Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

PA digitale

SPID: fare sistema aiuta. Il caso del Comune di Trento

di Chiara Maule, Assessore all'Innovazione Comune di Trento

22 Feb 2017

22 febbraio 2017

La Provincia autonoma di Trento ha messo a disposizione di tutte le PA locali trentine l’infrastruttura centralizzata di accesso ai servizi di autenticazione Spid: una scelta che comporta degli enormi vantaggi perché consente di ridurre l’onere evolutivo, gestionale e amministrativo a carico della PAL che può così concentrarsi sui servizi da erogare

Il Comune di Trento continua la costruzione di Trento Smart City adottando SPID e consentendo ai propri cittadini di accedere ai servizi online dell’amministrazione anche attraverso il sistema pubblico di identità digitale. La nuova modalità si affianca allo strumento – enormemente diffuso – della carta provinciale dei servizi (Cps); si vuole così semplificare l’esperienza degli utenti svincolandoli dalla necessità di disporre di un lettore smart card e permettendo loro l’esperienza in mobilità.

Il traguardo, che apre nuove strade per la digitalizzazione dei servizi comunali, è reso possibile grazie all’accordo di servizio sottoscritto dal Comune con la Provincia autonoma di Trento e l’Agenzia per l’Italia digitale (AgID). La Provincia, infatti, mette a disposizione di tutte le pubbliche amministrazioni locali trentine l’infrastruttura centralizzata di accesso ai servizi di autenticazione Spid in base ad una convenzione che ha sottoscritto a novembre 2016 con AgID. Questa scelta comporta degli enormi vantaggi perché consente di ridurre l’onere evolutivo, gestionale e amministrativo a carico della PAL che può così concentrarsi sui servizi da erogare anziché sulle problematiche di interconnessione.

In un’ottica di sistema, inoltre, la Provincia autonoma di Trento non agisce solo come intermediario tecnologico per tutti gli enti del territorio provinciale ma anche come erogatore diretto di servizi in rete attraverso il Portale dei servizi online Trentino che raccoglie l’accesso di tutti i servizi online erogati dalla pubblica amministrazione trentina.

Il Comune di Trento è la prima PA locale del Trentino ad adottare la nuova modalità di accesso. I servizi online disponibili sono raggiungibili accedendo alla pagina dedicata sul sito istituzionale e coprono diversi ambiti: comunicazione, basi dati anagrafiche, cartografia, funerario, edilizia, elettorale, infanzia e così via. Di questi una parte prevede l’accesso con autenticazione, anche con SPID. Ad esempio il servizio di consultazione anagrafiche permette di consultare le informazioni relative ai propri dati anagrafici e a quelli del proprio nucleo familiare con la possibilità di stampare la relativa dichiarazione sostitutiva di certificazione, di residenza o di stato famiglia. Le dichiarazioni così prodotte possono essere controllate anche dai non residenti nel Comune di Trento inserendo il codice identificativo riportato sul documento. Un altro esempio è il servizio che consente di iscrivere il proprio figlio alle attività di animazione estiva promosse dal Comune.

L’area di consultazione della corrispondenza elettronica è il servizio online attraverso il quale il cittadino potrà trovare tutta la corrispondenza che il comune ha predisposto ed inviato a lui o al suo nucleo famigliare. Il servizio è diretta conseguenza della digitalizzazione di atti e procedimenti in atto all’interno del Comune; in particolare l’obiettivo è di dematerializzare tutti i flussi documentali all’origine, compresa la corrispondenza da segreteria, e gestire gli stessi attraverso una piattaforma centralizzata che indirizzi ciascun documento rendendolo disponibile nell’area di consultazione e materializzandolo verso il cittadino solo se questi non dispone di un recapito digitale. Al momento nell’area sono disponibili solo alcune tipologie di documenti ma è pianificata l’estensione a tutta la documentazione predisposta dal comune ed inviata sia a mezzo posta ordinaria sia a mezzo posta elettronica.

Prossimamente sarà infine disponibile lo sportello online che consentirà ai cittadini di presentare le istanze procedimentali via web sfruttando la possibilità di recuperare automaticamente le informazioni di cui il Comune dispone senza la necessità di ridigitarle; disponendo di informazioni già verificate, sarà possibile alleggerire la fase di istruttoria, consentendo significativi risparmi gestionali.

Infine, nell’ambito di questo lavoro di semplificazione del rapporto con i cittadini, nelle prossime settimane si provvederà ad aggiornare le pagine di accesso ai servizi online del Comune rendendole conformi alle linee guida di design per i servizi web della pubblica amministrazione proposte nell’ambito dell’iniziativa Italia Login, che renderà omogenei, anche visivamente, i portali delle varie amministrazioni, con l’obiettivo di realizzare un ecosistema di informazioni e di servizi che faciliti l’esperienza di navigazione di cittadini e imprese.

Articoli correlati