CASI OPENDATA NEL MONDO

Le Strategie OpenData e e-Gov del Marocco

Il Governo Marocchino persegue un ambizioso progetto di digitalizzazione del patrimonio informativo esistente, mediante la realizzazione di concrete Strategie di OpenData e e-Gov, per promuovere la trasparenza e favorire l’innovazione

21 Mag 2015
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

fattore-ulisse-marocco-150519130939

Il Portale OpenData del Governo del Marocco, lanciato nell’aprile 2011, ha lo scopo di promuovere la cultura della trasparenza, quale pilastro fondamentale delle attività realizzate dalle istituzioni, mettendo gratuitamente a disposizione di tutti gli utenti i dati pubblici, costituenti un patrimonio elettronico intangibile, la cui fruizione è estremamente utile per la collettività, al fine di reperire informazioni di interesse sociale e creare servizi innovativi, creando occupazione e ricchezza grazie all’utilizzo generalizzato dei dataset disponibili.

Nel corso degli ultimi 5 anni, il governo marocchino ha elaborato una concreta Strategia OpenData finalizzata a semplificare l’uso e la diffusione dei dati pubblici in possesso degli apparati statali, delle amministrazioni e degli enti locali per consentire un più ampio e generale riutilizzo, mediante formati aperti, indispensabili per promuovere la libera diffusione di informazioni accessibili a tutti, senza restrizioni di copyright.

La Strategia OpenData è stata realizzata nell’ambito del programma di eGovernment, dal Ministero dell’Industria, del Commercio e delle nuove tecnologie (Ministère de l’Industrie, du Commerce et des Nouvelles Technologies), che ha predisposto il portale OpenData per raccogliere in modo organico una serie di dati pubblici, disponibili gratuitamente in formati agevolmente utilizzabili.

In particolare, i dati raccolti provengono dai dipartimenti dei Ministeri, dagli Enti Locali, dagli Enti Pubblici e costituiscono nel loro insieme il catalogo generale dei dataset disponibili all’interno del sito nella sua prima versione applicativa, che sarà oggetto di costante evoluzione nel processo di digitalizzazione predisposto dal Governo Marocchino.

All’interno del Portale è stata definita una specifica sezione che regola le condizioni di utilizzo dei dati disponibili, nel rispetto dell’Open Database Licence e dell’Open Knowledge Foundation, che attribuisce agli utenti il diritto di condividere, copiare, distribuire e utilizzare i dataset, per creare e produrre applicazioni e servizi, a condizione che si citi la fonte di paternità dei dati per qualsiasi creazione generata dai database, ai fini di qualsiasi utilizzo o ridistribuzione, nel rispetto del copyright sul database originale, garantendo sempre la massima accessibilità ai dati utilizzati mediante standard aperti, senza adottare misure tecniche o restrizioni che possano limitare la creazione e l’utilizzazione dei dati.

Attualmente il sito contiene 107 cataloghi pubblicamente disponibili, in base a determinate categorie, aventi ad oggetto uno specifico tema, per consentire un’agevole ricerca ed individuazione da parte degli utenti.

In particolare, al fine di potenziare il settore turistico, quale principale veicolo di ricchezza del paese, sono stati creati dataset che forniscono un elenco delle principali guide turistiche, delle agenzie di viaggio e degli alloggi turistici, facilmente individuabili per nome, classe, indirizzo, email, numero di telefono, numero di fax.

Particolarmente interessante anche la sezione dedicata ai dati aperti nel settore della salute, al fine di fornire una serie di informazioni sulle condizioni di salute della popolazione, con la contestuale indicazione di centri sanitari, ospedali e servizi di assistenza sanitaria.

Merita di essere segnalata anche la sezione dedicata agli OpenData in materia di istruzione, che fornisce un elenco di tutte le scuole pubbliche e private, degli istituti di formazione professionale e delle Università esistenti nel territorio, con la contestuale indicazione di una serie di informazioni sulle condizioni generali dell’istruzione e della formazione nel paese, mediante la predisposizione di specifici Indicatori Sociali periodicamente aggiornati.

Peraltro, nell’ambito della Strategia OpenData nazionale, il Governo Marocchino ha elaborato concrete iniziative di e-Gov, con l’obiettivo di promuovere l’accesso dei cittadini alle informazioni, in modo da favorire la loro partecipazione al processo decisionale pubblico, mediante la valorizzazione delle tecnologie digitali, quali strumenti indispensabili per promuovere efficaci progetti di e-inclusion dei cittadini marocchini ed attivare efficaci processi di elaborazione e di riutilizzazione dei dati aperti, mediante la definizione di un particolareggiato e completo Programma nazionale di e-Gov.

In tale prospettiva è stato creato il sito Fikra, dedicato alla pubblicazione delle idee degli utenti per realizzazione concreti progetti operativi, selezionati dagli utenti stessi, per migliorare le condizioni di efficienza dei servizi pubblici erogati alla collettività e promuovere processi virtuosi di trasparenza amministrativa sulla base di una visione interattiva caratterizzata dalla partecipazione di tutti i cittadini.

Il sito Fikra, lanciato il 25 febbraio 2011, offre chat room di discussione per i cittadini per consentire loro di esprimere il loro parere. Essi possono inviare idee, votare e condividere i commenti pubblicati.

Inoltre, i cittadini possono commentare i progetti di testi di leggi e decreti sul sito Internet del segretariato generale del Governo e visualizzare i suggerimenti segnalati dagli stessi utenti. Al termine del periodo di consultazione, i cittadini possono controllare lo stato dei suggerimenti registrati, in base al relativo esito caratterizzante l’iter della discussione.

È stato predisposto anche un Piano Digitale Nazionale mediante l’adozione della Stratégie Nationale pour la Société de l’Information et de l’Économie Numérique in cui viene espressamente riconosciuto il valore primario delle tecnologie digitali, quale vettore formidabile di sviluppo economico e sociale. A tal fine, il Governo del Marocco riconosce la necessità di considerare come obiettivo strategico il processo di innovazione degli apparati amministrativi, attraverso un ambizioso programma di e-Gov finalizzato a migliore l’efficienza, la qualità e la trasparenza dei servizi pubblici, mediante una completa digitalizzazione del patrimonio informativo esistente che richiede la necessaria definizione di un Piano OpenData. Viene, altresì, riconosciuta, la necessità di dotare tutti i cittadini di infrastrutture di rete a banda larga, riconoscendo un’effettiva accessibilità ad Internet, mediante programma generali di alfabetizzazione informativa finalizzati a migliorare le condizioni di accesso e d’uso delle tecnologie digitali.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4