il disegno di legge

Biometria e videosorveglianza sulla PA, che cambia con il ddl Concretezza

Il recente ddl concretezza prevede l’Istituzione del “nucleo concretezza” e l’introduzione di sistemi di verifica biometrica dell’identità e di video sorveglianza contro l’assenteismo. Una valutazione di natura organizzativa e un esame delle criticità organizzative delle due misure

07 Nov 2018
Giovanni Manca

consulente, Anorc

biometrics

Biometria e videosorveglianza contro l’assenteismo della PA. Il recente ddl Concretezza del ministro Bongiorno amplia molto l’azione di controllo sull’amministrazione e gli effetti saranno tutti da vedere. Analizziamoli per quanto possibile adesso.

“Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo”. Questo è il nome ufficiale del provvedimento (ribattezzato, come dicevamo, ddl concretezza), approvato nel Consiglio dei Ministri del 25 ottobre 2018 su proposta della Ministra Giulia Bongiorno.

Prevede, in particolare, l’istituzione del Nucleo della Concretezza e l’introduzione di sistemi di identificazione biometrica e di video sorveglianza in sostituzione dei sistemi di rilevazione automatica in uso.

Nel primo caso la valutazione è di natura organizzativa rispetto agli obiettivi che pone il ddl; per la biometria si analizzano le criticità organizzative e il parere reso dal Garante per la protezione dei dati personali nel parere dell’11 ottobre 2018 (Provvedimento n. 464).

Non è obiettivo del seguente articolo affrontare gli altri temi del ddl, come le misure per le assunzioni mirate e il ricambio generazionale nella pubblica amministrazione ovvero le disposizioni in materia di buoni pasto.

Istituzione del Nucleo della Concretezza

Nell’articolo 1 del ddl (“Istituzione del Nucleo della Concretezza”) si modifica, novellandolo, il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165.

In particolare, dopo l’articolo 60 si aggiungono gli articoli 60-bis, 60-ter e 60-quater.

In tali modifiche, viene istituito il Nucleo delle azioni concrete di miglioramento dell’efficienza amministrativa con la denominazione “Nucleo della concretezza”.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Sicurezza

Con una ben stabilita procedura legislativa di natura secondaria viene approvato il Piano triennale delle azioni concrete per l’efficienza delle pubbliche amministrazioni, che è predisposto, annualmente, dal Dipartimento della funzione pubblica.

Il ddl stabilisce che questo Piano contenga:

  1. le azioni dirette a garantire la corretta applicazione delle disposizioni in materia di organizzazione e funzionamento delle pubbliche amministrazioni e la conformità dell’attività amministrativa ai principi di imparzialità e buona andamento”;
  2. le azioni dirette a implementare l’efficienza delle pubbliche amministrazioni, con indicazione dei tempi per la realizzazione delle azioni correttive;
  3. l’indicazione delle modalità di svolgimento delle attività del Nucleo della Concretezza nei confronti delle Regioni, degli enti strumentali regionali, degli enti del Servizio sanitario regionale e degli enti locali”.

Il Nucleo per la Concretezza opera in collaborazione con l’Ispettorato delle funzione pubblica e effettua sopralluoghi e visite finalizzati a rilevare (verificare) gli aspetti organizzativi e gestionali dell’attività amministrativa e proporre misure correttive che gli enti coinvolti realizzano entro tempi definiti e comunque nei limiti indicati nel Piano sopraddetto.

L’attività ispettiva viene verbalizzata e in base ai contenuti del verbale, si attivano procedure correttive che possono attivare la responsabilità dirigenziale e disciplinare, anche con l’iscrizione della pubblica amministrazione inadempiente in un elenco pubblicato sul sito del Dipartimento della funzione pubblica.

Nel ddl si stabiliscono anche le regole per la composizione del Nucleo e per il reclutamento di specifico personale.

Gli obiettivi del provvedimento

Gli obiettivi di questo provvedimento sono evidenti. Si amplia il campo di vigilanza e controllo sull’azione amministrativa rispetto a quanto previsto nel Codice dell’amministrazione digitale (CAD); si rende “terza” questa azione superando il presunto limite del “controllo interno”. Infine si sanziona al massimo livello che scaturisce dalle procedure di verifica, segnalando il tutto al Ministro per la pubblica amministrazione, al Ministro dell’interno e alla Corte dei Conti.

