RAPPORTO COLAO

Rapporto Colao, bene l’approccio ma occorre più ambizione

Il rapporto presentato dal Comitato di esperti coordinato da Colao, anche nella parte dedicata alla PA, appare molto significativo e importante per l’approccio, ma solo in parte per lo sviluppo, con un’ambizione forse da alzare e rendere omogenea, in una logica, necessaria, di ripensamento di modello

16 Giu 2020
Nello Iacono

Coordinatore di Repubblica Digitale

PNRR

Il Rapporto “Iniziative per il rilancio 2020-22”  presentato dal Comitato di esperti coordinato da Vittorio Colao ha l’indubbio pregio di affrontare in modo ampio i problemi italiani relativi al rilancio e all’uscita dalla crisi socio-economica, aggravata in modo molto rilevante dall’emergenza sanitaria. Ha il pregio, anche, di partire da un’analisi serena, e allo stesso tempo abbastanza obiettiva, che inquadra la crisi, appunto, in un contesto di riforme spesso definite e non attuate nella loro completezza.

Punti di forza e limiti

Dall’altra parte, anche a causa del contesto in cui è stato realizzato, e nonostante il quadro generale che cerca di dare organicità all’insieme del documento, si avverte, soprattutto nelle schede di lavoro, una notevole disomogeneità negli approfondimenti e nello spirito con cui vengono affrontati i diversi temi, oltre che una frammentarietà settoriale degli interventi che alla fine fa perdere l’orizzonte d’insieme, e prima di tutto quello, molto positivo, dei tre “assi di rafforzamento” (Rivoluzione verde, Digitalizzazione e innovazione, Parità di genere e inclusione).

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Una mancanza di trasversalità che, ad esempio, è molto evidente nel modo con cui viene affrontato il tema delle competenze, e ancor di più in relazione alle competenze digitali. Queste non sono viste come competenze necessarie per tutti i cittadini e sembrano, invece, trattate soltanto nel contesto lavorativo e rispetto al “settore” trattato. Competenze che tra l’altro sembrano viste, nel ciclo dell’istruzione, come requisiti per il lavoro in azienda (nelle attuali aziende), e non chiave per sviluppare un nuovo essere sociale, nuovi lavori e nuovi mercati.

Il rapporto DESI 2020, riservando all’Italia l’ultimo posto nell’area “Capitale Umano”,  conferma invece che questo tema è fondamentale e che è importante dare priorità ad una strategia complessiva, come si propone di fare l’iniziativa nazionale Repubblica Digitale.

La trasformazione digitale della PA

L’area relativa alla trasformazione digitale della PA (inserita nella sezione “PA alleata di cittadini e imprese”) non si discosta dal quadro generale e si può avere l’impressione che non vengano affrontati, ad esempio, tutti i temi che emergono anche dal DESI 2020, dove il problema principale sembra essere quello dell’utilizzo dei servizi digitali pubblici (mentre l’offerta si colloca al livello della media UE, e in alcuni casi anche al di sopra).

Provo a sintetizzare alcune osservazioni, cercando di evidenziare gli elementi che sono certamente da includere nel piano di rilancio nazionale e quelli che invece nel rapporto appaiono deboli e per i quali sembra opportuna una rivisitazione e un ripensamento (il lavoro è molto vasto, non può naturalmente essere qui trattato se non per alcuni elementi):

  • ottima l’attenzione verso il superamento della “burocrazia difensiva” grazie anche a un diverso approccio alle responsabilità dei dirigenti, più rivolte ai risultati e quindi non penalizzante per il processo di cambiamento;
  • ben impostata la scheda sul lavoro agile, in cui trapela la prospettiva del lavoro agile “by default”, in ogni caso come componente strutturale e non eccezionale della modalità di lavoro, anche se le condizioni di attuazione (anche in termini di competenze e organizzazione) appaiono poco nel resto del documento;
  • l’approccio allo sviluppo delle competenze lascia perplessi, perché è affrontato tutto sul fronte della formazione, e della formazione basata sulle esigenze dei singoli, senza riconoscere un ruolo allo strumento del bilancio di competenze, ai percorsi di crescita personalizzati, all’organizzazione in quanto contesto sociale di sviluppo, di esperienza, di sperimentazione;
  • è interessante la proposta di un approccio organico al recruiting e all’inserimento del nuovo personale, ma poi sembra che l’identificazione di un’Agenzia ad hoc sia vista come la creazione di un nuovo corpo separato, che non supporta le amministrazioni nella definizione dei fabbisogni e poi nell’inserimento;
  • interessante l’attenzione per il middle-management, con la ripresa di sperimentazioni virtuose, di qualche anno fa, tese a massimizzare la formazione e lo scambio di esperienze peer-to-peer (con una scheda dedicata che scende a un livello di dettaglio molto operativo);
  • un po’ debole, a mio avviso, l’approccio sui dati, più trattati nell’interscambio tra amministrazioni che come tematica ampia su cui costruire anche la capacità dei cittadini di gestire i propri dati (non è un caso che il tema delle competenze dei cittadini e degli strumenti di partecipazione sia quasi assente);
  • ottima l’enfasi sulla necessità di spingere sull’utilizzo delle piattaforme abilitanti come SPID, ma mancano azioni radicali, come la prospettiva di uno Spid a gestione pubblica e la necessità di definire una scadenza per il passaggio all’accesso SPID-only dei servizi  ;
  • ottima (anche se può apparire datata) la conferma della necessità di procedere in modo rapido verso il PSN con la razionalizzazione dei data center e la spinta all’utilizzo del Cloud;
  • da condividere la spinta alla digitalizzazione della PA (che sembra sia però vista come un tutt’uno, o con una logica da PA centrale), ma il tema della governance è affrontato senza profondità, soltanto riprendendo alcune proposte del rapporto di fine mandato dell’allora Commissario all’attuazione dell’agenda digitale Diego Piacentini, senza poi affrontare il tema principale della governance territoriale  , ritenendo così (nonostante le esperienze) che l’attuale modello possa conseguire le accelerazioni e i risultati auspicati;
  • da condividere l’approfondimento sul procurement innovativo e sulle diverse regole (e competenze) che devono portare a un approccio positivo anche per le start-up e in generale per i progetti di innovazione, ma non sembra che si pensi di incidere sulla stortura di mercato prodotta dagli accordi quadro, in termini di tariffe non realistiche per figure professionali, di indirizzamento verso poche grandi aziende. Anche qui, ma forse perché il mandato era di questo tipo, spunti positivi ma non radicali.

È, quindi, anche nella parte dedicata alla PA, un rapporto molto significativo per l’approccio, ma solo in parte per lo sviluppo, ed insieme ambizioso e timido. Un piano da cui senz’altro partire per la strategia complessiva, ma rivedendone profondamente le direttrici di intervento, così da alzare il livello dell’ambizione in modo omogeneo e allo stesso tempo ritrovare negli interventi l’organicità dell’approccio. Per un progetto di recovery plan che sia nella prospettiva di un reale (e necessario) cambio di modello.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4