Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

diritti digitali

Quintarelli: “Così stanno uccidendo la mia norma a tutela dei consumatori”

Si arena in Senato la proposta di legge sulla concorrenza online. A ostacolare l’iter, il continuo rinvio delle votazioni e pressioni, legittime ma di parte, di alcuni gruppi industriali

13 Nov 2017

Stefano Quintarelli, gruppo Civici e Innovatori, Camera

Giustizia digitale

La mia proposta di legge – passata alla Camera e in voto al Senato, sempre rinviato fino ad ora – sulla concorrenza online ha appena ricevuto l’apprezzamento pubblico dal Beuc, la federazione europea delle associazioni consumatori, con una lettera a sostegno.

Fa piacere che i consumatori europei sostengano la bontà della norma e ne caldeggino l’approvazione. Mi risulta incomprensibile come una norma, che ha avuto il pieno sostegno del governo e del parlamento, si sia potuta arenare in Senato. Nonostante tutti i gruppi parlamentari siano favorevoli. Il tutto per via di pressioni, legittime ma di parte, di alcuni gruppi industriali.

Ricordiamo infatti che la norma prepara la strada per azioni dell’autorità
di tutela dei consumatori e a relative sanzioni, a difesa della facoltà di
scelta degli utenti su come usare i propri smartphone.

Ma anche se questa norma dovesse essere uccisa per slittamenti di calendario oltre la fine di legislatura, certo resterà forte il suo spirito, caratterizzato da un principio giuridico innovativo: tutelare la concorrenza partendo dai diritti dei consumatori. Un approccio che di sicuro si ripresenterà in futuro in altre norme.

Articoli correlati