2023, non si sa ancora nulla; sarà il MIMIT a comunicarne i dettagli.

Come presentare la domanda, i requisiti necessari

La domanda può essere presentata solo telematicamente, tramite Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), Carta d’Identità Elettronica (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Ad autenticazione effettuata, gli utenti/privati/interessati potranno procedere alla compilazione della domanda, consultando se del caso la procedura guidata: “Guida alla presentazione della domanda

Per la presentazione della domanda, dopo aver fatto l’accesso al proprio login, si deve quindi accedere alla propria “scrivania” lì dove individuare l’incentivo che fa al proprio caso.

Una volta selezionato il bonus “utenze domestiche” tramite l’indicazione della PEC il sistema è impostato per confermare la pratica avvenuta.

Qui, il modulo relazione finale bonus colonnine.

Le domande presentate in altri modi non sono ammesse e quindi verranno ignorate.

Le risorse disponibili: concessione e limiti del bonus

Le risorse finanziare messe a disposizione ammontano a 40 milioni di euro per il 2022, idem per il 2023.

Nel limite di questi importi, la concessione del bonus avviene nel termine di 90 giorni dal termine ultimo (cioè il 2 novembre) per compilare e spedire la domanda.

L’importo massimo del contributo per ciascun utente/interessato/privato non potrà superare i 1.500 euro per gli utenti privati, e gli 8.000 euro nel caso in cui l’installazione delle colonnine interessi le parti comuni di un condominio.

Per ulteriori dettagli, rinviamo alle FAQ .

Da sottolineare che rispetto al 2022, l’importo in percentuale del costo rimborsabile è aumentato dal 50% all’80% sulla spesa totale.

Fiscalmente, tale incentivo per quanto non sarà più detraibile, sarà comunque considerato come un contributo immediato.

Bonus colonnine elettriche, le norme di riferimento

Nella tabella che segue elenchiamo tutte i relativi riferimenti normativi

BONUS COLONNINE ELETTRICHE – Riferimenti Normativi
UTENZE DOMESTICHEUTENZE BUSINESS
DPCM 4 agosto 2022In modifica del DPCM 6 aprile 2022, attuativo del Fondo “Riconversione, ricerca e sviluppo del settore automotiveDecreto 25 agosto 2021 s.s.m.i.Disciplina di concessione e l’erogazione di contributi in conto capitale finalizzati a sostenere l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica effettuati da imprese e professionisti.
DL 29 dicembre 2022Decreto “Milleproroghe”Decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia.
Dd 2 ottobre 2023Sui termini di apertura/chiusura Sportello 2022 e controlliDd 10 ottobre 2023Sui termini e modalità di presentazione delle domande
Dd 14 marzo 2023 Contributi per le infrastrutture di ricarica

Bonus colonnine per imprese, tutto ciò che bisona sapere

Vediamo adesso come funziona e quant’altro di utile occorre sapere, per il bonus colonnine elettriche ovvero per le “utenze business” (imprese e professionisti).

I fondi a disposizione

Anche in questo caso, come già scritto, l’incentivo sostiene l’acquisto e la posa delle infrastrutture per la ricarica di veicoli con la spina.

Il contributo viene erogato non più dal MIMIT, ma dal MASE a fronte di uno stanziamento pari a 87,5 milioni euro così suddiviso:

  • 70 milioni per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica con un valore complessivo inferiore a 375mila euro, da parte delle imprese;
  • 8,75 milioni per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica di valore complessivo pari o superiore a 375mila euro, sempre da parte di imprese;
  • 8,75 milioni per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica, da parte dei professionisti” con la precisazione che per i professionisti in regime forfettario, “il valore dell’infrastruttura di ricarica non può essere superiore a 20.000,00 euro”.

Precisiamo, come da fonte ufficiale (Invitalia), che “Il contributo è concesso, nel limite della dotazione disponibile, nell’ambito del massimale de minimis previsto per il settore di riferimento (Regolamento UE N. 1407/2013; Regolamento UE N. 1408/2013; Regolamento UE N. 717/2014); e non è cumulabile con altri contributi, sovvenzioni e agevolazioni pubbliche concesse per le stesse spese”, naturalmente è fatto divieto del cumulo.

A chi si rivolge e per quali installazioni

Possono beneficiare di questo bonus, tutte le imprese di qualunque tipo e dimensione nonché i professionisti, purché dotati di alcuni requisiti come di seguito rappresentati.

REQUISITI
IMPRESEsede sul territorio italiano; attive e iscritte al Registro delle imprese; non in situazione di difficoltà; iscritte presso INPS o INAIL con una posizione contributiva regolare, così come risultante dal documento unico di regolarità contributiva (DURC); in regola con gli adempimenti fiscali; non sottoposte a procedura concorsuale e/o in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente come da normativa vigente; non hanno beneficiato di aiuti “de minimis” che, insieme all’importo delle agevolazioni concesse a valere sulla presente misura, determinano il superamento dei massimali previsti; non hanno ricevuto né richiesto, per le spese oggetto del contributo, alcun altro contributo pubblico; non sono destinatarie di sanzioni interdittive; non hanno ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato aiuti sui quali pende un ordine di recupero, a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara l’aiuto illegale e incompatibile con il mercato comune; in regola con la restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazioni
PROFES-SIONISTIvolume d’affari non inferiore al valore della infrastruttura di ricarica per la quale è richiesto il contributo. Per i professionisti che applicano il regime forfettario, il valore dell’infrastruttura non può essere superiore a 20mila euro; non hanno ricevuto né successivamente hanno rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti dichiarati illegali o incompatibili dalla Commissione europea; sono in regola con la restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazioni; sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali; sono in regola con gli adempimenti fiscali; non hanno ricevuto né richiesto, per le spese oggetto del contributo previsto dal presente decreto alcun altro contributo pubblico

