servizi pubblici digitali

Progetto Italiae, pratiche innovative pronte all’uso: così Formez PA aiuta i Comuni a digitalizzarsi

Il Piano di innovazione digitale è uno degli strumenti che il team Formez mette a disposizione degli enti per avviare il processo di digitalizzazione. Agli amministratori viene anche data la possibilità di optare per soluzioni a riuso di software open source. L’esempio dell’area interna Reventino Savuto

18 Ott 2022
Orsola Barina

Giornalista presso Formez PA

comunicazioni elettroniche

Superare la frammentazione territoriale e rafforzare la capacità amministrativa dei comuni: è l’obiettivo del Progetto Italiae del Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie (DARA) che promuove l’intercomunalità attraverso la diffusione di pratiche innovative.

La conoscenza a 360°dello stato ICT del territorio per innescare un processo di trasformazione digitale efficace tarato sui suoi effettivi fabbisogni, con il coinvolgimento degli amministratori locali, sono gli ingredienti principali di Community di innovazione nell’azione di affiancamento ad aggregazioni territoriali quali Unioni di Comuni, Aree interne e Comunità montane.

Si tratta di una delle linee di intervento, attuata da Formez PA, del Progetto ITALIAE del Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie (DARA) che promuove l’intercomunalità attraverso la diffusione di pratiche innovative – anche quelle già collaudate da altre amministrazioni – con l’obiettivo di superare la frammentazione territoriale e rafforzare la capacità amministrativa dei comuni, core del progetto del DARA.

Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini

Il Piano di innovazione digitale di Formez

Il Piano di innovazione digitale è uno degli strumenti che il team Formez mette a disposizione delle amministrazioni per avviare il processo di digitalizzazione. Informatizzare i processi di lavoro, erogare servizi pubblici on line di qualità per cittadini e imprese sono le richieste degli amministratori a cui viene anche data la possibilità di optare per soluzioni a riuso di software open source, adattate ai propri contesti, come indicato dal Codice Amministrazione Digitale (CAD) e dal Piano Triennale per l’Informatica, semplificando scelte di acquisto e investimenti.

e-book
Smart Manufacturing e Industry 4.0: come “iniettare” intelligenza nei processi
ERP
Manifatturiero/Produzione

C’è poi la partita delle risorse finanziarie da utilizzare per la realizzazione degli interventi. In particolare, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) mette sul piatto 6,14 miliardi di euro per 7 ambiti di intervento. Dopo i primi sette avvisi lanciati a partire dallo scorso aprile dal Dipartimento per la trasformazione digitale per la migrazione dei servizi al cloud, il miglioramento dei portali comunali per sevizi pubblici più fruibili e l’estensione delle piattaforme abilitanti, è di questi giorni il via libera a nuovi bandi per 310 e 280 milioni di euro.

Per informare gli amministratori sulle opportunità finanziarie in campo e sulle modalità di accesso ai bandi, Community di innovazione organizza Laboratori di innovazione digitale, un modello informativo che tiene conto delle caratteristiche organizzative e digitali dei comuni interessati.

Piani di innovazione digitale, dall’analisi del territorio al piano di prefattibilità dei servizi ICT

I Piani di innovazione messi a punto dagli esperti di Community di innovazione sono il risultato di un percorso partecipato di conoscenza dello stato dell’arte digitale di tutti gli enti coinvolti per farne emergere criticità ed esigenze su cui costruire una proposta di sviluppo dei servizi ICT, anche in una prospettiva di gestione associata della specifica funzione laddove assente, con step di breve e lungo periodo.

Si parte dalla creazione di un gruppo di lavoro centrale e uno locale per avviare l’analisi dell’assetto organizzativo e digitale di partenza dei comuni interessati e dell’eventuale ente sovracomunale. Un check up dapprima documentale e poi utilizzando survery agli amministratori con il supporto dei referenti che sono stati individuati per organizzare il lavoro sul territorio. I focus sono su eventuali attività e funzioni gestite in maniera associata e sulla situazione digitale dei comuni interessati che tiene conto anche del relativo contesto regionale, la normativa e i piani strategici pluriennali delle regioni.

Sotto la lente le risorse dedicate, umane e infrastrutturali; i percorsi formativi realizzati in materia, l’aggiornamento dei siti web comunali sulla base delle specifiche linee guida; l’avvio o meno della migrazione al cloud; l’offerta di servizi on line per cittadini e imprese; il livello di aggancio alle piattaforme abilitanti.

