Leviatano digitale

Innovazione di Stato: la ricetta per tradurre gli investimenti in vero sviluppo

Finanziare la ricerca di base e trasformare le scoperte dei ricercatori in innovazioni tecnologiche commercializzabili è l’essenza della politica scientifica e di sviluppo economico di uno Stato. Ma qual è il modo migliore per tradurre in innovazione gli investimenti?

19 Lug 2021
Massimiliano Magrini

Founder and Managing Partner at United Ventures

consiglio europeo innovazione

Nel 1861, il filosofo inglese Thomas Hobbes fece ricorso all’immagine mitologica del mostruoso Leviatano per descrivere la genesi del potere statale come un contratto attraverso il quale la società attribuisce il potere di governare a un’entità singola, cui demandare questa responsabilità in modo assoluto e totale, a garanzia di stabilità e pace. Una visione che approfondisce il problema della legittimità e della forma dello Stato e i modelli che ne regolano la costituzione e le azioni, e in cui possiamo trovare anche stimoli importanti per parlare delle modalità più efficaci di finanziamento dell’innovazione.

Ecco la prova finale che è nel digitale la salvezza del Paese: ma serve agire subito

Il ruolo attivo dello Stato nell’innovazione

In sostanza lo Stato, in veste di Leviatano innovatore, si deve mettere in gioco per incentivare lo sviluppo di nuova imprenditorialità. La macchina sovrana, per dirla con Hobbes, ha la grande responsabilità di essere il soggetto che avvia il circolo virtuoso degli investimenti, in veste di acceleratore e compensatore del rischio legato agli investimenti privati. Il ruolo attivo dello Stato si declina in diversi modi, ma il presupposto è ben definito: per alimentare la propensione agli investimenti con una componente di rischio un ecosistema che funzioni ha bisogno di design istituzionale, di una visione d’insieme e di un’architettura, di una governance cioè, per stimolare meccanismi virtuosi di formazione e contaminazione.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

I recenti eventi che hanno sconvolto il mondo e il conseguente sviluppo dei processi di digitalizzazione hanno reso evidente che senza alcune infrastrutture un Paese è destinato inesorabilmente al declino. È quindi cruciale che un Paese si doti di uno strumento di investimento che abbia come obiettivo sviluppare dei domini di proprietà intellettuale e sviluppo tecnologico in aree strategiche, e più in generale di una visione a lungo termine per lo sviluppo dell’infrastruttura scientifica e tecnologica del Paese. Esemplare a questo proposito il ruolo centrale che in Israele hanno il ministero della Scienza e della Tecnologia e il suo Chief Scientist, che ha il compito di ideare e implementare politiche nazionali di innovazione tecnologica, per creare massa critica nelle aree più strategiche.

Nel solco di questa crescente consapevolezza, i governi hanno intensificato il loro coinvolgimento nella definizione di misure di sostegno – diretto o indiretto – al capitale da investire nelle imprese innovative ed è indubitabile il ruolo che lo Stato può giocare nel finanziare le premesse perché ci siano una ricerca e una tecnologia di base. Finanziare la ricerca di base e trasformare le scoperte dei ricercatori in innovazioni tecnologiche commercializzabili è l’essenza della politica scientifica e di sviluppo economico di uno Stato.

Tradurre gli investimenti in innovazione

Quale sia il modo migliore per tradurre in innovazione gli investimenti in formazione e ricerca di base è un tema cruciale e complesso. Tali investimenti, perlopiù di natura pubblica, sono infatti gli elementi necessari, ma non sufficienti, a sviluppare un sistema virtuoso. La formazione del capitale umano, la costruzione di nuove competenze e la ricerca e sviluppo dovrebbero essere voci prioritarie dei bilanci nazionali. Ma se è certo che uno Stato che trascuri gli investimenti in formazione e ricerca tralascia un elemento cruciale per lo sviluppo tecnologico e lo sviluppo economico, allo stesso tempo gli investimenti devono essere analizzati secondo la capacità che hanno di produrre benefici concreti e tangibili sul sistema economico e sociale.

Un sistema di innovazione circolare

L’obiettivo primario di un Leviatano digitale è il sostentamento di un sistema di innovazione circolare, di un meccanismo fluido e codificato che diventi un facilitatore per l’inclusione di nuove tecnologie e l’affermazione di nuovi modelli. Da questo punto di vista, è innegabile il ruolo che lo Stato ha ricoperto sia nello sviluppo di hub innovativi sia nel sostenere il sistema di capitale di rischio che ha nel venture capital il principale strumento di finanziamento all’imprenditoria innovativa.

Come sostiene Josh Lerner, professore alla Harvard University, se osserviamo gli hub dell’imprenditorialità innovativa (Silicon Valley, Singapore, Tel Aviv, Bangalore, Guangdong e, più recentemente, Londra e Parigi) il ruolo incarnato dallo Stato è assolutamente evidente e non può essere ignorato. Talvolta però l’azione dei governi ha generato fallimenti e spreco di denaro: in Europa, in Giappone e in vaste aree degli Stati Uniti si è spesso cercato di riprodurre un bacino di innovazione accanto a università e centri di ricerca, acceleratori, incubatori pubblici o para-pubblici che non sono stati in grado di produrre nessun effetto positivo tangibile e duraturo.

Il problema dell’allocazione diretta di fondi pubblici per il supporto di attività imprenditoriali, infatti, genera spesso una sorta di effetto inverso di bassa qualità dei progetti finanziati perché si tende a premiare chi ha più capacità di aderire alle richieste formali di tipo amministrativo o perché le iniziative vengono valutate su basi formali e non sulla sostanza della qualità imprenditoriale dei progetti.

La sfida da vincere

A supporto di questa tesi, uno studio del 20151 mostra come i fondi di venture capital gestiti da manager indipendenti e nei quali fosse presente una combinazione di capitali pubblici e privati, abbiano generato ritorni superiori sia ai fondi gestiti direttamente dallo Stato sia ai fondi attivi con solo capitale privato. Perché l’investimento pubblico a supporto del venture capital abbia un effetto positivo è quindi necessario che tale intervento affianchi il capitale privato e sia gestito da manager indipendenti che abbiano un allineamento di interessi con i propri investitori e con gli imprenditori sui quali deve ricadere l’investimento.

La sfida da vincere, banale nella sua definizione ma assai complessa da affrontare, è quella di superare la dicotomia tra stato e mercato, attraverso modalità virtuose che possano mettere insieme i due mondi e creare un sistema innovativo integrato e autosufficiente, in grado di rispondere adeguatamente alla domanda sempre crescente di innovazione tecnologica.

________________

1 James A. Brander, Qianqian Du, Thomas Hellmann, «The Effects of Government-Sponsored Venture Capital: International Evidence», Review of Finance, 19, 2015, pp. 571-618.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3