l'analisi

Sostenibilità, l’India ha grandi piani ed enormi contraddizioni

L’India riuscirà a essere leader del Sud del Mondo in una visione che pone l’uomo al centro dello sviluppo? C’è da sperarlo, ma le incognite sono molte

Pubblicato il 25 Gen 2023

Mario Di Giulio

Professore a contratto di Law of Developing Countries, Università Campus Bio-Medico Avvocato, Partner Studio Legale Pavia e Ansaldo

india

L’India guiderà quest’anno il Gruppo del G20 e già da tempo si prepara a questo compito, permeando con la propria cultura e il proprio peso di potenza economica e la propria visione le azioni da svolgere.

Una nazione che conta una popolazione di circa 1,4 miliardi di persone e un prodotto interno lordo che si aggirerà, entro la fine dell’anno in corso, sui 3,5 miliardi di miliardi in dollari USA e che si prevede che raddoppi nei prossimi 7 anni (fonte The Economic Times del 12 gennaio 2023).

India 4.0: ecco come il Paese costruisce una nuova cultura digitale

Il peso dell’India nel sistema globale appare chiaro e può essere emblematicamente riassunto nella frase del primo ministro Narenda Modi: “quando l’India cresce, il mondo cresce; quando l’India si riforma, il mondo si trasforma” (fonte The Times of India del 7 giugno 2022).

Modi ha già lanciato il motto one-ness: one earth, one family, one future, a sottolineare che le interazioni tra le varie nazioni dovrebbero essere improntata alla coscienza che insieme si vince o si perde.

La globalizzazione umanocentrica

Durante il The Voice of Global South Summit, che si tiene in modo virtuale, lanciato il 12 gennaio 2023, Modi ha affermato questo principio riassunto nel summenzionato motto: perché se da un lato l’occidente è cosciente delle debolezze che derivano dalla globalizzazione durante i periodi di crisi, la globalizzazione è lo strumento che consente ai paesi in via di sviluppo di crescere e svilupparsi.

e-book
Smart Manufacturing e Industry 4.0: come “iniettare” intelligenza nei processi
Manifatturiero/Produzione
Smart manufacturing

Il tema, quindi, non è se la globalizzazione sia benvenuta o no, ma il come la stessa debba essere improntata: la volontà è chiara, l’uomo deve esserne al centro. E l’India si propone come principale catalizzatore di nuove vie e nuove soluzioni e leader del sud globale.

La crisi delle 3 F: Food, Fuel and Fertilizer

Tornando alla globalizzazione, la guerra Russo-Ucraina, ha posto, non solo l’occidente davanti alla necessità di assicurarsi una maggiore resilienza, ma gli stessi paesi in via di sviluppo, che stanno risentendo di una modalità di sviluppo in cui certe produzioni sono fin tropo localizzate con gli effetti catastrofici che tutti noi stiamo affrontando. Da qui varie iniziative che coinvolgono vaste arie del mondo a partire dall’India a vari paesi dell’Africa che cercano di raggiungere una maggiore autonomia e aumentare la propria resilienza.

Una maggiore coscienza delle criticità che la globalizzazione ha acuito, con la concentrazione della produzione di beni primari in poche aree della terra. Da qui il disegno di Modi di creare nuove sinergie tra i paesi in via di sviluppo perché uniti si cresce.

India quale leader del sud del mondo

E quindi, ora le priorità non sono solo legate al food security ma anche all’energy security, con programmi e iniziative promosse dall’India nel campo del biofuele dell’energia solare con nomi altisonanti quali One Sun One World One Grid (OSOWOG).

Sul campo dell’energia e dello sviluppo, il Premier Modi lancia inoltre la Global-South Science and Technology Initiative, volta a condividere l’expertise dell’India in questi due settori e in particolare in quello dell’energia nucleare (l’India sul campo ha un lungo expertise avendo sviluppato un proprio programma già dal 1947 guidato dal fisico Homi Bhabba quando primo ministro era Jawaharial Nehru: un programma nato per scopi civili e che poi ha consentito alla nazione anche di produrre la propria bomba nucleare venti anni più tardi). Tale iniziativa è poi accompagnata dalla creazione di un Global-South Center of Excellence per la condivisioni di expertise.

Tali dichiarazioni seguono anche impegni concreti, quali il finanziamento dell’India UN Development Partnership Fund per la realizzazione dell’Agenda 2030, cui l’India ha contribuito con 150 milioni di dollari USA (fonte Business Insider India dell’8 giugno 2022).