L’incrocio di tutti i dati raccolti e il costante scambio con gli amministratori locali consente di disegnare le direttrici di sviluppo del percorso di digitalizzazione e i vari step da compiere. Saranno i comuni e gli enti sovracomunali a scegliere se intraprenderlo o meno, magari richiedendo ulteriori approfondimenti e supporto del Formez per arrivare ad un vero e proprio piano di fattibilità degli interventi.

L’analisi del contesto è già di per sé un patrimonio di conoscenza molto importante per i comuni coinvolti che potranno non solo avviare in maniera più consapevole la transizione digitale, ma guardare con maggiore chiarezza alla visione futura dei loro territori.

L’attività laboratoriale, un modello flessibile

I Laboratori di innovazione digitale organizzati dal Formez per amministratori e tecnici dei territori affiancati propongono, in prima battuta, un’ampia panoramica sul contesto normativo e la cornice finanziaria su cui orientarsi per intraprendere la transizione digitale, per poi tarare l’attività sulla base delle esigenze espresse.

A ciascun territorio il suo laboratorio, si potrebbe sintetizzare. Leggi e aggiornamenti in materia, bandi attivi e in uscita, l’infrastrutturazione digitale richiesta e le procedure di acquisto, il concetto di cloud first, quello di riuso e condivisione di software tra amministrazioni, la richiesta di servizi completamente digitali per i cittadini, digitalizzazione degli avvisi pubblici. Tutte le informazioni che gli enti locali sono tenuti a conoscere per poter ottenere le risorse finanziarie disponibili – del proprio bilancio, provenienti dalla politica di coesione o dal PNRR – vengono illustrate in incontri che consentono ai destinatari di comprendere quale degli argomenti esposti debbano diventare oggetto di ulteriori approfondimenti sulla base dei propri fabbisogni di conoscenza. Tra “pubblico” ed esperti di Community di innovazione si apre un dialogo che conduce alla strutturazione delle attività laboratoriali successive.

Digitale circolare: il riuso

Una delle attività della linea di intervento del DARA è la diffusione di pratiche amministrative innovative, anche dal punto di vista tecnologico, in un’ottica di riuso che permette di risparmiare tempi e costi.

Le analisi condotte per conoscere lo stato organizzativo e digitale dei comuni interessati consente di individuare possibili soluzioni già collaudate in atri contesti, presenti in cataloghi dedicati, che rispondano ai loro fabbisogni e in grado di innescare processi di rafforzamento amministrativo.

Come stabilito infatti dagli artt. 68 e 69 del CAD e dalle linee guida che ne discendono, le amministrazioni che realizzano programmi informatici su input di un committente debbono rilasciarli in licenza aperta per poter essere utilizzati gratuitamente da altre.

Il metodo messo a punto dagli esperti Formez prevede in una prima fase l’elaborazione di un Piano di riuso su una o più proposte individuate tra quelle open source disponibili per digitalizzare il servizio o la funzione in questione, un vero e proprio studio di fattibilità tarato sulle caratteristiche del territorio. Ad esso segue eventualmente, con il via libera da parte degli amministratori, un Piano di adozione ovvero il progetto esecutivo per il riuso della soluzione prescelta. Ogni tappa è costruita sulla stretta collaborazione tra i gruppi di lavoro, progettuale e territoriale.

L’esempio del Reventino

È stato questo il percorso che ha condotto alcuni sindaci dell’area interna calabrese Reventino Savuto alla scelta di utilizzare, per la riscossione di alcune tipologie di tributi, I.B.D.M.E.T (Interoperabilità Banche Dati per una Migliore Equità Tributaria), una soluzione a riuso basata su un sistema GIS per rappresentare banche dati, finalizzata a una migliore conoscenza del territorio e del patrimonio degli enti locali.

La pratica è stata sviluppata dall’Università della Calabria in collaborazione con 5 comuni calabresi e “ceduta” dal comune di Montalto Uffugo. Una mappatura che migliora la qualità della riscossione sia dalla parte dei contribuenti che per i dipendenti pubblici, un modello scalabile in grado di generare altre banche dati a disposizione dell’ente e che può evolvere nei passaggi da un contesto amministrativo all’altro.

È quello che è accaduto per i “comuni riusanti” del Reventino Savuto che hanno adottato due procedure I.B.D.M.E.T, per toponomastica e dati cimiteriali, con un up grade apportato dal team Formez rispetto alla soluzione originaria. L’aggiornamento consiste nell’utilizzo di un software GIS open source che rende la sua applicazione più semplice, efficace e ampliabile per altri servizi e altri enti.

I comuni sono stati dotati di pacchetto dati, software, manualistica e linee operative del sistema GIS libero per l’applicazione autonoma della soluzione.

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4