competenze

Non c’è sostenibilità energetica e ambientale senza indipendenza tecnologica



Indirizzo copiato

Sempre più spesso si assiste, specie in Italia, a dibattiti sul tema della “indipendenza energetica”. Si dovrebbe però discutere, piuttosto, di “indipendenza tecnologica”, che è il presupposto per ottenere sufficiente energia fruibile. a partire da qualsiasi risorsa intesa come materia prima: carbone, gas, nucleare, bacini idrici

Pubblicato il 26 set 2023

Francesco Beltrame Quattrocchi

Ordinario di Bioingegneria Università degli Studi di Genova; Presidente di ENR – Ente Nazionale di Ricerca e promozione per la standardizzazione



Transizione 5.0
Transizione 5.0

Nel mondo, e in Italia in particolare, pressocché tutto il comparto/bacino di utenza del trasporto di persone e merci (così come altri comparti, in verità) si interroga da diverso tempo su quale tipo di risposta offrire per il raggiungimento degli obiettivi della decarbonizzazione così come pur faticosamente identificati e convenuti nei consessi di pertinenza a livello internazionale.

Fra questi, di rilievo, il settore aeronautico, così come rappresentato nell’articolo di Gwyn Topham, pubblicato il 10 giugno 2023 su The Guardian, dal titolo Airlines hope that sustainable fuels will propel them to a guilt-free future, a commento della riunione annuale IATA (International Air Transport Association), tenutasi la settimana precedente a Istanbul, Repubblica di Turchia.

Anche in questo caso, così come in quello del trasporto navale (vedi nave Zeus a idrogeno verde, varata da Fincantieri a Castellammare di Stabia nel 2022, gli stessi cantieri, per inciso, che costruirono la Vespucci nel 1931), dell’automotive su terra, del trasporto ferroviario, si osserva il tentativo di reperire e ricorrere a una materia prima intrinsecamente dotata della proprietà di generare energia green, in ogni caso capace di eliminare o almeno ridurre drasticamente il ricorso al fossile. C’è dunque un comune denominatore nelle risposte dei diversi bacini di utenza e comparti produttivi: “io mi rendo energeticamente indipendente e lo faccio in modo green”. Per farlo in modo green, la citazione più frequente è quella dell’idrogeno verde, materia che non esiste libera in natura e va prodotta tipicamente per elettrolisi, dunque a scapito di energia elettrica (già forma di energia pulita che da qualche parte deve pure provenire: e qui si citano sorgenti certamente possibili, quali bacini idrici) e fotovoltaico, ma pure certamente altrettanto insufficienti.

Non è questione di indipendenza energetica, ma tecnologica

Risulta del tutto evidente mettere in luce un primo punto cruciale: nessuna regione del pianeta, ricca di qualsivoglia materia prima opportunamente manipolata può dirsi con proprietà “energeticamente indipendente”, dal territorio più grande a quello più piccolo. La ragione è evidente: non basta la risorsa materia prima (qualunque essa sia), bensì occorre la capacità tecnologica di trasformarla, attraverso diverse metodologie tecnico-scientifiche e corrispondenti impianti tecnologici (a volte di grande complessità), in una qualche forma di energia realmente fruibile, ovviamente nel modo più sostenibile possibile con il vincolo di un adeguato periodo di tempo per fare tutto quanto. Spesso si è assistito, specie in Italia, a sterili dibattiti, frequentemente televisivi, dal titolo “indipendenza energetica italiana”: ecco, proprio a partire dal titolo, la questione è mal posta: occorre sostituirla con “indipendenza tecnologica italiana”, che è il presupposto per ottenere sufficiente energia fruibile. E questo, si noti bene, a partire da qualsiasi risorsa intesa come materia prima: carbone, gas, nucleare, bacini idrici, etc.: si tratta di essere capaci e forti per progettare e sviluppare tecnologie sempre più sofisticate per produrre l’energia necessaria, magari pure a partire da un mix opportuno di materie prime.

È sempre una questione di competenze

Da qui discendono diverse considerazioni sulle conoscenze, competenze e capacità che vanno perseguite riguardo la formazione dei tecnici e degli ingegneri, a ogni livello. Tutto ciò è progressivamente stato trascurato, certamente in Italia, per molti decenni, sulla presunta e fallace idea che “tanto le tecnologie si possono comprare, è solo una questione di risorse economiche”: con tutta evidenza, non è così, perché secondo questa logica si diviene culturalmente dipendenti da quelle persone, comunità, Paesi, che quelle determinate tecnologie hanno progettate, sviluppate e via via migliorate, con consapevolezza anche degli effetti potenzialmente avversi e i corrispondenti “piani B”.

