norme e diritti

AI Act e riconoscimento facciale: i rischi di delegare la questione agli Stati membri



Indirizzo copiato

L’Italia, come gli altri Stati Membri, ha un ruolo cruciale nell’attuazione dell’Ai Act, specialmente nella definizione dell’uso dei sistemi biometrici e nella scelta dell’autorità competente per l’autorizzazione. Vediamo perché rimettere tale scelta agli Stati Membri apre a una serie potenziale di utilizzi massivi di sistemi lesivi dei diritti fondamentali

Pubblicato il 26 apr 2024

Federica Paolucci

Fellow DPO innovation



facial recognition riconoscimento facciale

Dopo mesi di negoziazione, con un’incredibile maggioranza raggiunta nel voto del 13 marzo 2024 (523 voti favorevoli), il Parlamento europeo ha completato l’ultimo passaggio formale che traghetterà il regolamento “AI Act” verso la sua concreta applicazione.

La norma in questione promette di regolare gli utilizzi di IA dividendoli per grado di rischio: a partire da quelli considerati inaccettabili per una società democratica, sino a quelli blandi. Pertanto, gli obblighi entreranno in vigore gradatamente, a seconda dell’area di rischio.

A sei mesi dalla pubblicazione del regolamento, saranno già applicabili le norme relative agli usi proibiti di IA. Vista l’imminente entrata in vigore di queste disposizioni, e il necessario ruolo dell’Italia, come del resto degli Stati Membri, nel renderle effettive, ci soffermiamo di seguito sull’uso dei sistemi di riconoscimento biometrico e sui rischi di delegare agli Stati membri la scelta dell’autorità competente ad autorizzarne l’utilizzo.

L’IA e le sfide per l’umanità

L’Intelligenza Artificiale (IA o AI) è una sfida per l’umanità, specie per assottigliare il contatto sempre più onnipresente tra umanità e tecnologia.

Come ha spiegato Padre Benanti, Presidente della Commissione italiana sull’Intelligenza Artificiale, l’uomo ha sempre tentato di riflettere la propria visione del mondo nelle innovazioni tecnologiche. Con l’IA, tuttavia, questa attività viene messa alla prova dalla forza creativa di questi strumenti che, sebbene privi di una loro intelligenza, influenzano le nuove definizioni di antropocentrismo e sapere creativo tipico degli esseri umani, come nota anche la scrittrice Chiara Valerio.

Usi proibiti di IA: lo scenario europeo

Il Regolamento europeo sull’IA identifica come usi a rischio proibito i seguenti: (i) sistema di IA che impiegano tecniche subliminali al di là della coscienza di una persona o tecniche deliberatamente manipolative o ingannevoli; (ii) sistemi di social e credit scoring, vale a dire strumenti già applicati in diverse parti del globo, ad esempio in Cina, per valutare o classificare persone fisiche per concedere loro l’accesso a servizi sociali, quali ad esempio bonus statali o misure di welfare;(iii) sistemi che sono in grado di valutare o classificare le persone in base ai loro comportamenti, ad esempio fare prognosi rispetto alla commissione di un reato; (iv) sistemi biometrici a utilizzo real time e in spazi aperti al pubblico, per scopi di polizia, come l’utilizzo del riconoscimento facciale.

Sistemi biometrici e regolamentazione dell’IA

Un’analisi puntuale meritano gli snodi relativi alla regolazione di usi specifici di IA promossi dal regolamento. In particolare, notevoli complessità tecnico-interpretative si profilano con riguardo all’uso di sistemi di riconoscimento biometrico di cui agli artt. 5, 6 e 27 del regolamento.

Difatti, quest’ultimo distingue tra usi ‘real time’ e usi ‘post’, vale a dire, tra sistemi di acquisizione di dati biometrici in cui il confronto tra volti avviene in modalità istantanea e diretta, e sistemi, invece, in cui i dati biometrici sono già stati acquisiti, e il confronto o l’identificazione avvengono in un secondo momento.

Tale distinzione era già stata criticata dal Garante Europeo per la Protezione dei Dati Personali, perché trattasi di differenziazione prettamente tecnica, che non alleggerisce il peso sofferto dai diritti fondamentali dei singoli, laddove pratiche di sorveglianza dovessero essere applicate. Come ha dimostrato una recente sanzione del Garante per la Protezione dei Dati Personali italiano, occorre prestare adeguata attenzione al livello di intrusività nella sfera privata delle persone fisiche, specie quando le autorità pubbliche fanno usi di questi sistemi e anche quando l’utilizzo del riconoscimento facciale è “meramente propedeutic[o] allo sviluppo di nuove tecnologie, come, […] nel caso dell’addestramento di algoritmi di intelligenza artificiale” (Provvedimento n. 5 dell’11 gennaio 2024).