India ed energie rinnovabili

Nel triennio 2019-2022 in India sono stati circa 28 miliardi di dollari USA in energie rinnovabili, non solo solare ed eolico ma anche biomasse.

Nonostante l’incremento degli investimenti, che sono saliti in maniera progressiva ed esponenziale, causa anche la crisi pandemica l’India è comunque lontana dal raggiungimento degli obiettivi prefissati dall’azione di governo che ha raggiunto rispettivamente circa il 60% e il 70% degli obiettivi stabiliti nel 2016, in relazione all’energia solare e a quella eolica (fonte Institute for Energy Economics and Financial Analysis 2022).

Sulla politica energetica indiana si tornerà comunque con un prossimo articolo.

India e sostenibilità: nel 2022 l’India è ultima nella classifica

L’India ha numerosi programmi in piedi volti a raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030, fra i quali basti citare i Sashakt Bharat – Sabal Bharat (Empowered and Resilient India), con i quali 270 milioni di persone sono state sollevate dallo stato di povertà attraverso l’accesso alla nutrizione, all’acqua potabile e all’energia; Swachh Bharat – Swasth Bharat (Clean and Healthy India) focalizzati sulle aree rurali raggiungendo circa 500 mioni di persone assicurando protezione sanitaria; Sarpanna Bharat – Samriddh Bharat (Prosperous and Vibrant India) volti alla crescita del mercato (fonti le Nazioni Unite)

A prescindere però dalle dichiarazioni e le buone intenzioni, nel 2022 l’India risulta ultima nella classifica di 180 paesi nell’Enviroment Performance Index (EPI) (fonte Business Insider India dell’8 giugno 2022).

Questo indice si basa su vari indicatori, in tutto 40 che rilevano su 11 categorie, misurando la salute ambientale, la protezione degli ecosistemi e le azioni di mitigazione del cambiamento climatico.

Ai primi tre posti in tale classifica compaiono rispettivamente Danimarca, Regno Unito e Finlandia.

Tra gli indicatori che pongono l’India ultima nella classifica vi sono la pesca intensiva e le emissioni di di gas serra. L’India in particolare è il quarto più grande paese inquinatore dopo Cina, Stati Uniti e paesi dell’Unione Europea se contiamo le emissioni globali, laddove il rapporto scende a livelli assai meno severi se riferiti alle emissioni pro capite (dati aggiornati al 2020 del World Resources Institute).

Come spesso accade con i giudizi di rating creditizio anche da noi, il governo indiano non accetta tale posizionamento, accusando l’indice di essere troppo occidentalizzato e di non tenere conto delle peculiarità dei paesi in via di sviluppo.

L’argomento è quello proprio di altre economie emergenti: la partecipazione al riscaldamento globale può essere imputato a esse in maniera alquanto limitato, mentre l’imposizione di restrizioni alle emissioni di carbonio pregiudica il raggiungimento di altri obiettivi dell’Agenda 2030 quali la eliminazione della povertà e della fame.

Discorsi in parte comprensibili se si pensa che si chiedono limitazioni a paesi che cercano attraverso lo sviluppo di eliminare contraddizioni secolari, quando basta percorrere un highway della California, per vedere migliaia di veicoli di cilindrate impensabili nella stessa Europa con una sola persona a bordo e al massimo un passeggero.

Di contro è di drammatica evidenza che al punto in cui siamo arrivati quel che conta non sono tanto le colpe individuali ma arginare il riscaldamento che colpisce, senza individuare i responsabili, buoni e cattivi senza differenze e come sempre accade, quando il vento soffia chi non può piegarsi perché già debole rimane travolto. Ed è sempre un dato di fatto che l’India si pone in grandezza assoluta quale uno dei massimi paesi cui è imputabile la emissione di gas serra.

Conclusioni

L’India riuscirà a coniugare queste contraddizioni? Riuscirà a essere leader del Sud del Mondo in una visione che pone l’uomo al centro dello sviluppo? C’è da sperarlo, laddove la visione antropocentrica sia volta al rispetto dell’uomo stesso assicurando uno sviluppo sostenibile. Altrimenti non sarà diverso da quanto sinora accaduto: l’uomo misura di tutte le cose che ha condotto alla distruzione dell’ambiente, della biodiversità e a porre in concreto rischio il suo stesso futuro.

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
Integrazione applicativa
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4