Intelligenza artificiale

L’IA contro la corruzione? Una bella idea con qualche problema



Indirizzo copiato

L’Italia ha un rapporto complicato con lapercezione del cittadino nei confronti dell’amministrazione pubblica. Ma nel decennio 2012-2022, il Paese si è mosso verso un percorso virtuoso. Ecco come l’IA può aiutare la lotta alla corruzione, risparmiando risorse e velocizzando i processi

Pubblicato il 17 ago 2023

Lorenzo Quadrini

Legal Counsel – Privacy presso Aris



IA e lotta alla corruzione

Il Codice dell’Amministrazione Digitale italiano ha istituito la Piattaforma digitale nazionale dati (PDND), ufficialmente attiva da meno di un anno.

La piattaforma, prevista all’articolo 50-ter, nasce con l’intento di creare un ambiente virtuale di scambio e interoperatività dei dati della PA, al fine di permettere l’utilizzo e l’implementazione di sistemi di analisi ed elaborazione basati sui big data. Per molti analisti, si tratta di un primo passo, necessario per aprire la strada all’utilizzo di sistemi tecnologici sempre più avanzati, tra i quali l’intelligenza artificiale.

Ecco come l’IA può aiutare la lotta alla corruzione, scoprendo quali vantaggi offre e quali rischi si corrono.

OpenAI CEO Sam Altman on the Future of AI

L’intelligenza artificiale nella PA

Si tratta di una tecnologia già adottata dalle nostre pubbliche amministrazioni,
pur non ancora nei termini quasi “fantascientifici” con i quali viene dipinta molto spesso l’intelligenza artificiale all’interno dei discorsi e della cronaca generalista. Ad oggi, infatti, molte PA si sono dotate di strumenti chatbot (tra cui il comune di Siena, che permette al suo chatbox “Caterina” di fornire direttamente i certificati anagrafici agli utenti), nonché di implementazioni più votate al back-end (come per esempio il protocollo automatico di smistamento delle istanze PEC sviluppato da INPS).

Spingendo un poco più in là lo sguardo verso le possibili evoluzioni della IA nel campo
della PA, esiste già oggi un vivace dibattito dottrinale sull’applicazione della stessa
all’interno del controllo e della lotta alla corruzione nelle pubbliche amministrazioni
.

IA e lotta alla corruzione: il fenomeno in cifre

L’Italia ha un rapporto complicato con la lotta alla corruzione ed in generale con la
percezione del cittadino nei confronti dell’amministrazione pubblica.

Nel corso del tempo sono state introdotte numerose norme, tutte nell’ottica dell’eradicazione del fenomeno corruttivo, con un focus particolare incentrato sulla prevenzione e sui codici di condotta.
Nel decennio 2012-2022, il Paese si è mosso verso un percorso virtuoso, tanto da migliorare di 14 punti nell’indice di percezione della corruzione di Transparency International. La media europea però (66 punti) è ancora distante dai nostri 56 punti, a tutto il 2022.

L’introduzione di un sistema che possa aiutare gli operatori ad intervenire e prevenire il
fenomeno corruttivo risulta quindi più che attuale.

Come si applica l’IA in questo campo

Un primo elemento di discussione è la tipologia di IA utilizzabile. Suddividendo, con grande approssimazione, i sistemi di IA in due categorie possiamo distinguerli in artificial general intelligence (AGI) e artificial narrow intelligence (ANI). La prima, definita anche “forte”, rappresenta la capacità dell’elaboratore di completare compiti intellettuali allo stesso livello di un essere umano. Il grado di elaborazione di una AGI dovrebbe poter arrivare alla capacità di acquisire, analizzare, processare e riadattare le informazioni, con il fine ultimo di raggiungere l’obiettivo attraverso procedure non schematiche ma se vogliamo quasi cognitive (tant’è che per parte della comunità scientifica il termine AGI sarebbe da usare solo ed esclusivamente per le IA dotate di capacità senziente).

Le capacità di una ANI al contrario, si limitano all’esecuzione ottimale – anzi, perfetta – di un singolo compito o comunque di un insieme di compiti che non richiedano elaborazioni cognitive. Un classico esempio di intelligenze “deboli” (è così che vengono chiamate le ANI in italiano) sono tutti i device di domotica vocale, come Siri o Alexa o l’assistente vocale di Google.

Chiaramente una IA forte potrebbe supportare elaborazioni complesse di compiti e di
analisi dei dati, ma è anche vero che in un contesto come quello della prevenzione alla
corruzion
e, ossia un contesto dove vengono vagliati i comportamenti di operatori umani, affidare delle task ad una IA che non abbia processi trasparenti e chiari potrebbe risultare dannoso più che proficuo. Al contrario, l’utilizzo di intelligenze “deboli” potrebbe comportare grossi vantaggi in termini di risparmio di risorse e velocizzazione dei processi.
Bisogna infatti ricordare che una ANI, pur se definita “debole” non è caratterizzata da
scarsa efficienza, tutt’altro. Semplicemente si tratta di IA che non intervengono attraverso elaborazione autonoma o cognitiva, applicando regole e modelli prestabiliti pur essendo caratterizzati da grandissima precisione ed elevata percentuale di successo.

