innovazione

Rafforzare la filiera del Venture Capital: le proposte al Governo



Indirizzo copiato

Il Think Tank dei Leader dell’Innovazione “Leonardo Da Vinci” ha presentato una serie di proposte al Ministro Adolfo Urso con l’obiettivo di stimolare sia l’innovazione all’interno delle aziende, sia l’Open Innovation delle imprese con incubatori e acceleratori di startup, parchi scientifici e tecnologici, laboratori, centri di ricerca e Università. Ecco di cosa si tratta

Pubblicato il 20 dic 2023

Francesca Chialà

Founder Think Tank dei Leader dell’Innovazione Leonardo da Vinci



consiglio europeo innovazione

Come promuovere la collaborazione tra pubblico e privato in modo efficace? Come attivare un dialogo trasparente e pragmatico tra le aziende e le istituzioni che devono prendere decisioni per stimolare lo sviluppo economico e imprenditoriale in Italia?

La partnership concreta tra pubblico e privato è da sempre il tallone d’Achille del nostro Paese. Per provare a invertire la rotta, il Think Tank dei Leader dell’Innovazione “Leonardo da Vinci” ha allora presentato una serie di proposte al Ministro Adolfo Urso per promuovere concretamente l’innovazione nel sistema economico italiano, con l’obiettivo di stimolare sia l’innovazione all’interno delle aziende, sia l’Open Innovation delle imprese con incubatori e acceleratori di startup, parchi scientifici e tecnologici, laboratori e centri di ricerca, Università, etc.

Più innovazione con la collaborazione pubblico-privato

Non tutte le aziende sono aperte alla collaborazione con l’ecosistema esterno dell’innovazione. Il Think Tank propone quindi l’attivazione di una misura strutturale che agevoli una prima esperienza progettuale tra imprese e startup/PMI innovative, privilegiando le imprese italiane multinazionali per la capacità intrinseca di far crescere l’impresa innovativa su scala internazionale.

Il modello del corporate venture building

Il “Corporate Venture Building” è un possibile modello e si suggeriscono misure per la defiscalizzazione dei primi anni di vita degli spin-off di impresa realizzati da aziende italiane. Oltre a prevedere una maggiorazione della base di calcolo del credito d’imposta per le imprese che svolgono attività di ricerca, sviluppo e innovazione con startup e PMI innovative.

Le startup sono imprese ad alto potenziale di crescita che sviluppano prodotti e servizi tecnologici, in grado di affermarsi rapidamente a livello globale. La nascita e lo sviluppo delle startup è un elemento essenziale per lo sviluppo industriale di un Paese.

Le aziende consolidate, storicamente, tendono a ridurre l’occupazione attraverso processi di aggregazione e M&A, mentre le startup sono i vettori della nuova occupazione.

L’impatto delle startup sull’economia e la società

L’impatto delle startup nell’ambito di una strategia industriale può essere valutato sia per il livello di creazione di innovazione, sia per l’impatto economico e sociale. Le aziende, per rimanere competitive, necessitano di innovare e sono sempre più attente all’innovazione generata dalle startup. Basti pensare che 71 delle prime 100 aziende U.S. della lista Fortune 500 (ca. il 75%) hanno attivato delle divisioni di Corporate Venture Capital (CVC) e quelle che presentano un’unità di CVC hanno una migliore performance.

In alcuni settori come il “life science”, nel decennio 2008-2018 più del 65% dei nuovi farmaci autorizzati dalla FDA sono stati sviluppati da startup, contro il 30% del decennio precedente. Le stesse “Big Tech” sono oggi tra le principali acquirenti di startup. Negli ultimi 10 anni Google ha realizzato oltre 450 acquisizioni, mentre Amazon ne ha realizzato oltre 100.

In Italia, solo negli ultimi anni le corporate stanno realizzando sperimentazioni e investimenti (CVC) nelle startup, mentre sono ancora esigue le acquisizioni. In termini di impatto economico e sociale, invece, diverse analisi e studi hanno dimostrato, in maniera inequivocabile, come le startup siano creatrici nette di posti di lavoro.

