l’analisi

AI alignment: l’intelligenza artificiale potrà mai rispettare i valori umani?



Indirizzo copiato

L’allineamento dell’Intelligenza Artificiale è cruciale per garantire sicurezza, controllo e rispetto dei valori umani. Questo processo continuo e soggettivo mira a rendere i modelli di AI utili, affidabili e privi di pregiudizi, affrontando le sfide etiche e culturali globali per un futuro tecnologico sicuro e inclusivo

Pubblicato il 13 giu 2024

Luigi Mischitelli

Legal & Data Protection Specialist at Fondazione IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza



ai chatgpt

Allineare l’intelligenza artificiale alle norme etiche e ai valori umani è un processo complesso, ma vitale. L’AI Alignment, o allineamento dell’IA, rappresenta una sfida cruciale per il futuro della tecnologia e della società, in particolare per le grandi potenze tecnologiche come Stati Uniti e Cina.

La questione se privilegiare valori universali o riconoscere le peculiarità culturali diventa fondamentale. In questo scenario complesso, i giganti dell’industria americana giocano un ruolo decisivo.

What is AI Alignment and Why is it Important?

Cos’è l’AI Alignment: definizione e importanza

Per “AI Alignment”, traducibile come “allineamento dell’Intelligenza Artificiale”, possiamo intendere il processo che mira a declinare i valori e gli obiettivi tipici dell’uomo in modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM), in modo da renderli il più possibile utili, sicuri e affidabili per gli esseri umani. Grazie a questa procedura di allineamento, le aziende possono adattare i modelli di intelligenza artificiale in modo che seguano determinate regole e politiche aziendali.

L’allineamento dell’Intelligenza Artificiale è fondamentale per questioni di sicurezza, di controllo della tecnologia e di etica. Per ciò che attiene la prima, man mano che l’Intelligenza Artificiale diventa più potente, i sistemi non allineati potrebbero rappresentare una minaccia significativa.

Si pensi a un’Intelligenza Artificiale progettata per il trading finanziario ma priva di adeguate misure di sicurezza, che potrebbe portare a un crollo del mercato. Per la seconda, possono verificarsi conseguenze impreviste se l’Intelligenza Artificiale persegue i propri obiettivi, anche se inizialmente “apparentemente allineati”. Un’Intelligenza Artificiale apparentemente utile, incaricata di riassumere le informazioni, potrebbe privilegiare l’accuratezza dei fatti rispetto alle intenzioni dell’utente, omettendo potenzialmente un contesto cruciale.

Infine l’etica, con l’Intelligenza Artificiale che deve operare entro i limiti dei valori umani. Un sistema non allineato potrebbe mostrare pregiudizi o comportamenti discriminatori appresi dai dati su cui è stato addestrato.

I problemi del “disallineamento”

All’opposto, il “disallineamento” dell’Intelligenza Artificiale rappresenta una minaccia esistenziale significativa, ovvero ha il potenziale di causare danni diffusi o addirittura di mettere in pericolo la continuazione dell’umanità. Si pensi, per esempio a un’Intelligenza Artificiale “super-intelligente” che supera la comprensione umana e sviluppa i propri obiettivi; in questo caso potrebbe vedere l’umanità come un ostacolo o come qualcosa di semplicemente irrilevante. Questo scenario ipotetico, spesso rappresentato nella fantascienza, raffigura un’Intelligenza Artificiale che compie azioni dannose per la nostra sopravvivenza. Oppure si pensi a una corsa agli armamenti con sistemi di Intelligenza Artificiale di diversi paesi in competizione tra loro, con la possibilità di conflitti e conseguenze potenzialmente devastanti. Infine, il disallineamento può portare a sottili distorsioni nei dati di addestramento ovvero può portare all’incapacità di prevedere tutti gli scenari possibili potrebbero portare a esiti catastrofici.

Il dovere di mantenere il controllo “umano” sull’intelligenza artificiale

Negli ultimi tempi, mantenere il controllo “umano” sull’intelligenza artificiale è diventato un vero e proprio dovere, soprattutto se parliamo della sempre più invasiva Intelligenza Artificiale “generativa” (come ChatGPT), con modelli di apprendimento profondo (“Deep Learning”) – pre-addestrati su dati presi dal Web – che imitano il modo in cui gli esseri umani comunicano e creano. I modelli alimentati con Intelligenza Artificiale generativa, come i chatbot, hanno stupito (e continuano a stupire) con la loro capacità di portare avanti conversazioni aperte e risolvere compiti complessi. Ma il nostro crescente affidamento su di essi comporta dei rischi che non possono essere ignorati. Con l’Alignment dell’Intelligenza Artificiale si punta a ridurre questi rischi, garantendo che i nostri modelli virtuali generativi siano il più possibile utili, precisi e trasparenti. La procedura di allineamento della tecnologia ai principi umani cerca di risolvere la discrepanza tra la “formazione matematica” di un modello linguistico di grandi dimensioni e le competenze trasversali che noi umani ci aspettiamo da un interlocutore “in carne e ossa”.

