Lo scenario

Efficienza energetica e smart building, perché la priorità è un piano per la PA

Il mercato dell’efficienza energetica e smart building è in crescita, ma serve un piano del Governo per l’efficientamento della PA: il documento RepowerUE dedicato al risparmio energetico fornisce utili indicazioni pratiche, molti degli obiettivi possono essere raggiunti intervenendo sugli edifici

19 Set 2022
Giuseppe Giordano

Amministratore Delegato Enerbrain

save-energy-g6bf6b0785_1920

“Risparmiare energia è il modo più economico, più sicuro e più pulito per ridurre la nostra dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili dalla Russia,” recita l’introduzione del documento RepowerEU dedicato a risparmio energetico ed efficienza energetica. In questa direzione, l’Unione Europea mira a implementare misure a medio e lungo termine. Nel luglio 2021 la Commissione aveva proposto un aumento dell’obiettivo dell’UE in materia di efficienza energetica del 9% entro il 2030 nell’ambito del pacchetto “Fit for 55”.

Ora è necessario andare ancora oltre: il nuovo obiettivo stabilito dal Piano RepowerEU pubblicato lo scorso maggio è 13% di efficienza energetica al 2030. E secondo il Parlamento Europeo, l’asticella va alzata ulteriormente: lo scorso 11 luglio una proposta unitaria dei quattro maggiori gruppi politici chiedeva di innalzare il target vincolante di efficienza al 14,5% al 2030.

Agenda 2030, i punti fondamentali per innovazione e infrastrutture

RepowerUE, i consigli ai Governi

Quali azioni concrete possono intraprende i governi dei paesi membri? Il RepowerEU li elenca:

  • Aumentare l’ambizione dell’obbligo nazionale di risparmio energetico;
  • Fermare i sussidi ai combustibili fossili, e promuovere le tecnologie per le energie rinnovabili nei trasporti e nell’industria;
  • Rafforzare l’attuazione dei risultati degli audit energetici;
  • Estendere gli standard minimi di prestazione energetica degli edifici;
  • Rafforzare i requisiti energetici nazionali dei nuovi edifici;
  • Inasprire i requisiti del sistema di riscaldamento nazionale per gli edifici esistenti;
  • Introdurre divieti nazionali per le caldaie basate sui combustibili fossili negli edifici;
  • Anticipare la fine dei sussidi degli Stati membri per le caldaie a combustibili fossili dal 2027 al 2025.

Come appare da questo elenco, molto si può fare intervenendo sugli edifici: abitazioni, uffici, sedi industriali impiegando grandi quantità di energia con meccanismi molto spesso non ottimizzati. Le ragioni sono varie: immobili vetusti, sistemi di riscaldamento non aggiornati e basati su combustibili fossili, assenza di misure di coibentazione. Agendo sui consumi generati dal patrimonio edilizio, è possibile alleggerire in modo significativo la domanda di energia, con conseguente maggiore capacità per l’Europa e i singoli Paesi di rispondere autonomamente alla produzione necessaria.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Gli strumenti tecnologici per intervenire sugli edifici

Nell’ambito dei sistemi intelligenti, quelli di energy management sono in grado di portare i maggiori vantaggi in termini di riduzione dei comuni energetici: è qui che si entra nel settore degli smart building. Si tratta di soluzioni tecnologiche che utilizzano sensori, Intelligenza artificiale, Internet of Things e cloud per operare un controllo dei sistemi di riscaldamento e ventilazione degli edifici e impostare un’autoregolazione del termostato in base al meteo, al tempo di occupazione dell’edificio, alle esigenze di mantenimento della temperatura e del comfort interni. Questo tipo di tecnologia è perfetto per essere applicato al settore terziario, come uffici pubblici, scuole, capannoni industriali, fabbriche, grande distribuzione: più la scala è ampia e più lo saranno i risultati. Ma quali sono i risultati?

