ricerche online

AI Overviews, la carta vincente di Google contro OpenAI? Ecco tutte le sfide



Indirizzo copiato

Google ha introdotto AI Overviews durante la conferenza Google I/O, collegando il modello AI avanzato Gemini al suo motore di ricerca. Questa mossa mira a mantenere il dominio di Google nel mercato delle ricerche online e della pubblicità digitale, nonostante la crescente concorrenza di OpenAI e le nuove abitudini di ricerca dei giovani

Pubblicato il 30 mag 2024

Alessio Pecoraro

coordinatore PAsocial Emilia-Romagna, marketing & communication manager



google overviews

Lo scorso14 maggio, allo Shoreline Amphitheatre di Mountain View, in California, durante la conferenza annuale Google I/O, la più importante dell’anno per Big G, e appena ventiquattro ore dopo che OpenAI ha presentato al mondo ChatGPT-4o, Google ha introdotto AI Overviews, un miglioramento di quella che in precedenza era nota come Search Generative Experience (SGE).

Google's AI Overviews Will Change SEO Forever

Questa nuova frontiera dell’IA promette non solo di rivoluzionare l’esperienza di ricerca online, ma anche di plasmare in modo significativo l’intero panorama del marketing e della pubblicità digitale.

Al centro del dibattito, una sfida fondamentale: come adattarsi all’evoluzione costante e rapida del settore tecnologico senza perdere terreno? Un compito che richiede lungimiranza, adattabilità e un occhio attento alle mutevoli abitudini degli utenti.

Gemini e il motore di ricerca di Google

Per la prima volta l’azienda di Mountain View ha collegato Gemini, il suo ultimo e più evoluto modello di intelligenza artificiale linguistica di grandi dimensioni, al suo prodotto più importante, il suo motore di ricerca.

Google non ha scelta in questo momento“, ha detto in un’intervista Thomas Monteiro scrittore finanziario e redattore della sezione Analisi e Opinioni di Investing.com, tra i principali siti internet che si occupano di finanza a livello globale.

“Le aziende devono muoversi molto velocemente, anche se ciò significa saltare alcuni passaggi lungo il percorso” ha aggiunto Monteiro.

Rumors e concorrenza di OpenAI

Alcuni rumors dal mondo della tecnologia facevano trapelare che OpenAI, la società dietro il noto strumento di intelligenza artificiale (AI) ChatGPT, era pronta ad annunciare il proprio motore di ricerca.

Secondo l’agenzia di stampa brittanica Reuters, l’annuncio del nuovo prodotto sarebbe avvenuto durante “Spring Updates” l’evento aziendale OpenAI che si è tenuto lo scorso 13 maggio, ma l’annuncio non c’è stato.

Questo però non vuol dire che dalle parti di OpenAI non stiano progettando una sfida diretta a Google, il colosso che da anni domina incontrastato il mercato della ricerca online che, intanto, gioca d’anticipo sulla concorrenza.

L’annuncio di Sundar Pichai

“Lanceremo a tutti gli utenti degli Stati Uniti – e presto in vari altri Paesi – una nuova esperienza di ricerca completamente rinnovata con AI Overview, per cui ci aspettiamo di superare il miliardo di utenti entro la fine dell’anno” ha detto, in occasione del lancio, il CEO di Big G Sundar Pichai.

Questa svolta rappresenta non solo un passo, ma un balzo in avanti nel modo in cui operano i motori di ricerca, con l’obiettivo di trasformare radicalmente l’esperienza di ricerca su internet da parte degli utenti in tutto il mondo.

Funzionalità e obiettivi di AI Overviews

AI Overviews, il nuovo sistema di Google, è stato progettato per rispondere a domande più complesse e specifiche rispetto alle normali ricerche alle quali siamo abituati. Il risultato, ha affermato Google, è che integrando il sistema di intelligenza artificiale generativa sviluppato a Mountain View (Gemini) al motore di ricerca più famoso (e utilizzato) del mondo gli utenti possono beneficiare di tutto ciò che Gemini è in grado di fare, alleggerendo parte del lavoro nella ricerca di informazioni.

Ora, con l’intelligenza artificiale generativa, la ricerca può fare più di quanto avresti mai immaginato ha scritto sul blog aziendale Lisa Reid, Vice Presidente e Responsabile della ricerca di Google.

Google testa la pubblicità nelle risposte generate dall’AI

Se da una parte, dopo il lancio di AI Overviews, hanno fatto notizia le risposte bizzarre (ed inesatte) date dal nuovo sistema di ricerca con gli utenti che hanno pubblicato screenshot di esempi problematici sui social media, ad esempio sull’ex Twitter (oggi X) e riprese da autorevoli quotidiani, come il New York Times, dall’altra la novità più interessante per il mondo del marketing è che Google inizierà a testare, negli Stati Uniti, gli annunci pubblicitari nelle sue risposte generate dall’intelligenza artificiale.

Gli annunci verranno visualizzati in una sezione chiaramente etichettata come “sponsorizzata” quando sono pertinenti sia alla query che all’oggetto nella Overview AI.

Inoltre – come annunciato dalla Vice Presidente e Direttore Generale Annunci Vidhya Srinivasan – Google ha lavorato per rendere più semplice e veloce la produzione delle risorse creative per gli annunci su tutti i canali di marketing.

Nuove funzionalità per gli inserzionisti

Big G, in questo percorso rivoluzionario, sta introducendo nuove funzionalità di modifica delle immagini in modo che gli inserzionisti possano aggiungere nuovi oggetti, estendere gli sfondi e ritagliare per adattare le immagini a qualsiasi formato, dimensione e orientamento. Inoltre, i rivenditori potranno evidenziare i propri prodotti dai feed di Google Merchant Center, la piattaforma pensata per le aziende che vogliono vendere online i propri prodotti, e sfruttare nuove funzionalità di modifica.

Man mano che gli inserzionisti introducono nuove idee creative, l’intelligenza artificiale di Google genererà sempre più consigli che mostrano prodotti in contesti e scenari diversi, in modo che gli inserzionisti possano selezionare le risorse che preferiscono e utilizzarle nei loro canali di marketing e comunicazione.

Un’esperienza di acquisto dinamica

L’aspetto più interessante, testato da Google, è una nuova esperienza pubblicitaria nella ricerca per aiutare le persone a prendere decisioni di acquisto complesse. L’esperienza d’acquisto, quindi, diventa dinamica con l’ausilio dell’intelligenza artificiale che aiuta gli utenti a capire di cosa hanno bisogno.

Così Google sta provando ad estendere il proprio dominio oltre la tradizionale pubblicità associata alla ricerca e alla tecnologia emergente dell’intelligenza artificiale generativa.

La risposta al cambiamento delle abitudini di ricerca degli utenti

Anche se OpenAI non è (ancora) entrato con decisione nel mercato delle ricerche su internet, e non ha annunciato il lancio di un suo motore di ricerca, non è detto che a Mountain View possano dormire sonni tranquilli.

Sono pochi gli analisti che prevedono un imminente declino del settore della pubblicità online basata sulla ricerca per parole chiave, dei link sponsorizzati e, più in generale, del modello consolidato attraverso il quale gli utenti hanno finora ottenuto informazioni, notizie e indicazioni su Internet.

Una buona notizia per Google che su questo ha costruito la sua popolarità e il suo potere in un mercato nel quale sembra inattaccabile. Basti pensare che Bing il motore di ricerca di Microsoft nonostante gli investimenti in OpenAI e l’integrazione del suo motore di ricerca in Edge e in Windows non ha minimamente scalfito il dominio di Big G nel mercato delle ricerche on-line. Bing – nel mese di aprile 2024 – ha registrato una quota del 4% rispetto al 90% di Google per quanto riguarda le ricerche on-line.

Eppure, negli ultimi anni la qualità dell’esperienza di ricerca offerta da Google è drasticamente peggiorata. Inoltre, soprattutto i più giovani stanno cambiando le loro abitudini di ricerca preferendo i social media (TikTok ad esempio) o Reddit ai classici motori di ricerca per le loro ricerche.