L’allineamento dell’Intelligenza Artificiale: un processo continuo e soggettivo

Modelli linguistici come ChatGPT o Gemini sono essenzialmente motori di “previsione delle parole”. Se si pone una domanda, la risposta viene fuori parola dopo parola. Non vi sarà mai un’assenza di risposta. Anzi, può accadere che pur di dare una risposta il nostro LLM la dà sbagliata. Per essere utili, quindi, queste risposte devono essere non solo accurate, ma anche veritiere, imparziali e non dannose.

L’allineamento dell’Intelligenza Artificiale serve proprio a questo, a colmare questo divario uomo-macchina che serve ad allineare il LLM all’uomo. Tuttavia, poiché i valori e gli obiettivi degli esseri umani cambiano continuamente nel corso del tempo, l’allineamento deve essere obbligatoriamente un processo continuo. Inoltre, esso è fortemente soggettivo. Implica, infatti, la formulazione di giudizi su quali valori abbiano la precedenza rispetto ad altri.

Se chiediamo a un chatbot generativo di mostrarci il procedimento per la costruzione di una bomba, tale LLM può rispondere, in alternativa, con un utile elenco di istruzioni oppure con un cortese rifiuto di rivelare informazioni pericolose. La sua risposta dipende da come è stato allineato dai suoi creatori. Allineamento che deve essere, ovviamente, a zero allucinazioni (ossia senza output che non siano reali) e a ridotta presenza di pregiudizi (con bassissima probabilità di incappare in discriminazioni di vario genere).

Valori universali o particolarità culturali?

Mentre i modelli di Intelligenza Artificiale generativa diventano sempre più potenti e si avviano a superare (chissà?) l’intelligenza umana, si è discusso molto di come tali LLM debbano allinearsi con i valori umani, in modo da finire per servire la nostra specie invece di diventare i nostri nuovi padroni.

Ma quali sono questi valori? Il problema è che non esiste un accordo universale su una concezione di valore e sui diritti che derivano da questa diversità, che si adatta a tutti i tempi, a tutti i luoghi e a tutti i popoli. Nonostante l’apparente convergenza tecnologica che unisce i vari paesi del globo, vi è ancora una profonda pluralità di credenze a livello globale che, alla base, comportano una mancanza di allineamento della tecnologia in esame all’uomo.

Il confronto tra Stati Uniti e Cina nell’allineamento dell’AI

Se prendiamo come esempio lo scontro politico-culturale tra le principali “potenze dell’Intelligenza Artificiale”, ossia gli Stati Uniti e la Cina, vi è un’abissale differenza di valori, con quelli “a stelle e strisce” allineati con la visione libertaria del mondo dell’individuo sovrano, e quelli del “dragone rosso” allineati con il concetto di “persona collettivamente integrata”, radicato nelle credenze confuciane, buddiste e taoiste dell’interdipendenza sociale.

Se prendiamo come esempio statunitense ChatGPT di OpenAI, il LLM è visto come una estensione delle volontà umane individuali e, nello spirito della libertà, il più possibile distribuita in modo ampio e uniforme. Invece, se guardiamo alla Repubblica Popolare Cinese, il colosso dell’e-commerce Alibaba ha specificato che i contenuti generati dalla sua Intelligenza Artificiale generativa devono incarnare i valori fondamentali del socialismo e non devono contenere contenuti che sovvertano il potere dello Stato, che sostengano il rovesciamento del sistema socialista, che incitino a dividere la Cina o che minino l’unità nazionale.

Peraltro, tra USA (“più” mondo occidentale) e Cina vi sono diverse tipologie di censure che vengono messi in atto per garantire il reciproco “Alignment” dell’Intelligenza Artificiale ai valori dei rispettivi “mondi”. Infatti, mentre la Repubblica Popolare Cinese potrebbe censurare, per esempio, qualsiasi critica al Partito Comunista o allo Stato Cinese, in Occidente c’è una sorta di censura culturalmente guidata su discorsi delicati su razza e genere (su cui è improntato il cd. “politicamente corretto”).

Nel mondo islamico (visto come una sorta di terzo polo), la censura riguarda la blasfemia contro la religione musulmana. Se poi ci addentriamo nei singoli “poli” di valore, possiamo vedere che vi sono ulteriori diversità per singolo paese e per singoli territori. Soprattutto nel mondo europeo, vi è una forte disomogeneità di valori tra i diversi paesi (es. i valori dei cittadini britannici saranno diversi da quelli dei cittadini italiani e così via).

Chiaramente, il tutto si traduce nel fatto che il problema di non avere un “campione europeo unico”, ossia un set di valori omogenei, è che il gioco viene stabilito e portato avanti dagli Stati Uniti. Per cui, sono quest’ultimi che trainano i valori del mondo occidentale.

Il ruolo dei giganti americani nell’AI Alignment

Una minaccia più imminente è quella rappresentata dai giganti americani dell’Intelligenza Artificiale generativa (es. OpenAI by Microsoft e Google) per le culture di tutto il mondo. Questi modelli linguistici stanno producendo contenuti che, goccia a goccia e a velocità sostenuta, sta plasmando la nostra comprensione culturale del mondo.

Tutto questo ci porta ironicamente a pensare che allineare l’Intelligenza Artificiale ai “valori universali” debba significare soprattutto il riconoscimento della particolarità: sistemi di credenze plurali, visioni del mondo contrastanti e sensibilità culturali incommensurabili che riflettono la diversa disposizione della natura umana.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3