L’IA nel contrasto alla corruzione della PA

Un primo passo consiste nel machine learning e nella possibilità di elaborare i big data, nell’ottica di velocizzare le procedure di analisi ed integrazione dei dati. Il registro dei Responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT), per esempio, si presterebbe benissimo a un’applicazione dell’intelligenza artificiale basata sul machine learning e sul rapido reperimento dei dati.

Analisi dei big data e strumenti di controllo predittivo e statistico

In maniera analoga, ma con un’ottica predittiva, si potrebbe sposare lo stesso concetto anche per lo studio e l’analisi degli indicatori di monitoraggio e dei key risk indicators. Si tratta di una raccolta di dati che vengono utilizzati per capire e prospettare il profilo di rischio all’interno dei processi adottati dalle PA. Un sistema di machine learning, sulla base di questi dati, potrebbe analizzare i comportamenti e gli indicatori messi a fattor comune per ogni processo registrato, restituendo un’analisi predittiva molto accurata in merito ai rischi concreti della singola attività esaminata.

In tutti questi casi si parla di analisi dei big data e di strumenti di controllo predittivo e statistico dei rischi legati a determinati processi e comportamenti elaborati dalla IA. Tuttavia l’intero processo di gestione del rischio e di lotta alla corruzione passa poi per le fasi di “analisi del contesto” e “valutazione del rischio”, all’interno delle quali il nostro sistema legislativo ha introdotto tutta una serie di norme e codici di comportamento e che non possono che essere vagliate dall’operatore umano. Per due motivi:

  • il primo, quasi lapalissiano, è la capacità ad oggi esclusiva dell’uomo di poter giudicare e contestualizzare i profondi e complessi meccanismi sociali alla base di quei processi interni alla PA in grado di comportare rischi in merito alla corruzione o alla mancanza di trasparenza;
  • il secondo è la necessità di dover affidare, eventualmente, tale compito ad una intelligenza artificiale “forte”, quindi cognitiva e perciò essa stessa foriera di ragionamenti e deduzioni non sempre facilmente rappresentabili nell’ottica della trasparenza (anche) dei processi di lotta alla corruzione.

Applicazioni negli appalti pubblici

Il machine learning ha buona predisposizione allo sviluppo di indici red flag (ovvero gli indici composti da una o più variabili che concorrono ad identificare l’esistenza di del rischio di corruzione) predittivi, soprattutto negli appalti pubblici. Il settore è fortemente soggetto ai fenomeni corruttivi. Ma è anche facilmente analizzabile in virtù della struttura piuttosto schematica dei processi di adozione.

Infine, l’intelligenza artificiale ben potrebbe sposarsi con tutte le fattispecie collegate all’analisi dei dati ed all’incrocio degli stessi sulla base di parametri preimpostati. Giusto per esemplificare:

  • controllo dei costi inerenti alle spese della PA;
  • raffronto della veridicità degli stessi;
  • sistema di filtraggio;
  • applicazione a bandi e gare d’appalto automatizzato;
  • analisi dei big data;
  • prevenzione dei casi di corruzione attraverso studi predittivi;
  • molto altro ancora.

Conclusioni

Questi processi non si possono affidare esclusivamente e pedissequamente alla sola intelligenza artificiale. A prescindere dal grado di evoluzione e dalla capacità elaborativa raggiunta dalla IA, infatti, bisogna tenere a mente che i processi di prevenzione, predizione e lotta alla corruzione coinvolgono in maniera diretta gli operatori umani, che siano dipendenti della PA o utenti.

Un algoritmo, pur nella migliore intenzione di chi lo sviluppa ed applica, può instaurare
processi tanto trasparenti ed equi sulla carta, quanto stereotipati e discriminatori nella pratica
(soprattutto in tema di profilazione).

Anche l’adozione di calcoli e processi decisori, se mal gestita, può comportare risultati sperequati ed ingiusti. Infine, non bisogna sottovalutare il problema non secondario del rispetto della privacy e del mantenimento degli standard imposti dal GDPR e dalle normative sul trattamento dei dati europee, problema non affrontabile in questa sede ma rilevante nella stesura dei pro e dei contro dell’utilizzo delle IA all’interno dei processi anticorruzione della PA.

Auspicando un utilizzo delle IA all’interno delle elaborazione dei dati delle pubbliche
amministrazioni, nel cui ambito l’aiuto di una intelligenza artificiale potrebbe ridurre i
costi e diminuire le sacche di inefficienza, rimane, però, il monito circa un’adozione armonica che tenga conto di tutte quelle istanze: trasparenza, uguaglianza, non discriminazione e rispetto dei principi costituzionali, adottabile solo con uno sforzo congiunto degli operatori umani.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati