Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Icity Lab

L’illusione delle smart city ai tempi di Amatrice (e dell’immigrazione)

di Gianni Dominici, Fpa

14 Ott 2016

14 ottobre 2016

Abbiamo ormai capito che è difficile parlare di smart city se non si garantisce la sicurezza del territorio. Smart city diventa un concetto vuoto, se i muri crollano in testa alle persone, come capitato ad Amatrice. Se la città non riesce a gestire al meglio una alluvione informando i cittadini con le tecnologie esistenti, come avvenuto a Genova.

Serve una governance nuova che gestisca in modo tempestivo e adattivo i cambiamenti: terremoto, terrorismo, ma anche fenomeni come l’immigrazione. Ecco perché il concetto fondamentale quest’anno a Icity Lab del 20-21 ottobre a Bologna è quello di resilienza. 

Le città devono essere capaci di adattarsi e le informazioni hanno una importanza strategica. Si sapeva che il territorio di Amatrice era pericoloso, ma lo stesso territorio non è stato capace di trasformare questa informazione in una decisione. A rendere il territorio reattivo. Resiliente, appunto. È questa la sfida che attende l’Italia. 

All’evento, Fpa presenterà il nuovo ICity Rate, il rapporto che dal 2012 stila la classifica annuale delle smart city italiane e fotografa lo stato dell’arte nel percorso verso città più intelligenti, più vicine ai bisogni dei cittadini, più inclusive, più vivibili. Nella classifica per la prima volta si terrà conto anche del parametro di resilienza. Sarà proprio la presentazione di ICity Rate 2016 ad aprire il programma congressuale, giovedì 20 ottobre alle ore 10, nella plenaria “Conoscere, collaborare e realizzare nelle città dei dati”. Un’indagine che si arricchisce di nuovi dati, con circa 100 indicatori: dalle fonti statistiche ufficiali a fenomenologie non ancora “cristallizzate”, dalla sharing economy alla capacità di attrazione di fondi UE per la ricerca fino alle performance delle amministrazioni sui social network. L’indagine verrà presentata e discussa, tra gli altri, da Carlo Mochi Sismondi e Gianni Dominici, rispettivamente Presidente e Direttore di Forum Pa, Sandro Cruciani, Direttore Centrale per le statistiche ambientali e territoriali Istat e Flavia Marzano, Assessora Roma Semplice – Roma Capitale.

Articoli correlati