il programma

Cittadino: “Le quattro innovazioni per una nuova PA (digitale)”

Regole, organizzazione, procedimenti, comportamenti. Alla PA occorre agire su questi ambiti, trovando una sintesi e una coerenza unitarie, affinché l’innovazione riesca a innestarsi nel suo organismo complesso. Vediamo lo stato di questi quattro tipi di elementi

17 Set 2018
Caterina Cittadino

Capo dell'ufficio di segreteria della conferenza Stato-Città ed autonomie locali, Presidenza del Consiglio dei ministri

Italia_digitale-1170x1170

L’innovazione non è settoriale; è tale solo se coinvolge e comprende un sistema, regole, cose, persone.

L’innovazione nella pubblica amministrazione segue le regole sopra indicate, ma, innestandosi in un organismo complesso, stenta ad estendersi e a consolidarsi.

Quattro tipi di innovazione per la PA

Il sistema della pubblica amministrazione necessita di quattro tipi di innovazione:

  • l’innovazione delle regole,
  • l’innovazione dell’organizzazione,
  • l’innovazione dei procedimenti,
  • l’innovazione dei comportamenti.

Ognuno di questi elementi abbisogna di percorsi particolari, ma tutti, senza eccezione alcuna, necessitano di una sintesi e di una coerenza unitarie.

WHITEPAPER
Troppe piattaforme IT? Non serve cambiarle! Scopri come farle dialogare
Digital Transformation
Software

Il nostro Paese prova da parecchi anni ad innovarsi, e grandi passi avanti sono stati fatti. Ciò che ancora manca, tuttavia, è la parte più difficile da realizzare. Si fa riferimento a quella sintesi ed alla coerenza sopra richiamate ed ad una uniformità nell’innovazione realizzata ancora lontana, a causa del diverso grado di maturità tra amministrazioni e territori a cui si è pervenuti.

La pubblica amministrazione, a differenza di quanto generalmente si pensi, ha profuso un grande impegno nell’innestare la tecnologia al suo interno. Pensiamo allo sforzo economico volto all’acquisizione di strumentazione ed alla realizzazione di infrastrutture in rete. Acquisti ed interventi forse non sempre oculati, certo quasi mai economici, hanno prodotto tuttavia una base da cui partire.

Ma vediamo lo stato dei quattro tipi di innovazione sopra evidenziati.

L’innovazione delle regole

L’innovazione delle regole ha preso corpo soprattutto nel Codice dell’amministrazione digitale, modificato ben sei volte nell’arco dei 13 anni intercorsi dal decreto legislativo 7 marzo, 2005, n. 82, che ha introdotto nel nostro ordinamento, per la prima volta, il CAD. Abbiamo assistito ad un Paese e ad una pubblica amministrazione schiacciati dalla tumultuosa novità rivoluzionaria della tecnologia e di internet che cercavano nelle norme del Codice conforto per il proprio agire. Le varie versioni del Cad ci hanno consegnato un codice all’inizio troppo dettagliato, lontano quindi da quella carta di principi cui aspirava ad essere, poi un codice per così dire “educativo” attraverso l’introduzione di norme tese ad inserire nella quotidianità dell’azione amministrativa regole che determinassero un collegamento stretto ed evidente fra le norme del codice e le altre riforme che si succedevano, prima fra tutte quella del pubblico impiego e della dirigenza pubblica. Queste continue modifiche, tuttavia, hanno finito per rallentare l’informatizzazione e la digitalizzazione del paese, poiché era necessario attendere le nuove riforme prima di operare.

L’innovazione  dell’organizzazione

L’innovazione  dell’organizzazione è stata, anch’essa, diversificata negli anni. Una idea vincente, ma certo oggi non riproponibile per il contesto sociale ed amministrativo attuale, è stata la nascita di una Autorità per l’informatizzazione delle pubbliche amministrazioni, quale struttura deputata a definire le regole, che allora mancavano, ed a prefigurare le grandi strategie. In un processo che è all’inizio, invero, sono proprio le regole e la loro attuazione che vanno garantite.

Altrettanto corretta è stata la scelta di trasformare l’Autorità in un organismo maggiormente operativo e la nascita del CNIPA, in qualche modo è stata la risposta. L’errore, tuttavia, è stato quello di non spingere in modo netto vero l’operatività piena dell’organo, che si è ritrovato a cumulare funzioni più propriamente regolatorie, tipiche di un’Autorità, con compiti essenzialmente gestionali.