Nella cornice regolatoria delineata dall’AI Act, è consentito l’utilizzo di sistemi di real time biometric identification da parte delle autorità di contrasto in spazi accessibili al pubblico, ossia di quei sistemi di riconoscimento facciale utilizzati senza una latenza tra il momento di acquisizione del dato e il riconoscimento della persona individuata. Al contempo, il regolamento prevede una serie di eccezioni notevoli e chiaramente definite, elencate all’articolo 5, paragrafo 1, lettera d), soggette a una serie di salvaguardie, tra cui misure di monitoraggio e supervisione nonché obblighi di segnalazione a livello di UE.

Il ruolo degli Stati Membri nella regolamentazione dell’IA

Nonostante il regolamento abbia un’applicazione diretta, alcuni aspetti sono rimessi alla definizione degli Stati Membri. In particolare, è fatto mandato a questi ultimi di individuare le modalità di utilizzo dei sistemi biometrici, rispetto alla procedura di autorizzazione da seguire. È vero che il regolamento individua dei margini entro il quale l’utilizzo di questi sistemi deve essere effettuato, ma contiene anche diverse zone grigie.

La scelta dell’autorità competente ad autorizzare l’utilizzo del riconoscimento biometrico

Ad esempio, è rimessa agli Stati Membri la scelta dell’autorità competente ad autorizzare l’utilizzo del riconoscimento biometrico, che quindi potrà essere un’autorità giudiziaria o un’autorità amministrativa indipendente, come stabilito all’articolo 5, paragrafo 2. Rimettere tale scelta agli Stati Membri apre a una serie potenziale di utilizzi massivi di riconoscimento facciale, la cui autorizzazione, pertanto, potrebbe venire anche al di fuori del controllo di merito e di legittimità da parte dell’autorità giudiziaria.

Ci sono diverse ragioni per cui gli Stati membri dovrebbero orientarsi verso un’autorità giudiziaria. La principale è quella di garantire l’indipendenza giudiziaria e la trasparenza di una decisione che ha un forte impatto sui diritti dell’individuo, come è stato chiarito dalla Corte di giustizia europea nella causa Corbiau, C-24/92 (par. 15).

Indipendenza giudiziaria vs autorità amministrativa

In questa decisione, la Corte ha attribuito una notevole importanza all’idea di indipendenza nel definire se un organismo costituisce una corte o un tribunale. Questa enfasi non sorprende, dato che il principio fondamentale dello Stato di diritto si basa sulla controllabilità delle decisioni prese dalle autorità pubbliche attraverso tribunali indipendenti. Pertanto, il criterio dell’indipendenza è ampiamente considerato come il fattore più cruciale che distingue i tribunali nazionali dalle autorità amministrative. Inoltre, la Corte europea dei diritti dell’uomo (Corte EDU) nel caso Glukhin v. Russia (ricorso n. 11519/20), ha sottolineato che la procedura per autorizzare l’uso del riconoscimento facciale negli spazi pubblici era carente.

Tale carenza era da attribuirsi alla mancanza di garanzie adeguate, poiché “è necessario un alto livello di giustificazione per poterle considerare necessarie in una società democratica, […]” (par. 86). In sostanza, si può ritenere che la garanzia dell’indipendenza giudiziaria soddisfi il criterio del più alto livello di giustificazione.

Pertanto, fatto salvo il principio dell’indipendenza procedurale, è essenziale che gli Stati membri stabiliscano che l’autorità giudiziaria sarà l’unica responsabile di tale autorizzazione, al fine di non compromettere i diritti e garantire l’equità procedurale.

Il ruolo dell’Italia

È qui che il ruolo dell’Italia diviene cruciale. Far dipendere l’utilizzo di un sistema così potenzialmente invasivo – come il riconoscimento facciale – dall’autorizzazione di un’autorità indipendente, anziché di un’autorità giudiziaria, è dannoso per il controllo di legittimità che verrebbe garantito dalla seconda.

Il potere giudiziario è, difatti, sottoposto a una serie di garanzie di indipendenza ed effettività dell’esercizio dei diritti tale da rappresentare il più alto grado di tutela per gli individui: un criterio che, come si diceva, è stato invocato anche dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per l’impiego di strumenti a riconoscimento biometrico (Glukhin c. Russia, cit.). Sarà, quindi, importante dedicare un’adeguata attenzione da parte della politica nazionale a quelle clausole aperte del regolamento che lasciano agli Stati Membri un margine di manovra, nell’ottica di riflettere, anche nell’uso di IA, una visione del mondo rispettosa dei diritti.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3