intelligenza artificiale

Allarme ONU sui rischi dell’IA, ma ora servono regole globali



Indirizzo copiato

Le Nazioni Unite segnalano la necessità di adottare standard equi trasparenti e inclusivi per limitare le possibili derive pericolose dell’IA generativa. Ma è forse giunto il momento di passare dalle parole ai fatti

Pubblicato il 20 lug 2023

Angelo Alù

studioso di processi di innovazione tecnologica e digitale



L’intelligenza artificiale ci deve una spiegazione

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU si è recentemente espresso con preoccupazione sulle prospettive evolutive dell’Intelligenza Artificiale Generativa, sottolineando l’urgenza prioritaria di un indispensabile sforzo collettivo della comunità internazionale in grado di assicurare lo sviluppo etico, responsabile e sostenibile dell’IA mediante l’adozione condivisa di standard equi, trasparenti e inclusivi.

Tanto che l’ONU ha annunciato il lancio di un’agenzia dedicata all’IA.

Questo per evitare, prima che sia troppo tardi, il dilagante avvento del lato oscuro dell’innovazione digitale: l’impatto pervasivo delle nuove tecnologie emergenti potrebbe, infatti, compromettere la salvaguardia fondamentale dei diritti umani a causa di pregiudizi e discriminazioni riscontrabili nella progettazione tecnica dei sistemi algoritmici, unitamente al paventato rischio di campagne massive di disinformazione fuori controllo, tenuto altresì conto del ricorso massivo a meccanismi autoritativi di sorveglianza, controllo e censura digitale a discapito dei diritti fondamentali delle persone.

Il doppio volto dell’Intelligenza Artificiale

Il doppio volto dell’Intelligenza Artificiale si materializza come effetto collaterale determinato dalle imprevedibili e inimmaginabili potenzialità applicative di sempre più sofisticati servizi e prodotti tecnologici che, al netto degli indiscutibili benefici positivi per il progresso scientifico, culturale e sociale, possono però, al contempo, costituire una seria minaccia per la pace, la sicurezza e la stabilità globale se si affermano, come sembra rapidamente prefigurarsi nella concreta prassi, implementazioni sperimentali abusive, improprie e pericolose.

Proprio per tale ragione, non si può pensare di affidare integralmente l’elaborazione progettuale tecnica dei sistemi di IA al settore privato secondo esclusive logiche profittevoli di carattere imprenditoriale, senza una necessaria attività vincolante di supervisione e regolamentazione realizzata dagli attori pubblici mediante efficaci interventi definiti all’esito degli ordinari processi decisionali configurabili nell’ambito del circuito democratico degli apparati istituzionali.

Una regolamentazione fondata sul rispetto dei diritti umani

In tale prospettiva, al fine di sostenere il processo di innovazione digitale con l’intento di garantire la fruizione diffusa e generale dei vantaggi offerti dalle nuove tecnologie, si pone l’esigenza di minimizzare i rischi che possono pregiudicare la tutela delle persone, esposte al rischio di insidie inedite e oltremodo subdole che l’Intelligenza Artificiale Generativa potrebbe incorporare nel funzionamento tecnico delle sue applicazioni.

Pertanto, per mantenere un inderogabile approccio “umano-centrico” nello sviluppo applicativo dei sistemi di IA, lungi dal ritenere auto-sufficiente la valenza applicativa della “self-regulation” del settore privato, emerge la necessità di predisporre, mediante un diretto intervento cogente di tipo esogeno (rimesso al settore pubblico), una “regolamentazione fondata sul rispetto dei diritti umani”.

In particolare, secondo le osservazioni evidenziate dal Segretario Generale ONU Guterres, l’impressionate velocità evolutiva dell’Intelligenza Artificiale Generativa (desumibile, tra l’altro, dalla Risoluzione 73/17 – “Impact of rapid technological change on the achievement of the Sustainable Development Goals and targets”), pur senza disconoscere i vantaggi associati al miglioramento generale realizzabile a livello globale come opportunità senza dubbio positiva nell’interesse della collettività (anche in perfetta linea con quanto previsto dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile), potrebbe però rivelarsi estremamente pericolosa. A fronte degli eventuali usi delle tecnologie emergenti per finalità terroristiche, illecite e criminose, si possono, infatti, verificare rilevanti pregiudizi su larga scala sia per la vulnerabilità della sfera individuale delle persone, sia delle infrastrutture nazionali critiche a presidio degli interessi vitali degli Stati. Tale scenario, già di per sé complesso e delicato, è reso ancor più problematico dalle rilevanti ripercussioni bio-etiche, belliche e nucleari che l’Intelligenza Artificiale è in grado di determinare con esiti potenzialmente catastrofici per l’umanità.

L’approccio strategico delle Nazioni Unite

L’allarme lanciato dalle Nazioni Unite è perentorio e richiede, nell’ambito di una sinergica cooperazione multilaterale con i governi nazionali, la predisposizione, sotto l’egida dell’ONU, di un intervento tempestivo e urgente per contenere, in ottica preventiva, l’impatto dannoso dei sistemi di IA Generativa, mediante l’emanazione uniforme di normative in grado di assicurare una tutela rafforzata a presidio della privacy e di ogni altro diritto fondamentale degli individui, nel rispetto di adeguati parametri di trasparenza, sicurezza e accessibilità che presuppongono una costante valutazione periodica sugli impatti applicativi dell’IA.

Per orientare una simile prospettiva regolatoria, oltre a sensibilizzare il tessuto imprenditoriale, l’industria tecnologica e, in generale, le organizzazioni settoriali e la società civile con l’intento di sviluppare linee guida operative aggiornate in materia, le Nazioni Unite sono attivamente impegnate a formulare raccomandazioni, come base giuridica non vincolante utilizzabile nell’emanazione di atti normativi efficaci sulla governance dell’IA coerente con la salvaguardia dei diritti umani.

