Criptoeconomy

Obbligo di iscrizione al registro OAM per gli operatori cripto: cosa è cambiato e tutte le sanzioni

I prestatori di servizi di portafoglio digitale e criptovalute sono ora obbligati a iscriversi alla sezione speciale del registro OAM, un’anagrafe nata per tutelare gli utenti e prevenire il riciclaggio di denaro: tutti gli obblighi e le sanzioni, chi si è già iscritto e perché resta difficile eliminare l’anonimato

19 Set 2022
Gianluca Albè

A&A Studio Legale

Federica Bottini

A&A Studio Legale

criptovalute sostenibili e bitcoin green

A seguito dell’entrata in vigore del Decreto MEF del 13 gennaio 2022, l’iscrizione alla sezione speciale del Registro dell’OAM – Organismo Agenti e Mediatori – è diventata obbligatoria per tutte le persone fisiche e giuridiche che prestano servizi in materia di valuta virtuale, con l’obiettivo di incrementare la trasparenza delle operazioni che coinvolgono criptovalute.

Lo scorso 15 luglio è terminato il periodo transitorio per l’iscrizione degli operatori già attivi sul territorio italiano, con sede o stabile organizzazione in Italia: il decreto MEF ha quindi dettato nuove regole per l’operatività dei prestatori di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e dei prestatori di servizi di portafoglio digitale, tenuti ora a rendere pubblica la propria operatività sul territorio nazionale.

Registro operatori criptovalute: procedure e consigli pratici per l’iscrizione

Quali piattaforme hanno l’obbligo di iscrizione e chi si è iscritto

Ricadono nell’ambito di applicazione delle nuove disposizioni i servizi aventi ad oggetto l’offerta di criptovalute a terzi, a titolo professionale, con esclusione dell’attività di mera emissione in proprio di valute virtuali.

WHITEPAPER
Tutto quello che c'è da sapere oggi per la collaboration nella PA

Precisamente, sono soggette all’obbligo di iscrizione le piattaforme che offrono:

  1. servizi funzionali all’utilizzo e allo scambio di valute virtuali e/o alla loro conversione con valute aventi corso legale o rappresentazioni digitali di valore;
  2. servizi di emissione e di offerta di valute virtuali;
  3. servizi di trasferimento e di compensazione in valute virtuali;
  4. ogni altro servizio funzionale all’acquisizione, alla negoziazione o all’intermediazione nello scambio di valute virtuali;
  5. servizi di portafoglio digitale.

Alla scadenza del termine concesso per presentare la domanda, stabilito in sessanta giorni successivi alla operatività della sezione speciale del Registro, l’iscrizione è andata a buon fine per quarantasei soggetti che, quindi, possono continuare ad esercitare la propria attività in Italia lecitamente.

Si tratta non solo di exchange italiani, ma anche di operatori attivi a livello globale con sedi destinate al mercato italiano, tra cui si collocano colossi come Binance, che hanno reagito con entusiasmo alla novità: da una efficace disciplina del fenomeno può derivare una maggiore fiducia verso le criptovalute non solo da parte degli utenti, ma anche delle stesse istituzioni.

Anonimato messo al bando e tutte le nuove misure di trasparenza

Per gli utenti non si è verificato un cambiamento significativo delle modalità di fruizione dei servizi in criptovalute, che rimangono invariate. Gli operatori intenzionati a proseguire in tale settore, invece, sono stati chiamati – e sono chiamati – ad adeguarsi.

In particolare, l’anonimato è stato messo al bando grazie all’istituzione della sezione speciale del Registro, che svolge le funzioni di una vera e propria anagrafe, rendendo i prestatori di servizi noti sin dall’esordio e sempre rintracciabili.

Infatti, il Decreto del MEF si colloca tra le misure adottate ai fini della prevenzione del riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo, ossia di reati che negli ultimi anni hanno trovato terreno fertile nel mondo delle criptovalute al pari di altre attività illecite.

Sfruttando l’anonimato delle transazioni e la conseguente difficoltà di risalire non solo alla provenienza dei fondi trasferiti, ma anche all’identità dei titolari, l’ambito crypto è risultato appetibile per le organizzazioni criminali, con rischi di frodi e altre condotte criminose a danno degli investitori.

Proprio a beneficio di una maggiore trasparenza, in grado di mitigare i rischi connessi alla dubbia provenienza e destinazione dei fondi che connotano alcune transazioni, le attività sono sottoposte fin dall’origine a controlli istituzionali: le attività, ottenendo l’iscrizione nel Registro, vengono autorizzate e rimangono poi tracciate anche nel corso del relativo svolgimento.