Lo studio sul mercato USA condotto dalla Kauffman Foundation evidenzia come, in un arco temporale di 28 anni, le startup abbiano creato oltre 85 milioni di posti di lavoro. Per un Paese che punti a mantenere competitivo il suo tessuto industriale, appare evidente come sia fondamentale creare tutte le condizioni per la nascita di una massa critica di startup e per il loro sviluppo. Per fare ciò è fondamentale rafforzare la filiera del Venture Capital.

Il Venture Capital come stimolo per le startup

Il Venture Capital è il capitale che dà il “boost” alle startup. Come è stato dimostrato, le startup che ricevono risorse VC (“VC-backed”), nel confronto con aziende non “VC-backed” crescono più rapidamente, si dotano in anticipo di una struttura interna professionale ed hanno maggiori possibilità di essere acquisite o di quotarsi sul mercato dei capitali. L’industria del Venture Capital, per essere funzionale ed efficace, ha bisogno di una vera e propria filiera con diversi attori ed investitori, ognuno presente nelle diverse fasi della crescita della startup. Ciò necessita di un numero idoneo di operatori professionali (acceleratori, fondi di Venture Capital, iniziative di Corporate Venture Capital) operativi in tutte le varie fasi della filiera e un importante afflusso di capitali, verso gli operatori di Venture Capital, che siano poi investiti in startup.

Il ritardo del mercato italiano del VC

Il mercato italiano del VC soffre di un forte ritardo rispetto ai diretti competitor europei, con volumi di investimento esigui. Nel 2022 gli investimenti in VC hanno raggiunto gli €1,8 miliardi, (+48% vs 2021) contro ca. €30 miliardi investiti nel Regno Unito, €15 miliardi investiti in Francia, €12 miliardi investiti in Germania e €3,6 miliardi investiti in Spagna.

Uno dei principali gap rispetto agli ecosistemi avanzati riguarda il ruolo degli investitori istituzionali, (Fondazioni di origine bancaria, Fondi Pensione e Casse di Previdenza), con una scarsa partecipazione all’asset class. Nel 2022 in Italia, sull’ammontare complessivo di 278,75 miliardi, circa 30 miliardi sono stati investiti in asset alternativi e, di questi ultimi, solo l’1,4% è stato destinato al Venture Capital: circa 350 milioni. Per fare un termine di paragone a livello europeo, una recente modifica normativa introdotta nel Regno Unito autorizza i Fondi Pensione a investire fino al 5% del patrimonio gestito in Venture Capital, stimolando così un afflusso aggiuntivo di risorse per 75 miliardi di sterline.

Incentivi fiscali e nuovi gestori di VC: le proposte del Think Tank Leonardo

Il mercato italiano è oggi in uno stadio di sviluppo paragonabile alla Francia di sette anni fa o alla Spagna di cinque anni fa, come ha sottolineato Luigi Capello, CEO di LVenture Group e fondatore di LUISS EnLabs, al MIMIT. Per fare un decisivo passo in avanti, il Think Thank Leonardo da Vinci propone dunque di:

  • Stimolare la crescita degli investimenti nei Fondi di VC da parte di investitori istituzionali, in particolare Fondi Pensione, Casse di Previdenza, Fondazioni di origine bancaria e Assicurazioni, attraverso la previsione di appositi incentivi fiscali.
  • Favorire la nascita di nuovi gestori di VC. Molto importante a riguardo è il lavoro che sta svolgendo CDP Venture Capital, anche per creare i “role-model” e i casi di successo.
  • Potenziare e rendere effettivi gli incentivi esistenti per gli investimenti in startup da parte delle persone fisiche e giuridiche.
  • Favorire l’acquisizione delle startup da parte delle corporate, anche attraverso la previsione di appositi incentivi fiscali.

Per fare ciò è necessario favorire un cambiamento culturale e paradigmatico che metta al centro dell’Agenda economica del Paese la creazione di nuova impresa, con ambizione di crescita globale (le startup), e ne comunichi in maniera efficace e continuativa gli effetti. Per esempio, sarebbe da imitare la comunicazione istituzionale del Presidente Macron in Francia.

Il rafforzamento del tech transfer

L’opera di collegamento tra Ricerca Scientifica, Università e Impresa passa per due elementi cruciali: competenze e laboratori. Sarebbe auspicabile un intervento del MIMIT per rinforzare questo meccanismo, favorendo l’assunzione di professionisti che abbiano lavorato nelle imprese e lo sviluppo di laboratori attrezzati nei Parchi Scientifici e Tecnologici perchè le Università non riescono a mettere i loro asset al servizio del Tech Transfer.