Pertanto, oltre al necessario potenziamento degli investimenti destinati a ridurre il “gap” tra gli Stati tecnologicamente avanzati e i Paesi in via di sviluppo, prendendo atto della generale trasformazione operata dall’IA sulla società, è stato definito, in senso alle Nazioni Unite, un approccio strategico integrato da una tabella di marcia per sostenere lo sviluppo delle capacità in materia di Intelligenza Artificiale, da cui si evince l’obiettivo di promuovere l’uso di tale tecnologia emergente nel rispetto dei diritti umani, garantendone uno sviluppo aperto, inclusivo e generale senza discriminazioni tra gli utenti.

Il gruppo di lavoro inter-agenzia sull’IA (IAWG-AI)

In attuazione della menzionata strategia, è stato istituito il gruppo di lavoro inter-agenzia sull’IA (IAWG-AI) , co-guidato dall’UNESCO e dall’ITU, per riunire le competenze del sistema delle Nazioni Unite sull’Intelligenza Artificiale, con l’obiettivo di garantire un costante supporto di coordinamento collaborativo nella condivisione di buone pratiche e di risultati realizzati in materia, facilitando lo scambio di informazioni, con particolare attenzione agli impatti etici dell’IA, con l’ulteriore compito di intensificare la promozione di iniziative formative di apprendimento delle competenze in grado di assicurare l’effettiva realizzazione dei progetti predisposti a livello operativo.

I principi per l’uso etico dell’Intelligenza Artificiale nel sistema ONU

Contestualmente, sono stati, inoltre, adottati una serie di principi per l’uso etico dell’Intelligenza Artificiale nel sistema delle Nazioni Unite (in conformità alla Raccomandazione sull’etica dell’Intelligenza Artificiale formulata dalla Conferenza generale dell’UNESCO nel 2021).

Gli obiettivi dei principi formulati dalle Nazioni Unite

In particolare, per garantire il rispetto della dignità umana, l’uguaglianza degli esseri umani, la salvaguardia dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi, i principi formulati dalle Nazioni Unite mirano ad orientare la progettazione, lo sviluppo, la diffusione e l’uso dell’Intelligenza Artificiale come tecnologia definita in senso lato e generale per indicare tutti “i sistemi dotati della capacità di elaborare automaticamente dati e informazioni in modo simile ad comportamento umano intelligente” mediante il ricorso a processi di “ragionamento, apprendimento, percezione, previsione, pianificazione o controllo”.

Più precisamente, coerentemente con i predetti principi generali, i sistemi di Intelligenza Artificiale non devono essere utilizzati per causare danni, individuali o collettivi, assicurando, durante l’integrale ciclo di vita di qualsivoglia applicazione tecnologica, la tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali (“Do no harm”).

Inoltre, l’utilizzo dei sistemi di Intelligenza Artificiale deve avvenire nel rispetto dei canoni di necessità e proporzionalità avuto riguardo agli scopi concreti legittimamente perseguiti (“Defined purpose, necessity and proportionality”), secondo adeguati requisiti di sicurezza e protezione (“Safety and security”), finalizzati a prevenire pregiudizi effettivi o potenziali per le persone, mediante l’implementazione di procedure corrette e non discriminatorie (“Fairness and non-discrimination”), a presidio della privacy individuale (“Right to privacy, data protection and data governance”).

Viene, altresì, invocata la necessità di una costante supervisione umana nell’implementazione tecnica delle applicazioni dell’IA durante tutte le fasi di sviluppo (“Human autonomy and oversight”), nell’ambito di un processo trasparente di conoscibilità e spiegabilità algoritmica dei sistemi tecnologici (“Transparency and explainability”), anche grazie all’adozione di efficaci meccanismi di valutazione d’impatto, audit e due diligence da cui discendono specifici addebiti di responsabilità in caso di violazione dei relativi adempimenti (“Responsibility and accountability”). Infine, in sede di progettazione dei sistemi di Intelligenza Artificiale, le Nazioni Unite ritengono indispensabile valorizzare un approccio inclusivo, interdisciplinare e partecipativo, anche mediante lo svolgimento periodico di consultazioni con tutti gli stakeholders portatori di interessi rilevanti nei processi decisionali da definire, al fine di identificare tutti i possibili pericoli, procedendo alla predisposizione di adeguate misure di prevenzione e di mitigazione dei rischi rilevati (“Inclusion and participation”).

Conclusioni

Rispetto alla cornice generale ivi delineata, sembra giunto il momento di passare dalle parole ai fatti mediante l’attuazione di azioni concrete per realizzare, sul piano pratico, la visione strategica formalizzata ancora in sede teorica mediante la mera formulazione di orientamenti non vincolanti, destinati a restare soltanto semplici buone intenzioni, qualora non si proceda ancora alla predisposizione dei relativi interventi specificamente enunciati senza più ulteriormente indugiare o ritardarne l’effettiva adozione. Resta però sullo sfondo il problema di stabilire quale forma di regolamentazione (soft-law o di tipo cogente) risulti più adatta a orientare lo sviluppo sostenibile dell’Intelligenza Artificiale nel perseguimento dei previsti obiettivi. A maggior ragione se si opta per un modello di cooperazione multilaterale internazionale, ove il mancato consenso di singoli attori statuali (ancorché giustificato dalla salvaguardia delle proprie prerogative nazionali influenzate dall’impatto delle politiche predisposte nel settore tecnologico), potrebbe di fatto paralizzare già in partenza il relativo processo decisionale, bloccando il tentativo di edificare un corpus organico e uniforme di norme condivise a livello globale.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3