Del resto, questa è la strada che intraprese proprio l’Italia con Enrico Mattei, negli anni ’50, a valle del secondo conflitto mondiale e che ha consentito il “miracolo economico” italiano negli anni ’60. Si trova traccia di questo approccio oggi nell’eccellenza del comparto manifatturiero italiano, specie delle PMI, che riescono ad avere successo nel mercato internazionale, ma andrebbe recuperata una visione sistemica perché si possa conseguire una stabile indipendenza tecnologica, la quale è il presupposto per evitare crisi energetiche di varia natura.

L’insostenibile vaghezza della transizione tecnologica italiana

Deve essere chiaro altresì come tale indipendenza tecnologica, basata sul sapere e sul saper fare debba ispirarsi alla massima qualità in termini di sostenibilità, valutando tempi e costi in senso lato del termine. Qui si lega la seconda questione, ovvero quella della cosiddetta “transizione ecologica”: l’Italia è stata perfino capace di denominare con tale dizione un suo Ministero in tempi recenti. Tuttavia, va osservata anche qui la vaghezza della denominazione.

Quando infatti si parli di una qualsivoglia transizione (si pensi solo alle transizioni delle particelle della fisica!) dovrebbe essere ben chiaro il punto di partenza (forse questo lo era, nella dizione ministeriale), ma certamente era assai vago il punto di arrivo. La ragione è che quella transizione, così aggettivata come ecologica, non poteva essere disgiunta dalla dimensione sociale ed economica: dunque, “transizione ecologica” costituisce dizione non corrispondente a qualcosa di attuabile in un tempo definito perché priva delle considerazioni relative agli impatti sulla società e sull’economia, impatti entrambi ben più rilevanti e immediati di quello sull’ambiente naturale.

Valga su tutto l’esempio del passaggio banalizzato da automobili a motore endotermico a automobili elettriche e di tutto quanto il dibattito e le perplessità scatenate dai tempi indicati, certamente sottostimati. Tutto quanto fin qui scritto può essere riassunto nella dizione “indipendenza tecnologica per sostenibilità energetica e ambientale”.

Miniere sottomarine: ora si rischia il far west

C’è però un’altra considerazione che va a chiudere il cerchio di quanto sopra rappresentato, seppure essa faccia riferimento a un orizzonte temporale un poco più lontano, ma sempre ineludibile. Questo punto è bene illustrato nell’articolo di Sissi Bellomo su Il Sole 24 Ore del 21 luglio 2023, relativo alle miniere sottomarine, dal titolo “Metalli green dagli abissi, ora si rischia il Far West”.

In buona sostanza, si tratta di una corsa contro il tempo per trovare un accordo internazionale che prevenga lo sfruttamento selvaggio dei fondali oceanici: terre rare, cobalto, rame nickel a 4000 metri di profondità in quantità inestimabile, miliardi di tonnellate di risorse minerarie, più di quelle estratte in tutta la storia dell’umanità, proprio quelle materie prime sulle quali innestare il discorso dell’indipendenza tecnologica di cui sopra al fine di provare il percorso della transizione completa nei suoi aspetti diversi, comprendenti natura e carne viva delle persone umane che lavorano oggi, in modo socialmente, economicamente ed ecologicamente sostenibile.

Forse pochi sanno, almeno in Italia, dell’esistenza di un organismo dell’ONU, costituito nel 1982 e denominato International Seabed Authority (ISA), che ha il mandato di regolare, tuttavia senza risultati da decenni, le attività denominate come deep sea mining, nei fondali marini che si trovano fuori dalle acque territoriali degli Stati (circa il 60% del totale), aree classificate come “patrimonio comune dell’umanità”. Pochi giorni fa, si è tenuto in Giamaica, un vertice dell’ISA (il prossimo si terrà a ottobre 2023), dove si è discusso della eventuale attivazione dello sfruttamento commerciale di un’area sottomarina ultraprofonda nell’Oceano Pacifico da parte di società di Paesi diversi, già pronti ad agire dal 2024 e con capitali consistenti.

Tutto questo però in assenza di un quadro definito di regole e prima di avere un quadro completo del possibile impatto, anche perché l’ecosistema degli abissi è delicato e misterioso, popolato da migliaia di micro organismi in gran parte non ancora classificati. Deep sea mining (necessario) e biodiversità (da salvaguardare) vanno messi in equilibrio, con una visione internazionale e almeno linee guida condivise, attualmente non esistenti. L’Italia è presente con il MASE e il MIMIT e potrebbe pure fare sentire la sua voce, richiamando proprio a tutti quello che scrisse 1500 anni fa Giustiniano: quaedam enim naturali iure communia sunt omnium.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2