Tutti questi requisiti devono sussistere al momento della concessione/erogazione, e viene riconosciuto per tutte quelle spese effettuate dopo il 4 novembre 2021

Forma del contributo

Ai soggetti beneficiari è riconosciuto un “contributo in conto capitale” (a fondo perso) pari al 40% delle spese ammissibili sostenute per infrastrutture di ricarica purché siano, e lo citiamo testualmente:

  • nuove di fabbrica;
  • abbiano una “potenza nominale” almeno pari a 7,4 kW;
  • rispettino i requisiti minimi come Delibera dell’Autorità di regolazione per Energia Reti e ambiente n. 541/2020/R/ee del 15 dicembre 2020;
  • collocate nel territorio italiano, in piena disponibilità dei beneficiari.

Le spese ammissibili

Sono ammissibili tutte quelle spese sostenute dopo il 4 novembre 2021 e oggetto di fatturazione elettronica, a far data cioè dell’entrata in vigore del DM 358/2021, al netto di IVA, ed oggetto di fatturazione elettronica per:

  1. l’acquisto e messa in opera di infrastrutture di ricarica, compresele spese per l’installazione delle colonnine, gli impianti elettrici, le opere edili strettamente necessarie, gli impianti e i dispositivi per il monitoraggio;
  2. la connessione alla rete elettrica (nel limite massimo del 10%);
  3. le spese di progettazione, direzione lavori, sicurezza e collaudi (nel limite massimo del 10%).

Domanda, termini e allegati

Vediamo ora come poter richiedere il bonus in parola, tenendo presente che con decreto direttoriale del 10 ottobre 2023 sono stati definiti termini e modalità di presentazione delle domande nonché la documentazione da allegare.

Come fare la domanda

Le utenze business potranno presentare la domanda fino al 30 novembre 2023 con apertura procedura dallo scorso 26 ottobre 2023.

Anche questa domanda può avvenire solo per via telematica.

Due sono le fasi principali:

  1. la compilazione della domanda;
  2. l’invio della domanda, dalle ore 10 del 10 novembre 2023 e fino alle ore 17 del 30 novembre 2023.

Gli allegati alla domanda

Per la validità/ammissibilità della domanda, non basta compilarla e presentarla per via telematica, occorre altresì inserire tutta una serie di allegati, dal preventivo di connessione alla rete elettrica, a copia delle fatture elettroniche e di tutta la documentazione attestante l’avvenuto pagamento delle fatture; con l’estratto conto contenente gli addebiti e ulteriori specifiche di pertinenza; dichiarazioni liberatorie e di conformità degli impianti; relazioni tecniche e, da ultimo, titoli abilitanti circa una piena disponibilità dell’area in cui le colonnine sono (state) collocate.

Di seguito, i singoli moduli da compilare ai fini del perfezionamento della domanda quali allegati di cui si è appena scritto.

ALLEGATI al Decreto Direttoriale del 10 ottobre 2023
Prot. 160797 – interventi di lettera a) e c):Allegato 1 – Impresa (Modulo domanda di concessione) Allegato 1 – Professionista (Modulo domanda di concessione) Allegato 2 (Modello di relazione finale)
Prot. 160809 – interventi di lettera b)Allegato 1 – Domanda di concessione Allegato 2 – Modelli utili alla richiesta delle informazioni antimafia Allegato 3 – Modulo richiesta erogazione Allegato 4 – Modulo di relazione finale Allegato 5 – Oneri informativi

Gli incentivi sul fronte PNRR, e gli obiettivi

Gli interventi in parola rientrano, con evidenza, nella misura del PNRR per lo sviluppo delle infrastrutture e mobilità elettrica (Missione 2).

Ricordiamo infatti che il Piano nazionale di ripresa e resilienza prevede, tra le altre, “una misura per lo sviluppo di oltre 20.000 infrastrutture fra aree urbane e superstrade entro il 2026, con un investimento di oltre 700 milioni di euro”.

L’obiettivo numerico è quello, esattamente come dichiarato dal ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, di arrivare in questi sette anni a “…22mila colonnine su tutto il territorio italiano, entro il 2030”.

L’obiettivo strutturale è dato invece dal potenziamento della mobilità elettrica.

Nelle intenzioni del Governo ed in particolare del ministro Pichetto Fratin l’ambito traguardo è quello di “realizzare circa 2mila e 500 stazioni di ricarica rapida super veloci per veicoli elettrici lungo le superstrade e 4mila nelle zone urbane”. Se così sarà, potremo dire che è stata raggiunta una sfidante milestone.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4