Per poter eseguire lecitamente attività sul territorio, infatti, i prestatori di tali servizi – che possono essere indifferentemente persone fisiche o persone giuridiche – sono tenuti a comunicare una serie di dati relativi alla propria identità e all’attività svolta: oltre a nome e cognome o denominazione sociale, codice fiscale o partita iva, accompagnati da documenti di identificazione e visura, devono essere fornite adeguate informazioni anche in merito alla tipologia di servizio prestato e al luogo in cui lo stesso è svolto, rendendo noto l’indirizzo dei punti fisici di operatività e/o l’indirizzo web attraverso cui il servizio viene erogato.

Inoltre, vengono posti a carico degli operatori incisivi obblighi informativi con cadenza periodica, che permettono alle istituzioni di mantenere sotto controllo le attività.

Gli operatori, ogni trimestre, sono ora tenuti a comunicare al Registro i dati relativi alle operazioni effettuate sul territorio con riferimento a ciascun cliente. In particolare, devono essere comunicati non solo i dati identificativi degli stessi, ma anche dati relativi all’operatività e al numero delle operazioni poste in essere.

L’OAM ogni sei mesi trasmette una relazione al MEF sui dati raccolti, che vengono conservati per dieci anni e messi a disposizione di Autorità quali Guardia di Finanza e Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo (DNAA), istituendo un sistema di cooperazione.

Il vantaggio della misura nella prevenzione delle attività illecite così come nella tutela dell’investitore è sicuramente evidente: l’iscrizione offre un ulteriore ausilio per l’investitore nella valutazione degli indici di bontà di un progetto e di affidabilità del provider o del gestore di portafogli. Infatti, alla lettura del whitepaper messo a disposizione dai Founder, l’investitore può verificare la regolare iscrizione al Registro e, in mancanza, desistere dall’investimento o anche solo detenere un portafoglio digitale su una determinata piattaforma.

L’esercizio di attività da parte di soggetti non iscritti all’apposita sezione del Registro viene anzi considerato abusivo e passibile, quindi, di sanzioni.

Le nuove sanzioni previste dalla normativa

L’OAM collabora con diverse Autorità, tra cui come visto anche Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, Guardia di Finanza e forze di polizia, a cui fornisce su richiesta tutte le informazioni e i documenti acquisiti nell’espletamento delle proprie funzioni, al fine di agevolare l’esercizio dei compiti demandati a tali istituzioni.

L’art. 4 del Decreto del MEF ha però dotato anche lo stesso Organismo che cura la tenuta del Registro di poteri di sospensione fino a un massimo di un anno e cancellazione dalla sezione speciale, previsti dall’art. 17 bis del D.lgs. n. 141/2010, che disciplina l’attività dei soggetti che svolgono attività di cambiavalute, a cui per certi aspetti può essere assimilata l’attività degli operatori in valute virtuali.

Tali poteri, esercitati sotto la vigilanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze, possono essere attivati in caso di reiterata violazione, da parte del soggetto iscritto, dell’obbligo di fornire periodicamente informazioni circa le operazioni effettuate o anche in caso di inattività protrattasi senza comprovati motivi per oltre un anno o, ancora, in caso di cessazione dell’attività dell’iscritto.

Per chi invece non è iscritto, ma ugualmente esercita attività in modo del tutto abusivo, è prevista una sanzione amministrativa di importo compreso tra € 2.065,00 ad € 10.329,00, emanata dal MEF.

Inoltre, ai sensi dell’art. 6 del Decreto del MEF, nell’ambito della cooperazione posta in essere tra i diversi soggetti coinvolti, le forze di polizia e la Guardia di Finanza che rilevino l’esercizio abusivo sul territorio italiano di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale o di servizi di portafoglio digitale, una volta accertato, possono contestare le violazioni secondo quanto previsto dalla L. n. 689/1981, quindi mediante sanzioni di tipo amministrativo.

Conclusioni

Si è comunque osservato che pur mitigando i rischi, anche con l’istituzione di una sezione speciale del Registro dedicata agli operatori in valuta virtuale, rimane non sempre agevole individuare tutti i soggetti che prestano attività in modo abusivo, specialmente se poco rintracciabili poiché, ad esempio, collocati in luoghi offshore.

Le transazioni in criptovalute, infatti, pur rimanendo tracciate all’interno della blockchain, sono molto rapide e offrono per natura garanzie di anonimato, per cui può risultare molto difficoltoso individuarne la destinazione delle risorse e identificare soggetti non censiti che comunque svolgono attività abusivamente.

Analogamente, le sanzioni pecuniarie potrebbero risultare poco incisive a fronte del business generato da affari illeciti, mentre una maggiore efficacia deterrente può essere ottenuta ricorrendo a sanzioni che inibiscano l’esercizio delle attività.

In particolare, vengono considerate applicabili anche sanzioni che dispongono il sequestro o la confisca e, se si tratta di siti internet, l’oscuramento degli stessi.

WHITEPAPER
Le fasi del mining: stabilire un obiettivo e la criptovaluta. Scopri di più
Blockchain
Criptovalute
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4