Circa il 40% dei nati tra il 1997 e il 2012, la cosiddetta Gen Z, preferisce trovare informazioni su piattaforme diverse da Google, secondo i dati presentati lo scorso anno da Prabhakar Raghavan, vicepresidente senior di Google che ha aggiunto: “Le nostre indagini rivelano che, qualcosa come quasi il 40% dei giovani, quando cercano un posto per il pranzo, non vanno su Google Maps o Search, ma vanno su TikTok o Instagram”.

Chatbot Gemini VS ChatGPT di OpenAI

In più, Gemini, il chatbot basato sull’intelligenza artificiale generativa e sull’apprendimento automatico sviluppato da Google, non ha impressionato come ChatGPT. E quella che per molti è una partita a due vede anche altri protagonisti: da Copilot di Microsoft a Perplexity, la startup che vale un miliardo di dollari e conta 10 milioni di utenti attivi nel mondo e – last but not least – ha attirato l’interesse del colosso mondiale dell’e-commerce Amazon che guarda con molto interesse al mercato delle ricerche on-line.

Concorrenza e innovazione sul mercato della ricerca online

Sebbene possa sembrare improbabile dire addio – nel breve periodo – a un mercato consolidato come quello dei motori di ricerca tradizionali, che esiste (e resiste) da vent’anni, è noto che l’economia digitale evolve rapidamente e l’innovazione tecnologica può più o meno rapidamente eliminare le strutture digitali preesistenti.

Vista l’avanzata di OpenAI – che piaccia o no ha portato l’intelligenza artificiale generativa all’attenzione del grande pubblico e con il suo prodotto di punta (ChatGPT) continua a sorprendere – per Mountain View le sfide sono due. Se da una parte Google punta a mantenere il proprio dominio per quanto riguarda la vendita di annunci online abbracciando le nuove opportunità offerte dall’intelligenza artificiale generativa, dall’altra la sfida è rimanere il punto di riferimento delle ricerche online di nuova generazione.

Se tutti noi siamo stati abituati a ricercare informazioni e ricevere – come risultato – una lista di link da cliccare con l’intelligenza artificiale generativa i nuovi motori di ricerca risponderanno alle domande degli utenti per aiutarli a capire cosa vogliono sapere o aiutarli a cercare il prodotto o servizio più adatto alle loro esigenze.

Un cambiamento radicale che, dal punto di vista della user experience, non sappiamo ancora se avverrà ma che, qualora dovesse compiersi vedrà i marketer delle aziende e i loro brand ripensare le proprie strategie di posizionamento on-line.

Le recenti mosse di Google con l’introduzione di AI Overviews e l’integrazione del modello avanzato di intelligenza artificiale Gemini nel suo motore di ricerca rappresentano un tentativo strategico di mantenere il suo dominio nel mercato delle ricerche online e della pubblicità digitale. Tuttavia, il panorama competitivo sta cambiando rapidamente, con nuovi attori come OpenAI che potrebbero potenzialmente rivoluzionare il modo in cui gli utenti accedono alle informazioni.

Google si trova a un bivio cruciale: da un lato, deve capitalizzare sulle opportunità offerte dall’intelligenza artificiale generativa per migliorare l’esperienza utente e mantenere la sua posizione dominante; dall’altro, deve rispondere alla crescente preferenza delle nuove generazioni per piattaforme alternative come TikTok e Instagram. La sfida non è solo tecnologica, ma anche di adattamento alle nuove abitudini di consumo e alle aspettative degli utenti.

La sfida di Google: adattarsi all’evoluzione del settore o cedere terreno?

Il futuro del mercato delle ricerche online e della pubblicità digitale è incerto e dinamico. Se Google riuscirà a integrare efficacemente l’intelligenza artificiale generativa nei suoi servizi e a rispondere alle nuove esigenze degli utenti, potrebbe mantenere il suo ruolo di leader indiscusso. Altrimenti, il rischio è quello di cedere terreno a nuovi concorrenti.

In definitiva, la vera domanda è se Google riuscirà a replicare il successo ottenuto in passato con prodotti rivoluzionari come il suo motore di ricerca e Gmail, o se sarà costretta a cedere il passo alle nuove forze emergenti nel panorama dell’intelligenza artificiale e delle ricerche online. Solo il tempo dirà quale sarà il futuro di questo settore in rapida evoluzione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4