Questo modo di operare è analogo a quello dell’attività ispettiva condotta in materia di qualità, sicurezza, qualifica comunitaria per i servizi fiduciari, ecc.

L’azione può essere garantita come realmente omogenea ed equilibrata su tutte le amministrazioni se sarà basata su liste di riscontro (check list) sia di profilo amministrativo che tecnico/organizzativo.

L’assenza di liste di riscontro favorisce la discrezionalità dei nuclei ispettivi e rende il giudizio sulle valutazioni influenzabile da valutazioni di carattere politico piuttosto che oggettive.

Come al solito saranno i fatti a evidenziare equilibrio, oggettività ed efficacia dell’azione ispettiva e eventualmente correttiva.

Misure per il contrasto all’assenteismo

L’articolo 2 del ddl introduce “Misure per il contrasto all’assenteismo” e stabilisce l’introduzione di sistemi di verifica biometrica dell’identità e di video sorveglianza. Questi sistemi sostituiscono i diversi sistemi di rilevazione automatica, attualmente utilizzati.

L’obiettivo del ddl è quello di ottenere “l’eliminazione o comunque la drastica riduzione delle false attestazioni di presenza in servizio”.

L’attuazione avverrà tramite Regolamenti che verranno approvati con specifiche procedure di concertazione.

Nel Parere del Garante già sopra citato (n. 464 dell’11 ottobre 2018) si esaminano vari aspetti del trattamento come la liceità e la proporzionalità del trattamento.

Il Garante giudica “sproporzionata l’introduzione sistematica e generalizzata” di sistemi biometrici con specifico riferimento alla rilevazione delle presenze tramite identificazione biometrica; questo a causa dell’invasività di tali forme di verifica e della natura dei dati personali trattati.

Il Garante prosegue il Parere fornendo regole per il rispetto dei principi di liceità, proporzionalità e minimizzazione.

La verifica biometria e la videosorveglianza non possono essere utilizzate in contemporanea.

Un altro vincolo stabilito dal Garante è relativo “alla sussistenza di specifici fattori di rischio ovvero a particolari presupposti quali ad esempio la dimensione dell’ente, il numero dei dipendenti coinvolti, la ricorrenza di situazioni di criticità che potrebbero essere anche influenzate dal contesto ambientale”.

Il Garante si riserva specifiche valutazioni per le soluzioni tecnologiche adottate nei previsti decreti attuativi. Già il Consiglio dei Ministri ha approvato il ddl con la dizione proposta dal Garante “sistemi di verifica biometrica dell’identità”, certamente più aderente nei termini operativi rispetto allo scopo perseguito del termine precedentemente proposto di “identificazione biometrica”.

Il parere del Garante è quindi favorevole con l’applicazione delle osservazioni che abbiamo riportato.

Oltre alle già sottolineate valutazioni tecnologiche , possiamo evidenziare che l’utilizzo della biometria consente di combattere il fenomeno della rilevazione delle presenze gestita da un dipendente per uno o più colleghi assenti.

Non risolve il problema di ingressi in ambienti privi di tornelli, visto che, dopo la timbratura ci si può allontanare e poi ritornare e rilevare l’uscita.

In modo analogo, anche in presenza di tornelli, non è raro che il personale di portineria apra il varco su richiesta del dipendente.

Infine deve essere gestita la presenza di visitatori per i quali non è applicabile la verifica biometrica.

Lo scenario più aderente alle esigenze è quello del riconoscimento facciale in modalità analoga a quella utilizzata negli aeroporti ai varchi di sicurezza. In aeroporto il volto è confrontato con quello memorizzato nel passaporto elettronico ma non è complicato replicare lo scenario anche su un badge tradizionale con micro circuito.

Più complessa risulta la verifica biometrica con l’iride e quindi il suo utilizzo è auspicabile solo nei casi per i quali l’impronta digitale non è efficace.

In ogni scenario la verifica biometrica non garantisce, ovviamente, la produttività del dipendente pubblico. Il legislatore peraltro in questo ddl intende stabilire misure per il contrasto dell’assenteismo; la produttività sarà misurata con altre metodologie o strumenti.

Rilevazione presenze nella PA, usiamo la biometria? I problemi

WHITEPAPER
Previeni i difetti di sicurezza nelle applicazioni: la soluzione in 5 punti
Sicurezza
Software
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati