Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Legge di Stabilità

Coppola (PD): “Ecco la norma switch off: PA senza più alibi”

30 Nov 2015

30 novembre 2015

L’emendamento presentato nella Legge di Stabilità, per tagliare l’uso della carta nelle PA, serve a spingere verso lo switch off. Le PA devono adeguare i loro modelli organizzativi per prepararsi al digital by default. La carta è uno dei nemici numero uno della digitalizzazione. Ogni volta che si stampa si perde tutta la struttura dei dati. Perché lo facciamo ora? Perché si doveva fare quindici anni fa! 

Poi, probabilmente è vero che molti software non prevedono il workflow autorizzativo (da cui poi la pratica della stampa), ma nulla vieta alle amministrazioni di cambiare i propri regolamenti. La ragioneria vuole il pezzettino di carta da vistare? Se ne farà una ragione. Userà il protocollo, l’email aziendale eccetera.

Capiranno che finalmente devono dare attuazione alla gestione documentale come da CAD. I benefici della digitalizzazione dei processi sono innumerevoli. E’ ora di dire basta e di passare finalmente alla PA digitale. Perché non si vuole fare lo switch off? Pigrizia mentale? Voglia di mantenere le informazioni in formato analogico in modo da rendere più difficile la trasparenza e il controllo? Basta. Abbiamo perso gia’ troppi anni. 

  • Burosauro Cartaceo

    L’innovazione non si fa con decreti e parole d’ordine, ma con capacità progettuale, con strategie, con idee basate su competenze e su condivisione.
    Non conosco Coppola, mi sa però che so è fatto prendere la mano pure lui dalla banalizzazione dei problemi. Se parlate da quindici anni (come classe politica) di carta di identità elettronica, di “banda larega”, e poi di “PIN unico” e ora della digitalizzazione forzosa “per regio decreto”, è la conferma che alla guida della diligenza digitale non c’è più nessuno, quantomeno nessuno che abbia idea su dove realmente andare, e come fare per arrivarci.
    Poi i pezzettini di carta firmati sono pure un pezzettino microscopico del problema, ma non “il” problema, per affrontare il quale c’è bisogno di olio di gomito e di visione lunga, non di risultati immediati buoni per la prossima campagna elettorale, siano oggi SPID/PIN Unico o ANPR o bollini elettronici o PEC.

Articoli correlati