La nascita di un’Agenzia, quale nuova organizzazione fortemente operativa, risale al 2012, allorché, in un unico provvedimento, mentre si istituiva la struttura, si azzeravano, contestualmente , tutti gli altri organismi esistenti (DigitPA, ex CNIPA, l’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione, il Dipartimento per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione e l’innovazione tecnologica della Presidenza del Consigli odei Ministri). Una buona partenza per un’organizzazione che voleva essere concentrata, in quanto sintesi funzionale delle competenze prima attribuite alle diverse strutture, e volta ad una programmazione economica funzionale ed efficiente delle risorse economiche, umane e strumentali destinate all’innovazione.

Questo obiettivo, tuttavia, non è stato completamente raggiunto. Diversi soggetti hanno continuato ad operare nel campo dell’innovazione tecnologica, succedendosi nel tempo: Consip SpA ha mantenuto importantissime attività amministrative e contrattuali, la Cabina di regia in tema di Agenda Digitale, il COBUL per le strategie in tema di banda larga ed ultra-larga, il Commissario straordinario, previsto da una norma ad hoc, e quindi in qualche modo “a regime” e non all’occorrenza, come la sua figura vorrebbe.

Nell’attuale versione del CAD, tuttavia, frutto di ben due recenti provvedimenti legislativi intervenuti in un solo anno, si assiste ad un rafforzamento delle competenze dell’Agenzia, che riacquista, in qualche modo, quel ruolo centrale che aveva perso, anche se permangono tutti gli organismi citati e l’accavallamento di competenze fra questi resta un rischio evidente.

Cosa fare quindi per riuscire nella spinta propulsiva dell’innovazione affidata ad Agid? La risposta è banale, ma non semplice da realizzare. Occorre l’esercizio di un ruolo di direzione forte ed incisivo, un manager che abbia una visione generale della pubblica amministrazione e ne conosca i suoi procedimenti, sia centrali che periferici, e che sappia organizzare le risorse umane all’interno in modo da dare supporto ed assistenza tecnica alle amministrazioni pubbliche ed aiutarle a raggiungere, là dove ce n’è bisogno, quel livello di qualità, oggi a macchia di leopardo.

Fino ad oggi questo non è avvenuto e si è privilegiato di più lo sviluppo dell’application innovativa ad un lavoro, certo più buio e faticoso, ma capace di entra nel cuore dei processi, cambiarli ed estenderli sull’intero territorio nazionale.

L’innovazione dei procedimenti

Arriviamo, così, all’innovazione dei procedimenti, che va, e non potrebbe essere altrimenti, di pari passo con le altre. La capacità in questo caso che si richiede è quella di reingegnerizzare e semplificare i procedimenti basati sulla carta per renderli non solo più moderni, ma essenzialmente più semplici. Ci sono delle priorità ovviamente da cui cominciare. Nel nostro sistema pubblico queste priorità non possono non riguardare quelle reti-servizi trasversali, purtroppo ancora incompleti, in grado di uniformare il nostro territorio, tanto diseguale, almeno per la parte dei diritti imprescindibili e fondamentali. La sanità, la giustizia, l’istruzione, i rapporti con il mondo economico, a questi si fa riferimento.

L’innovazione dei comportamenti

Ultima, ma non meno importante, è la necessità di innovare i comportamenti, e quindi educare all’uso ed alla comprensione delle tecnologie e formare il personale pubblico. Forse questo aspetto è quello che più è mancato, ed è stato uno dei principali motivi del rallentamento della capacità di innovazione nel nostro paese. Il blocco del turnover degli ultimi anni ha impedito, inoltre, quel ricambio generazionale che, certamente, avrebbe reso più semplice il percorso verso l’informatizzazione della pubblica amministrazione. Oggi, tuttavia, l’evoluzione digitale richiede qualcosa in più; richiede di assicurare la conoscenza estesa a tutti e la capacità di prepararsi a vivere e lavorare in un’era di grandi cambiamenti. E questo passa attraverso un grande progetto formativo, ma, ancora prima, attraverso il coding, vale a dire l’insegnamento già nelle scuole elementari, per aprire la mente ad una coscienza digitale e consentire a tutti, pian piano, di diventare soggetti attivi della tecnologia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati