ideologie pericolose

AI, diffidiamo dal “lungotermismo”: fa gli interessi della Silicon Valley



Indirizzo copiato

Il lungotermismo ha tutte le caratteristiche di una ideologia nata all’interno della cultura informatica, nutrendosi di un immaginario millenarista di tipo fantascientifico, al servizio del progetto economico di Silicon Valley

Pubblicato il 24 mag 2023

Davide Bennato

professore di Sociologia dei media digitali all’Università di Catania



renAIssance - intelligenza artificiale

Nel film Don’t look up di Adam Kay (USA, 2021), si racconta l’effetto sociale ed emotivo che la notizia di una cometa in rotta di collisione verso la terra scatena sull’opinione pubblica mondiale, usando un registro narrativo che somiglia di più alla commedia grottesca che non ai film fantascientifici in cui si fa di tutto per salvare il pianeta.

DON’T LOOK UP | Trailer ufficiale | Netflix Italia

Fra la varia umanità che reagisce ognuno secondo il proprio sistema valoriale, si distingue il personaggio di Peter Isherwell (interpretato da Mark Rylance), un ricchissimo imprenditore del settore tech che convince il governo degli USA – in prima linea sul difendere la Terra – a non deviare subito l’orbita dell’oggetto celeste ma provare ad estrarre i minerali preziosi di cui risulta dotato. Le conseguenze di tale maldestro tentativo saranno catastrofiche per tutto il pianeta. Oltre ad essere una summa di tutti i luoghi comuni che caratterizza l’attuale élite tech – come Mark Zuckerberg, Jeff Bezos, Elon Musk – il fittizio imprenditore esprime un atteggiamento che in realtà è in linea con l’ideologia più alla moda in Silicon Valley negli ultimi tempi.

Moratoria sull’IA e ideologia del lungotermismo

Lo scorso marzo, il Future of Life Institute ha reso pubblica una lettera aperta dall’inequivocabile titolo “Pause giant AI experiment”, in cui si chiedeva una moratoria di almeno sei mesi alle ricerche sui sistemi di intelligenza artificiale, come ChatGPT, perché una IA avanzata potrebbe rappresentare una minaccia per la società e l’umanità, e un tale cambiamento dovrebbe essere pianificato e gestito con attenzione (Future of Life Institute 2023). Pertanto, la lettera chiede a tutti i laboratori di IA di fermare le loro ricerche: in caso contrario sarebbe necessario l’intervento dei governi per rendere attuabile tale moratoria.

Da un primo punto di vista, la lettera sembra espressione di un legittimo timore guidato dal principio di precauzione, il principio etico che vuole un atteggiamento di cautela verso le questioni scientificamente controverse. Ma controllando l’istituzione che promuove la lettera e le fonti bibliografiche usate a sostegno dell’argomentazione esposta, l’orizzonte ideologico in cui la lettera si colloca è la assai dubbia ideologia del lungotermismo.

Con questo termine piuttosto fantascientifico si fa riferimento ad una corrente ideologica che sta prendendo piede nella Silicon Valley, e che sta affascinando diversi nomi importanti dell’élite tech statunitense, che affronta i problemi della società contemporanea adottando una prospettiva temporale millenaristica, ovvero spostata in un orizzonte cronologico di migliaia se non di milioni di anni (Paura 2017, Torres 2021). Il dogma centrale del lungotermismo afferma che bisogna difendere l’umanità dal rischio esistenziale che potrebbe minacciare la società dalla possibilità di esprimere appieno il proprio potenziale in un futuro remoto, anche a discapito di alcuni importanti problemi contemporanei – come le pandemie, la crisi climatica, le guerre globali – che devono essere considerate delle semplici increspature della condizione sociale attuale (Torres 2021). In pratica se un problema globale dovesse interessare la vita – letteralmente – di migliaia di persone, questo problema dovrebbe essere considerato uno scotto da pagare pur di evitare all’umanità problemi ben più gravi che la potrebbero colpire nel lunghissimo periodo.

Come si può notare, nonostante le buone intenzioni, il lungotermismo propone una soluzione che è a dir poco eticamente controversa: d’altronde la strada dell’inferno è lastricata di buone intenzioni.

I due punti chiave della controversia

La controversia si basa su due punti chiave. Il primo punto chiave è il concetto – tecnico nel lungotermismo – di rischio esistenziale, ovvero di un rischio che possa interessare l’umanità tutta (Bostrom 2019). Questo è un concetto molto problematico. Prima perché sposta in un orizzonte estremamente futuro un problema che attualmente è solo ipotetico o comunque materializzabile solo in linea di principio. Poi perché giudicare rischio esistenziale un problema attuale, ha il limite di utilizzare un quadro valutativo che oggi potrebbe essere valido per giudicare un processo, ma nel futuro tale quadro valutativo potrebbe non avere molto senso. Il secondo punto chiave è la problematicità della soluzione delineata: considerare come costo accettabile il sacrificio di milioni di vite attuali a favore di miliardi di vite future è quantomeno questionabile o comunque da non considerare con troppa leggerezza.

Al di là delle aporie logiche ed etiche alla base del lungotermismo, tale ideologia è piuttosto pericolosa perché sta uscendo dal dibattito filosofico ed accademico e sta entrando nella vita sociale provando ad orientare socialmente e politicamente l’opinione pubblica e le istituzioni della governance globale (Doda 2022, Signorelli 2023).

Il lungotermismo e l’ottimismo tecnologico della Silicon Valley

Il lungotermismo è compatibile con la visione del mondo di imprenditori di punta di Silicon Valley come Elon Musk o Jeff Bezos perché da un lato è intrisa di ottimismo tecnologico a discapito di una visione problematica del rapporto società-tecnologia, ovvero per ovviare ai problemi della tecnologia serve più tecnologia, quando la storia mostra che al cambiamento tecnologico serve una consapevolezza politica non una tecnologia migliore. Dall’altro il lungotermismo è un ottimo modo per procrastinare la soluzione attuale di problemi pressanti sollevando il sospetto che tali problemi siano poca cosa rispetto ai rischi esistenziali di un futuro millenaristico. Per inciso, tali problemi spesso sono stati creati o peggiorati dalle stesse élite tech che con l’adozione di un approccio economicamente spregiudicato hanno guadagnato immense fortune a discapito del contesto globale in cui agiscono.

Come i lungotermisti influenzano la vita sociale e politica

Le forme con cui il lungotermismo sta provando ad influenzare la vita sociale e politica sono piuttosto classiche: una rete piuttosto capillare e molto ben finanziata di think tank, centri di studio e analisi – spesso con origini accademiche – che producono progressivamente tutta una serie di strumenti per riflettere su queste idee come ricerche, libri, seminari, workshop, report. E lettere aperte.

Il think tank al centro di questa ideologia è il Future of Humanity Institute, fondato da Nick Bostrom – celebre filosofo del transumanesimo – e Nick Beckstead, entrambi dell’Università di Oxford. A questo istituto si affianca il Center for the Study of Existential Risk, fondato da Huw Price, filosofo della scienza, Martin Rees, astrofisico e Jaan Tallin, co-fondatore di Skype. Tallin è anche il cofondatore del Future of Life Institute, centro promotore della lettera di moratoria, assieme a Elon Musk, Max Tegmark, cosmologo, sua moglie Meia-Chita Tegmark – dottoranda di Nick Bostrom – Viktorya Krakovna, ricercatrice di DeepMind – società del gruppo Alphabet-Google per la ricerca sulla IA – e Anthony Aguirre, fisico della UCSC (University California Santa Cruz). Altri centri sono la Long Now Foundation, la cui mission è esplicitamente quella di diffondere il lungotermismo, e la Forethought Foundation diretta da William MacAskill, ideatore dell’effective altruism, ideologia connessa al lungotermismo, assieme a Toby Ord, co-fondatore del Future of Humanity Institute.

Lo scopo palese di questo intreccio di filosofi, imprenditori e studiosi di varia estrazione è quello di inserire i temi del lungotermismo nelle priorità delle grandi agenzie sovranazionali come le Nazioni Unite o le istituzioni del governo americano, così da avere una legittimazione globale e transnazionale.  E già qualche risultato di questa strategia si comincia a intravedere (Paura 2017, Torres 2021). Nick Bostrom e Meia-Chita Tegmark sono stati relatori alle Nazioni Unite con un dibattito sulle minacce dell’intelligenza artificiale, Il Center for Security and Emerging Technology (CSET) fondato da Jason Metheny, assistente ricercatore del Future of Humanity Institute, è diventato uno dei centri di consulenza su questi temi per conto del presidente Joe Biden, mentre Toby Ord è diventato membro del gruppo di consulenti della World Health Organization e del World Economic Forum.

Max Tegmark and Nick Bostrom speak to the UN about the threat of AI

In pratica un ridotto gruppo di persone che si riconoscono nel lungotermismo e molto ben inserite economicamente e istituzionalmente, stanno cominciando ad agire per modificare le agende delle priorità globali a tutto vantaggio degli interessi di un gruppo di capitalisti di Silicon Valley.

Conclusioni

Che l’intelligenza artificiale abbia bisogno di un dibattito ampio e condiviso è fuori questione: le sue conseguenze sociali sul lungo periodo saranno inevitabili e solo una gestione consapevole ed una decisione informata potrà far sì che gli effetti negativi siano minori rispetto agli effetti positivi. Ma le forme di questo dibattito è necessario che siano svolte all’interno di parametri etici che godano la maggior condivisione possibile per evitare di fare scelte che possano avvantaggiare classi politiche e sociali già egemoniche.

C’è però una cosa che lascia interdetti: il lungotermismo ha tutte le caratteristiche di una ideologia nata all’interno della cultura informatica, nutrendosi di un immaginario millenarista di tipo fantascientifico, al servizio del progetto economico di Silicon Valley. In pratica il lungotermismo è una ideologia nerd che prova a sostituire un’immagine del mondo postmoderno con uno sguardo postumano di tipo tecnocratico.

Siamo sicuri che sia il modo migliore per affrontare le sfide del XXI secolo?

Bibliografia

Bostrom, N. (2019), The Vulnerable World Hypothesis, “Global Policy”, vol. 10, n.4, pp.455-476.

Doda, I. (2022), Lungotermismo: la filosofia peggiore di sempre?, “L’indiscreto”, 16 dicembre, https://www.indiscreto.org/lungotermismo-la-filosofia-peggiore-di-sempre/.

Future of Life Institute (2023), Pause Giant AI Experiments: An Open Letter, “Future of Life Institute”, https://futureoflife.org/open-letter/pause-giant-ai-experiments/.

Paura, R. (2017), Il concetto di rischio esistenziale come strumento di anticipazione nella governance del progresso scientifico, “Futuri”, 18 luglio, https://www.futurimagazine.it/articoli/in_evidenza/rischio-esistenziale-anticipazione-governance-progresso-scientifico/

Signorelli, A. D. (2023), Perché la lettera per sospendere lo sviluppo dell’intelligenza artificiale è tutta sbagliata, “Wired”, 30 marzo, https://www.wired.it/article/intelligenza-artificiale-lettera-elon-musk-errori/.

Torres, E. P. (2021), Against longtermism, “Aeon”, 19 October, https://aeon.co/essays/why-longtermism-is-the-worlds-most-dangerous-secular-credo.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2