La valutazione dei risultati degli investimenti delle imprese con incentivi pubblici

Il Think Tank “Leonardo da Vinci” ha posto un focus anche sulla valutazione dei risultati degli investimenti delle imprese con incentivi pubblici. Per quanto complesso, bisogna individuare delle modalità per premiare, con maggiori crediti di imposta, le aziende che dimostrano di produrre concreto valore economico dalle iniziative di innovazione agevolate con la finanza pubblica. Una corretta governance dell’innovazione, allineata alle linee guida internazionali, va orientata verso la cosiddetta “good innovation”. Il MIMIT dovrebbe incentivare un’innovazione che affronti i criteri ESG (Environmental, Social, Governance) con cui le aziende vengono valutate sia dai clienti, sia dai mercati finanziari.

L’importanza della certificazione ISO 56001 per le imprese italiane

A settembre 2024 verrà pubblicato il tanto atteso Standard ISO 56000 e si aprirà una nuova era nella governance dell’innovazione, in quanto sarà disponibile uno strumento su scala globale per promuovere e certificare una cultura comune di management dell’innovazione. Le aziende del Made in Italy dovrebbero adottare le linee guida ISO 56000 per dare alle iniziative aziendali di innovazione una visione, un metodo e un modello di governo. A beneficiarne sarebbero le imprese stesse, ma anche l’intero sistema Paese, perché queste linee guida garantiscono una maggiore efficacia nell’utilizzo di contributi pubblici per realizzarle.

Il Think Tank propone una misura strutturale per incentivare le aziende nell’adozione di sistemi di gestione dell’innovazione certificati ISO 56001. Promotori di questa cultura di management sono gli Innovation Manager. L’adozione di modelli organizzativi per fare innovazione in modo efficace passa per la diffusione, nelle aziende di ogni dimensione, di queste figure manageriali. E, grazie alla norma UNI 11814 e al suo riconoscimento conferitogli dalla Legge 4/2013, l’ecosistema di innovazione ha uno strumento utile a riconoscere queste competenze manageriali. Bisogna incentivare la presenza di Innovation Manager certificati nelle aziende a tutti i livelli dell’organizzazione, fino ai Consigli di Amministrazione.

E le imprese che assumono tali figure professionali potrebbero godere di punteggi aggiuntivi nelle procedure valutative per l’accesso ai finanziamenti per progetti di R&S e innovazione, per esempio, su fondi nazionali e strutturali (FEASR). Attraverso la promozione della certificazione dei processi di governance dell’innovazione e delle competenze degli Innovation Manager, il MIMIT potrebbe avere finalmente degli strumenti semplici e oggettivi per riconoscere, stimolare e valorizzare una sana cultura dell’innovazione nel Paese.

Prossimi passi per il Think Tank Leonardo da Vinci

I 75 Leader dell’Innovazione si sono confrontati anche con diversi Dirigenti del Ministero delle Imprese e del Made in Italy con l’obiettivo di rendere pragmatica la condivisione di esperienze e costruire un percorso strutturato e continuativo di confronto tra i decisori politici, i dirigenti e tecnici del MIMIT con gli Innovation Manager, i Direttori R&D e Sostenibilità, i CEO delle imprese e i leader dell’ecosistema dell’innovazione. Siamo un Think Tank plurale, basato sull’impegno civico, e aperto a tutte le aziende appartenenti ai diversi comparti produttivi, industria, servizi, finanza che rappresentano, in modo trasversale, l’intero sistema economico delle imprese in Italia.

La prossima sfida che il Think Tank Leonardo da Vinci sta già affrontando è sviluppare lo stesso concreto e pragmatico percorso di confronto con la Commissione Europea e con le altre Istituzioni italiane che devono essere necessariamente coinvolte per rendere sempre più efficace questo interscambio, innanzitutto il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ma anche il Ministero dell’Università e della Ricerca, il Ministero del Lavoro e il Ministero dell’Ambiente per tutte le proposte che riguardano la promozione di quell’innovazione finalizzata alla Sostenibilità.


Argomenti


Canali

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4