Sostenibilità

Una rivoluzione energetica per l’Italia

Il rapporto Energy [R]evolution per l’Italia, elaborato dal DLR tedesco dimostra che con un maggiore investimento iniziale sulle fonti rinnovabili è possibile via via trasformare l’intero sistema di produzione e consumo dell’energia e ridurre di oltre il 90% le emissioni di CO2 rispetto al 1990. Diversamente da altri Paesi, in Italia tutto questo avrebbe un ritorno economico anche nel breve termine

09 Dic 2013
Giuseppe Onufrio

Greenpeace Italia

onufrio-130212171322

Mentre in queste settimane è ancora aperto una polemica sul “capacity payment” – chiesto dalle grandi aziende elettriche per remunerare le centrali a combustibili fossili perché integrano la produzione da rinnovabili ma lavorano troppo poco per ripagare gli investimenti – e continua la litania sugli incentivi troppo generosi alle rinnovabili, è stato presentato il rapporto Energy [R]evolution per l’Italia, elaborato dal DLR tedesco e promosso da Greenpeace insieme all’European Renewable Energy Council (EREC) e al Global Wind Energy Council (GWEC).

Per la verità, poche settimane prima, un altro rapporto sull’energia ha segnato il dibattito, quello sul potenziale di efficienza presentato da Enel e dal Politecnico di Milano, che ha confermato ancora una volta l’alto potenziale dell’efficienza nel nostro Paese e segnato – si spera – anche un cambio di strategia del colosso elettrico italiano.

Abbiamo già parlato qui degli scenari di “rivoluzione energetica” promossi da Greenpeace per dimostrare la fattibilità tecnico economica di un sistema energetico interamente basato su rinnovabili ed efficienza. Lo scenario effettuato sulla situazione italiana mostra anche nel nostro caso che, con un maggiore investimento iniziale sulle fonti rinnovabili è possibile via via trasformare l’intero sistema di produzione e consumo dell’energia – elettrica, di usi termici e dei trasporti – e ridurre di oltre il 90% le emissioni di CO2 rispetto al 1990.

Primo passo: più efficienza. E’ la base degli scenari di rivoluzione energetica, perché senza un aumento dell’efficienza sia nella produzione che, soprattutto, nel consumo di energia, le rinnovabili non riescono a sostituire le fonti convenzionali. Se ci concentriamo al 2030 – anno per il quale si discutono gli obiettivi europei – vediamo come lo scenario comporti una riduzione domanda finale di energia dagli attuali 130 Mtep (milioni di tonnellate di petrolio equivalente) a 115 e poi a 85 nel 2050.

Elettricità: sempre più rinnovabile. Per la produzione di elettricità, si registra una riduzione della domanda complessiva rispetto allo scenario tendenziale. La quota di rinnovabili può crescere a oltre il 67% (oggi è circa il 30%). Nel 2050 lo scenario di rivoluzione energetica prevede oltre il 95% dell’elettricità da rinnovabile con le tecnologie solari ed eoliche predominanti . Importante notare come al 2050 lo scenario di rivoluzione energetica preveda più elettricità di quella dello scenario tendenziale in quanto si include una quota importante di mobilità elettrica (che, senza quasi più fossili nella produzione, diventerà davvero a emissioni quasi nulle di CO2) oltre che di usi termici coperti con elettricità.

Usi termici: più efficienza e molte più rinnovabili. Esiste – com’è noto – anche un grande potenziale di efficienza negli usi termici dell’energia (basti pensare ai nostri edifici che sono un colabrodo energeticamente parlando). Così la domanda finale di energia per usi termici scenderebbe dagli attuali 51,4 Mtep a 43 nel 2030 e a circa 37 nel 2050, mentre la copertura da rinnovabili al 45% nel 2030 (da meno del 10 odierno) fino a oltre l’87% nel 2050. Biomasse, solare termico e pompe di calore daranno un grande contributo, assieme a un grande sviluppo della cogenerazione.

Trasporti: più efficienti e più elettrici. Lo scenario per i trasporti prevede un aumento dell’efficienza in tutti i segmenti, concentrando i consumi di biocarburanti – comunque una quota marginale dello scenario – su quei veicoli non elettrificabili (trasporti pesanti, macchine agricole etc.). Nei trasporti la crescita delle rinnovabili è più lente (27% al 2030; 75% al 2050) mentre la domanda finale di energa scende dai 39 Mtep attuali a 30,7 nel 2030 e 21,5 nel 2050.

Investimenti e riduzione della bolletta energetica. Il saldo degli investimenti in impianti cresce di circa 4,1 miliardi di euro all’anno fino al 2030. Questa somma è il risultato di investimenti cancellati nelle fonti fossili – ad esempio, si prevede un azzeramento dei consumi di carbone al 2030 – e i maggiori investimenti in rinnovabili (quelli in efficienza hanno tempi di ritorno molto maggiori e sono qua trascurati. A fronte di questo maggiore investimento però, c’è una riduzione della bolletta energetica e dei costi della CO2 che, mediati sull’inero periodo, sono di 9,5 miliardi di euro all’anno. Il saldo è dunque positivo per oltre 5 miliardi di euro.

Più occupazione. Un altro aspetto fondamentale è l’occupazione diretta nel settore energetico che, nello scenario di riferimento, è destinata a ridursi. Nello scenario di rivoluzione energetica, nonostante i processi di automazione tenderanno a una riduzione anche nelle rinnovabili nel lungo periodo, ci sono 26 mila posti in più che nello scenario di riferimento al 2030 conteggiando solo quelli diretti. Si tratta di una sottostima, in quanto non si considerano qua gli occupati legati alle misure di efficienza che, come mostra proprio il rapporto Politecnico di Milano-Enel sono di un fattore 10 superiori.

Una dinamica positiva sul piano economico. Diversamente da altri Paesi, lo scenario avrebbe per l’Italia margini di convenienza anche a breve termine – proprio per gli elevati costi dell’energia – presenta un saldo positivo già dal 2020. A fronte di un investimento aggiuntivo annuale di 2,2 miliardi di euro nel decennio 2010-2020 il risparmio di energia (grazie a maggiore efficienza e rinnovabili) è di quasi cinque volte superiore. Al 2030 il saldo della bilancia degli investimenti è nettamente positivo: se nel periodo 2021-2030 si investiranno 26 miliardi di euro in più sul versante della produzione (per il maggior costo delle rinnovabili) il beneficio sulla bolletta energetica è dell’ordine del doppio, 52 miliardi di euro.

In conclusione, uno scenario Energy[R]evolution per l’Italia è possibile, tecnicamente ed economicamente.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2