  • Risparmio energetico in termini economici: può variare tra il 15% e il 30% in base al tipo di edificio, alle esigenze di performance e alla tecnologia offerta dal provider;
  • Abbattimento delle emissioni di CO2;
  • Miglioramento del confort interno per chi abita o lavora nell’edificio.

Il mercato è già molto attivo nel settore smart building: secondo l’ultimo report di Juniper Research, entro il 2026 gli edifici intelligenti raggiungeranno i 115 milioni di unità, una crescita del 150% a livello globale.

Come si muove l’UE

Da parte sua l’Unione Europea sta agendo in due direzioni: stabilendo misure che dovranno essere adottate dai singoli Paesi, e finanziando progetti di sperimentazione e innovazione applicati al settore energia.

Tra le linee guida da implementare, lo scorso dicembre la UE ha proposto che dal 2027 gli edifici pubblici non debbano produrre emissioni nocive, e dal 2030 anche i nuovi edifici privati. Ciò significa che gli edifici dovranno richiedere bassi consumi energetici, essere alimentati il più possibile da fonti rinnovabili e non dovranno emettere emissioni di CO2 derivanti da combustibili fossili. La Commissione UE ha inoltre suggerito nuovi standard minimi in ambito di efficienza energetica: propone che il 15% del patrimonio con classe G debba passare alla classe F entro il 2027 e alla classe E entro il 2030, per quanto riguarda gli edifici pubblici e non residenziali; tempo fino al 2030, invece, per gli edifici residenziali per passare da G a F e fino al 2033 per arrivare alla classe E. Queste sono le direttive comunitarie, ma ogni paese è tenuto a decidere quali misure adottare e a stabilire scadenze specifiche per raggiungere i nuovi obiettivi di efficienza, in base alle differenti circostanze nazionali.

Al contempo, la UE ha stanziato dei fondi per progetti di ricerca e sperimentazione in ambito comunitario. Un esempio è Smart2B, che mira a creare un sistema di edifici intelligenti che interagiscano con i loro occupanti e la rete in modo reale, per sfruttare al meglio l’efficienza energetica e la flessibilità locale. Altro progetto è AI4Cities, nato con l’intento di aiutare le città nella transizione verso processi a neutralità carbonica utilizzando soluzioni intelligenti per ridurre le emissioni di gas serra negli ambiti della mobilità e dell’energia.

Cosa succede in Italia

Secondo il rapporto Digital Market Outlook di Statista, il mercato italiano dei sistemi di energy management – o smart building – nel 2021 ha segnato 74 milioni di euro di ricavi e tenderà a superare i 90 milioni entro la fine dell’anno in corso.

La tendenza è positiva ed è in crescita il numero di aziende che si rivolge a provider per l’installazione di sistemi di energy intelligence, una domanda che nasce dall’esigenza di rispondere ai requisiti di sostenibilità dettati dai piani green delle stesse. Tuttavia è evidente che di più si potrebbe fare: manca una pianificazione a livello nazionale in particolare per la pubblica amministrazione. Il governo potrebbe predisporre un budget destinato esplicitamente a sostenere la PA nell’installazione dei sistemi sopra descritti: efficientando l’intero apparato della pubblica amministrazione i risultati in termini di risparmio energetico e ambientale sarebbero enormi. Non solo: dotare gli edifici pubblici di sensori e sistemi automatici di controllo della temperatura sarebbe fondamentale per attuare le misure che potrebbero scattare il prossimo inverno come parte del piano di austerity del governo, tra cui l’imposizione di un limite di 19 gradi in uffici pubblici e negozi.

Conclusioni

Intervenire sull’efficienza energetica degli edifici è una strategia dall’enorme potenziale per rispondere alle due esigenze più urgenti del momento: ridurre i costi spesi per l’energia, e portare avanti concretamente la transizione ecologica. Le soluzioni sul mercato ci sono, anche in Italia, e meriterebbero di essere messe a frutto con un intervento ad hoc del governo sulla PA su scala nazionale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4